Connettiti a NewsCinema!

Lo Hobbit

La trilogia Lo Hobbit, 15 curiosità sul secondo capitolo

Pubblicato

:

hob1

Il 17 Dicembre 2014 uscirà nelle sale cinematografiche italiane l’ultimo capitolo della trilogia de Lo Hobbit, diretta interamente e contemporaneamente dal celeberrimo Peter Jackson, il quale può vantare l’onore di aver portato sul grande schermo nel corso di tredici anni due delle storie più belle e ricche della letteratura mondiale. Per celebrare, dunque, l’uscita di Dicembre de Lo Hobbit: La battaglia delle Cinque Armate, vi proponiamo con questo secondo articolo una serie di curiosità che riguardano i tre capitoli cinematografici, continuando questa volta con La desolazione di Smaug:

  1. L’elfa Tauriel è esclusivamente inventata dal regista per il film, nel libro tale personaggio non esiste.
  2. Legolas non è presente nel libro, ma è stato inserito nel film per fare da collegamento con la trilogia de Il Signore degli Anelli e in quanto figlio di Re Thranduil (che invece nel libro compariva). Peter Jackson ha spiegato che la presenza di Legolas nel film è legittima, perché all’epoca in cui è ambientato il libro, Legolas era appunto già nato e adulto e quindi doveva essere presente, sebbene nel libro non venga citato perché Tolkien non lo aveva ancora inventato.
  3. L’insulto che Thorin rivolge nella sua lingua madre a Thranduil si può tradurre così: “Getto le mie feci sul tuo capo”.
  4. Come successo già nel primo film della trilogia, anche in questo secondo capitolo Bombur non pronuncia alcuna battuta nel corso dell’intera storia.
  5. L’interprete di Legolas, Orlando Bloom, ha girato lui stesso le scene d’azione senza l’aiuto di stuntman.
  6. hob1Nel film Beorn afferma di essere rimasto l’unico della sua stirpe, mentre nel libro sono presenti altri uomini capaci di trasformarsi in orso, coi quali si riunisce di notte.
  7. Nel libro quando vengono attaccati dai ragni giganti Bilbo è costretto a rivelare ai suoi compagni dell’anello per salvarli.
  8. Quando Smaug chiede a Bilbo da dove proviene, lo hobbit per nascondere la sua vera identità risponde al drago da “sotto il colle“. Ne La Compagnia dell’Anello quando il proprietario della locanda del Puledro Impennato chiede a Frodo come si chiamano lui e i suoi amici, Frodo risponde “Sottocolle“.
  9. Come già accaduto in tutti i precedenti film legati alla saga di Tolkien, anche in questo film vi è l’ennesimo cameo da parte del regista. All’inizio del film , quando Thorin Scudodiquercia entra a Brea per andare alla locanda del Puledro Impennato, si può notare tra i passanti in mezzo alla strada Peter Jackson, che interpreta nuovamente l’uomo del villaggio che dà un morso ad una carota mentre esce di casa sotto la pioggia.
  10. A São Paulo, Brasile, durante la proiezione di mezzanotte del film, un altoparlante del cinema si è rotto dopo il primo ruggito di Smaug.
  11. La traduzione del nome Tauriel significa “figlia della foresta”.
  12. Quando ancora il progetto di dirigere Lo Hobbit era affidato al regista Guillermo del Toro, quest’ultimo aveva in mente di ingaggiare Ron Perlman per doppiare Smaug.
  13. L’attrice Eva Green ha svolto le audizioni nel 2010 per la parte di Tauriel.
  14. Benedict Cumberbatch, oltre a doppiare la propria voce per Smaug, ha prestato i suoi movimenti facciali tramite la tecnologia del motion-capture.
  15. L’intreccio romantico tra Kili e Tauriel non era contemplato nelle sequenze girate tra il 2011 e il 2012. È stato ideato e ripreso solo durante i reshoot avvenuti nel 2013.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Hobbit

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate, la recensione

Pubblicato

:

hob4-compressed

Il 17 Dicembre  è un giorno atteso e temuto dai fans della coppia creativa Peter Jackson – JRR Tolkien, poichè arriva nelle sale Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate, l’ultimo capitolo della trilogia prequel del Signore degli Anelli. L’avventura di Bilbo Baggins volge al termine, ma lo fa con i fuochi d’artificio. Infatti, se il primo capitolo è stato impegnato in gran parte con la presentazione della storia, degli equilibri tra le parti e dei personaggi mantenendo un ritmo sostenuto, da Lo Hobbit: La Desolazione di Smaug abbiamo vissuto un crescendo di pathos, emozioni e azione, fino ad arrivare a questo nuovo film che è una vera e propria esplosione di effetti speciali, combattimenti, sentimenti e acrobazie visive.

