Connettiti a NewsCinema!

Animazione

La Tartaruga Rossa, la recensione della prima co-produzione europea dello Studio Ghibli

Pubblicato

:

Parallelamente ai tanti incontri con autori e disegnatori, Lucca Comics & Games è anche occasione per i tanti appassionati di assistere alle anteprime cinematografiche delle pellicole in arrivo nel nostro Paese. Dato il focus principale sul mondo del fumetto, ampio spazio è stato riservato in questa edizione 2016 ai lavori di animazione. Nella giornata inaugurale la BiM Distribuzione ha presentato ai tanti spettatori accorsi al Cinema Centrale della città toscana il nuovo lavoro del regista olandese Michaël Dudok de Wit: La Tartaruga Rossa, prodotto in collaborazione con lo Studio Ghibli e vincitore del Premio speciale Un Certain Regard allo scorso Festival di Cannes.

Il tema della simbiosi con la natura, della primitiva immedesimazione con gli elementi di un mondo incontaminato, è da sempre particolarmente caro al mondo della animazione giapponese, data la soffocante società tecnologica che guida il mondo del Sol Levante e i fantasmi di tragedie recenti come quella di Fukushima che inseguono gli abitanti di un Paese ricco di contraddizioni. Forse è proprio per questa ragione che il più grande e conosciuto studio di animazione giapponese ha deciso di produrre questa opera in gran parte europea, che riflette sulla natura umana e sull’ esistenza delle persona, degli ostacoli da superare e dei sogni da poter realizzare.

the red turtle

La natura dà, la natura toglie

Un naufrago cerca disperatamente di fuggire dalla desolata isola su cui è relegato, ma dovrà scontrarsi con un misterioso animale marino che cercherà di affondargli la zattera costringendolo a numerose ritirate. Da quel fastidioso animale nascerà però una bellissima donna, che inizierà il confuso protagonista verso una esperienza carnale con la natura che lo circonda, e che gli donerà un bambino, dalle ali forti come quelle dei gabbiani che sorvolano il mare e con la libertà di una tartaruga che nuota nelle profondità degli abissi.

Lo scenario è lo sconfinato oceano di Ponyo, ma a differenza di quanto si possa immaginare, natura e uomo non sono analizzati in maniera dualistica e contrapposta, bensì due mondi che possono convivere in un rapporto inevitabile. Un rapporto che vedrà però sempre la natura vincere con la propria forza dirompente su di un uomo che nulla conta al di fuori del suo personale microcosmo. Il naufrago protagonista non ha nulla di diverso, infatti, dai minuscoli granchi che lo seguono nella speranza di una mollica di cibo: anche lui lotta per la sopravvivenza e anche lui deve fare i conti con i pericoli che lo attendono in agguato. Nonostante ciò, non è mai intelligente sfidare la natura, bensì è sempre consigliabile assecondarla e piegarsi alle sue regole, più grandi di noi. La Tartaruga Rossa segue le tracce di Rousseau, per virare in alcuni momenti sulla concezione più feroce di Werner Herzog: la natura dà, la natura toglie.

la tartaruga rossa film

La vera forza del lungometraggio è quella di trasmettere il proprio magnetismo attraverso uno stile artistico e visivo asciutto quanto essenziale, ma allo stesso tempo ricco di sfumature nel passare da una colorazione a quella diametralmente opposta, dal blu acceso del mare e del cielo al grigio apatico della notte. Il film di Dudok de Wit è una pellicola completamente priva di dialoghi, ma per la naturale universalità del disegno e degli argomenti trattati riesce nel difficile compito di coinvolgere lo spettatore, con grande merito di una colonna sonora meravigliosa. Nonostante tutto questo, La Tartaruga Rossa è anche un’opera che si avvolge su se stessa, indugiando dove avrebbe dovuto lasciare il mistero, e toccando solo tangenzialmente aspetti che invece avrebbero meritato ulteriori analisi.

Attenzione verso il minuscolo

Ma questa produzione Ghibli è soprattutto un film che vive di piccole scene e brevi momenti: dalle tartarughine che cercano di entrare in acqua affrontando le onde che le riportano a riva al granchio che, scampato dalla curiosità del bambino, viene fatalmente raggiunto da un gabbiano affamato. Questa attenzione verso il minuscolo, per la natura nella sua totalità, dalla vastità del mare al ragnetto più insignificante, è certamente il fascino maggiore di una pellicola così complicata quanto forse eccessivamente prolissa. Quella che infatti sarebbe stata una grande idea per un cortometraggio risulta decisamente meno efficace con una durata (pur relativamente breve) di ottanta minuti, lasciando spazio a sequenze di riempitivo che interrompono quel misterioso quanto enigmatico incantesimo che il film cerca di instaurare con lo spettatore.

Ma indagando oltre, ciò che stupisce veramente è il dipinto di una natura incontrollabile e imprevedibile, in grado di consolarti e aiutarti anche quando non la rispetti (la comparsa magica della donna dal cadavere della tartaruga uccisa per frustrazione) ma anche di distruggerti quando meno te lo aspetti (lo tsunami che travolge la foresta). Quella tartaruga che come Lo squalo di Spielberg si avvicinava da sotto le acque per attaccare il malcapitato naufrago si rivela essere in realtà la salvezza dello stesso protagonista, che riuscirà a trovare la propria completezza nella più totale povertà e mancanza. Una sottrazione che si fa ricchezza, un tormento che si fa amore.

TRAILER

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Animazione

Zanna Bianca vi invita alla grande anteprima gratuita a Cinecittà World

Pubblicato

:

Zanna Bianca

L’appuntamento è per il 30 settembre a Cinecittà World: il Teatro 1 del Parco divertimenti del Cinema e della TV di Roma ospita l’anteprima italiana di Zanna Bianca, primo film di animazione tratto dall’indimenticabile romanzo di Jack London. Potete guardare il trailer del film a questo link.

Dopo aver conquistato per più di un secolo lettori di ogni generazione, le avventure del lupo più amato da grandi e piccini arrivano per la prima volta sul grande schermo in uno straordinario film  dallo stile raffinato e pittorico con la regia di Alexandre EspigaresPremio Oscar® nel 2014 per il Miglior cortometraggio d’animazione (Mr. Hublot), in uscita al cinema l’11 ottobre.

Zanna Bianca: come assistere all’anteprima gratuita del film

I visitatori di Cinecittà World domenica 30 settembre, alle 16, potranno assistere gratuitamente, fino ad esaurimento dei posti, all’attesa proiezione, una storia di redenzione descritta dal punto di vista dei cani che riesce a mettere in luce la straordinaria forza dell’amore che li lega indissolubilmente all’uomo.

Zanna Bianca

Zanna Bianca

Zanna Bianca: la trama del film

Zanna Bianca è un lupo con un quarto di sangue di cane. Creatura fiera e coraggiosa, dopo essere cresciuto nelle terre innevate del Grande Nord, viene accolta da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani, dove dovrà farsi accettare dagli altri cani. In seguito a una serie di eventi, Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia che, con il suo amore, insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico.
Il fil è distribuito da Adler Entertainment e prodotto da SuperprodAnimation, Bidibul Productions e Big Beach, in associazione con Wild Bunch.

Il Film arriverà sul grande schermo dall’11 ottobre 2018.

Continua a leggere

Animazione

Zanna Bianca, trailer del film d’animazione

Pubblicato

:

Zanna Bianca - Poster

Adler presenta Zanna Bianca Il primo film d’animazione ispirato al celebre romanzo di Jack London e diretto dal regista Premio Oscar Alexandre Espigares.

Dopo aver conquistato per più di un secolo lettori di ogni generazione, le avventure del lupo Zanna Bianca arrivano per la prima volta sul grande schermo l’11 Ottobre in uno straordinario film d’animazione. Una storia di coraggio, avventura, crescita che continua ancora oggi a parlare al cuore di ognuno di noi.
Dopo aver conquistato nel 2014 il Premio Oscar per il Miglior cortometraggio d’animazione (Mr. Hublot), Alexandre Espigares torna sul rapporto che da sempre lega il cane e l’uomo, con una storia avvincente di libertà e amicizia ambientata nelle sconfinate terre del Grande Nord.

Così come nel romanzo Zanna Bianca, anche nel film sono gli animali stessi i veri protagonisti, lasciando così largo spazio alla potenza della natura con particolare focus su scenografici paesaggi selvaggi, resi al meglio dalla straordinaria tecnica d’animazione, quasi pittorica, del film. Dai western italiani di Sergio Leone alle illustrazioni americane sulla conquista del Far West: queste le fonti di ispirazione che hanno guidato l’animazione di Zanna Bianca, con lo scopo di comunicare il grande senso di avventura e libertà che questi paesaggi suscitano.

Zanna Bianca - Poster

Zanna Bianca – Poster

Zanna Bianca: la trama

Zanna Bianca è un lupo con un quarto di sangue di cane. È una creatura fiera e coraggiosa, e per questo sarà vittima della crudeltà dell’uomo. Dopo essere cresciuto nelle terre innevate, meravigliose ma ostili del Grande Nord, viene accolto da Castoro Grigio e la sua tribù di nativi americani. Qui viene protetto dalla tribù, ma dovrà farsi accettare dagli altri cani.
Purtroppo Castoro Grigio sarà costretto a cedere Zanna Bianca ad un uomo crudele, che lo obbligherà a trasformarsi in un cane da combattimento. In fin di vita, sarà salvato da una coppia disponibile e amorevole, che con il suo amore insegnerà a Zanna Bianca a dominare il suo istinto selvaggio e a diventare il loro migliore amico. Una storia di redenzione descritta dal punto di vista dei cani e soprattutto sulla straordinaria forza dell’amore che li lega indissolubilmente all’uomo.

Zanna Bianca è distribuito da Adler Entertainment e prodotto da SuperprodAnimation, Bidibul Productions e Big Beach, in associazione con Wild Bunch.

Per altri Trailer visitate la nostra sezione QUI. Tutte le recensioni dei film al cinema le trovare QUI.

Continua a leggere

Animazione

Gli Incredibili 2: parla Amanda Lear

Pubblicato

:

Gli Incredibili 2

Nel nuovo lungometraggio di animazione Disney•Pixar Gli Incredibili 2, la voce della celebre attrice, cantante e artista Amanda Lear torna interpretare all’iconica e amata stilista Edna Mode.

Gli Incredibili 2: il personaggio di Edna

Edna Mode possiede un impeccabile senso del design, un’acuta comprensione della tecnologia più sofisticata e una impareggiabile professionalità. Creativa e visionaria, auspica il ritorno dei supereroi per poter ancora una volta sbizzarrirsi nella creazione di super costumi eleganti e funzionali.

“Edna domina qualsiasi luogo in cui faccia il suo ingresso”, commenta il regista premio Oscar® Brad Bird, che doppia il personaggio nella versione originale del film. “A prescindere dall’importanza delle persone che la circondano, che sono spesso supereroi, la sua personalità è sempre dominante. In fondo tutti noi ci appelliamo alla nostra Edna interiore nei momenti in cui ci sentiamo più sicuri”.

Gli Incredibili 2

Gli Incredibili: il film

Il secondo capitolo della saga diretta dal regista Brad Bird, già record di incassi con oltre 1 miliardo di dollari al box office in tutto il mondo, vanta inoltre nella versione italiana la voce della pluripremiata campionessa paralimpica mondiale Bebe Vio interpreta Voyd, una giovane supereroina grande fan di Elastigirl, mentre il popolare attore Orso Maria Guerrini è la voce di Rick Dicker, il funzionario alla guida del programma ufficiale di ricollocamento dei supereroi che aiuta i Parr a mantenere segreta la propria identità, e il giornalista e presentatore televisivo Tiberio Timperi è Chad Brentley, conduttore di un importante talk show. Inoltre, il pubblico riconoscerà sul grande schermo le voci dell’attrice premiata con il David di Donatello e il Nastro d’Argento Ambra Angiolini, nel ruolo dell’imprenditrice esperta di tecnologia Evelyn Deavor, e dell’attrice candidata al Golden Globe Isabella Rossellini, elegante e carismatica ambasciatrice a sostegno della legalizzazione dei supereroi.

Gli Incredibili 2 è attualmente in programmazione nelle sale cinematografiche.

Continua a leggere

Facebook

Film in uscita

Ottobre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Popolari

X