Connect with us

Cinema

The Visit, il brillante ritorno al cinema horror di M. Night Shyamalan

Published

on

L’horror è un genere tanto affascinante quanto pericoloso. Le idee brillanti scarseggiano e l’effetto déjà vu è dietro l’angolo. Quante volte avete visto un film sapendo tutto quello che sarebbe successo sin dai titoli di testa? La domanda è ovviamente retorica perché di film capaci di incollare lo spettatore alla sedia e di sorprenderli con un finale originale ce ne sono sempre meno. Uno dei più memorabili è Il sesto senso, il capolavoro che ha lanciato M. Night Shyamalan, un regista che, dopo l’interessante Unbreakable e il discreto The Village, non ne ha più azzeccata una.

Almeno fino a The Visit, un film che, nonostante la produzione di Jason Blum e l’abusato genere mockumentary, si è rivelato uno degli horror più interessanti dell’anno. Dimenticate Paranormal Activity e le tremila copie fini a loro stesse, prendete il meglio dal cinema di Blum e Shyamalan, inserite qualche notevole salto sulla sedia e un finale sconvolgente e il risultato è servito. Il film racconta la storia di Becca (Olivia DeJonge) e Tyler (Ed Oxenbould), due adolescenti che, per lasciare un po’ di spazio ad una madre fresca di divorzio (Kathryn Hahn), decidono di conoscere i nonni (Deanna Dunagan e Peter McRobbie); ma la “visita” non andrà secondo le aspettative perché i nonni inizieranno ad avere dei comportamenti molto strani e inquietanti…

8l60_itp_00063rv2_cmyk

Dopo l’improvvisa cancellazione di Wayward Pines M. Night Shyamalan aveva bisogno di dare una svolta alla sua carriera. E la svolta è arrivata con il ritorno al genere che l’ha lanciato, l’horror. The Visit è infatti un’opera fortemente voluta dal creatore de Il sesto senso che, finanziando il progetto, si è liberato da qualsiasi controllo costrittivo di Hollywood. Quale ruolo abbia avuto Blum in tutto questo non ci è dato saperlo, ma sicuramente il produttore di Insidious ha il merito di aver permesso a Shyamalan di realizzare il film che aveva in mente. Tornano infatti molti degli elementi caratterizzanti il suo cinema, dai giovanissimi protagonisti agli inquietanti silenzi, fino all’epilogo originale e destabilizzante. Shyamalan manipola lo spettatore permettendogli di osservare attraverso le telecamere del film quello che i poveri protagonisti non possono vedere.

Così, da amanti del genere, ci troviamo a sbirciare consapevoli di sapere già tutto quando in realtà siamo solo le pedine di un autore che ha finalmente ritrovato un po’ di sana ispirazione. E a dimostrazione di questo non c’è solo un film brillante e originale ma anche un mockumentary che dimostra quanto il genere più abusato dal cinema horror possa trovare nuova linfa nelle mani di un regista e un autore abile come Shyamalan. Inoltre quello che rende The Visit un’opera speciale non è solo la tecnica ma anche i due giovani protagonisti che, attraverso una performance credibile e allo stesso tempo fresca e divertente, catalizzano l’attenzione del pubblico in sala. Il risultato è un film che incuriosisce, spaventa, diverte e destabilizza. Abbiamo tutto sotto i nostri occhi ma non riusciamo a vederlo. La magia è riuscita, quel prestigiatore di M. Night Shyamalan è tornato…

Universal Pictures distribuirà The Visit in tutti i cinema italiani il 26 novembre 2015.

TRAILER

Segnato da un amore incondizionato per la settima arte, cresciuto a pane e cinema e sopravvissuto ai Festival Internazionali di Venezia, Berlino e Cannes. Sono sufficienti poche parole per classificare il mio lavoro, diviso tra l’attenta redazione di approfondimenti su cinema, tv e musica e interviste a grandi personalità come Robert Downey Jr., Hugh Laurie, Tom Hiddleston e tanti altri.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Nella Notte delle Streghe andiamo a riscoprirne alcune delle più famose

Published

on

the witches newscinema

Mentre si avvicina la sempre molto attesa Notte di Halloween, anche conosciuta come Notte delle Streghe, eccoci qui a ricordarne alcune delle più celebri dal punto di vista cinematografico…

Le Streghe (2020) di Robert Zemeckis

Partiamo dal titolo più recente, Le Streghe di Robert Zemeckis. Una curatissima e spaventosa Anne Hathaway guida la congrega di megere, alle prese con una riunione molto importante e con un trio di topolini alquanto intraprendenti.

le streghe newscinema
Anne Hathaway in una scena di Le Streghe

Nell’opera firmata dal celebre regista statunitense, adattamento dell’omonimo romanzo di Roald Dahl, le streghe del titolo sono esseri malvagi, ossessionati dai bambini e dal desiderio di divorarli o, occasionalmente, trasformarli.

