Connettiti a NewsCinema!

CineComics

Venom, 10 cose che vorremmo vedere nel film Sony

Pubblicato

:

Dopo innumerevoli conferme e smentite, la Sony ha dato il via alla pre-produzione di Venom, l’atteso cinecomic tratto dai fumetti di Stan Lee. Un film che, sulla scia di Logan, si distaccherà dal Marvel Cinematic Universe attraverso l’oscura e affascinante storia di Eddie Brock.

Conosciuto come il nemico numero uno dell’uomo ragno e apparso fugacemente nel fiacco Spider-Man 3 di Sam Raimi, Venom è una delle creature più controverse dei fumetti. Un’ entità metà umana e metà aliena che ha le carte in regola per eclissare i film Marvel in uscita. Prima di volare in alto con la fantasia, vi riveliamo dieci cose che vorremmo vedere nel cinecomic su Venom.

Venom, il primo cinecomics a tinte horror e sci-fi

1. Un cinecomic a tinte horror

Tra le principali difficoltà del film su Venom, c’è la scelta del genere! Bocciata l’ipotesi del classico adventure-family, la Sony vuole sviluppare una pellicola dal sapore sci-fi e horror.

Alcuni fan hanno scherzosamente ipotizzato Life, il film di Daniel Espinosa, come il prequel perfetto di Venom. Un’idea claustrofobica che si presta all’entità umana/aliena creata da David Michelinie e Todd McFarlane alla fine degli anni Ottanta. Riuscirà la Sony a ripetere il successo di Logan, il primo cinecomics a tinte western? Noi scommettiamo di sì! Dopotutto nessun film di genere ha mai esplorato l’oscuro territorio del cinema horror.

2. Una pellicola Rated R

Il PG-13 non è l’ideale per il cinecomics su Venom. Una messa in scena tradizionale limiterebbe le sfumature horror annientando il potere rivoluzionario di uno degli antieroi più controversi dei fumetti. Come hanno dimostrato Deadpool e Logan, il Rated R non è più sinonimo di scarsi risultati al box office ma una calamita per gli appassionati di tutte le età. Un respiro che potrebbe consacrare Venom il primo film di genere ricco di sequenze gore e brividi al cardiopalma.

3. Le origini di Venom

Uno dei più grandi misteri dei fumetti è l’origine di Venom. Una creatura analizzata nel numero ventitré dei Guardiani della Galassia attraverso l’affascinante teoria sui Klyntar. I Klyntar sono delle creature aliene che, attraverso la forza, mantengono la pace sul pianeta. Se l’ospite non rispetta i loro valori, la natura dei Klyntar li corrompe in bestie violente e rabbiose. Un’analisi che non ci dispiacerebbe affatto vedere sul grande schermo!

Venom, lo spaventoso antieroe creato da David Michelinie e Todd McFarlane alla fine degli anni Ottanta

4. Il look classico

Nonostante il talento di Sam Raimi, il Venom di Spiderman 3 non ha funzionato! Il regista de La Casa, pilotato dalla Sony, ha creato un anti-eroe con il corpo di Spiderman e il volto alieno. Un mash-up che tutti vorremmo dimenticare, soprattutto considerato il livello della trilogia con Tobey Maguire. Nei fumetti l’ossessione di Eddie per il bodybuilding spinge la creatura a diventare un mostro di proporzioni colossali. Una massa di artigli e fauci che alimenta le sfumature horror del cinecomics più ambizioso di sempre.

5. Il fascino di Anne Weying

L’avvocato di successo Anne Weying è la ex moglie di Eddie Brock. La discesa nella follia di Eddie spinge Anne a divorziare e a rivelare a Spiderman informazioni sul suo passato. Una anti-eroina che, quando si trasforma in She-Venom, attacca con ferocia. Nonostante il casting sia in via di definizione, ci vuole una attrice forte per incarnare Anne Weying. Una donna che raggiunge i suoi obiettivi sfidando chiunque ostacoli il suo cammino.

6. La storia di Eddie Brock

Secondo le prime indiscrezioni, il cinecomics della Sony si concentrerà sulla tragica storia di Eddie Brock. Caduto in depressione dopo il licenziamento e la fine del matrimonio, Eddie compie la sua vendetta. Dimenticate il patetico Brock interpretato da Topher Grace in Spiderman 3 perché il personaggio dei fumetti è più oscuro e affascinante. Un antieroe che necessita di un grande attore per ricreare la potenza della storia originale.

Venom, una creatura aliena con un cuore umano

7. Un moderno antieroe

Nella maggior parte dei fumetti, Venom è l’antieroe della storia. Una creatura che, ossessionata da Spiderman, vuole uccidere l’eroe in tuta rosso e blu. Da un grande mostro derivano grandi responsabilità e Venom non manca di senso morale! In tanti fumetti Eddie, alleandosi con Spiderman e salvando vite innocenti, è un vero supereroe. Un guizzo di bontà che, dissolvendosi rapidamente, lascia spazio al feroce Venom.

8. Un villain di nome Carnage

Quando si parla di Venom non si può non citare Carnage. Nei fumetti il serial killer Cletus Kasady è uno dei più terrificanti villain dell’uomo ragno. Diversamente dagli altri super-cattivi di Spiderman, Carnage ama uccidere senza una ragione precisa. Un pericolo che lo stesso Venom, riconoscendo come letale, arriva a sfidare più volte. Nonostante la difficoltà di gestire Venom e Carnage nella stessa pellicola, l’hype del cinecomics è alle stelle.

9. Un cinecomic adulto

Non è solo il gore a fare di un cinecomics un’opera adulta. Dopo il successo di Logan, la Sony è intenzionata a utilizzare uno storytelling più drammatico e reale. Dimenticate lo spirito giocoso degli Spiderman di Sam Raimi e Marc Webb perché Venom ha le carte in regola per slegarsi dalle pellicole sui super-eroi. Un action a tinte sci-fi/horror che potrebbe consacrare il cinecomics la massima espressione del cinema contemporaneo.

Venom entrerà come Spiderman nel Marvel Cinematic Universe?

10. L’unione fa la forza…forse!

Solo pochi anni fa sembrava impossibile rivedere Spiderman in un film Marvel eppure Captain America: Civil War ha dimostrato il contrario! Accordi e contratti vengono firmati in ogni momento e se la gente vuole un crossover, lo avrà. Dopotutto un universo in cui Spiderman e Venom non si incontrano neanche una volta non può esistere.

Venom verrà distribuito nei cinema americani il 5 ottobre 2018.

Fonte: ScreenRant

Classe 1988, nato con l'idea del cinema come momento magico, cresciuto con la prassi di vedere (almeno) un film a sera, abituato a digerire qualsiasi tipo di opera (commedia, splatter, dramma, horror) sin dai primissimi anni di età, propenso a scavare nei meandri più nascosti per trovare sconosciute opere horror da torcersi le budella... appassionato, commerciale, anti-commerciale, romantico, seriofilo, burtoniano...disponibile davanti e dietro le quinte e disposto per tutti voi ad intervistare le più grandi celebrità italiane e internazionali... questo è Carlo Andriani ovvero: IO.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CineComics

Avengers: Endgame, il nuovo commovente trailer italiano

Pubblicato

:

avengers: endgame

Marvel Studios presenta Avengers: Endgame, il quarto atteso capitolo dell’epica saga dedicata ai supereroi più potenti della Terra, in arrivo nelle sale italiane il 24 aprile. Ambientato dopo le vicende di Avengers: Infinity War, il film vedrà inoltre il ritorno sul grande schermo di Carol Danvers, la potente supereroina protagonista del lungometraggio Marvel Studios Captain Marvel, attualmente nei cinema.

Arrivato nelle sale italiane il 6 marzo, il film domina il box office italiano con un incasso di 5.7 milioni di Euro, registrando un risultato globale di oltre 500 milioni di dollari nella prima settimana di programmazione. Diretto da Anthony e Joe Russo, il quarto atteso capitolo della saga targata Marvel Studios arriverà nelle sale italiane il 24 aprile.

Continua a leggere

CineComics

Captain Marvel, 15 cose da sapere sul fumetto originale

Pubblicato

:

Captain Marvel

Il debutto di Carol Danvers nel fumetto Marvel Super-Heroes # 13 del 1968  – più comunemente conosciuta come Capitan Marvel – ha contribuito a renderla uno dei personaggi più importanti della Marvel, conquistando il cuore di molti lettori con la sua determinazione e l’impressionante serie di super poteri. Piena di forza e simbolo di un  buon eroismo vecchio stile, è diventata una presenza luminosa nell’Universo Marvel, in grado di affrontare praticamente tutto ciò che le si palesa sul suo cammino. Detto ciò, data la lunga storia di Carol, circa 50 anni di fumetti, allo stesso tempo risulta anche come il personaggio che ha avuto più momenti bui.

Durante la sua permanenza sia come Marvel che come Captain Marvel, Carol Danvers è riuscita a superare costantemente l’oscurità inesorabile della sua vita, lavorando sui suoi problemi con pura determinazione e auto-consapevolezza. In occasione dell’uscita del film Captain Marvel, abbiamo pensato fosse interessante scoprire 15 curiosità di questo personaggio.

15. In parte Kree

Sebbene possa sembrare molto umana, chi non ha familiarità con Carol Danvers potrebbe essere sorpreso di apprendere che in realtà è in parte Kree – ma non nel modo in cui si potrebbe pensare. Nata come umana, le avventure di Carol con Mar-Vell alla fine hanno portato il suo DNA a fondersi con il suo, dopo che la coppia è stata investita  dall’esplosione di un dispositivo “Psyche-Magnetron”. Geneticamente parlando, questo rende Carol sia umana che Kree, dando al futuro Captain Marvel il suo set iniziale di super poteri. In effetti i legami genetici del personaggio con il Kree, probabilmente, hanno qualcosa a che fare con il ritorno di Ronan l’accusatore e Phil Coulson – quest’ultimo è stato recentemente legato a un’avventura nei viaggi nel tempo in  Agents of SHIELD  – nel prossimo film Captain Marvel.

14. Dalla parte ‘sbagliata’ di entrambe le guerre civili

Il principale problema con entrambe le grandi storie di Civil War della Marvel è che, nonostante la loro intenzione di creare una battaglia etica interessante e divisiva, i cosiddetti “cattivi” di ogni conflitto sono sempre chiari sin dall’inizio. Sfortunatamente, Carol Danvers sembra non essere al corrente di questa consuetudine, sia durante la prima e sia nella seconda guerra civile. Combattendo dalla parte di Tony Stark nella prima guerra, l’intento di Carol era quello di ridurre i danni collaterali causati dai superumani – anche attraverso l’autoritario Superhuman Registration Act – ed era in qualche modo comprensibile il suo volere. La seconda guerra civile, tuttavia, ha fatto sembrare Carol molto, molto peggio. Sperando di far rispettare un rapporto di minoranza in un sistema che consentisse di trattare potenziali criminali prima ancora che commettessero un crimine, Captain Marvel non uscì dalla storia in maniera positiva, nonostante avesse le migliori intenzioni. Come se non bastasse, in molti la incolpavano per aver causato la morte di diversi personaggi chiave in tutto il conflitto.

13. Il suo personaggio è stato eliminato dalla serie Jessica Jones

Oltre ad avere un cameo tagliato in Avengers: Age of Ultron , Captain Marvel è stata tagliata in un ruolo molto più grande in Jessica Jones per Netflix. Inizialmente destinata ad apparire accanto a Jessica come la sua migliore amica e confidente superpotente, il personaggio è stato infine rimosso dal progetto a favore di Trish Walker con Rachael Taylor. La showrunner Melissa Rosenberg in seguito ha rivelato che la possibilità di vedere Carol Danvers sul grande schermo possa aver contribuito alla sua rimozione dallo show, preferendo quindi un personaggio meno sviluppato come quello di Trish.

12 personalità split personality ms marvel

12. Una doppia personalità

Dopo l’esplosione di Psiche e Magnetron che ha dato a Carol Danvers i suoi superpoteri, il personaggio ha mantenuto un grave danno al cervello per parecchio tempo. Soffrendo di frequenti blackout, l’identità di Carol si è danneggiata, tanto da causare due entità distinte, Carol Danvers e la Sig.ra Marvel, scatenando il caos nella vita dei civili e dei supereroi. Trasformandosi nel suo alter ego con i superpoteri, ogni volta che il suo settimo senso avvertiva un pericolo imminente, ci voleva un po’ di tempo prima che Carol si rendesse conto che lei era la signora Marvel. Carol non aveva ricordi come la signora Marvel e di conseguenza, lei non aveva ricordi della sua vita umana come Carol Danvers. Tuttavia, dopo aver appreso della sua vita segreta come una supereroina, le due personalità alla fine si sarebbero unite, dando a Carol Danvers piena libertà su entrambi gli aspetti della sua vita.

11. Poteri rubati

Dopo un intenso confronto tra la signora Marvel e Rogue sul Golden Gate Bridge, Rogue ha usato la sua abilità mutante per assorbire i poteri del suo avversario – solo per rendersi conto quanto avrebbe potuto spingersi oltre. Assorbendo troppo potere di Carol, Rogue ha acquisito permanentemente alcune delle capacità, oltre ai suoi ricordi e alla sua personalità, causando un grande lavoro per la sua salute mentale. Allo stesso tempo, Carol viene salvata da Spider-Woman, dall’attacco che la lascia sprovvista di poteri e con i ricordi completamente cancellati. Per fortuna, il Professor X riesce a ripristinare la sua mente, anche se la sua connessione emotiva con il passato resta quasi del tutto interrotta. Oltre a questo i poteri di Carol restano assenti per un bel po’ di tempo dopo l’incidente, segnando una grande svolta nella storia del personaggio.

10. Ha avuto una storia con Rhodey

Essendo romanticamente legato a diversi personaggi Marvel nel corso degli anni, tra cui Wonder Man e Spider-Man, la relazione più recente – e forse più appropriata – di Carol Danvers è con War Machine, aka James Rhodes. Sulla carta i due erano una coppia perfetta. Entrambi funzionari militari di alto rango che capivano la responsabilità di essere un supereroe, ma la loro relazione fu tragicamente interrotta nelle pagine della seconda Guerra Civile. Dopo aver usato le abilità precognitive di Ulisse per tendere un’imboscata a Thanos in rapido avvicinamento, Captain Marvel e War Machine si unirono agli Ultimate nella lotta che seguì. Durante la schermaglia, non solo She-Hulk è finita in coma, ma Rhodey è stato picchiato a morte da Thanos, traumatizzando sia Carol che Tony Stark.

9. Un esperimento ha raddoppiato la sua potenza

In seguito all’assorbimento permanente dei suoi poteri da parte del mutante Rogue, Carol ha trascorso un po’ di tempo con gli X-Men, assistendoli in una serie di missioni di supporto. Durante questo periodo, Carol e gli X-Men vennero in contatto con i Brood, una razza brutale di esseri alieni parassiti. Catturando Carol, i Brood rimasero affascinati dall’esclusivo trucco genetico dell’ibrido umano Kree, eseguendo su di lei numerosi esperimenti tortuosi. Questo sbloccò il vero potenziale nei geni della signora Marvel e, dopo essere stata collegata a un fenomeno cosmico noto come un buco bianco, garantì i suoi poteri quasi divini, rimpicciolendo quelli della sig.ra Marvel. Con questi poteri, Carol prese il nome di Binary, e sebbene i suoi nuovi poteri finirono per sparire, riuscì a mantenere anche alcuni dei suoi poteri cosmici in modo permanente – rendendo la signora Marvel ancora più potente di quanto non fosse già.

8. La carriera da redattrice

Dopo la sfortunata partenza di Carol dalla sua carriera alla NASA, l’eroe high-flying si è presto aggiudicata un nuovo lavoro stando al fianco di J. Jonah Jameson al Daily Bugle. Impiegata come redattrice del Woman Magazine  – una sussidiaria del Daily Bugle creata per salvare i numeri in calo della carta – non ci volle molto perché Danvers e Jameson si facessero a pezzi. Mentre Jameson insisteva nel riempire la rivista con consigli dietetici, ricette e altri pezzi superficiali, Carol si rifiutò di seguire la visione di Jameson, scegliendo di esplorare questioni femminili più importanti. Nonostante la reputazione di Jameson è segnata per aver sparato a Peter Parker, senza averlo mai davvero licenziato, sembra che fosse serio nel lasciar andare Carol, sostituendola con un nuovo editore a causa delle diverse idee per la rivista.

house of m 7

7. La vita parallela a “Casa di M”

Non è un segreto che Carol Danvers abbia avuto una vita difficile nel corso della sua carriera da super eroina, ma il fatto che lei riesca a tirare sempre su la testa nonostante gli ostacoli incontrati sulla sua strada, dice molto del suo personaggio. Determinata a proteggere il pubblico a qualunque costo, Carol ha anche il forte desiderio di essere amata e rispettata dai civili che protegge. Questo è esattamente ciò che ottiene durante la storia di “House of M”, in cui Scarlet Witch altera drasticamente la realtà stessa, creando un mondo in cui molti degli eroi della Terra stanno vivendo i propri sogni personali. Tra questi eroi c’è Captain Marvel, diventata l’eroina più riconosciuta e amata del pianeta. Tuttavia, quando alla fine la realtà viene ripristinata, Carol è affranta dalla battuta d’arresto, ma alla fine riesce a servirsi di quell’esperienza per trasformarsi nella migliore versione di se stessa.

6. Ha scritto un articolo contro la NASA

Dopo i suoi anni formativi come membro della US Air Force, il passo successivo nella carriera di Carol Danvers superò di gran lunga le sue aspettative. Diventa la responsabile della sicurezza per la NASA. Danvers venne incaricata di seguire i movimenti dell’impero di Kree, cercando di scoprire di più sul guerriero Kree e sull’eventuale amico di Carol, Mar-Vell. Dopo aver stretto amicizia con quest’ultimo durante le loro avventure, Carol alla fine si imbatte nel dispositivo di Psiche e Magnetron che rendendola giovane eroina con i super poteri, i cui effetti collaterali includevano blackout persistenti. Naturalmente, questo – combinato con il suo fallimento nel riportare Mar-Vell alla NASA – ha messo a dura prova il suo ruolo di direttore della sicurezza, portando addirittura Carol a dimettersi. In seguito, Carol ha scritto un articolo rivelatore sulla NASA richiamando una  notevole attenzione, portandola a prendere parte alla redazione del Daily Bugle.

5. Ha avuto una crisi di identità

Sebbene molti supereroi assumono diversi mantelli nel corso delle loro rispettive storie, molto spesso hanno un’identità iconica che diventa sinonimo del loro personaggio. Carol Danvers è un’eccezione a questa regola. Inizialmente famosa per la sua identità civile, nelle pagine di Marvel Super-Heroes , diventa presto la sig.ra Marvel per diversi decenni – tanto da restare come uno dei titoli più riconosciuti del personaggio. Negli ultimi anni, tuttavia, Carol ha assunto il ruolo di Capitan Marvel – in omaggio al suo ex mentore – che probabilmente diventerà il soprannome più strettamente legato al personaggio grazie al film Captain Marvel del MCU . Oltre a questo, Carol è stata anche Binary – la versione di se stessa a energia cosmica – e Warbirds in uno dei periodi più bui del personaggio.

4. La fine della signora Marvel

È diventato come un rito di passaggio per i supereroi essere uccisi e riportati in vita in modo sempre più contorto, e questo riguarda anche Carol Danvers. Esiliata nel Limbo del controverso Avengers # 200, ci vuole del tempo prima che Carol possa ritornare. Poco dopo, Rogue assorbe in modo permanente i poteri e la personalità della signora Marvel. Durante la successiva lotta di Rogue con il controllo della presenza di Carol nella sua mente e nel suo corpo, una versione fisica della signora Marvel viene espulsa dalla sua forma fisica – sebbene la scaramuccia tra Rogue e Carol venga rapidamente interrotta quando Magneto uccide questa nella versione di Carol. In particolare, tuttavia, la signora Marvel viene assassinata nella trama del “Regno Oscuro”, dopo che Norman Osborn recluta Ghazi Rashid per ucciderla – il risultato finale finisce con la scomparsa della sig.ra Marvel prima dell’esplosione di energia.

3. Ha fatto parte di diverse squadre

Come civile, Carol sembra sempre avere un lavoro incredibilmente importante o altro, sia che lavori per l’Air Force, la NASA, la CIA o SHIELD. Tuttavia, come supereroe, Carol è ancora più impegnata, essendo un membro di spicco dei Vendicatori e delle sue varie squadre di spin-off tra cui i Nuovi Vendicatori, i Potenti Vendicatori e A-Force. Serve anche come membro fondatore degli Ultimate, mentre agisce come il leader del programma Alpha Flight Space. Nonostante non fosse un mutante, Carol guadagnò anche un posto temporaneo sugli X-Men, assistendo la squadra durante la sua guarigione. Per completare il tutto, Carol è stata associata agli Starjammers, ai Defenders, agli Excalibur e si è unita ai Guardiani della Galassia per un breve periodo.

2. Dipendenza da alcol

Nella storia della signora Marvel ci sono diversi momenti bui. Il personaggio in questione è stato sottoposto a una serie di tragedie in rapida successione – che includevano la morte brutale del suo fidanzato per mano di Mistica, il suo rapimento e il successivo lavaggio del cervello, torture, come  il suo depotenziamento ad opera di Rogue oltre alla perdita dei poteri acquisiti nei panni di Binary. In seguito a tutto ciò, Carol si unì agli Avengers come Warbird, durante i quali sviluppò una sfortunata – seppur comprensibile – dipendenza dall’alcol. Con la sua decisione di non dar voce alla sua sofferenza pesando pesantemente su di lei, il suo alcolismo ha avuto un impatto negativo sul suo lavoro di supereroe, e alla fine Carol è stata costretta a lasciare i Vendicatori. Tuttavia, con l’aiuto dell’altro alcolizzato Tony Stark riuscì a riportarla sulla strada giusta, facendo tornare Carol più forte che mai.

1. Il difficile fumetto numero 200 di Avengers

Ricordata come una delle storie più toste dei Vendicatori mai raccontate, il famigerato Avengers # 200 inizia con la signora Marvel che scopre improvvisamente e inaspettatamente di essere incinta. Come si è scoperto, la signora Marvel era stata rapita da un essere extra dimensionale di nome Marcus, che poi l’aveva intrappolata nel Limbo. Sottoposta a lavaggio del cervello e costretta a innamorarsi di Marcus, Carol era stata ingravidata dalla sua essenza contro la sua volontà, e rimandata sulla Terra per dare alla luce il suo violentatore. La storia ha suscitato notevoli critiche e indignazione per la sua liberazione grazie ai temi troppo oscuri del fumetto, così come alla noncuranza con cui sono stati affrontati gli eventi traumatizzanti della storia. Tra i molti detrattori della storia c’era nientemeno che il famoso scrittore Chris Claremont, il quale tentò di annullare la storia nell’Annuario # 10 dei Vendicatori – anche se ormai il danno era già stato fatto.

Consigliati dalla redazione

Continua a leggere

CineComics

Suicide Squad, Idris Elba al posto di Will Smith nel sequel

Pubblicato

:

suicide squad

Solo una settimana fa è stato riferito che Will Smith non riprenderà il suo ruolo di Deadshot nel sequel di Suicide Squad. Ora The Hollywood Reporter riporta che il regista James Gunn e la Warner Bros. hanno scelto Idris Elba (Pacific Rim, Star Trek Beyond) per sostituire Smith come il nuovo assassino esperto. L’attore, che è apparso in film a fumetti come The Losers e Heimdall nei film di Thor e Avengers, era apparentemente l’unica scelta dello studio.

Smith era dell’idea di tornare a far parte della squadra folle della Dc Comics, ma poi non ha trovato il tempo nel suo programma fitto di impegni. Margot Robbie, tuttavia, tornerà nei panni di Harley Quinn, anche se ancora non è chiaro se Rick Flagg sarà sempre Joel Kinnaman. L’ex regista dei Guardiani della Galassia James Gunn scriverà e dirigerà il sequel di Suicide Squad, che fungerà da soft reboot per il franchise. Deadshot è uno dei personaggi chiave del team di fumetti. Tuttavia ha fatto il suo debutto come cattivo di Batman prima di unirsi alla Squadra Suicida.

La Warner Bros. ha programmato Suicide Squad 2 per il 6 agosto 2021. Prossimamente Elba sarà presente in Hobbs & Shaw e al fianco di Tilda Swinton nel film di Mad Mill Director Three Milline Years of Longing di Mad Mill. Può anche essere visto nella serie di Netflix Turn Up Charlie.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Marzo, 2019

21Mar00:00A un Metro da Te

21Mar00:00Il professore e il pazzo

21Mar00:00Instant Family

21Mar00:00La Conseguenza

21Mar00:00Peppermint - L'Angelo della Vendetta

21Mar00:00Peterloo

21Mar00:00Il Venerabile W.

21Mar00:00Scappo a Casa

Film in uscita Mese Prossimo

Aprile

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X