Connect with us
brad pitt ad astra brad pitt ad astra

Cinema

Brad Pitt e l’Oscar | Un amore impossibile

Published

on

Il protagonista più importante della sua generazione. Un attore personaggio fenomenale intrappolato nel corpo di una celebrità di Hollywood. Un interprete sinonimo di celebrità che non ha mai ottenuto il dovuto. Comunque pensi a Brad Pitt, è innegabile che sia un attore che si è ampiamente guadagnato la sua incredibile carriera. Ci ha spesso stupito sul grande schermo e ha raccolto i frutti del suo lavoro come attore e produttore. Ma non tutti i riconoscimenti.

Pitt ha ricevuto un Oscar per la produzione di 12 anni schiavo, vincitore come miglior film del 2014, ma è tornato a casa a mani vuote tutte le volte che è stato nominato come attore. Ma la sua recente nomination come miglior attore non protagonista, per C’era una volta…a Hollywood! potrebbe cambiare finalmente le cose. Nel film di Tarantino egli veste i panni di uno dei personaggi più complessi dell’anno. Appare cool senza sforzo mentre è accattivante e discutibile allo stesso tempo. La sua interpretazione di Cliff Booth dà vita al personaggio con uno stile classico di Tarantino e alcune sfumature minori. È un’impresa incredibile per cui è pronto a vincere l’Oscar come miglior attore non protagonista.

In attesa della notte degli Oscar 2020 ripassiamo tutte le mancate vittorie e mancate nomination di Brad Pitt.

Leggi anche: I 10 migliori ruoli di Brad Pitt

Brad Pitt C'era una volta a Hollywood!

Brad Pitt in C’era una volta a Hollywood!

L’Esercito delle 12 Scimmie: Miglior Attore Non Protagonista

Bruce Willis potrebbe sembrare la star di questo film, ma l’eccentrica performance di Brad Pitt nei panni di uno psicopatico, è il ruolo di spicco del film di Terry Gilliam. La sua interpretazione di Jeffrey Goines è stata inaspettata e virtuosa. Ogni contrazione e balbuzie, ogni gesto e ogni dettaglio ostentato sono perfettamente misurati per trovare l’equilibrio tra gli eccessi e i dettagli coerenti con il personaggio. Ci sono momenti in cui Pitt è praticamente irriconoscibile mentre scompare nel ruolo. È stato almeno nominato per questo film, ma non ha avuto altre soddisfazioni.

brad pitt 12 scimmie

Brad Pitt in L’Esercito delle 12 Scimmie

Seven: Miglior Attore

Pitt haofferto una delle migliori esibizioni della sua carriera come il detective David Mills in Seven e non ha nemmeno ottenuto una nomination. Egli guida in ogni secondo il film di David Fincher, vendendo l’ingenuità del personaggio nel modo più umano possibile. Il suo crescendo di performance brillantemente realizzata con un finale indimenticabile è da crepacuore quando assiste alla terribile tragedia nel finale e si lascia trasportare dal nichilismo infuocato del film.

Curiosità: 10 stoner movie da rivedere

seven Pitt

Brad Pitt e Morgan Freeman in Seven

Fight Club: Miglior Attore Non Protagonista

Nei panni di Tyler Durden Pitt sa come manipolare la sua immagine da ragazzino e renderla qualcosa di inquietante.  Deforma la sua percezione come l’apice della mascolinità per esporre la tossicità di un simile personaggio. Essere assolutamente distrutti assicura che i nostri occhi siano incollati a lui, ma anche completamente vestito è enigmaticamente affascinante. Come nel caso di L’Esercito delle 12 Scimmie, Pitt mostra la sua capacità di vendere un personaggio indifferente, ma qui c’è un forte senso di anarchia senza scopo che rende una performance ancora più minacciosa. Tyler Durden è un personaggio infernale da vendere e Pitt lo fa magistralmente. È una testimonianza del suo lavoro nel film che Tyler può leggere in modo diverso ad ogni rewatch.

L’Assassinio di Jesse James: Miglior Attore

Non c’è dubbio che Pitt avrebbe dovuto almeno essere nominato per L’assassinio di Jesse James di Robert Ford. Questa svista è irrispettosa nei confronti di una delle esibizioni più ingegnose della sua carriera. Come molti dei migliori ruoli di Pitt, la sua interpretazione dell’omonimo fuorilegge è abilmente realizzata attorno al suo personaggio da protagonista e al suo status più che reale. Mentre la tradizione di Jesse James incombe, Pitt trova le sfumature e i momenti dell’umanità nella figura iconica ed è brillantemente risoluto nel farlo. È imponente e deciso senza essere freddo. I dettagli minori si fanno strada sia nella narrazione che nel suo personaggio centrale. La sua interpretazione discreta e sottilmente sbalorditiva è stata facilmente trascurata, ma ciò non lo rende meno sorprendente.

pitt jesse james

Brad Pitt in L’Assassinio di Jesse James

Il curioso Caso di Benjamin Button: Miglior Attore

Questo ha segnato solo la seconda volta che Pitt è stato nominato per una categoria di recitazione, ma ancora una volta l’Academy non ha riconosciuto il lavoro fatto. Nell’epico testamento di Fincher sul significato trovato in una vita vissuta in circostanze particolari, il lavoro di Pitt è ineguagliato e straordinariamente in sintonia con un personaggio che avrebbe dovuto essere una sfida incredibile per l’attore. In Il curioso caso di Benjamin Button, Pitt interpreta l’omonimo protagonista inverso con destrezza e perspicacia. Imprime la meraviglia della giovinezza nel Benjamin più anziano, mentre ordina con attenzione i suoi movimenti in modo da essere in linea con le lotte per vivere in un corpo più vecchio di lui. Interpretare un personaggio nel corso degli anni può essere scoraggiante da solo, ma Pitt ha affrontato sfide senza precedenti come attore ed è stato anche qui all’altezza dell’occasione. Potrebbe non aver vinto l’Oscar, ma si è distinto per aver portato il film di Fincher ad alti livelli al fianco di Cate Blanchett.

Burn After Reading: Miglior attore non protagonista

Nei panni di Chad, Pitt è esilarante nella commedia nera dei fratelli Coen. Il suo tempo sullo schermo è relativamente breve, ma eccelle in ogni occasione per essere stupidamente accattivante e confuso. Questo non è il tipo di performance che tende ad attirare la considerazione dei premi, ma una nomination o nessuna nomination, nulla può togliere alle capacità di Pitt.

moneyball Pitt

Brad Pitt in Moneyball

Moneyball: Miglior Attore

La terza nomination all’Oscar per la recitazione di Pitt è arrivata con il suo ritratto del direttore generale di Oakland A Billy Beane in Moneyball di Bennett Miller. Come prevedibile, Pitt è profondamente consapevole di come regalare momenti di umorismo attraverso gesti sottili come lo sputare un cappuccio della penna. Ma ciò che eleva il suo lavoro è quanto meravigliosamente vissuta e realistica sia la sua esibizione. Pitt dà l’impressione che la mente di Billy stia sempre facendo gli straordinari, che cerchi sempre in silenzio di vedere il quadro completo, che stia affrontando i suoi limiti. Questa performance, insieme al brillante lavoro di Pitt dello stesso anno in The Tree of Life, è un vero segno della sua maturità come attore.

I suoi anni più giovani si sono prestati alla sua capacità di interpretare personaggi maniacali, ma negli ultimi anni egli ha mostrato una comprensione di come infondere saggezza e prospettiva nelle sue interpretazioni di personaggi che hanno vissuto abbastanza a lungo da provare il senno di poi, ma lo fa senza fare affidamento sul sentimentalismo facile. Come con Jesse James e Benjamin Button, Pitt trasmette una sicurezza nel suo personaggio che è incredibilmente affascinante.

Ad Astra: Miglior Attore

Quest’anno l’attenzione della stagione dei premi è giustamente rivolta al lavoro di Pitt in C’era una volta…a Hollywood, ma ciò non dovrebbe mettere in ombra la sua interpretazione genialmente sbalorditiva in Ad Astra. Pitt è perfettamente in sintonia con il film di James Gray e offre una performance impressionante come un astronauta che mette in discussione le aspirazioni e le fonti di conflitto ereditate dal padre assente. Questa è una performance che si basa su un interrogatorio personale sulla mascolinità.

Richiede una profonda comprensione dei gesti sfumati ma performativi di qualcuno intento a mantenere il proprio io interiore nascosto da tutti coloro che lo circondano. Era altamente improbabile che Pitt avrebbe ottenuto una nomination per questo film, ma Ad Astra ha avuto un ruolo inestimabile nel suo incredibile anno passato, e merita di essere ricordato come una delle sue più grandi interpretazioni.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Cinema

Mission Impossible 7 | le riprese con Tom Cruise continuano a Venezia

Published

on

tom cruise police newscinema compressed

Continuano senza stop le riprese del settimo capitolo del film Mission Impossible con protagonista Tom Cruise nuovamente nei panni dell’agente Ethan Hunt. Grazie agli scatti che potrete vedere al centro della pagina, avvenuti a opera di Stefano Mazzola, l’attore rigorosamente con la mascherina durante i momenti di pausa, ha salutato tutte le persone accorse lì per lui.

Tom Cruise e le riprese a Roma

Come vi abbiamo mostrato qualche settimana fa, la squadra di Mission Impossible 7 è tornata in Italia, per riprendere a girare a Roma, dopo lo stop forzato del marzo scorso a causa del coronavirus. Cruise diretto dal regista Christopher McQuarrie e dal resto del cast per alcune settimane ha ‘bloccato’ il cuore di Roma, girando molte sequenze d’azione nel Rione Monti e ai Fori Imperiali.

Tra un inseguimento e un altro per le vie del centro, tutta la squadra si è mossa verso il nord Italia, per approdare nella suggestiva Venezia, come viene mostrato in questi scatti.

Leggi anche: Mission Impossible 7 | video dal set a Roma in esclusiva per NewsCinema

Leggi anche: Tom Cruise nello spazio per il prossimo film | svelata la data di partenza

Mission Impossible 7 direzione Venezia

Come era stato preannunciato mesi e mesi fa, nonostante il periodo delicato che il nostro Paese sta attraverso a causa del COVID-19, tutta l’equipe si è spostata a Venezia. Tom Cruise insieme a Pom Klementieff, Hayley Atwell e Simon Pegg, in questi giorni saranno presenti nei tipici canali della città lagunare, per girare le ultime sequenze d’azione, prima di tornare negli Stati Uniti.

Il debutto nelle sale americane del settimo film è previsto per il 19 novembre del 2021. Di conseguenza, l’ottavo già in programma, dovrebbe arrivare agli spettatori di tutto il mondo dal 4 novembre del 2022.

Continue Reading

Cinema

Matthew McConaughey rivela di essere stato vittima di abusi

Published

on

matthew mcconaughey abusato ragazzo rivelazione shock v3 476107 1280x720 1

L’attore Matthew McConaughey affida al suo libro «Greenlights» il racconto di alcune drammatiche esperienze passate che fino a questo momento non aveva rivelato. “A 18 anni fui molestato da un uomo mentre avevo perso i sensi nel retro di un furgone”, racconta l’attore tra le pagine del libro autobiografico.

Le rivelazioni di McConaughey

L’attore premio Oscar grazie alla sua interpretazione in Dallas Buyers Club ha scritto di non essersi “mai sentito una vittima”, ma anzi di “aver avuto molte prove che il mondo stesse cospirando per rendermi felice”. L’attore racconta anche di un altro episodio di cui fu vittima da ragazzo: “Fui ricattato per fare sesso per la prima volta a 15 anni. Ero certo che sarei andato all’inferno per questo rapporto prematrimoniale. Oggi spero davvero che non sia così”.

Il rapporto con il padre

Tutto il suo vissuto doloroso è stato raccontato nelle pagine di «Greenlights», libro in cui McConaughey, oggi sposato con la modella Camila Alves, da cui ha avuto tre figli, racconta anche del matrimonio burrascoso fra i genitori e del difficile rapporto con il padre James. L’attore definisce la figura paterna “burbera e rigida, ma mi ha insegnato come essere un uomo”. Dal 2016 Matthew McConaughey è uno dei sostenitori del programma contro gli abusi sessuali messo in piedi dall’Università del Texas. 

Continue Reading

Cinema

Rebecca | la recensione del remake Netflix con Lily James

Published

on

rebecca film in streaming su netflix trama cast e uscita

Rebecca – La prima moglieè stato il solo film del leggendario Alfred Hitchcock a vincere un Oscar per il Miglior film (un dato incredibile se si considera la lunghissima filmografia del cineasta britannico). Il capolavoro hitchcockiano fu ispirato dal celebre classico della letteratura scritto da Daphne du Maurier nel 1938. Nel corso degli anni quella storia ha subito diversi adattamenti: uno radiofonico a cura di Orson Welles, film e miniserie televisive (con interpreti del calibro di James Mason, Jeremy Brett, Charles Dance e Diana Rigg). Degli oltre 15 romanzi che la scrittrice ha prodotto nei suoi 40 anni di carriera, nessuno è stati più amato di Rebecca, la prima moglie.

Adesso tocca a Ben Wheatley, enfant terrible del cinema indipendente a cui si devono film come Kill List e A Field in England, mettere mano a quel racconto. 

Rebecca | il remake di Ben Wheatley

Se gli appassionati della filmografia di Wheatley faticheranno a riconoscere la sua mano, le sue trovate visive (ad esclusione di qualche digressione onirica francamente evitabile) e la sua voglia di scardinare i meccanismi che governano il cinema di genere, è facile capire cosa abbia spinto il regista britannico ad accettare di dirigere la sceneggiatura scritta a sei mani da Jane Goldman, Joe Shrapnel e Anna Waterhouse. Scegliendo di non fare un remake del precedente adattamento hitchcockiano, ma rimanendo invece fedele al romanzo originale, Wheatley “inganna” il suo pubblico proponendo un film dalla risoluzione della vicenda solo apparentemente più lieta, ma invece caratterizzata da un profondo pessimismo.

image 1

Il personaggio di Maxim (interpretato da Armie Hammer) è infatti un altolocato “white man”, manipolatore e abituato a non pagare mai per i propri misfatti. Nonostante quindi lo sguardo decisamente più benevolo riservato al personaggio femminile di Lily James, le sue scelte sembrano sempre il frutto dell’influenza negativa esercitata da Maxim (le cui parole vengono qui messe costantemente in discussione, a differenza di molti adattamenti precedenti).

Un film diviso in due

Il film è rigidamente diviso in due sezioni: la prima, ambientata a Monte Carlo, costruita come un melodramma in costume, la seconda, che si svolge nella tenuta della Cornovaglia di Manderley, che guarda invece al thriller gotico. Wheatley sceglie quindi di adottare un approccio diverso per ciascuna delle due sezioni. Se le scene in Francia sono presentate con colori vivaci e uno sfondo lussureggiante, quelle inglesi sono più cupe e orrorifiche (atmosfere rispetto alle quali il regista si sente chiaramente più a suo agio). 

rebecca c e sapere film netflix lily james armie hammer v3 475916

Cambiare il senso del racconto

Come già aveva fatto Sofia Coppola con il suo adattamento del romanzo A Painted Devil del 1966, costruendo un period drama in costume impeccabile ed inserendo solo alla fine l’inquadratura in grado di cambiare completamente il senso del racconto rispetto al precedente adattamento cinematografico (La notte brava del soldato Jonathan del 1971 diretto da Don Siegel), così Wheatley trova proprio nel finale la chiave di lettura per attualizzare il romanzo di Daphne du Maurier. E lo fa rendendo evidente allo spettatore la natura fasulla di una serenità che non è tale.

Nessuna recensione trovata! Inserire un identificatore per la recensione valido.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari