Connettiti a NewsCinema!

News

Steven Soderbergh, il Pollock del grande schermo

Pubblicato

:

Con quasi 30 film da regista (e molto spesso anche come direttore della fotografia e montatore, seppur non accreditato) e altri 30 come produttore, Steven Soderbergh è uno degli esempi più lampanti di ciò che si definisce “operaio del cinema”. Definire “prolifica” la mente del regista americano sarebbe un eufemismo: Soderbergh nel corso della sua carriera si è messo in gioco ricoprendo qualsiasi ruolo sul set (persino davanti la macchina da presa).

Il coraggio di Steven Soderbergh: Unsane e La Truffa dei Logan

Si è cimentato in ogni genere cinematografico e si è messo alla prova, sia con enormi produzioni milionarie che con piccolissimi film a basso budget. In questa ultima categoria rientra anche il suo nuovo Unsane, thriller interamente girato con il cellulare che narra le disavventure di Claire Foy nel reparto di un ospedale psichiatrico nel quale è stata rinchiusa contro la sua volontà.

Claire Foy nel film Unsane

Così Soderbergh, pur aderendo ai canoni tradizioni del cinema d’autore, nel corso della sua sterminata filmografia (“una carriera alla John Houston”, per citare le sue stesse parole) ha cercato spesso di mettere in discussione le logiche dominanti ad Hollywood, sia dal punto di vista narrativo e visivo (quindi cinematografico), sia per ciò che concerne i modelli distributivi ed i processi produttivi dei suoi lungometraggi. Questo è lampante anche analizzando solo i suoi due film più recenti: La Truffa dei Logan, “blockbuster povero” con star di primo livello che ha seguito un modello sperimentale di distribuzione pensato dal regista adattando le procedure generalmente previste per i titoli indipendenti alle esigenze di prodotti dalla più ampia portata, e Unsane, un thriller girato interamente con un iPhone che assomiglia più all’opera prima di qualche giovane esordiente che all’ennesimo lavoro di un “venerabile” del cinema americano.

Steven Soderbergh: un cinema fuori dagli schemi

Nonostante quindi Soderbergh sia a tutti gli effetti un cineasta al servizio della “corporate America” e un regista senza dubbio interessato alla riuscita commerciale del suoi prodotti, si è dimostrato nel corso degli anni anche un autore in grado di salire sulle barricate per pretendere un cambio di approccio radicale nell’industria cinematografica americana o per schierarsi dalla parte di minoranze ed oppressi attraverso i suoi film più “politici” (ovvero quelli che fanno riferimento alla politica per trama o tematiche trattate). 

La Truffa dei Logan

Per questa ragione spesso i suoi lavori non sono catalogabili né come semplici prodotti d’intrattenimento (come invece lo sono ad esempio quelli della serie Ocean’s) né come film d’autore a tutti gli effetti. Esempi come Schizopolis e Che confermano la vena avanguardista di Soderbergh, per il loro sperimentalismo cinematografico e per la loro capacità di proporre un tipo di film non del tutto fuori dai canoni americani eppure dotato di una carica eversiva che non appartiene al cinema propriamente commerciale.

Lo stile di Steven Soderbergh, l’action painter del grande schermo

Il suo stile è in grado quindi di adattarsi alla natura multiforme della sua filmografia: se a volte sembra richiamare lo stile hollywoodiano più classico e patinato, altre volte si presenta in maniera irrequieta e caotica. Così i suoi film sono spesso caratterizzati da un cinetismo esasperato, con bruschi movimenti di macchina a mano, ed allo stesso tempo “appesantiti” da una fotografia carica e dai colori ultra-saturi.

Steven Soderbergh sul set

In questa ottica anche il montaggio, spesso destabilizzante e frammentato, non si limita a dettare il ritmo del film, ma serve a Soderbergh per mischiare le tessere del puzzle della sua narrazione così da presentare anche la storia più banale in una forma poco decifrabile e destabilizzante. Il regista americano è quindi un attento conoscitore del cinema classico, da cui riprende alcuni degli stilemi più noti per adattarli alle sue esigenze, ma anche un “action painter” alla Jackson Pollock, che quando serve si lascia guidare da intuizioni visive senza sapere prima quale immagine uscirà sulla sua “tela”.

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Un piccolo favore, il trailer del film con Blake Lively e Anna Kendrick

Pubblicato

:

un piccolo favore trailer
Dopo il grande successo al box office americano e l’entusiasmo di critica e pubblico, arriva anche in Italia il thriller sorpresa dell’anno, Un piccolo favore, scritto e diretto da Paul Feig. Il regista di commedie cult – come Le amiche della sposa, Spy e Ghostbusters – confeziona un mystery imprevedibile sulla scia de L’amore Bugiardo – Gone Girl e La ragazza del treno, un noir contemporaneo che indaga sulla fiducia all’interno delle relazioni, sui confini dell’ambiguità e sulla spasmodica ricerca della perfezione.
Adattamento dell’omonimo romanzo, scritto da Darcey Bell e edito in Italia da Rizzoli, Un piccolo favore vede due amiche al centro di un intreccio di segreti inconfessabili e fatali bugie: Blake Lively, icona internazionale e attrice di talento (Adeline, Café Society) e la candidata agli Oscar® Anna Kendrick (Tra le nuvole, Pitch Perfect). Nel cast anche Henry Golding (Crazy Rich Asians) e Rupert Friend (Homeland, The Young Victoria). Il film è un’esclusiva per l’Italia di Leone Film Group in collaborazione con Rai Cinema e sarà distribuito da 01 Distribution a partire dal 13 dicembre.

Un piccolo favore, la trama del film

Stephanie (Anna Kendrick) è una mamma vlogger che cerca di scoprire la verità dietro la scomparsa della sua migliore amica, Emily (Blake Lively). Stephanie è affiancata dal marito di Emily, Sean (Henry Golding), in questa ricerca che darà vita a colpi di scena, tradimenti, segreti e rivelazioni, amori, omicidi e vendette.
Continua a leggere

Cinema

Morto Stan Lee a 95 anni: le reazioni di Hollywood

Pubblicato

:

stan lee

Tutto il mondo dei fumetti e del cinema si è rattristato alla notizia che la leggenda della Marvel Comics Stan Lee fosse morto all’età di 95 anni. Ora tutta Hollywood gli rende omaggio sui social e dal vivo, come potete vedere qui sotto.

Nato con il nome di Stanley Martin Lieber nel 1922, è conosciuto come co-creatore della maggior parte dei personaggi principali della genesi dell’Universo Marvel, tra cui The Incredible Hulk, The Mighty Thor, The Invincible Iron Man, The Astonishing Ant-Man e The Uncanny X-Men al fianco di Jack Kirby. Con Steve Ditko ha co-creato Doctor Strange e Spider-Man (probabilmente il personaggio più iconico della compagnia), così come Daredevil con Bill Everett. Ha anche rianimato i vecchi eroi di Timely degli anni ’40 tra cui Sub-Mariner e Joe Simon e Jack Kirby’s Captain America. Il gruppo di team The Avengers seguì nel 1963. Mentre altri personaggi iconici seguirono tra cui The Inhumans, Silver Surfer, Black Panther (il primo supereroe nero nei fumetti mainstream) e The Falcon, i principali contributi creativi di Lee nei primi anni 60 formarono il nucleo di Marvel Comics.

 

Continua a leggere

CineKids

Toy Story 4, il trailer ufficiale del film d’animazione

Pubblicato

:

toy story 4

Disney • Pixar ha realizzato il primo trailer ufficiale di Toy Story 4 che puoi vedere nel player qui sopra. Woody e il resto dei giocattoli sono tornati per un’avventura completamente nuova in Toy Story 4, accogliendo nuovi amici nella stanza di Bonnie, tra cui un riluttante nuovo giocattolo chiamato Forky.

“Come molte persone ho pensato che Toy Story 3 fosse la fine della storia” ha dichiarato il regista Josh Cooley. “Ed è stata la fine della storia di Woody con Andy. Ma proprio come nella vita, ogni fine è un nuovo inizio. Woody ora è in una nuova stanza, con nuovi giocattoli e un nuovo ragazzo…qualcosa che non avevamo mai visto prima. E’ divertente esplorare una nuova storia“. Forky insiste sul fatto che non è un giocattolo! Come un vero e proprio progetto artigianale, Forky è abbastanza sicuro di non appartenere alla stanza di Bonnie. Sfortunatamente, ogni volta che tenta di andarsene, qualcuno lo riporta in un’avventura che preferirebbe saltare.

Il mondo di Toy Story è basato sull’idea che tutto nel mondo ha uno scopo” ha detto Cooley. “Lo scopo di un giocattolo è essere lì per il suo bambino. Ma per quanto riguarda i giocattoli realizzati con altri oggetti? Forky è un giocattolo che Bonnie ha realizzato con un oggetto usa e getta, quindi sta affrontando una crisi“. I registi hanno chiesto al comico Tony Hale di fornire la voce a Forky. “È una grande emozione far parte della famiglia Toy Story” ha detto. “Ma ci vorrà un po’ prima che io entri davvero nel profondo“. Ha detto Cooley, “Quando abbiamo ideato questo personaggio, Tony è stato il primo attore a venirmi in mente e sono entusiasta che abbia accettato. La performance di Tony come Forky è un mix di confidenza, confusione ed empatia…servita da spagnoli esilaranti“. In che modo i cineasti sono riusciti a convincere Hale a dare voce a Forky? “La crisi esistenziale di un utensile?” Chiese. “Sono dentro!

Entrando a far parte di Tony Hale nel film in uscita, sono tornati i membri del cast Tim Allen, Tom Hanks, Annie Potts, Patricia Arquette e Joan Cusack. Toy Story 4 si avventura nei cinema degli Stati Uniti il ​​21 giugno 2019.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Novembre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Dicembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X