Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

Downton Abbey, 10 verità non dette sulla serie tv inglese

Pubblicato

:

Per sei stagioni il mondo si è riunito ogni settimana per immergersi nella bellezza e nella grazia nostalgica tipica del capolavoro della PBS, Downtown Abbey. Lo show ha offerto al mondo una tregua alle anime stanche di ascoltare sempre i guai e le disgrazie del nostro mondo moderno, permettendoci di immergerci nell’ inizio del XX secolo. Ci siamo innamorati della famiglia Crawley e dei loro devoti servitori, senza avere la minima consapevolezza di sapere cosa potesse accadere in un futuro davvero prossimo, fatto di lutti e di sviluppi amorosi insieme a sentimenti di odio per molti dei personaggi, proprio come se fossero accaduti realmente nel mondo.

Downtown Abbey è diventato lo show con l’audience più alto di tutti i tempi della PBS, e con 69 candidature agli Emmy e 15 vittorie, era ovvio che la serie fosse un successo indiscutibile. È stato un giorno triste quando circolava la voce dell’ultimo episodio, ma se siete come me, riprenderei il discorso di Downtown Abbey, passo dopo passo,  macerando nell’opulenza e nel rivivere i momenti migliori dello show. Prima di tornare indietro qui ci sono un paio di cose che potreste non sapere circa la realizzazione della serie.

La famiglia reale vive nella residenza dove è stato girato Downtown Abbey

Gran parte della serie è girato ad Highclere Castle, una residenza nell’ Hampshire, Inghilterra che è anche la vera casa di una famiglia reale con a capo il conte e la contessa di Carnarvon. Naturalmente noi tutti siamo abituati a vedere gli scatti della sua parte esterna nel film, ma molte scene sono ambientate nel pianterreno del castello, tra cui la biblioteca, sala da pranzo, camera da disegno e il grande corridoio.

La maggior parte delle scene nelle quali è presente il quartetto dei servi, tuttavia, è girata nei London Studios. Oltre ad essere aperto al pubblico, Highclere Castle può essere affittato per matrimoni e feste. Ci sono anche alcuni splendidi cottage da poter affittare nella proprietà.

È una produzione costosa

Raffigurare tutta l’opulenza degli anni ’20, in particolare dell’aristocrazia britannica non è una cosa che si può ottenere a buon mercato. A partire dai costumi dell’epoca – alcuni dei quali pezzi originali – fino ad arrivare alle bellezze del set, ai personaggi interpretati da un cast stellare, in sostanza tutto lo show costa parecchio come produzione. Jessica Fellowes, autore de Il mondo di Downtown Abbey, ha scritto che la società di produzione ha speso più di 1 milione di dollari per ogni episodio.

Le strutture di Downtown Abbey sono ispirate ad una serie tv americana

Sorprendentemente la struttura di Downtown Abbey è ispirata da diverse serie tv americane, tra cui Mad Men, Glee e Sex and the City.“Ci sono un sacco di show americani che ammiro” ha detto il creatore Julian Fellowes al New York Times in un’ intervista del 2013. “La serie americane hanno una enorme energia che io ammiro e spero di essere stato in grado di emularla in Downtown Abbey. In qualche modo è una fiction e ha tutte queste storie concatenate tra loro. Credo che abbia molto più a che fare con la tradizione della televisione americana più di quella britannica, effettivamente. A volte queste distinzioni sono prive di significato perché vengono assorbite all’interno della cultura. Ma credo che gli americani, tra NYPD e E.R. e Chicago Hope –  tremendamente eccitati dai multi-racconti, con show composti da multi-livelli – credo che sia stata una reinvenzione della televisione che ha colpito tutti noi”.

Il cibo usato nello show è reale

Uno degli pseudo-personaggi dello show è il cibo. Ad un certo punto in ciascun episodio appare la sig.ra Patmore, Daisy e la banda di cuochi con i loro deliziosi piatti. Seguiamo il cibo su per le scale con il Sig. Carson e gli altri camerieri, e guardiamo con invidia come la Crawley gusti il proprio pasto, spesso in compagnia della Contessa Dowager o altri ospiti. Un altro aspetto che ha fatto “impazzire” il team della produzione lavorando in maniera instancabile, è stato ricreare fedelmente e in maniera realistica i prodotti alimentari utilizzati nel film.