Leggi anche: Le 10 streghe cattive più sexy del cinema (gallery)

Ricordiamo che già nel 1990 il libro per ragazzi era stato adattato per lo schermo e ne era nato Chi ha paura delle streghe? In quel caso era Anjelica Huston a popolare gli incubi dei più piccoli e a intrattenere invece i più smaliziati.

Hocus Pocus (1993) di Kenny Ortega

Proseguiamo il nostro excursus con le simpatiche protagoniste di Hocus Pocus, pellicola firmata da Kenny Ortega (Descendants) con Bette Midler, Sarah Jessica Parker e Kathy Najimy.

Le tre sorelle Sanderson tornano, trecento anni dopo la loro dipartita, invocate per sbaglio da un giovanotto illibato e maldestro. É così che la notte di Halloween si trasforma in una vera e propria avventura per Max, (Omri Katz), Dani (Thora Birch) e Allison (Vinessa Shaw), sulle cui spalle grava il destino di tutti i bambini del paese.

hocus pocus newscinema
Hocus Pocus, una scena del film

Al loro fianco non manca ovviamente il gatto nero, simbolo importante di questo contesto: pare infatti che il colore del pelo sia legato alla magia malvagia, detta nera.

Le streghe di Eastwick (1987) di George Miller

Un altro imperdibile esempio di megere di alto livello lo troviamo ne Le streghe di Eastwick, diretto da George Miller e basato sull’omonimo romanzo di John Updike. Anche qui al centro del racconto agisce un trio di donne dai grandi poteri, con i volti niente meno che di Cher, Michelle Pfeiffer e Susan Sarandon.

Sono loro infatti a invocare nell’immaginaria città che dà il titolo alla pellicola a invocare il Diavolo in persona – con i tratti di Jack Nicholson.

le streghe eastwick newscinema
Una scena di Le streghe di Eastwick

Dopo aver ammaliato l’intera comunità, quest’ultimo deciderà di sedurre le tre amiche, così da avere un figlio con ciascuna di loro. Ma le cose non andranno esattamente come il previsto… Un cult del 1987.

Le streghe son tornate (2013) di Alex de la Iglesia

Di altro genere Le streghe son tornate – in originale Las brujas de Zugarramurdi – dove un gruppo di sconosciuti, guidati da due rapinatori in fuga, finiscono dritto dritto tra le grinfie di una congrega di streghe alquanto affamate.

Leggi anche: I film da vedere la notte di Halloween (secondo John Carpenter)

Rocambolesco, suggestivo, geniale, il film di Alex de la Iglesia ha ricevuto ben 8 Premi Goya ed è stato presentato al Festival di Roma del 2013.

le streghe son tornate newscinema
Le streghe son tornate, una scena del film

Se la componente horror e sanguinolenta di certo non manca, è l’ironia di fondo e il dinamismo intrinseco alle situazioni a fare il grosso del compito. E sembra di assistere a uno spettacolo del Circo de los Horrores.

Giovani streghe (1996) di Andrew Fleming

Concludiamo infine con le Giovani streghe di Andrew Fleming, dove incontriamo Neve Campbell e Robin Tunney schierate su due fronti opposti della magia. Il film del 1996 utilizza il tema stregonesco come buon escamotage per parlare di adolescenza, accettazione, responsabilità, bullismo.

giovani streghe newscinema
Le protagoniste di Giovani streghe in azione

A distanza di quasi 25 anni, è pronto a uscire un ideale sequel, dal titolo Il rito delle streghe, prodotto dall’ormai lanciatissimo Jason Blum e dalla sua Blumhouse Productions, che lo distribuirà on demand negli Stati Uniti, mentre in Italia è attesa la nuova data di release.

