Connettiti a NewsCinema!

Netflix

Una Serie di Sfortunati eventi, 10 motivi per cui non vediamo l’ora di vedere la serie tv Netflix

Pubblicato

:

Il 13 Gennaio 2017 arriverà in streaming su Netflix la serie tv Una Serie di Sfortunati Eventi, con 13 episodi ispirati all’omonimo film con Jim Carrey diretto da Brad Silberling nel 2004 (qui puoi comprare il dvd del film). Netflix ha acquistato infatti i diritti per realizzare questa nuova serie tv originale che ritrova come protagonista il simpatico Neil Patrick Harris nel ruolo del perfido Conte Olaf. In questi mesi sono girate molte voci su questo progetto e c’è grande curiosità, pertanto vediamo insieme dieci motivi per cui siamo così emozionati di vedere questo nuovo adattamento televisivo di Una Serie di Sfortunati Eventi.

La reputazione di altri progetti Netflix originali

I film e le serie tv originali Netflix fino ad oggi hanno conquistato il consenso di pubblico e critica, quindi già solo per questo ci sono tante aspettative per questa nuova serie tv. Uno di questi esempi è la quarta stagione di Arrested Development, il recente film Hell or High Water, o i finomeni Stranger Things e Daredevil. Questi prodotti per il piccolo schermo hanno presentato una fotografia splendida, il valore della produzione, e un cast di alto livello. Non si tratta di serie a basso budget e tra i protagonisti ci sono delle vere e proprie star come Kevin Spacey per House of Cards. Quindi anche la serie di Una Serie di Sfortunati Eventi sicuramente avrà un’ottima qualità.

Neil Patrick Harris è il Conte Olaf

Neil Patrick Harris è il Conte Olaf

Il successo dei precedenti adattamenti televisivi

Se la vostra preoccupazione è spesso nell’incertezza di come i libri vengono tradotti sullo schermo, possiamo prendere l’esempio dei recenti adattamenti televisivi che si sono rivelati esperienze di successo. Uno di questi sempre originale Netflix è Daredevil. Anche quando i fumetti Marvel sono tradotti in film, c’è molta ansia e disapprovazione tra i fan. Tuttavia, la produzione della Marvel su Netflix ha permesso uno stile più dark, diverso, e perfettamente in linea con la natura del genere fumettistico. L’adattamento della HBO di Hannibal ha permesso loro di conoscere la storia che viene dopo quella che i cinefili ricordano per il celebre film con Anthony Hopkins. E naturalmente, non possiamo dimenticare una delle più grande serie tv – Game of Thrones. Questo è uno degli adattamenti di maggior successo dal libro alla tv e una perfetta dimostrazione di come il piccolo schermo offre una nuova sede per il mondo immaginato dallo scrittore. La serie e i libri non corrispondono completamente, ma l’ autore George R. R. Martin ha dato la sua benedizione per andare avanti e creare la storia così com’è stata raccontata.

L’oscurità per una fotografia mozzafiato

Come abbiamo già visto nell’adattamento cinematografico dei libri, l’oscurità della trama offre splendide possibilità per la fotografia. Se non ti è piaciuto il film del 2004, il modo in cui è stato girato dimostra quanto può essere stilizzato quel mondo. Il modo in cui i libri di Lemony Snicket sono stati scritti suggerisce uno stile estremamente ultraterreno per l’ impostazione e questo permette una fotografia creativa. Possiamo essere certi che la trama e lo stile di Lemony Snicket- Una serie di Sfortunati Eventi saranno in grado di mostrare, attraverso la fotografia, alcuni effetti sorprendenti ed interessanti.

serie tv Netflix

Il ricco materiale del libro

Lemony Snicket ha offerto un ricco materiale per chi ha scritto questa una serie ispirandosi a tredici libri già esistenti. Anche Harry Potter era stato adattato con sette libri all’inizio. Certo questi racconti sono più brevi, ma le possibilità per la serie sembrano infinite. Ci sarà solo una stagione? Saranno in grado di utilizzare al meglio la trama? O faranno uno spin-off completo per utilizzare semplicemente la storia di base dei Baudelaire nei versi di Olaf ed esplorare quel mondo e basta? Tuttavia siamo curiosi di vedere come sarà la storia.

