Connettiti a NewsCinema!

Horror Mania

IT, perchè questo grande successo fa ben sperare nel futuro del cinema americano

Pubblicato

:

Il nuovo IT di Andrés Muschietti è arrivato in sala anche da noi e ha già registrato (come prevedibile) numeri da capogiro, incassando circa 6,4 milioni di euro nel primo week-end. Questo nonostante una release italiana spostata di qualche mese in avanti rispetto a quella degli altri Paesi, con il rischio di prestare il fianco alla pirateria.

Ma se negli USA la critica ha speso solo parole di elogio per questa trasposizione, esaltandone il cast e la regia, non è mancato qualche sopracciglio alzato invece tra la critica nostrana, da sempre meno accondiscendente. La verità, come spesso accade, sta nel mezzo: le accuse di aver in qualche modo “ripulito” la storia da quella sporcizia che invece albergava sotto le unghie del romanzo di King, con le sue ossessioni morbose e le sue digressioni scandalose, sono vere e fondate. Ma forse non si poteva fare altrimenti.

Perché quella che sembrerebbe a prima vista una dozzinale canonizzazione del romanzo originale, che smussa gli spigoli e ne copre le vergogne, è solo la veste moderna (adatta al nuovo gusto cinematografico ed alle sue logiche) indispensabile per rendere IT qualcosa di digeribile dalla grande massa di spettatori per cui è stato pensato. È naturale quindi che nel processo di rielaborazione del materiale originale si perda nuovamente (come già avveniva nella miniserie del 1990) quella complessità che ha invece reso grande il tomo di Stephen King. Non è un caso che lo script di Cary Fukunaga, decisamente più controverso ed “autoriale”, come magari sarebbe piaciuto ad un determinato gruppo di spettatori, sia stato scartato senza troppe remore.

Una rielaborazione moderna ed efficace

Quella del regista argentino è la visione di un classico che si arroga addirittura il diritto di mischiare alcune sottotrame relative ai personaggi principali e spostare la narrazione di una trentina di anni in avanti per entrare nel solco di quei prodotti televisivi e cinematografici che della nostalgia per gli “eighties” hanno fatto un marchio di fabbrica. Una volontà, quella di inserirsi nella nuova tradizione dei revival, che è chiara nei rimandi metacinematografici di cui è pregno e nei piccoli “easter egg” nascosti (altra caratteristica dei blockbuster contemporanei che tanto stuzzica gli appassionati). Ma il sapore anni ’80 in questo caso è garantito dalla bravura del regista nell’assorbire quei riferimenti, metabolizzarli e da lì creare un’opera in grado di reggersi da sola, senza cadere in ciniche operazioni costruite a tavolino.

E nonostante in questo nuovo IT non ci sia una sola idea davvero inedita su come trattare la paura ed incutere timore attraverso il linguaggio del cinema, l’eleganza di Muschietti emerge nella maniera del tutto personale con cui mette in scena una idea visiva del terrore raffinata e dal grande impatto, adattandola al tempo che cambia (non c’è nessun mostro della Universal che prende vita e un po’ dispiace che nessuno abbia pensato di inserire Freddy Krueger) e rendendola coerente con il racconto. La CGI non prende mai il sopravvento sugli attori in carne ed ossa e su quel gusto artigianale di costruire la tensione con gli elementi di scena ed il trucco. Gli appassionati del genere saranno contenti di sapere che il magro “saltatore” è in realtà il camaleontico Javier Botet di Crimson Peak e La Madre

Non c’è quella vena mitopoietica del romanzo originale, che andava a sfociare persino nella cosmogonia, ma la rappresentazione di Pennywise come un feticcio delle paure dei giovani protagonisti: paure che sono appunto infantili, grottesche e persino involontariamente ridicole (non a caso gli “incubi” più cupi sono quelli di Beverly, la più grande anagraficamente). Ed è proprio in questo senso che IT svolge un lavoro fenomenale nella “storia di formazione”, grazie anche ad una selezione del cast davvero sopraffina e dalle pochissime sbavature. Se King dedicava un centinaio di pagine a personaggio, la versione cinematografica, che non può per ovvie ragioni prendersi così tanto tempo per presentare i propri protagonisti, non solo riesce a dare una backstory appassionante e credibile ai giovani ragazzi (anche se non a tutti), ma riesce persino a lasciare intravedere quel “male” più esteso che è la comunità di Derry nel suo insieme. È un cinema in grado di inscenare il marcio di una cittadina che si alimenta di nefandezze e cattiverie ed allo stesso tempo di dare forza ai personaggi che queste malvagità combattono.

Il “rating-R” non è più qualcosa da evitare

Ma c’è un aspetto prettamente commerciale che non va sottovalutato e che può rappresentare davvero un momento di cambiamento per una industria (quella del cinema americano) che spesso viene accusata di tirare i remi in barca e di perdere coraggio quando si parla di progetti dalle grandi aspettative economiche. Dopo il clamoroso successo di Deadpool qualcosa è cambiato nel modo di pensare il blockbuster ed il famigerato “rating-R”, che impone un divieto in sala per le fasce di pubblico più giovani, è passato da tabù a ghiotta occasione per puntare anche ad un target di persone interessate ad opere più dirette e meno edulcorate. E se già Logan (ed il suo successo al box office) aveva in qualche modo confermato questo trend, adesso gli incassi record di IT possono decretare la nascita di una nuova idea di cinema adulto ma popolare.

Pur non rappresentando certamente la festa del gore e dello splatter, questa nuova trasposizione del romanzo di King non viaggia con il freno a mano e riesce ad indovinare alcune sequenze dalla grande inquietudine (tenendo sempre ben in mente la giovanissima età delle vittime che non permette la stessa libertà di azione che si ha quando si lavora con protagonisti quarantenni). In questo Muschietti riesce cambiando radicalmente pelle anche al proprio antagonista: il Pennywise di Bill Skarsgård è decisamente più demoniaco e meno umano del suo predecessore televisivo, che basava invece la sua forza sulla somiglianza con i veri clown del circo.

Così IT non solo rappresenta un horror ben confezionato e dai valori produttivi altissimi, ma anche una boccata di aria fresca in un genere che spesso vive di estremi, tra la violenza esibita di Saw ed Hostel e quella camuffata di certi prodotti per teenager. Muschietti cerca invece di coinvolgere una nuova generazione di spettatori e contemporaneamente attirare, con il pretesto della nostalgia, chi ancora ricorda il giorno in cui da bambino è rimasto traumatizzato dal pagliaccio di Tim Curry

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Noi, la recensione dell’incubo di Jordan Peele fra ironia e terrore

Pubblicato

:

Noi

Dopo l’inquietante Scappa – Get Out il regista Jordan Peele torna al cinema con un nuovo thriller spiazzante e coinvolgente, intitolato Noi (titolo originale Us), al cinema dal 4 Aprile con Universal Pictures. L’idea alla base della sceneggiatura si ispira all’episodio Mirror Image della celebre serie The Twilight Zone – Ai Confini della Realtà che andava in onda tra il 1959 e il 1964, presentando alcune storie brevi di fenomeni paranormali e fatti bizzarri.

Noi racconta la storia di una donna di nome Adelaide, interpretata da Lupita Nyong’0, che torna alla sua casa di infanzia al mare con il marito e i due figli per passare le vacanze estive. Tormentata da un trauma irrisolto del passato e sconvolta da una serie in coincidenze alquanto inquietanti, Adelaide sente crescere e materializzarsi la sua ossessione e capisce che sta per succedere qualcosa di brutto alla sua famiglia. Dopo una giornata in spiaggia, la famiglia Wilson torna a casa e, quando cala la notte, il figlio maschio nota sul dialetto di casa quattro figure che si tengono per mano nella penombra. Nonostante le minacce del Signor Duke che gli intima di sparire e allontanarsi dalla loro casa, questi oscuri personaggi si avvicinano a loro rivelando la loro identità: sono quattro copie esatte dei componenti della famiglia Wilson.

Noi film

Una scena dal film Noi

Lupita Nyong’o regala una performance da Oscar nei panni di due personaggi dalla personalità opposta. Da una parte una madre e moglie premurosa, dall’altra un’anima violenta con uno sguardo da brivido e una voce cavernosa, a tratti inquietante e a tratti ridicola. Perchè Peele gioca molto sulla convivenza di toni diversi della narrazione, confezionando un ipnotico incubo a occhi aperti in cui convivono armoniosamente ironia e terrore. Il ruolo di Winston Duke rappresenta la parte di commedia di questo thriller dinamico e intrigante che tiene incollati allo schermo dall’inizio alla fine. Al centro il tema del doppio e la convinzione che siamo noi stessi il nostro peggiore incubo. I replicanti della famiglia Wilson sono a tratti spaventosi e a tratti buffi, richiamando la goffaggine e la lentezza degli zombie che siamo abituati a vedere al cinema e in televisione. Tuttavia Noi conferma nuovamente il talento di Jordan Peele nel proporre una sua personale visione di un cinema horror ricco di contenuti che strizza l’occhio anche a un tipo di fantascienza simile a quella degli episodi di Black Mirror che propone una versione alternativa della realtà.

us movie

Lupita Nyong’o

Noi è simbolo di un cinema che si concretizza sotto la superficie con una buona dose di humour nero e molti riferimenti. Rientra in parte nel genere home invasion ricordando film come The Strangers o Funny Games in cui alcuni sconosciuti entrano nella casa dei protagonisti con brutte intenzioni, ma poi devia verso una sorta di horror percepito che si sviluppa a livello psicologico, tralasciando immagini esplicite, splatter o gore. Mentre Get Out affrontava il tema del razzismo, Noi sottolinea la percezione del diverso in senso più generale. I replicanti che indossano una tuta rossa e non riescono a comunicare chiaramente sono una manifestazione di chi vive nell’ombra dei vincenti, della classe benestante e si accontentano degli scarti, montando una vendetta. Peele sembra aver voluto parlare del lato oscuro di un paese come l’America, nascosto per molti anni dietro il perbenismo e segnato dal senso di colpa. La fotografia suggestiva e la sceneggiatura lineare e dinamica si fondono perfettamente con una colonna sonora coerente che crea la giusta atmosfera e ha una forte valenza narrativa.

Noi, la recensione dell’incubo di Jordan Peele fra ironia e terrore
4 Punteggio
Pro
Trama originale, Colonna Sonora, Lupita Nyong'o
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Noi – video recensione

Continua a leggere

Cinema

Annabelle Comes Home, il ritorno dei Warren nel nuovo trailer

Pubblicato

:

Annabelle Comes Home

New Line Cinema  ha rivelato il terrificante trailer del terzo – ed ultimo – capitolo della saga dell’universo di The Conjuring dal titolo Annabelle Comes Home, con il ritorno dei Warren (Vera Farmiga e Patrick Wilson). 

Il terzo film di Annabelle sarà ancora una volta centrato attorno alla bambola demoniaca, ma questa volta è già in possesso degli investigatori paranormali Ed e Lorraine Warren. L’attrice Mckenna Grace interpreterà il ruolo di Judy Warren, figlia della coppia investigativa paranormale che viene bersagliata insieme alle sue due bambine adolescenti, proprio dalla bambola dopo averla portata a casa nella loro stanza degli artefatti. Madison Iseman e Katie Sarife giocheranno con le babysitter di Judy Warren.

L’ universo di The Conjuring comprende il regista James Wan con il primo Annabelle e il suo sequel Creation, e il recente campione d’incassi  The Nun. Lo scorso anno è stato annunciato che sono in corso piani per un altro lungometraggio tratto da  The Conjuring 2 di Crooked Man, mentre un terzo film basato sempre su The Conjuring inizierà le riprese a breve ad Atlanta. Gary Dauberman, lo scrittore degli spin-off, farà il suo debutto alla regia con il nuovo film di Annabelle. A lui vanno i complimenti per i recenti successi quali It e il prossimo film incentrato sul clown It – Capitolo Due.

John R. Leonetti ha diretto il primo spin-off, incassando $ 257 milioni con un budget di $ 6,5 milioni, mentre il sequel del 2017 è stato diretto da David F. Sandberg e guadagnando $ 306,5 milioni in tutto il mondo con un budget di $ 15 milioni. Annabelle Comes Homeè in programma per uscire nelle sale il 28 giugno.

Continua a leggere

Cinema

Child’s Play, Mark Hamill sarà la voce di Chucky nel remake

Pubblicato

:

Mark Hamill

L’attore Mark Hamill, noto per aver interpretato Luke Skywalker sul grande schermo, Amadeus e  aver doppiato The Joker in TV, ora si presterà a dar voce ad un’icona horror: la bambola assassina Chucky di Brad Dourif della MGM e del remake di Child’s Play di Orion, una rivisitazione del classico film horror degli anni ’80. Aubrey PlazaIngrid Goes West ) e Brian Tyree HenryAtlanta ) sono i protagonisti del nuovo film Child’s Play, diretto dal regista Lars KlevbergPolaroid ). Tyler Burton Smith ha scritto la sceneggiatura basata sul film del 1988. Nel reboot Plaza interpreta una madre che dà a suo figlio Andy, interpretato da Gabriel BatemanLights Out ), una bambola giocattolo per il suo compleanno, ignaro della sua natura più sinistra. La nuova versione della bambola killer non sarà una bambola posseduta da un serial killer ma sarà una bambola difettosa il cui codice di programmazione è stato violato in modo da non avere limiti all’apprendimento e alla violenza.

Il cast include Beatrice Kitsos (The Exorcist) e Ty Consiglio (Wonder) che interpreteranno rispettivamente i ruoli di Falyn e Pugg, due amici di Andy Barclay nel nuovo film che attualmente si sta girando a Vancouver. Carlease BurkeJumanji: Welcome to the Jungle ) sarà il protagonista del film. Mentre Mark Hamill (Star Wars) subentrerà a Brad Dourif (Qualcuno volò sul nido del cuculo) come voce di Chucky. David Katzenberg e Seth Grahame-Smith produrranno sotto la KatzSmith Productions. Il duo si è già occupato di produrre un remake, quale il campione di incassi dello scorso anno It, fruttato  700 milioni di dollari al botteghino globale. Aaron Schmidt e Chris Ferguson saranno i produttori esecutivi.

Questo sarà un diversivo della serie di film Child’s Play creata da Don Mancini, in cui Brad Dourif interpretava un serial killer che usava il voodoo per collocare il suo spirito in una Good Guy Doll, che poi sarebbe diventato il bambolotto Chucky, che noi tutti conosciamo e amiamo. Anche se Mancini e il produttore David Kirschner stanno attualmente lavorando per realizzare altri film su Child’s Play, quali una serie TV, con Dourif che continua a doppiare Chucky, questa nuova versione di Child’s Play della MGM sarà essenzialmente una proprietà concorrente, e Mancini e la compagnia non saranno tutti coinvolti.

Child’s Play uscirà al cinema il 21 giugno.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Aprile, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Maggio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X