Lo scontro tra Vittorio Sgarbi e George Clooney prosegue senza esclusione di colpi. Qualche giorno fa, il celebre critico d’arte – che attualmente ricopre il ruolo di sindaco della cittadina di Sutri, in provincia di Viterbo – aveva attaccato frontalmente la star di Hollywood. Il motivo? Stando a quanto dichiarato da Sgarbi, sembra che la troupe che stava eseguendo le riprese della serie tv “Catch 22” proprio a Sutri abbia tenuto un comportamento a dir poco deplorevole e irrispettoso del patrimonio artistico del centro della cittadina laziale.

Vittorio Sgarbi – George Clooney, volano gli stracci

sgarbi clooney

Da chi dice di amare così tanto l’Italia mi sarei aspettato una maggiore cura“, ha tuonato il sindaco di Sutri. Ma l’affondo di Sgarbi non è passato inosservato, dato che la Lotus Production ha deciso di rispondere alle accuse mosse contro di loro dal critico d’arte.

La produzione si è occupata, con la massima diligenza, competenza e serietà, dell’allestimento del set cinematografico e del conseguente smantellamento delle attrezzature e pulizia di tutti i luoghi utilizzati – si legge in una nota – La spesa complessiva sostenuta non è stata solamente ‘un contributo modesto di appena cinquemila euro’ richiesti e pagati al comune, ma di oltre 65mila euro pagati attraverso bonifici a negozi e cittadini per il disturbo arrecato“.

Vittorio Sgarbi non molla: “Ho le foto che lo dimostrano”

La Lotus Production ha inoltre precisato che “i lavori di pulizia sono stati affidati a ditte specializzate che hanno perfettamente ripristinato lo stato dei luoghi antecedente alle riprese“.

Ma Vittorio Sgarbi non molla: il sindaco di Sutri ha infatti già diffuso una controreplica alla produzione della serie “Catch 22”, affermando di poter smentire quanto sostenuto “in quanto sono in possesso della documentazione fotografica che mostra con evidenza i residui di sporcizia e di terra“. Tuttavia, Sgarbi ha teso una mano nel tentativo di porre fine alla questione: “A dimostrazione della mia stima posso nominare Clooney cittadino onorario di Sutri“.