Sul terrazzo del Venice Beach (in pieno Beatles style) riecheggiano un sound familiare, un misto di hard-funk e hip hop e una voce inconfondibile.  Ma si sono loro! Anticipati dal singolo di lancio The adventures of Rain Dance Maggie, dopo 5 anni di assenza e l’addio (sembrerebbe definitivo) di John Frusciante ritornano i Red Hot Chili Peppers con la new entry e l’atteso 10° album, I’m with you.

Il singolo di lancio dà un assaggio di quel che è il panorama di questo lavoro composto da 14 tracce. I Red Hot appaiono all’ascolto più addolciti, alla ricerca del ritornello facile, a tratti malinconici, alla larga dai virtuosismi e lontani dai testi irriverenti che li hanno da sempre contraddistinti insieme al mix di hip hop e funk (quello c’è ancora).
Tra canzoni orecchiabili post-punk (Factory Of Faith),  o ballate rock come Brendan’s Deat Song (dedicata all’amico scomparso Brendan Mullen), richiami ai lavori precedenti (Ethiopia, Annie Wants a Baby ) e incursioni spiazzanti di tromba (Did I Let You Know), la band si (ri)presenta con un lavoro buono ma poco innovativo (se non per le strane sonorità aggiunte da Klinghoffer), a tratti scontato e rindondante. Un lavoro più pop e orecchiabile, con canzoni che mancano di carattere e che a volte danno la sensazione di non saper dove andare a parare.

Accontenterà i fans? Possibile, ma se siete in cerca di qualcosa di più cambiate album.

I’m with you sarà in vendita a partire dal 29 agosto seguito da un live che verrà trasmesso nei cinema di tutto il mondo (100 quelli italiani.)