hob2-compressedSchiavi dell’ira del temibile drago Smaug, Pontelagolungo subisce un duro colpo e i pochi abitanti rimasti devono cercare di costruirsi una nuova vita altrove. La Montagna piena d’oro e pietre preziose diventa il luogo centrale, intorno alla quale si alimenta una guerra che coinvolge le cinque armate della Terra di Mezzo. I Nani di Erebor, gli Elfi e gli Umani devono coalizzarsi per sconfiggere i due eserciti di orchi che avanzano velocemente da Nord, ma sceglieranno la strada più semplice? Bilbo Baggins intanto si ritrova all’interno della Montagna, in ostaggio di un Thorin Scudodiquercia diverso, sotto il giogo della malattia del drago che lo sta portando alla pazzia. Non ragiona più lucidamente, per il bene del suo popolo, ma pensa solo a proteggere il tesoro e a trovare la tanto ambita Arkengemma. La sua ossessione e la sua mente offuscata lo rendono ottuso e privo di buonsenso verso le ragionevoli richieste degli Elfi e degli Umani che vorrebbero solo la loro parte di tesoro come accordato. Tutto ciò scatena una guerra inevitabile, che prende una brutta piega, con l’arrivo degli orrendi e spietati orchi.

Peter Jackson e gli sceneggiatori Fran Walsh e Philippa Boyens hanno realizzato un finale epico al di sopra di ogni aspettativa, senza risparmiare le scene d’azione, i dialoghi fondamentali ed emozionanti, e le dinamiche intriganti tra i vari personaggi del racconto. Senza cadere banalmente nel confronto con il romanzo da cui è tratto il film, possiamo dire che Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate è un film che funziona. Fin dalla prima scena prologo con l’attacco di Smaug alla città di Pontelagolungo lo spettatore viene catapultato nel pieno dell’azione, godendo anche della tecnica del 3D di alta qualità, che produce l’effetto di puro divertimento. Nessun particolare è lasciato al caso e la regia si sposa perfettamente con la sceneggiatura, la scenografia ed effetti visivi coinvolgenti ed emozionanti. Non manca una vena di romanticismo nella graduale caduta del Re Thorin e nella relazione tra l’elfo Tauriel e il Nano Kili.

hob-compressed (1)

Ne sono passati di anni dal 1937, anno in cui il romanzo Lo Hobbit venne pubblicato per la prima volta, dando vita a questo mondo fantastico e affascinante, nato dalla fervida immaginazione di un autore di favole per bambini. Martin Freeman nel ruolo del giovane Bilbo Baggins, Richard Armitage in quello di Thorin Scudodiquercia, Luke Evans come Bard, Evangeline Lilly e Orlando Bloom nei panni degli elfi Tauriel e Legolas, e Ian McKellen nel mito ruolo del Mago Gandalf, tornano ad emozionare il loro pubblico, anche grazie alla partecipazione dei protagonisti di supporto, tutti perfettamente funzionali alla storia. Peter Jackson regala un film di avventura e di azione, ricco di contenuto, con delle basi narrative solide e uno spettacolo estetico al quale non si può resistere, soprattutto se si indossano degli occhialetti 3D. E’ con un po’ di nostalgia che ci congediamo dalla Terra di Mezzo, ma dopo aver visto Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate al cinema dal prossimo 17 Dicembre, magari fatevi regalare un cofanetto delle due trilogie di successo, per poter gustare di nuovo l’atmosfera dark fantasy della coppia Jackson-Tolkien.

TRAILER

Continua a leggere

Lo Hobbit

Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate, 5 clip in italiano

Pubblicato

:

hob-compressed

Dal regista Premio Oscar Peter Jackson arriva Lo Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate, il terzo di una trilogia di film che adatta il popolare capolavoro Lo Hobbit di J.R.R. Tolkien. Lo Hobbit: la Battaglia delle Cinque Armate porta ad un’epica conclusione delle avventure di Bilbo Baggins, Thorin Scudodiquercia e la Compagnia di Nani. Dopo aver reclamato la loro patria dal drago Smaug, la compagnia ha involontariamente scatenato una forza letale nel mondo. Infuriato, Smaug abbatte la sua ira ardente e senza pietà alcuna su uomini inermi, donne e bambini di Pontelagolungo. Ossessionato soprattutto dal recupero del suo tesoro, Thorin sacrifica l’amicizia e l’onore e mentre i frenetici tentativi di Bilbo di farlo ragionare si accumulano finiscono per guidare lo Hobbit verso una scelta disperata e pericolosa. Ma ci sono anche pericoli maggori che incombono. Non visto, se non dal Mago Gandalf, il grande nemico Sauron ha mandato legioni di orchi in un attacco furtivo sulla Montagna Solitaria. Mentre l’oscurità converge sul conflitto in escalation, le razze di Nani, Elfi e Uomini devono decidere se unirsi o essere distrutte. Bilbo si ritrova così a lottare per la sua vita e quella dei suoi amici nell’epica Battaglia delle Cinque Armate mentre il futuro della Terra di Mezzo è in bilico. Di seguito trovate ben cinque clip del film, da non perdere! Buona Visione!

CLIP 1 – BILBO SI OFFRE VOLONTARIO

CLIP 2 – L’OMBRA SU GANDALF

CLIP 3 – L’ATTACCO ALLA CITTA’

CLIP 4 – SALVIAMO CIò CHE POSSIAMO

CLIP 5 – I NANI HANNO ESAURITO IL TEMPO

Continua a leggere

Lo Hobbit

I 5 possibili biopic per Benedict Cumberbatch

Pubblicato

:

url

Lo abbiamo visto recitare in numerosi film: Hawking, Espiazione, Amazing Grace, L’altra donna del Re e Into Darkness- Star Trek, nel quale interpretava il ruolo di Khan. Dal 2010 Benedict Cumberbatch recita anche nella serie televisiva di successo Sherlock, vestendo i panni del brillante e stravagante investigatore Holmes, ruolo che gli ha ufficialmente regalato una fama internazionale. Nel 2014 ha anche vinto il Premio Emmy come miglior attore protagonista, per l’episodio di una miniserie tv dal titolo L’ultimo giuramento.

Ma c’è grande attesa per l’arrivo del suo prossimo film dal titolo Lo Hobbit- La battaglia delle cinque armate, che uscirà nelle sale cinematografiche italiane e statunitensi il prossimo 17 Dicembre. Lo Hobbit- La battaglia delle cinque armate è diretto dal regista Peter Jackson ed è il terzo capitolo della trilogia cinematografica basata sul libro Lo Hobbit, scritto da J.R.R. Tolkien. Ma tra le sue tante interpretazioni ci sono anche quelle su personaggi realmente esistiti, tra i quali: Stephen Hawking, in un film della BBC del 2004, William Pitt il Giovane, nel film indipendente del 2006 dal titolo Amazing Grace, William Carey nel film The Other Boleyn Girl, Julian Assange in The Fifth Estate e il matematico Alan Turing nel film The Imitation Game, che è l’adattamento cinematografico della biografia di Alan Turing, scritta da Andrew Hodges, attualmente in programmazione nelle sale. Vista la straordinaria bravura di Benedict, in molti hanno pensato a lui per interpretare la parte da protagonista in alcuni biopic ancora in fase di lavorazione, ruoli definiti adatti a lui.

JRR Tolkien

Potrebbe senza alcun dubbio interpretarlo, perchè Cumberbatch conosce molte cose di Tolkien, dato che ha vestito i panni di Smaug nei film Lo Hobbit.

Charles Lindbergh

La star di Sherlock potrebbe infatti essere scelto per questo ruolo, sicuramente una buona notizia per Dustin Lance Black, che ha lavorato a lungo sulla sceneggiatura dedicata all’ aviatore.

Edgar Allan Poe

Benedict sembra essere nato per interpretare ruoli d’epoca e Allan Poe è un personaggio che potrebbe incarnare davvero molto bene.

Johnny Carson

Cumberbatch possiede dei tratti somatici tali, che richiamano a volte un’espressione particolare, un misto di finta stupidità e tristezza di fondo, che lo renderebbero perfetto per interpretatre questo ruolo.

Mr. Rogers

L’attore sarebbe anche in grado di interpretare la parte di Fred Rogers, siamo sicuri infatti che Cumberbatch sia in grado di indossare un cardigan come nessun altro.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Marzo, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Aprile

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X