Stesso mondo/Stessa storia

I tredici libri attraversano sette anni (1999-2006) e quindi molte generazioni sono cresciute leggendo le storie del Conte Olaf e i suoi compagni di avventura. Il mondo dei quei personaggi sta tornando per scelta di Netflix, e la cosa più bella in questo momento è che se hai amato quei libri da bambino, e hai l’età per cui sei un dipendente di Netflix e ti fidi della loro professionalità, non vedrai l’ora di scoprire come hanno utilizzato le storie che già conosci e ami.

Possibilità di ambientazione della storia

Nell’adattamento cinematografico del 2004 l’ambientazione sembrava in un’epoca semi-vittoriana con i costumi e gli edifici di quel periodo. La serie tv apre invece la possibilità di un diverso periodo storico. Nell’articolo del The Hollywood Reporter si annuncia che Netflix ama la serie per la sua natura facilmente riconoscibile. Non è stata scelta l’epoca moderna, anche a giudicare dalle prime immagini viste nel trailer, ma forse i Baudelaires saranno anche di diversa età rispetto al film. Forse questa storia si svolge prima della morte dei loro genitori o mentre sono all’università. In ogni caso i personaggi amabili e lo stile di scrittura di Snicket speriamo abbiano prevalso nella nuova serie.

Il cast

Nel film abbiamo visto Meryl Streep e Jim Carrey. Nella serie Netflix non ci saranno queste star, ma ci sono buone possibilità che i personaggi saranno interpretati da attori poco noti ma molto bravi. Oltre a Neil Patrick Harris nel ruolo del Conte Olaf, ci sono Malissa Weissman, Usman Ally, Matty Cardarople, John DeSantis, Louis Hynes, Catherine O’Hara, la simpaticissima Joan Cusack e tanti altri.

Jim Carrey in Lemony Snicket - Una Serie di Sfortunati Eventi

Jim Carrey in Lemony Snicket – Una Serie di Sfortunati Eventi

I personaggi irresistibili ed unici

Lemony Snicket ha scritto personaggi così interessanti e ridicolmente eccentrici che non importa chi li interpreta in fondo, e il cast sarà assolutamente da amare. Anche il Conte Olaf, poichè questo cattivo è così ben scritto e assurdo, che viene fuori terrificante e divertente allo stesso tempo. Un attore fallito, con una sicurezza di sé che lo fa sentire e agire come un premio Oscar, il conte Olaf è un villain che, interpretato nel modo corretto, può essere stupendo. Il ritratto di Jim Carrey si è concentrato sul lato umoristico del cattivo infatti, ma nei libri il personaggio è anche inquietante oltre ogni immaginazione. Ogni personaggio nel libro è altrettanto unico e distinto e la varietà sarà interessante da esplorare.

L’umorismo

La scrittura di Lemony Snicket nei romanzi è esilarante. Anche il modo in cui gestisce la sua personalità nel mondo, il rifiuto di rivelare la sua identità quando tutti sanno che si tratta di Daniel Handler è l’autore nella vita reale. Egli scrive con tale umorismo che rende Una Serie di Sfortunati Eventi più una commedia che una tragedia. Il materiale umoristico dei libri si spera che sarà trasferito nella serie, aggiungendo i personaggi amabili che conosciamo.

Il produttore esecutivo è…

Infine, il motivo per cui siamo più entusiasti di questa nuova serie tv è la notizia che il produttore esecutivo sarà proprio lo stesso Daniel Handler. E questo significa che la serie è sotto l’influenza dello stesso Lemony Snicket quindi sarà difficile sbagliare.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Netflix

5 modi per bruciare calorie guardando serie tv

Pubblicato

:

stranger things 3 900x600 1

Anche per gli irriducibili della palestra ci sono i giorni “no”, quelli in cui l’ozio prende il sopravvento e l’unica cosa che si desidera è stendersi sul divano in compagnia di plaid e snack da sgranocchiare e, soprattutto, con il telecomando a portata di mano pronti per le maratone su Netflix… mica quelle di corsa! Ma non disperare, David Lloyd Clubs, il gruppo leader europeo in ambito fitness, propone 5 diversi allenamenti da poter eseguire con gli occhi incollati alle nostre serie preferite, restando in forma davanti alla TV e sentendo meno la fatica!

Corri a gambe levate con Stranger Things: quale miglior modo per sentirti parte del gruppo dei nostri piccoli eroi se non quello di scappare insieme a loro da mille e più mostri? Un classico come il tapis roulant rimane il miglior metodo per un’intensa sessione di cardio davanti a una delle serie più adrenaliniche!