“Il cibo è stato abbastanza buono per la storyline” ha dichiarato Lisa Heathcote, responsabile di tutte le cose commestibili della serie tv. “Un sacco di colloqui importanti avvengono davanti ad un piatto, in quasi tutte le scene. Trovare collezioni private di menu e andare fuori alla ricerca di alberghi e altre cose è divertente”. Purtroppo per gli attori e la troupe, alcuni dei piatti, in particolare specialità culinarie come aragoste e granchio, alla fine di una lunga giornata sul set non hanno però un aspetto particolarmente succulento.

Maggie Smith non ha mai visto un episodio

Maggie Smith, che ha ricevuto cinque nomination Emmy per il suo ruolo come la vedova benestante Contessa di Grantham, ha confessato che non ha mai guardato un episodio di Downtown Abbey. L’ attrice ottantunenne ha detto che non poteva sopportare di guardare la serie, perché lo vedrebbe fatto in maniera ossessiva e con il pensiero di dover migliorare la sua performance. “Non l’ho mai vista” ha detto la Smith al programma 60 Minuti della CBS nel 2013, com’è stato riportato dal Telegraph. “Io non mi sono mai seduta a guardarla. No, non l’ho mai guardata.” La signora Smith ha detto al momento che con la fine dello show, potrebbe effettivamente sedersi e guardarla magari in maniera meno ossessiva. “La guarderò quando è tutto finito, perché è frustrante accorgersi che avrei potuto fare delle cose diversamente”.

Jessica Brown Findlay (Lady Sybil) è stata una ballerina

Jessica Brown Findlay a rubare il cuore dei fan di Downtown Abbey come Lady Sybil Grantham, l’attrice è stata anche una ballerina. Il suo amore per la danza cominciò quando aveva 3 anni. Ha anche ballato con la Kirov Ballet prima di lesionarsi una caviglia che purtroppo la portò a concludere la sua carriera come ballerina. Sebbene con il cuore spezzato, la Findlay ha continuato a coltivare il suo amore per le arti dello spettacolo prendendo iniziando la carriera di attrice. Inoltre Jessica ha dichiarato che i suoi anni di formazione come ballerina continuano ad influenzare il suo presente. “Ho ancora una mentalità da ballerina, che può avere a che fare anche con la formazione,” la Findlay ha detto al Telegraph. La Findlay è anche una pittrice di talento.

Lo scandalo del diplomatico turco si è basato su fatti realmente accaduti

La trama di una stagione che avrebbe tormentato Lady Mary successivamente è stata la parentesi romantica con il personaggio del Sig. Pamuk, il diplomatico turco morto nel suo letto. È diventato quasi buffo come le donne della casa inclusa la madre Mary, Cora, abbiano riportato il corpo nel suo letto nel bel mezzo della notte. Secondo il creatore dello show, Julian Fellowes, la trama è stata ispirata da un racconto del diario scritto dalla zia di uno dei suoi amici, che ha narrato una storia simile – ovvero di un diplomatico che segretamente entrò nella stanza di una donna single per un appuntamento romantico, per poi morire solo nel mezzo della notte ed essere trasportato indietro nella sua camera da letto dalle donne di casa.

Il cane Isis non venne ucciso per via del suo nome

È stato un giorno triste quando Isis, il fedele compagno di Lord Grantham, è passato a miglior vita nella stagione 5. A causa delle notizie del giorno riguardanti il gruppo terroristico estremista dello stesso nome, è stata fatta una certa speculazione sul cane che è stato tagliato fuori dal film a causa del suo nome. Ma i rumor sono stati messi a tacere quando Hugh Bonneville, colui che interpreta il Signore Grantham, ha posto l’attenzione su questa questione.

“Per chiarire le recenti illazioni, il labrador che è comparso nella prima serie (1912-14) era un cane di nome Faraone” ha scritto Bonneville sul suo sito web. “Dalla serie numero due (1916-1920) in poi, il Labrador era una femmina con un nome che fosse in sintonia con il tema egiziano – Isis. Chiunque crede che nella storyline della quinta serie (1924) nella quale è coinvolto l’animale ci fosse una relazione con le recenti notizie dal mondo è un completo idiota.”