Continue Reading

Cinema

Moonfall | il primo ciak del disaster movie diretto da Roland Emmerich

Published

on

roland emmerich set newscinema compressed

Dopo vari stop in tutti gli ambiti compresa la chiusura dei cinema, leggere questa notizia fa sorgere un timido sorriso e tanta speranza nel cuore della gente. A quanto pare il regista Roland Emmerich ha iniziato ufficialmente le riprese del suo disaster movie Moonfall. Ci sarà da divertirsi sicuramente!

Il primo ciak di Moonfall

Lo stesso Emmerich attraverso il suo profilo Twitter ha mostrato al suo pubblico affezionato il ciak elettronico con il quale sta girando le varie scene e sequenze di questo film ‘disastroso’ dopo vari successi del passato come Independence Day e Stargate, giusto per citarne due.

La storia di Moonfall vede una forza misteriosa in grado di far cadere la Luna dalla sua orbita intorno alla Terra, mandandola in collisione con la vita normale. Pochi giorni prima del terribile impatto e al di la di ogni previsione, una squadra di uomini decide di lanciarsi in questa missione disperata nello spazio. Non conta più la vita precedente e gli affetti lasciati, ora l’unica cosa che conta è arrivare sulla Luna e cercare di salvare la Terra dall’imminente impatto.

Leggi anche: Midway, la recensione dello spettacolare war movie di Roland Emmerich

Leggi anche: Stonewall, il dramma di Roland Emmerich sulle origini del movimento gay

Il cast di Moonfall

Nel disaster movie diretto da Roland Emmerich troviamo Halle Berry nel ruolo di dirigente astronauta della NASA; Patrick Wilson ex astronauta ormai dalla vita distrutta; Charlie Plummer è il figlio adolescente di Wilson; poi troviamo Stanley Tucci, concessionario di auto sposato con l’ex di Wilson. Oltre a loro, troviamo Donald Sutherland, nel ruolo di archivista di tutti i segreti della NASA, Eme Ikwuakor come ufficiale militare molto importante ed ex marito della bellissima Halle Berry. Direttamente dal Trono di Spade, arriva Samwell Tarly, il quale scoprirà l’imminente impatto della Luna sulla Terra.

Continue Reading

Cinema

Power Rangers | Bryan Edward Hill ha deciso di scrivere il film per eOne

Published

on

powerrangers newscinema compressed

Solo una settimana dopo aver collaborato con il regista Jonathan Entwistle ( The End of the F *** ing World ) per un nuovo film e franchise televisivo degli iconici personaggi Hasbro, eOne ha chiamato Bryan Edward Hill ( Titans ) per scrivere un nuovo film sui Power Rangers. Secondo Deadline, l’autore e sceneggiatore di fumetti attraverso il suo profilo ufficiale Twitter ha confermato la notizia ed espresso la il suo entusiasmo per il progetto.

Cosa sappiamo sul prossimo film sui Power Rangers?

La scorsa settimana ha portato la notizia che i diritti del fra nchise dei  Power Rangers  erano passati da Paramount Pictures a eOne di proprietà di Hasbro, con Entwistle che ha anche fatto il salto per dirigere sia un film che un franchise televisivo, che sarebbero andati di pari passo. La Paramount aveva sfruttato Entwistle per un reboot sul grande schermo dopo il flop al botteghino del 2017 con la Lionsgate, ma lo studio ha perso i diritti sulla serie dopo che la Hasbro ne aveva acquisito il banner di produzione eOne alla fine del 2019. Di conseguenza, la società si è spostata per produrre un nuovo adattamento con una versione più ramificata.

Leggi anche: Power Rangers, 10 mostri della serie originale che vorremmo vedere nel film

Leggi anche: Power Rangers, un reboot nostalgico e ambizioso

Le aspettative sul nuovo film

” Questa è un’incredibile opportunità per offrire nuovi  Power Rangers  sia alle nuove generazioni che a quelle esistenti fatte di fan che sono in trepidante attesa“, ha detto in precedenza Entwistle in una nota. “ Porteremo lo spirito dell’analogico nel futuro, sfruttando l’azione e la narrazione che hanno reso questo marchio un successo. 

Inizialmente basato sul franchise giapponese di tokusatsu Super Sentai, la Saban Entertainment ha dato vita all’iterazione americana con la serie Fox Kids del 1993 Mighty Morphin Power Rangers , il cui successo ha generato il franchise che avrebbe incluso più serie TV, un film del 1995, action figure e altri giocattoli di Bandai.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari