Connect with us

Non categorizzato

Gli Intoccabili compie 30 anni: un cult che non invecchia

Published

on

Il 2 giugno 1987 arrivava nelle sale The Untouchables – Gli Intoccabili, il capolavoro di Brian De Palma ispirato dalla autobiografia dell’agente federale Eliot Ness. Sono passati trenta lunghi anni da quel fatidico giorno, e ci ritroviamo oggi a celebrare il compleanno di un cult che nel corso del tempo non ha perso un briciolo del suo carisma e della sua iconicità. Dopo essere entrato nel mondo della malavita con Antonio Montana (Scarface) e prima di narrare le vicende di Carlito Brigante (Carlito’s Way), entrambi personaggi di fantasia, Brian De Palma con questo suo gangster movie decise di raccontare un momento particolare della vera storia di Al Capone, pur con ampie licenze narrative. 

De Niro è Al Capone

“Dio non ama i codardi”

A dar corpo e voce al “gangster dalle mutande di seta” c’è il grande De Niro, in uno dei ruoli chiave della sua carriera. Il celebre attore americano rappresentava secondo il regista la variabile non calcolabile di tutta la storia, grazie al suo modo di esprimersi prettamente americano (memorabile la scena con la mazza da baseball), marcatamente diverso dalle interpretazioni più moderate ed “inglesi” di Costner e Connery. De Niro, che con il regista della New Hollywood collaborava già dai mid-sixties, si rasò i capelli e mise su un bel po’ di peso per impersonare al meglio Al Capone, ma il tempo a sua disposizione non gli permise di raggiungere la taglia desiderata e così fece ricorso al metodo dei cuscini. Proprio come il gangster americano indossò biancheria di seta, e per questo motivo fece discussione con la produzione (che riteneva invece inutilmente dispendiosa la richiesta dell’attore). De Niro non imparò il copione a memoria: i dialoghi venivano quindi studiati insieme a De Palma durante le lunghissime pause per il make-up solo prima di girare le scene. 

Prima di ingaggiare Kevin Costner per il ruolo di protagonista (De Palma pensava invece a Don Johnson, star di Miami Vice), il regista si confrontò con i suoi amici Steven Spielberg e Lawrence Kasdan per un parere da “addetti ai lavori”. Entrambi avevano già collaborato con Costner e rassicurarono il regista: Kevin era il suo uomo. Anche Sean Connery, come racconta De Palma nel documentario omonimo di Noah Baumbach, accettò senza troppe esitazioni, pur di uscire dalla gabbia di James Bond in quegli anni valutava ogni nuova proposta. Dopo aver saputo della scena in cui il suo personaggio viene crivellato di proiettili subito fuori dalla propria abitazione, però, Connery divenne furioso con il regista. A quel punto De Palma ironicamente gli domandò: “Ma come, sei stato James Bond per tutti questi anni e non hai mai preso qualche proiettile ?”. A causa di quella ripresa il povero Connery ebbe pure un problema con della polvere negli occhi, che gli costò una infezione ed un immediato viaggio al pronto soccorso. Nonostante ciò il regista dimostrò comunque di avere un grande coraggio, richiamandolo per un secondo take. 

Il regista Brian De Palma con Ennio Morricone, compositore della colonna sonora

“Non siete mai stato a Chicago”

Ma come spesso avviene sui set di Brian De Palma, molte trovate (divenute poi delle scene cult nel corso degli anni) vennero improvvisate ed ideate sul momento. Tra queste la scena della carrozzina che scende le scale durante una sparatoria, chiaro omaggio a quella celeberrima de La corazzata Potëmkin. La macchina da presa si muove seguendo i protagonisti come se fossero personaggi di un horror (genere a cui il regista deve parecchio), in accordo con lo stile di De Palma, essenziale ma allo stesso tempo studiato per rendere ogni scena eccitante da seguire per lo spettatore. In alcuni momenti la tensione è talmente palpabile che si è indotti a staccare gli occhi dallo schermo. 

Lo sceneggiatore David Mamet fu molto deluso dalla repentina eliminazione di una scena di azione sul treno, secondo lui essenziale per la narrazione. Quella stessa sequenza, opportunamente modificata, fu invece usata dal regista per il successivo Carlito’s Way. Pur non essendoci nessuna conferma, per lungo tempo si è parlato di un seguito mai realizzato dal presunto nome di The Untouchables: Capone Rising, con Nicolas Cage nei panni del giovane gangster. Ma forse è proprio grazie alla sua unicità che Gli Intoccabili ha lasciato una eredità davvero incalcolabile, rappresentando una delle vette più alte mai toccate nel genere “gangster movie”. Il fatto che a distanza di trent’anni siamo ancora qui a parlarne e a tesserne le lodi dimostra inconfutabilmente una cosa: il cult di Brian De Palma non è “solo chiacchiere e distintivo”

Giornalista cinematografico. Fondatore del blog Stranger Than Cinema e conduttore di “HOBO - A wandering podcast about cinema”.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non categorizzato

Crypto Bros: storia del big fail per l’acquisto dei diritti di Dune di Jodorowski

Published

on

Sta facendo notizia il colossale fail di un gruppo di crypto bros, il quale avrebbe sborsato la bellezza di 2,66 milioni di dollari per il Dune di Jodorowski. Proprio così, ed è abbastanza inutile cercare in rete o sulle piattaforme di streaming perché la trasposizione filmica di Dune, romanzo cult di Frank Herbert non è stata realizzata dal poliedrico artista cileno. Alejandro Jodorowski fu infatti il primo regista e sceneggiatore che ebbe l’intuizione geniale di portare sul grande schermo l’opera mondo di Frank Herbert.

Nonostante la prima edizione del romanzo di fantascienza sia arrivata in Italia solo nel 1973, dopo la sua pubblicazione nel 1965 fece parlare di sé e non poco, visti i premi e il numero di seguaci che attirò dopo la sua pubblicazione. Non a caso questo romanzo ha venduto nel tempo oltre 12 milioni di copie, cifra che lo rende il libro di SCI-FI in assoluto più acquistato di sempre. È inutile dire come questo romanzo abbia ispirato opere di assoluto valore commerciale e artistica, prima tra tutte la saga di Star Wars ideata dal produttore e regista di Hollywood George Lucas. 

Tuttavia bisogna riconoscere che l’intuizione e il fiuto per l’idea di Jodorowski fu in netto anticipo rispetto ai tempi. Ci fu proprio durante la metà degli anni settanta del secolo scorso il tentativo di realizzare questa prima versione cinematografica, con il regista sudamericano che chiamò a raccolta un gruppo di professionisti di grande livello, tra cui figuravano i Pink Floyd per la colonna sonora, Orson Welles, Salvator Dalì e Mick Jagger. Nonostante l’opera non verrà poi portata a compimento, esiste un famigerato libro di Dune di Jodorowski, sulla possibile realizzazione del kolossal fantascientifico. Oggi naturalmente si torna a parlare di Dune, dato che è da poco uscita la seconda versione cinematografica realizzata dal regista canadese Denis Villeneuve, il quale pur non convincendo del tutto la critica, ha avuto dalla sua il pubblico che ne ha determinato il successo ai botteghini. Prima però c’era stato il tentativo riuscito da parte di David Lynch, il quale però non ebbe la stessa fortuna del giovane collega canadese. 

Il Dune prodotto da Le Laurentiis è infatti uno dei clamorosi flop di metà anni ottanta, compresso probabilmente da opere meno ambiziose, ma più riuscite come lo stesso Il ritorno dello Jedi, terzo capitolo di Star Wars di Lucas. Tornando però al big fail di crypto boys, l’acquisto del libro Dune di Jodorowski, per la cifra record di 2,66 milioni di dollari. Partendo dal presupposto che il volume con appunti, scene e storyboard realizzato da Alejandro Jodorowski è abbastanza introvabile, dato che ne esistono circa 10-15 copie, il valore di mercato si aggira sui 30-35 mila euro. Motivo per cui c’è stato un grande fraintendimento, visto che i promotori di Spice DAO (questo il nome dei crypto boys) lo ha pagato cento volte il suo reale valore, con la convinzione di detenere i diritti di Dune, in termini filmici. 

Dopo l’acquisto infatti Spice DAO ha pubblicato un post su Twitter dove con entusiasmo viene descritto un piano che riguarda la pubblicazione del testo, la produzione di una serie animata ispirata al libro e il sostegno a eventuali progetti collaterali. Come ben sappiamo tutto questo è stato commentato come una grande figuraccia da parte della società, visto che proprio in questo momento è facile trovare in libreria e sui portali di streaming la versione originale di Dune, realizzata da Denis Villeneuve. Non solo, da Dune sono stati tratti anche diversi giochi, uno da tavolo e molti di genere action e avventura. Il settore del gioco online in questi ultimi anni gode di un successo clamoroso, come si può vedere attraverso la realtà casino.netbet.it per il contesto del gambling online. 

Continue Reading

Non categorizzato

Linkem & GF 2021

Published

on

In occasione della nuova partnership con il Grande Fratello VIP 2021, Linkem ha lanciato un concorso a premi dal 27 settembre 2021 al 15 dicembre 2021. Si chiama “Vinci il GF VIP con Linkem” ed è aperto a clienti e non.

Per partecipare, gli utenti dovranno completare la procedura di registrazione sull’apposita landing page al seguente link, compilando i campi indicati e se saranno i fortunati vincitori dell’estrazione finale potranno vincere:

·      n. 1 TV 4k 82” UHD

·      n. 5 tablet Galaxy Tab S7+5g

·      n. 12 Box brandizzate Linkem e GF VIP contenenti: una t-shirt, una tazza e un quaderno

Altre iniziative Linkem + GF Vip 2021

Mercoledì 27 ottobre Linkem ha fatto atterrare nella casa del GF Vip un drone con un messaggio misterioso per uno dei concorrenti, senza però conoscere né il mittente né il destinatario di questo messaggio e lasciando così i concorrenti nella curiosità più totale. Abbiamo scoperto i protagonisti del misterioso messaggio solo durante la live del venerdì successivo in prime time, quando la figlioccia di Jo Squillo, Michelle Masullo, è entrata nella casa a sorpresa regalando forti emozioni al pubblico e alla cantante milanese. Guardate la clip sul sito: https://www.linkem.com/gf-vip.

In puntata abbiamo potuto assistere alle spettacolari riprese dall’alto effettuate dal drone, trasmesse sul tablet del pilota con definizione Ultra HD. Linkem è un’azienda leader nel settore della costruzione e gestione di reti wireless a banda ultra-larga da oltre dieci anni e incoraggia lo sviluppo di servizi innovativi 5G in tutto il Paese. I clienti possono contare su una rete veloce ed efficiente, sia per strumenti di lavoro sia per le varie soluzioni di intrattenimento online.

Come le reti FWA, le reti 5G sono basate su tecnologie miste fibra – radio per abilitare in modalità wireless connessioni ad altissima velocità e con bassissima latenza in grado di supportare lo sviluppo dell’Internet of Things (IoT), ovvero la connessione in rete di migliaia di oggetti intelligenti.

Linkem ha già attivato in centinaia di comuni la sua nuova e velocissima rete 5G. Con l’offerta dedicata 5G Maxi Promo 20 Anni l’utente può fruire di una connessione internet ultraveloce fino a 1 Gigabit senza linea fissa e senza limiti di traffico a soli 19,90€ al mese per i primi 6 mesi anziché 26,90€ al mese. E con l’opzione voce Parla&Naviga può usufruire di chiamate illimitate da casa verso mobili e fissi nazionali con tecnologia VoIP senza nessun costo aggiuntivo.


<img src="https://upstory.it/img/upstory_sponsored_light.png"
    width="151" height="18" style="width: 151px; height: 18px;">
Continue Reading

Non categorizzato

Venezia 78: Il Paradiso del Pavone, una famiglia sconnessa

Published

on

Il Paradiso del Pavone nasce da una collaborazione Italia-Germania ed è stato presentato al 78° Festival di Venezia nella sezione Orizzonti. Diretto da Laura Bispuri e scritto dalla stessa in collaborazione con Silvana Tamma.

Il Paradiso del Pavone: la sinossi

Un giorno d’inverno Nena riunisce la propria famiglia allargata per festeggiare il compleanno tutti insieme, compreso il pavone di Alma, l’unica bimba del gruppo, figlia di Adelina e Vito.

Rinchiusi in questa casa, saranno da una parte complici dall’altra spettatori, di una sequela di altarini che verranno a galla e di dinamiche talvolta scomode, che li porteranno sul finale a una resa dei conti necessaria alla pace interiore. 

Il Paradiso del Pavone: parenti serpenti

Decentrato da quello che vorrebbe provare ad essere, questo film è scandito da un tempismo non totalmente errato, ma piuttosto confusionario a livello di scrittura. Tra intrecci improbabili, personaggi che appaiono e nessuno si chiede perché rimangano senza motivazione e dialoghi talvolta poco sensati, si struttura una narrazione indecisa e spesso anticlimatica.

Poco intrigante anche a livello interpretativo, con una Alba Rohrwacher sottotono e personaggi sconnessi, il film vive di scene disegnate su atteggiamenti deliranti figli di caratteri che contrastano perfino col loro stessi.

Ad un certo punto pare di essere spettatori di un gruppo di deliri che vengono snocciolati senza collante narrativo. Interessante è la raffigurazione della figura femminile che viene rappresentata attraverso molteplici e differenti personalità.

Lo stesso si può affermare per il ruolo di madre, anche qui proposto tramite diversi modi di agire, sensibilità e comportamenti. La femminilità è potente e manifestata con fluidità, delineando un quadro chiaro di ciò che le scelte comportano giuste o sbagliate, nel bene o nel male.

La famiglia dovrebbe di certo essere un punto saldo del racconto, attorno al quale costruire una ramificazione di conseguenze imbastite di problematiche e riflessioni sociali.

Questo almeno è quello che ci si aspetta, ma purtroppo viene trasposto in maniera così superficiale e provvisoria che non rimane impressa. Moralismi, discussioni, questioni economiche, incomprensioni e tensioni di coppia, questi alcuni degli elementi che fuoriescono da una pellicola che possiede ben poco amore ed emotività.

E’ un peccato quando si ha del potenziale e lo si sfrutta in maniera ostile, allontanando anziché catturare.

Riesce bene nel seminare citazioni e frasi da cioccolatino, che però stridono con ciò che nel concreto viene messo in scena. Sequenze interminabili ed inutili sul finale, mirerebbero a creare complicità ed empatizzare, finendo invece per annoiare e diluire anche quel poco di contenuto che possiedono.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari