Non c’è stato un mezzo minuto di trailer che non mi sia emozionato ricordando la mia esperienza passata” ha detto il regista dei primi due film di Ghostbusters al The Hollywood Reporter per quanto riguarda la reazione negativa al trailer del remoto che ha guadagnato numerosi dislike.

Ivan Reitman, regista del Ghostbusters del 1984 e del suo sequel del 1989, si è unito a Paul Feig, Tom Rothman e al cast del prossimo reboot al femminile in arrivo nelle sale per parlare in difesa del film. Parlando con la rivista americana in occasione dell’inaugurazione dell’ultima mostra sui Ghostbusters di Madame Tussauds, Reitman ha spiegato che il sabotaggio on-line verso il film con un team tutto al femminile è molto probabilmente guidato da anche hanno un particolare attaccamento emotivo al film originale, piuttosto che la misoginia.

Mi ha sorpreso un po’, ma poi ho capito che molte delle persone che scrivono avevano circa otto o nove anni quando il film del 1984 è uscito. Era una specie di momento fondamentale della loro vita” – ha detto – “Guarda, è una bella soddisfazione per me che il film sia una sorta di patrimonio per loro come una importante esperienza cinematografica nella loro vita.” Reitman, che è anche uno dei produttori del nuovo film, ha lodato il regista Paul Feig per la scelta di Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Leslie Jones e Kate McKinnon quando ha visto il film, paragonando la chimica delle attrici a quella del cast originale – Bill Murray, Ernie Hudson , Dan Aykroyd e Harold Ramis.

La cosa più importante è che le quattro donne sono spettacolari insieme” ha detto. “Sono esattamente al punto della loro vita in cui erano i miei Ghostbusters, in termini di realizzazione. Questo è il motivo per cui sono così sicuri che questo film andrà bene. Quando la gente le vedrà insieme, tutte le domande avranno risposta davvero velocemente.”

TRAILER GHOSTBUSTERS 2016