Gillian Anderson rifiutò il ruolo di Cora

All’ex agente di X-Files Gillian Anderson è stato inizialmente offerto il ruolo di Cora, la contessa di Grantham, anche se da quanto è stato riportato, ha rifiutato la proposta. Attualmente è protagonista della serie originale Netflix, The Fall, ambientata in Inghilterra. Invece della Anderson, il ruolo è andato all’ attrice americana Elizabeth McGovern.

La Regina Elisabetta è fan della serie ma ama tener conto degli errori

Alcuni membri della famiglia reale, tra cui il Duca e la Duchessa di Cambridge, sono grandi appassionati di Downtown Abbey. Anche la regina Elisabetta ha confessato di essere una fan dello show, sebbene sembra avere un sacco di errori da segnalare con soddisfazione all’interno dello show. “Ama sottolineare gli errori” ha detto l’autore At Home with the Queen, Brian Hoey alla rivista People. Nonostante il fatto che la produzione abbia assunto un consulente storico per assicurare la veridicità dell’aristocrazia britannica del 1920, la regina apparentemente gode nell’ individuare all’interno degli episodi, anche se raramente, i vari errori.

La regina ha fatto notare che in un episodio vi era un giovane ufficiale britannico che indossava medaglie che non erano state attribuite quando egli era ancora in vita. Era stato un combattente durante la Prima Guerra Mondiale e le medaglie sul suo petto non vennero inserite fino alla Seconda Guerra Mondiale.”

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Horror Mania

The Walking Dead 9, conosciamo meglio i Sussurratori in un nuovo video dietro le quinte

Pubblicato

:

sussurratori the walking dead

AMC ha pubblicato un nuovo video dietro le quinte della seconda metà di The Walking Dead 9 con i terrificanti nuovi cattivi, i Sussuratori. Puoi vedere il video qui sopra. La seconda metà di The Walking Dead 9 vede i nostri gruppi di sopravvissuti, sia vecchi che nuovi, che continuano a gestire l’impatto degli eventi che hanno avuto luogo durante i sei anni trascorsi. Dalla scomparsa di Rick, molti di questi personaggi sono diventati estranei l’uno per l’altro e, in qualche modo, estranei a se stessi. Quello che sanno è che sono in pericolo improbabile e pericoloso. Presto si renderanno conto che il mondo non funziona come pensavano. Se volete recuperare tutte le stagioni prima di affrontare i nuovi episodi potete acquistare il bellissimo cofanetto bluray qui.

Le regole e le modalità di sopravvivenza del gruppo non garantiscono più la loro sicurezza. Una nuova minaccia ha attraversato le loro strade, e scoprono presto che è diversa da qualsiasi minaccia hanno incontrato prima. Il gruppo inizierà a mettere in discussione ciò che pensa di vedere. Ciò che può sembrare normale in questo mondo post-apocalittico potrebbe essere in realtà più inquietante e terrificante di quando è scoppiata l’apocalisse. Tutto ciò che è certo è che la posta in gioco è alta.

Andrew Lincoln ha lasciato la serie all’inizio di questa stagione per recitare in una trilogia di The Walking Dead ambientata nello stesso universo. In sua assenza, la serie ritrova Norman Reedus (Blade II), Danai Gurira (Black Panther, Avengers: Infinity War), Melissa McBride, Alanna Masterson, Josh McDermitt, Christian Serratos, Seth Gilliam, Ross Marquand, Austin Amelio, Tom Payne, Xander Berkeley, Khary Payton e Jeffrey Dean Morgan. Tra i neofiti della serie troviamo Ryan Hurst come Beta e Alpha di Samantha Morton come leader dei Whisperers, insieme a Lauren Ridloff nel ruolo del personaggio dei fumetti Connie, Eleanor Matsuura nei panni di Yumiko della serie a fumetti e nella star di Animali fantastici Dan Fogler.

Basato sulla serie di fumetti di Robert Kirkman e pubblicato da Image Comics, The Walking Dead regna come serie drammatica numero uno in televisione tra gli adulti 18-49 nelle ultime sei stagioni. La serie è prodotta dal chief content officer Scott M. Gimple, dallo showrunner Angela Kang, da Robert Kirkman, Gale Anne Hurd, David Alpert, Greg Nicotero, Tom Luse e Denise Huth.

I gadget di The Walking Dead sono sempre più imperdibili. Hai già la mitica Lucille di Negan o il portafoglio e l’originalissimo Monopoly? Dai un’occhiata qui sotto.

Continua a leggere

Netflix

Bandersnatch, 10 riferimenti all’universo di Black Mirror

Pubblicato

:

1547545390 new blackmirror s5 bandersnatch 00416.0

Black Mirror: Bandersnatch si svolge in Inghilterra nel luglio 1984, dove un giovane programmatore di nome Stefan Butler, interpretato da Fionn Whitehead, sogna di adattare un libro in cui è possibile “scegliere la tua avventura“, chiamato Bandersnatch . Scritto dal famigerato scrittore tragico Jerome F. Davies, il giovane Stefan spera che la sua versione del videogioco sia rivoluzionaria. Dal momento che l’universo di Black Mirror è così vasto, ci sono una grande quantità di connessioni tra questo e Bandersnatch. Di seguito potete trovarne 10.

*Attenzione spoiler*

10. Videogiochi

Quando Stefan arriva allo studio Tuckersoft, si possono notare due riferimenti ai precedenti episodi “Metalhead” e “Nosedive“. Qui, sono stilizzati in giochi 8bit intitolati “Metl Hedd” e “Nohzdyve“. Il contenuto di quest’ultimo gioco non è realmente legato all’episodio, mentre il pezzettino di gameplay che vediamo in “Metl Hedd” sembra corrispondere direttamente agli eventi dell’episodio con cui condivide il titolo.

9. Saint Juniper

Durante il film, a seconda delle scelte fatte, Stefan visita diverse volte il dott. R. Haynes, al Saint Juniper. Il Saint Juniper è la versione inglese di San Junipero, l’episodio con lo stesso nome. Senza dimenticare che è il nome dell’ospedale in cui ha lavorato il curatore del “Museo Nero”.

tckr rolo haynes black mirror

8. Dr. R. Haynes

Il curatore del Museo Nero, dall’episodio dello stesso titolo, si chiama Rolo Haynes. È possibile che vi sia una connessione familiare tra i dipendenti che lavorano negli istituti del Saint Juniper nell’universo di Black Mirror? Ad aumentare questo sospetto ci pensa anche una prima versione dei sistemi TCKR coinvolti. Scusate ma TCKR Systems non vi ricorda la Tuckersoft?

7. Glifo dell’Orso Bianco

Il glifo diventato un’ossessione per l’autore di Bandersnatch, Jerome F.Davies, ha lo scopo di replicare la struttura di un diagramma di flusso e si riferisce alla scelta o alla sua illusione. Anche Stefan ne è ossessionato, studiando le foto della scena del crimine nel documentario su Davies. È anche visto come un graffito quando Stefan si trova a prendere l’autobus nelle prime fasi del film. Inoltre fa riferimento anche alle maschere indossate nell’episodio “Orso bianco“. Quando Bandersnatch arriva al momento in cui puoi scegliere di dire a Stefan del glifo, questo è stato stilizzato in un modo che lo rende identico al simbolo di “Orso bianco”.

6. Software BRB

Nel finale di Bandersnatch potrete notare un particolare, ossia una copertina di un giornale che fa riferimento a quattro altri episodi di Black Mirror . La trama principale, ovviamente, riguarda Stefan Butler che fa a pezzi il corpo di suo padre, ma nella sidebar ci sono tre frammenti che si riferiscono ad altri eventi nell’universo di Black Mirror. La prima recita: “Futuristica ‘love machine’ sviluppata dal software BRB. Gli sviluppatori sperano di connettere le persone con la loro corrispondenza perfetta. Per i nostri cuori solitari andare a pagina 20. Questa macchina dell’amore potrebbe essere l’app per appuntamenti che vediamo nell’episodio “Hang the DJ “, mentre il nome della società di software sembra fare riferimento all’episodio “Be Right Back”.

5. Flotta spaziale

Il secondo dettaglio sulla copertina del Sun è intitolato “Space Fleet“. La barra laterale riporta che “il tanto atteso terzo capitolo della Space Fleet è stato mandato in onda. Il famoso programma televisivo di fantascienza continua a conquistare gli spettatori. Recensione completa a pagina 12″. Space Fleet è il programma che ispira Robert Daly (Jesse Plemons) dall’episodio “USS Callister”. Più tardi, durante una diversa trama di Bandersnatch che salta avanti fino ai giorni nostri, il rapporto di UKN TV prende in giro anche una riunione della Flotta Spaziale agli Emmy.

hot shot black mirror

4. Hot Shot

L’ultimo frammento della barra laterale dei giornali riporta alla prima stagione per il suo easter egg. Il titolo è “15 Million Talent Team” e recita: “Il talent show  “Hot Shot”  inizia una nuova serie all’inizio del 1985. Se pensate di avere le carte in regola, leggete i dettagli”. I fan di Black Mirror sicuramente sapranno che non è un semplice talent show: è un riferimento a uno show televisivo nell’episodio “Fifteen Million Merits” che mette le persone l’una contro l’altra in una competizione canora.

3. Adi

Nella scena finale in cui Stefan viene mandato in prigione, vediamo un salto temporale fino ai giorni nostri. Sullo sfondo vediamo una tv sintonizzata su UKN News con diverse notizie che scorrono nella parte inferiore dello schermo. Il primo titolo recita “Granulare to Unveil Prototype Pollinator Drone.” Questo drone impollinatore diventerà in seguito l’ADI (o Automated Drone Insects) visto in “Hated In The Nation“.  Questa segnalazione è arrivata da alcuni fan davvero molto, molto attenti e soprattutto con una vista da aquila.

2. Politica

Nello stesso notiziario viene comunicato un aggiornamento su due politici menzionati in precedenza nella versione britannica di Black Mirror. Il primo è il titolo “L’ex premier Michael Callow vince Celebrity Bake-Off.” Visto per l’ultima volta in “The National Anthem“, Callow è stato costretto a compiere atti indecenti in diretta tv. Inoltre, come è scritto nella frase “Liam Monroe entra a Buckingham Palace”. Il signor Monroe è il candidato conservatore che ha vinto le elezioni supplenti in “The Waldo Moment“. Come potete vedere, sembra che si sia mosso verso il lato politico mentre Callow continua a fare apparizioni tv, si spera meno imbarazzanti.

1. Richiamo della memoria

L’ultimo ed ennesimo riferimento di Black Mirror recita “Dispositivo di richiamo della memoria rivoluzionario della polizia britannica”. Questo diventerà in seguito il Recaller, dall’episodio intitolato “Coccodrillo” che consentirebbe alle polizie e alle compagnie di assicurazione di accedere ai ricordi delle persone per verificare reclami o raccogliere prove.

Continua a leggere

Netflix

The Punisher, il trailer della seconda stagione

Pubblicato

:

the punisher

Marvel e Netflix hanno pubblicato il trailer completo della seconda stagione di The Punisher, che ritrova Frank Castle mentre cerca di allontanarsi dal suo passato. Frank non può lasciare il giubbotto da parte quando i problemi lo trovano, riportandolo alla sua vecchia vita con una nuova missione e un compagno che non ha mai chiesto.

L’ex marine Frank-Castle (Jon Bernthal), che è diventato un vigilante, ha vissuto una vita tranquilla fino a quando, all’improvviso, si è ritrovato coinvolto nel tentato omicidio di una giovane ragazza (Giorgia Whigham). Mentre viene attirato dal mistero che la circonda e da coloro che sono alla ricerca delle informazioni che detiene, Castle attira un nuovo bersaglio sulla sua schiena, mentre nuovi e vecchi nemici lo costringono a confrontarsi con se dovesse accettare il suo destino e abbracciare una vita come The Punisher.

Nella prima stagione di The Punisher, Castle era apparentemente libero di riprendere la sua vita senza paura di essere perseguito, grazie al perdono presidenziale. Non sappiamo cosa porterà Castle a reclamare il suo personaggio Punisher, ma probabilmente ha qualcosa a che fare con il ritorno di Billy Russo come Jigsaw – completo di una nuova maschera. Anche Annette O’Toole e Corbin Bernsen si sono unite alla serie tv con Eliza e Anderson Schultz, rispettivamente. Giorgia Whigham interpreterà Amy Bendix, con Floriana Lima nei panni di Krista Dumont e Josh Stewart nei panni di John Pilgrim. Steve Lightfoot (Hannibal) serve come showrunner, scrittore e produttore esecutivo.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Film in uscita

Gennaio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Febbraio

Nessun Film

Pubblicità

Popolari

X