Come le serie della Casa di Carta: che siano squat per avere i glutei di Tokio, addominali per la tartaruga di Denver o flessioni per le braccia di Helsinki, le serie e le ripetizioni sono fondamentali per l’aumento della massa muscolare, della resistenza, della forza e della definizione. Consigliate, 3 serie da 10-15 ripetizioni ciascuna… ma in base all’esperienza e alla preparazione è bene variare. Non dimenticare, poi, il tempo di riposo tra una serie e l’altra. Anzi! Sfruttalo per allenare anche la mente, proprio come il Professore.

Fai un salto… da Friends: anche se i nostri vecchi amici e il loro famoso divano sono inseparabili, noi non possiamo proprio rimanere seduti tra una risata e l’altra. Scegli la corda e, saltando, non solo brucerai tantissime calorie, ma avrai un cuore più sano, aumenterai la resistenza e perfino l’agilità. Unica pecca? Se vivi in un condominio e non sei al primo piano, i tuoi vicini potrebbero non essere amichevoli come Joey e Chandler quando verranno a bussarti alla porta!

Calma i nervi e non farti sopraffare da Black Mirror: brutale, cupa e inquietante. Se questa serie non è proprio la più adatta a rilassarsi dopo una giornata stressante, ma non puoi farne a meno, il nostro consiglio è di bilanciare con un po’ di yoga.
Scegli 4/5 posizioni che ti permettano di tenere lo sguardo fisso sulla TV e trova il tuo equilibrio tra forti emozioni e relax. Il fluire del respiro farà il resto!

Di tutto un po’ per la lotta alla droga di Narcos: forse non lo sai, ma l’addestramento per gli agenti della DEA è rigido, impegnativo e variegato. Dal warm-up in stretching ai circuiti anaerobici, dal cardio ai pesi. Se sei già un abile sportivo, ami i training più intensi e sogni una vita parallela alla lotta contro il crimine, un mix di diversi allenamenti (senza esagerare!), potrebbe essere quello che fa per te. Parti con qualche esercizio di risveglio muscolare, poi via di addominali e squat, qualche plank in tenuta e infine un qualche minuto di stretching. Avrai sollecitato tutto il corpo e, nel mentre, fatto un giro per le strade più pericolose della Colombia o del Messico.

friends

“La costanza è la chiave per raggiungere i risultati desiderati, ma allo stesso tempo l’esercizio fisico non deve essere percepito come un peso. Se la palestra un giorno ci sembra un impegno troppo faticoso, nessuno ci impedisce di optare per una sessione di allenamento diversa, davanti alla tv!”, ha dichiarato Marco Tonarelli, General Manager del David Lloyd Malaspina. “Sudare e tonificare il corpo con il sorriso stampato in faccia è per noi la cosa più importante. Per questo tutti i nostri trainer sono sempre a disposizione per individuare gli esercizi e gli allenamenti più idonei a rispondere alle diverse esigenze delle persone. È il primo passo per strutturare un allenamento personale idoneo!”

Per tutti gli altri giorni in cui invece in cui ti senti pieno di energie, ti aspettiamo al David Lloyd Malaspina! Il club offre oltre 160 corsi alla settimana, con differenti tipologie di allenamento e più di 14 attività diverse, compreso Blaze, il nuovo allenamento HIIT che misura in tempo reale l’efficacia dell’allenamento tramite il monitoraggio costante della frequenza cardiaca.

 

Continua a leggere

Netflix

Stranger Things: quattro nuovi personaggi in arrivo

Pubblicato

:

stranger things

Sulla scia di una terza stagione caratterizzata da grandi perdite e tanti colpi di scena, Stranger Things è pronta a regalarci nuovi personaggi. Nonostante la lunga attesa per le otto nuove puntate della nuova stagione previste per il 2020, la trama inizia a delinearsi con una serie di cambiamenti.

Secondo quanto confermato dalle fonti, i Duffer Brothers stanno cercando quattro attori per nuovi personaggi, di cui tre adolescenti e un adulto. La produzione inizierà tra diversi mesi, quindi questi nuovi ruoli potrebbero essere modificati o cancellati in base all’andamento della trama. La produzione punta a trovare tre ragazzi adolescenti tra cui un metallaro, un atleta e un ragazzo che potrebbe sembrare il gemello di Jeff Spicoli in Fast Times at Ridgemont High. Considerando che gli attori e i relativi personaggi principali saranno nel pieno della loro adolescenza in Stranger Things 4, il nuovo trio potrebbe interagire direttamente con loro ed intrecciarsi nelle loro storie.

La probabile storia del nuovo personaggio adulto è ancora del tutto incerta: secondo le intenzioni dei produttori dovrebbe trovarsi lontano dalla tranquilla e piccola cittadina di Hawkins, e pertanto potrebbe trattarsi dell’uomo misterioso chiuso nel centro di ricerca in Russia. Tesi che smentirebbe quella di chi spera nel ritorno di Hopper, altra piccola parentesi della serie tv avvolta nel mistero.

Per quanto riguarda il resto del cast, rivedremmo Winona Raider (Joice) e i ragazzini Millie Bobby Brown (Undici), Finn Wolfhard (Mike Wheeler), Gaten Matarazzo (Dustin Henderson), Caleb McLaughlin (Lucas Sinclair), Noah Schnapp (Will Byers) e Sadie Sink (Max Mayfield). Ancora nulla di certo sulla fidanzata di Dustin, Suzie, interpretata da Gabriella Pizzolo.

Continua a leggere

Netflix

El Camino, tutto quello che c’è da sapere sul film di Breaking Bad

Pubblicato

:

el camino breaking bad movie

L’attesa sempre più febbrile che si è creata attorno a El Camino, film di Netflix tratto dalla serie cult Breaking Bad, diretto e scritto dal suo creatore Vince Gilligan, è una testimonianza tangibile di come la serie Amc abbia lasciato un segno profondo all’interno del panorama televisivo e nel cuore dei suoi fan. In arrivo su Netflix il prossimo 11 ottobre, El Camino è ancora oggi un prodotto misterioso, di cui si sa ufficialmente pochissimo al di là della durata (122 minuti) e della data di uscita. Pare che, proprio come il recente lungometraggio di Downton Abbey, anche El Camino prenderà il via dal finale dell’ultimo episodio della serie da cui è tratto (a distanza di sei anni lo spoiler è in prescrizione).

Leggi anche: Breaking Bad, 5 grandi momenti della serie tv

I teaser trailer diffusi nelle scorse settimane sono stati molto utili a definire quello che presumibilmente sarà il tono del film (cupo ma allo stesso tempo attraversato da un irresistibile umorismo nero) e invece poco generosi nel rivelare dettagli riguardanti la trama. Sappiamo che un ruolo fondamentale nel film lo avranno i personaggi di Jesse Pinkman (Aaron Paul), Skinny Pete (Charles Baker) e Badger (Matt L. Jones). Cosa è successo davvero a Jesse dopo la sua uscita di scena? Questa è una delle domande principali a cui il film dovrà rispondere. Ovviamente massima segretezza sulla eventuale presenza (in quale forma, non è dato saperlo) di Walter White. Ma con il suo solito umorismo, Bryan Cranston ha affermato lo scorso giugno: “Well, rigor mortis has a way of allowing that to happen”.

È stato lo stesso Matt Jones a rivelare recentemente le accortezze adottate dalla produzione per non rivelare il progetto prima del dovuto: “Sono nel film, sì, ma credetemi quando vi dico che non ho la minima idea di cosa accada. Non lo so e basta, onestamente, perché ho solo letto le scene in cui dovevo recitare la mia parte. Non c’è stata neanche nessuna lettura di gruppo. Abbiamo persino alloggiato negli Hotel di Albuquerque con degli pseudonimi. Il mio era Jean-Luc Picard. Non sto scherzando. Dovevamo indossare degli abiti sopra i nostri costumi di scena. Assurdo”.

Curiosità: 7 attori la cui carriera inizia e finisce con Breaking Bad

È stata invece confermata (dallo stesso interessato) la presenza di Jonathan Banks, che tornerà a vestire i panni di Mike Ehrmantraut (ucciso nella quinta stagione, in una delle sequenze più belle dell’intera serie). Evidentemente la morte del proprio personaggio non è un elemento sufficiente ad impedirne il ritorno nel film. “Dopo la drammatica fuga dalla prigionia, Jesse deve venire a patti con il suo passato per poter plasmare il futuro”. Questa è la stringata sinossi disponibile attualmente su Netflix. Quello che sappiamo per certo è che Vince Gilligan, come dimostrato con Better Call Saul, ha mantenuto negli anni il suo personalissimo modo di scrivere e di caratterizzare i propri personaggi. Anche per questo, il ritorno di Breaking Bad, fortunatamente, non ha il sapore di uno stanco e nostalgico revival. 

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Novembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Dicembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X