Connect with us

Speciali

Quentin Tarantino supercut, 11 minuti per uccidere

Published

on

Quentin Tarantino ama essere considerato un provocatore. I suoi film hanno sempre camminato sulla linea di confine tra provocatorio e riflessivo, in particolare per la rappresentazione della violenza, e ciò che alcuni chiamano la sua glorificazione gratuita di quest’ultima.

Un paio di anni fa, intorno al momento del rilascio di Django Unchained, Kevin B. Lee ha messo insieme un video saggio sulle migliori uccisioni nei film di Tarantino, intitolato The Tarantino Death Toll. Il risultato si sente un po’ più come un supercut, ma è facile vedere come il ‘bilancio delle vittime’ potrebbe, e probabilmente dovrebbe essere visto come qualcosa di più di un compendio di ciascuno delle circa 560 morti che popolano i suoi film.  Buona Visione!

Speciali

Chi era il vero strangolatore di Boston? | La storia vera

Published

on

lo strangolatore di boston newscinema

Keira Knightley in una scena de Lo Strangolatore di Boston – Newscinema.it

Lo Strangolatore di Boston è il nuovo film prodotto da Hulu. Si ispira da una storia vera: chi si celava davvero dietro questo assassino?

Il 17 Marzo la piattaforma Disney+ ha rilasciato un nuovo film, Lo Strangolatore di Boston. Si tratta di un movie crime che porta sullo schermo la storia di un serial killer spietato che tra il 1962 e il 1964 uccise in totale tredici donne. Queste donne erano tutte diverse tra loro – l’età variava dai 19 agli 85 anni – ma avevano tutte un elemento in comune: erano state strangolate.

La vicenda colpì profondamente gli Stati Uniti, ma ancora oggi non è del tutto chiara. Alla fine fu catturato Albert Henry DeSalvo nel 1964, che confessò dopo poco tempo. Nonostante la confessione, tuttavia, l’uomo non fu condannato per gli omicidi, ma per una serie di stupri che aveva commesso in precedenza.

Questo misterioso fatto è rimasto oggetto di dispute anche negli anni a seguire – Albert DeSalvo è morto nel 1973, ucciso mentre si trovava in carcere – tanto che ancora oggi se ne parla. Il nuovo film con Keira Knightley si conclude con un finale aperto perché ancora oggi non tutti sono d’accordo sulla colpevolezza dell’uomo. Chi si celava davvero dietro allo Strangolatore di Boston?

Lo Strangolatore di Boston, c’era più di un assassino?

Lo Strangolatore di Boston accetta la versione che vede Albert DeSalvo come il non unico colpevole dei tredici omicidi che sconvolsero la città statunitense negli anni ’60. Il film termina con un finale dolce-amaro, che fa intendere che la verità non è stata del tutto scoperta. Albert DeSalvo, infatti, soffriva di evidenti problemi psichiatrici e potrebbe non aver ucciso tutte le donne di cui è stato accusato.

Nel 2013 venne riesaminato un campione di DNA di una delle vittime, Mary Anne Sullivan, che accerta che venne violentata proprio dall’uomo. Questo chiuse ufficialmente il caso, ma i dubbi non sono spariti.

lo strangolatore di boston newscinema

Albert DeSalvo negli anni ’60 – Newscinema.it

Ci sono ancora delle cose che ancora sembrano non tornare. Non tutte le donne vennero uccise con esattamente lo stesso modus operandi e avevano età molto diverse tra di loro: le prime vittime avevano 55 e 85 anni, mentre le ultime due 23 e 19.

Per questo, anche il film diretto da Matt Ruskin accetta la teoria che ci fossero più assassini, non solo DeSalvo, almeno due. Un uomo misterioso avrebbe ucciso le donne più anziane, mentre DeSalvo si sarebbe concentrato sulle più giovani. Un altro colpevole potrebbe essere Daniel Marsh, amico di quest’ultimo. Probabilmente, la verità non si saprà mai.

Continue Reading

Speciali

Lo strangolatore di Boston: la spiegazione del finale del film con Keira Knightley

Published

on

Lo strangolatore di Boston- finale- newscinema.it

Lo strangolatore di Boston- newscinema.it

Lo Strangolatore di Boston. Lo show arriva al suo finale di stagione ma lascia dietro di sé molte domande riguardo la vera storia dello Strangolatore di Boston. Ecco qui spiegato il finale.

Il film sbarcata sulla piattaforma streaming di Disney +, Lo strangolatore di Boston è giunto al suo termini ma potrebbe aver lasciato molte più domande riguardanti la realtà dei fatti e come si sono svolti, che risposte. La nuova serie thriller infatti, era basata sulla storia di due giovani donne, Loretta Mclaughlin interpretata da Keira Knightley, giornalista che ha seguito tutto il caso dello strangolatore di Boston, e la collega Jean Cole, il cui ruolo è interpretato da Carrie Coon.

Le due donne, insieme al dipartimento di polizia di Boston, identificheranno diversi sospettati nel corso del film che copre gli anni del 1962 fino al 1965. A confondere le acque però è il modus operandi dello strangolatore che durante il film sembra cambiare tipologia di vittime che sceglie: le prime erano tutte anziane mentre all’improvviso, l’omicida cambia e preferisce scegliere giovani donne.

Per 50 anni non erano mai emerse prove che collegassero un killer specifico a nessuno degli omicidi ma come afferma il film alla fine, l’analisi del DNA fatto nel 2013 ha svelato il collegamento con un uomo di nome De Salvo, all’ultimo omicidio di Boston. La vittima? Mary Anne Sullivan.

La teoria degli assassini multipli

Lo strangoltore di Boston- finale- newscinema.it

Lo strangolatore di Boston- newscinema.it

Secondo il film e la protagonista, Keira Knightley, l’assassino di Boston era molto probabilmente più di uno e non un solo uomo. In più bisogna ricordarlo: tecnicamente lo strangolatore non è mai stato catturato poiché DeSalvo è collegato solamente all’omicidio di Sullivan e non agli altri perpetuati negli anni precedenti.

Anche il film suggerisce che i primi omicidi di donne single anziane potrebbero essere stati commessi da un uomo che ha avuto la propensione ad uccidere il suddetto gruppo mentre per tutte le restanti vittime, avrebbe potuto esserci DeSalvo come aguzzino, un killer imitatore che prendeva di mira giovani donne. In fondo, come anche ci racconta la serie tv Mindhunter, i serial killer hanno la tendenza a prendere spunto dai loro predecessori e se quest’ultimi hanno fatto un buon lavoro, di imitarli e perpetuarne il nome.

Altri omicidi addirittura potrebbero essere stati commessi da Daniel Marsh, un terzo nome collegato agli assassini, noncheé uno dei compagni di detenzione di DeSalvo che presumibilmente lo ha istruito sulla sua confessione. Tutti i restanti invece potrebbero essere caduti nel calderone come omicidi singoli e staccati dal caso, commessi forse da ex fidanzati gelosi, membri della famiglia o estranei che hanno scelto di imitare lo strangolatore per non essere beccati e coprire le loro tracce.

Nonostante questo, il film sembra fornirci una spiegazione per le incongruenze nella storia di DeSalvo, una teoria che si basa sull’idea che più assassini fossero a conoscenza delle calze di seta legate intorno al collo della maggiorparte delle vittime e che scegliessero di copiare quel biglietto da visita: ironicamente, se non fosse stato per Loretta McLaughlin questo dettaglio non sarebbe mai stato di dominio pubblico.

Continue Reading

Speciali

Qual è il migliore Ghostface prima di Scream VI | La classifica

Published

on

ghostface newscinema

Ghostface – Newscinema.it

In vista dell’uscita di Scream 6, ripercorriamo insieme i numeri Ghostface che si sono susseguiti durante l’iconica saga: qual è il migliore? 

Scream 6 è sbarcato al cinema solo pochi giorni fa e il nuovo Ghostface ha già fatto parlare molto si sé. Per la prima volta, infatti, l’assassino mascherato non utilizza solo un coltello come arma, ma anche una pistola e si comporta seguendo schemi più logici e meno stereotipati.

Ma qual è stato il migliore Ghostface nei primi cinque capitoli? Ecco la nostra classifica, dal peggiore al migliore. Attenzione: in questa lista non verranno presi in considerazione tutti i Ghostface (dato che spesso agiscono in coppia), ma solo i più memorabili.

Richie e Amber – Scream 5

Scream 5 è una citazione diretta al primissimo Scream, di conseguenza la coppia di assassini si rivela essere formata dal fidanzato della final girl e da un secondo partner con evidenti problemi mentali. Richie (Jack Quaid) è il fidanzato della protagonista Sam che – moderna Sidney – viene perseguitata per il suo rapporto di parentela con Billy Loomis, uno dei Ghostface originali.

Tuttavia, Richie non è un personaggio memorabile e anche le sue motivazioni sono piuttosto scarne, sicuramente non è all’altezza del suo predecessore. Tra l’altro, non si macchia neanche di molti omicidi… Della sua complice Amber (Mikey Madison), invece, colpisce la sua assoluta – e inaspettata – follia, che la porta a tentare di uccidere i suoi migliori amici solo per rispetto verso la sua saga horror preferita.

Mickey – Scream 2

Mickey (Timothy Olyphant) è il primo Ghostface a smascherarsi spontaneamente davanti allo schermo. Ciò che colpisce di lui è la sua totale estraneità davanti ai fatti: ammette lui stesso di non essere coinvolto nella vicenda di Sidney e di limitarsi a eseguire gli ordini che riceve da una donna sconosciuta.

Manipolatore e affascinante, è anche uno dei Ghostface più spietati: uccide lui tutti gli amici della protagonista, tranne Randy, che muore per mano della sua complice, Debbie Loomis (Laurie Metcalf) che vuole vendicare la memoria del figlio Billy. Anche la signora Loomis è un personaggio molto interessante, sicuramente uno dei Ghostface più particolari della saga, dal momento che si limita a stare in disparte e a dare gli ordini dall’alto.

mickey newscinema

Mickey – Newscinema.it

Roman – Scream 3

Scream 3 è considerato il film più debole della serie, ma non si può dimenticare il suo Ghostface. Roman (Scott Fooley) è importante non solo perché è l’assassino con il record di uccisioni (ben nove!), ma anche per il colpo di scena finale. Si scopre, infatti, che Roman è il fratellastro di Sidney, nato da una relazione extraconiugale della madre, e che è stato lui a manipolare Billy e Stu nel primo capitolo perché uccidessero la donna.

Billy e Stu – Scream 1

Non si possono non inserire in questa classifica la primissima coppia di Ghostface di Scream. Entrambi si rivelano degli assassini in gamba, ognuno spinto da un motivo diverso. Fino all’ultimo la colpevolezza di Billy (Skeet Ulrich) non è poi così scontata (era il primo film e nessuno immaginava che i killer fossero due), mentre la follia di Stu (Matthew Lillard) è semplicemente geniale e ben interpretata. Inoltre, Billy è probabilmente il Ghostface più affascinante, con quell’aria da bravo ragazzo che attira e confonde Sidney e gli spettatori.

jill newscinema

Jill – Newscinema.it

Jill – Scream 4

Al primo posto si piazza Jill (Emma Roberts) senza alcun dubbio. Ciò che colpisce di questa adolescente agguerrita è la sua assoluta follia! Jill odia la zia Sidney per la sua popolarità e decide che adesso è il suo turno di diventare famosa. Si rivela una delle Ghostface più intelligenti e crudeli – non esita a uccidere la sua stessa madre, nonché il suo complice – e viene smascherata solo per un piccolo errore. Fino all’ultimo si rifiuta di arrendersi e la sua morte è qualcosa di epico quanto spaventoso.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari