Connect with us

Published

on

Amburgo, 1945. La guerra è finita, la Germania ne è uscita sconfitta, e i tedeschi son stati relegati al sempre difficile ruolo di vinti e con molte colpe da espiare. Lewis Morgan (Jason Clarke – alto comandante dell’esercito inglese) e sua moglie Rachel (Keira Knightley) vengono trasferiti ad Amburgo nella lussuosa dimora di Stefan Lubert (Alexander Skarsgård), celebre architetto oramai espropriato tanto della sua casa quanto della sua vita. In un gesto di altruismo istintivo volto anche a risanare il rapporto simbolico tra vincitori e vinti, Lewis offrirà a Lubert e sua figlia Freda (adolescente assai ostile al nuovo status di famiglia) di convivere nella villa, a patto di restare quasi esclusivamente confinati nella soffitta. Eppure, nonostante la divisione ‘logistica’ i Morgan e i Lubert saranno comunque destinati a incontrarsi in un ideale territorio di pacificazione, e – nello specifico – le ostilità iniziali tra Rachel Morgan e i suoi coinquilini vivranno nel tempo un profondo e sostanziale mutamento.

la conseguenza film

Una scena dal film La Conseguenza

Strutturato alla maniera del melò classico e basato sul romanzo Aftermath dello scrittore gallese Rhidian Brook, La Conseguenza muove su uno sfondo storico ben preciso e ideologicamente complesso i destini incrociati di quattro persone unite e divise dagli “scompigli” portati dalla guerra. Perdite incolmabili e vuoti asfissianti si vanno così ad affiancare a un tentativo (talvolta maldestro) di ri(partenza), che metterà ogni personaggio di fronte a un bivio, a una sfida, e alla complessa decisione di scegliere tra passato e presente, tra amori perduti o ancora tutti da scoprire. E se l’iter narrativo segue sentieri piuttosto lineari e scontati costruendo un classico dramma del cuore che si muove sinuoso tra storia e sentimento, sono le interpretazioni dei tre protagonisti principali a infondere un carattere tutto sommato interessante e dignitoso all’operazione filmica dell’inglese James Kent. All’interno di una storia che fa della ricostruzione e della necessità di avviare nuove vite il vero tema del film, La Conseguenza riesce infatti a mantenere una certa intensità di approccio, mostrando parte del dilemma intellettivo e morale che ogni personaggio vive ed esterna tanto nei confronti di sé stesso quanto nei confronti degli altri.

La conseguenza clip

Keira Knighley e Alexander Skarsgard nel film La Conseguenza

Il mutamento “deflagrante” causato dal grande conflitto “esteriore” agisce infatti specularmente nei conflitti interiori di ciascuno, così come nel ribaltamento delle posizioni di partenza e nella trasformazione dei simbolismi, indicando infine come qualcosa che prima appariva sicuro e scontato può all’improvviso diventare perso per sempre e utopico. E così, mentre la lussuosa villa dei Lubert sta a simboleggiare un passato di ricchezza e felicità superato e consegnato ad altri, il pianoforte un tempo suonato dalla moglie di Lubert ora rivendica il dramma del cambiamento e de La Conseguenza. Una musica di vita bruscamente interrotta dalla violenza e dalla morte, e che tenta forse di riconciliarsi attraverso un presente dove corre il brivido impalpabile di possibili nuovi amori, e nuove vite.

La Conseguenza: un melò classico tra ragione e sentimento, vincitori e vinti
3 Punteggio
Pro
Attori Messa in Scena Costumi
Contro
Scrittura Originalità Approfondimento
Riepilogo Recensione
Il regista inglese James Kent firma un melò classico prevedibile ma dignitoso in cui il rapporto tra vincitori e vinti viene riletto anche attraverso l’amore e le possibili ripartenze di vita. Un film a conti fatti godibile, dove ad alzare il livello generale sono senz’altro la qualità della messa in scena e la buona intesa mentale ed emotiva dei tre co-protagonisti.
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News

Bussano alla porta: la featurette del film | La proposta “apocalittica” di Dave Bautista

Published

on

bussano alla porta newscinema

Una scena di Bussano alla porta – Newscinema.it

Tra poco uscirà al cinema Bussano alla porta, nuovo thriller con l’attore ed ex wrestler Dave Bautista. La Universal Pictures ha appena rilasciato una featurette, rivelando un dietro le quinte inedito.

Il 3 febbraio 2023 uscirà al cinema Bussano alla porta (in originale Knock at the Cabin), nuovo film horror e thriller che vedrà l’attore ed ex wrestler Dave Bautista nei panni di Leonard. Di recente, la Universal Pictures ha rilasciato una featurette, che ha rivelato i commenti e le impressioni del protagonista davanti alla pellicola: per lui, infatti, è stato il suo progetto più difficile e lo ha colto come una sfida.

Il 2023 sarà un anno molto importante per Dave Bautista dal punto di vista lavorativo. Non ha messo alla prova se stesso solo con questo thriller diretto da M. Night Shyamalan, ma tornerà al cinema anche nella saga dei Guardiani della galassia, con il terzo volume. Dal 2014, infatti, interpreta l’alieno Drax il Distruttore. Per lui, questo sarà l’ultimo capitolo della serie: ha rivelato, infatti, che mantenere il ruolo, con l’avanzare dell’età (ha oltre 50 anni ormai) sta diventando difficile.

Anche per questo, ha deciso di mettere alla prova il proprio talento recitativo con un progetto completamente nuovo: Bussano alla porta. Il film è tratto dal romanzo di Paul Tremblay The Cabin at the End of the World, pubblicato nel 2018. In italiano non è ancora stato tradotto, ma negli Stati Uniti il libro ha avuto un buon successo, tanto che nel 2019 ha vinto il premio Bram Stocker.

Bussano alla porta, un film totalmente nuovo per Dave Bautista

In Bussano alla porta Dave Bautista interpreta il protagonista Leonard. Il regista M. Night Shyamalan – di recente tornato alla ribalta con l’ultima stagione di Servant – ha commentato così il suo personaggio: “Un gigante fisicamente intimidatorio, ma con una personalità gentile“.

La trama ufficiale recita: “Durante una vacanza in una baita remota, una bambina e i suoi genitori vengono presi in ostaggio da quattro sconosciuti armati che chiedono alla famiglia di prendere una decisione impensabile per evitare l’apocalisse. Con un accesso limitato al mondo esterno, la famiglia deve scegliere a che cosa credere prima che tutto vada perduto“.

Durante la featurette, Dave Bautista ha spiegato che il film è stato un progetto che lo ha davvero messo alla prova, per motivi diversi. Al suo fianco hanno recitato anche Jonathan Groff, Ben Aldridge, Nikki Amuka Bird, Abby Quinn e Rupert Grint, indimenticabile Ron Weasley della saga di Harry Potter.

Continue Reading

News

Michael Jackson sarà interpretato dal nipote nel biopic | Chi è Jaafar?

Published

on

By

Jaafar Jackson

Foto: Getty Imagaes/Frank Edwards/Getty Images

Michael Jackson sarà interpretato dal nipote 26enne del Re del Pop, Jaafar Jackson, nel film biografico diretto da Antoine Fuqua per la Lionsgate.

Fuqua ha appena pubblicato una conferma su Instagram. Il cantante e cantautore è il figlio di Jermaine Jackson, che è il fratello di Michael e membro dei The Jackson 5. Jaafar canta e balla dall’età di 12 anni e si è esibito cantando brani da Sam Cooke a Marvin Gaye, insieme a brani originali.

Come Deadline ha rivelato la scorsa settimana, il regista di Emancipation ha firmato per dirigere Michael, che ha una sceneggiatura di John Logan.

Jaafar Jackson nei panni dello zio leggenda

Il film è prodotto da Graham King, che ha trasformato la storia di Freddie Mercury dei Queen nel blockbuster Bohemian Rhapsody. GK Films produrrà insieme ai co-esecutori della proprietà di Jackson, John Branca e John McClain.

Come potete vedere dal video qui sopra, il giovane Jaafar Jackson ha la voce e si muove sulle orme dello zio. Come attore, potrebbe benissimo imparare, e secondo le voci il film eviterà le controversie sulla vita di Jackson, le accuse di pedofilia che hanno perseguitato gli ultimi anni di Jackson fino alla sua morte nel 2009 all’età di 50 anni, per arresto cardiaco causato da un cocktail di sedativi.

Le ombre della famiglia Jackson

King e lo sceneggiatore Anthony McCarten hanno catturato la complessità della vita di Freddie Mercury prima che morisse di AIDS. Michael sarà anche guidato dai successi musicali di Jackson, che conferiscono al film un potenziale globale simile a Bohemian Rhapsody, che ha incassato oltre 900 milioni di dollari in tutto il mondo,  ha ottenuto una nomination all’Oscar per il miglior film e una vittoria per la star Rami Malek.

I problemi di Jackson risalgono all’influenza prepotente di suo padre Joe, che ha portato alla celebrità il giovane e i suoi fratelli di Gary, Indiana, ma apparentemente un costo elevato per Jackson, che non ha avuto un’infanzia.

Da adulto, è diventato una star ancora più grande, ma quella che inizialmente era vista come una vita simile a Peter Pan ha assunto sfumature più sinistre quando sono iniziate le cause legali e sono stati pagati accordi multimilionari.

Il biopic Michael: una sfida per Fuqua

Fuqua sta attualmente terminando The Equalizer 3 con Denzel Washington in Italia, e poi rivolgerà la sua attenzione a questo progetto che prevede una grande responsabilità. La produzione inizierà entro la fine dell’anno e abbiamo sentito che Fuqua sceglierà il direttore della fotografia di Emancipation e Equalizer 3 Robert Richardson per essere al suo fianco.

Lionsgate ha i diritti mondiali qui, ma cercherà un partner offshore e abbiamo sentito che Sony è esattamente nel mix. Quello studio ha trasformato in un successo il documentario del 2009 This is It, composto da filmati di Jackson che provava per una serie di concerti a Londra quando morì.

Continue Reading

News

L’Amica Geniale: la prima foto ufficiale della quarta stagione

Published

on

By

L'Amica Geniale 4

L’Amica Geniale 4 – Foto: Rai

La serie ispirata dal romanzo di Elena Ferrante sta per tornare con la quarta stagione diretta da Laura Bispuri. Pubblicata la prima foto ufficiale di L’Amica Geniale 4.

Sono in corso le riprese della quarta e ultima stagione della serie Rai-HBO L’Amica Geniale. La quarta stagione si basa sul libro Storia della bambina perduta, il quarto che chiude la tetralogia di Elena Ferrante, edito in Italia da Edizioni E/O.

Una produzione di Fandango, The Apartment, Fremantle Italy e Wildside con Lorenzo Mieli che produce per Fremantle Italy, The Apartment e Wildside (entrambe società del gruppo Fremantle) e Domenico Procacci per Fandango, in collaborazione con Rai Fiction e HBO Entertainment.

Il cast di L’Amica Geniale 4

Completamente rinnovato il cast che vede protagonisti Alba Rohrwacher nel ruolo di Elena Greco (Lenù), Irene Maiorino nel ruolo di Lila Cerullo e Fabrizio Gifuni nel ruolo di Nino Sarratore.

Il soggetto e le sceneggiature di sono di Elena Ferrante, Francesco Piccolo, Laura Paolucci e Saverio Costanzo. Questa stagione è diretta da Laura Bispuri, e i produttori esecutivi sono Saverio Costanzo, Paolo Sorrentino, Jennifer Schuur, Elena Recchia e Guido De Laurentiis. Fremantle è il distributore internazionale in associazione con RAI Com.

L’Amica Geniale 4: la trama

Non è stato ancora confermato, ma probabilmente la quarta stagione riprenderà molto del libro a cui si rifà. Pertanto ritroveremo le due amiche protagoniste ormai adulte all’inizio degli anni ’80. Diventeranno nuovamente madri insieme partorendo a distanza di poche settimane l’una dall’altra.

Tornata al rione dopo le molte delusioni ricevute da Nino, Elena si trasferirà proprio nell’appartamento sopra quello di Lila e le due insieme affronteranno le conseguenze di una guerra di droga che sconvolgerà il rione e mieterà molte vittime.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari