Connect with us

Serie tv

Ciak, but Where: un viaggio sui luoghi di House of Cards

Published

on

Appassionati di intrighi politici, complotti a sangue freddo, scontri diplomatici all’ultimo sangue: questa settimana la nostra rubrica si rivolge a voi, che non vi siete persi nemmeno un episodio dell’ormai celeberrima House of Cards. Un intramontabile Kevin Spacey assetato di potere e un’algida Robin Wright si agitano tra intrecci serrati ed emozionanti che fanno di questo telefilm uno dei prodotti più apprezzati degli ultimi tempi. Il “castello di carte” di Frank Underwood è diviso essenzialmente tra due città: Washington D.C., la nota capitale degli Stati Uniti, con i suoi edifici-simbolo decisamente inconfondibili, e Baltimora, nello stato del Maryland, da cui sono state prese in prestito gran parte delle location grazie alla straordinaria somiglianza tra le sue architetture e quelle della città principale. Di seguito, una sfilza di ambientazioni che vi porteranno in giro lungo la costa orientale degli States, in esplorazione dei luoghi più emblematici in cui si svolgono le vicende del politico più furbo d’America.

house6

La reporter Zoe Barnes attira l’attenzione del protagonista quando entrambi prendono parte ad un evento nel National Center for Performing Arts. C’è soltanto un piccolo problema: un posto del genere non esiste a Washington D.C. L’equivalente nella capitale è il Kennedy Center, dove è possibile vedere ogni cosa, dal Libro dei Mormoni al flamenco. Una delle cose più memorabili riguardanti Frank Underwood è la cisterna d’acqua alta più di quaranta metri che somiglia ad una pesca, soprannominata appunto The Peachoid. Chiunque abbia percorso l’Interstatale 85 ha potuto ammirare uno dei luoghi più caratteristici durante il viaggio. E’ una ragione più che valida per guidare fino a Gaffney, nella Carolina del Sud, e scattare una foto della torre. La giovane Zoe ha sfondato nel panorama giornalistico lavorando per il Washington Herald, che è in realtà un ufficio non più in utilizzo del Baltimore Sun. Tuttavia, è saltato fuori che il quotidiano è realmente esistito nella capitale dal 1906 al 1939, ed ecco perché suggeriamo di passare per gli esterni dell’edificio che attualmente ospita il Washington Post, nel cuore della metropoli. Tour in loco purtroppo sono disponibili soltanto per studenti residenti nella città.

house2

Abbiamo visto Frank trascorrere così tanto tempo con il suo braccio destro Doug Stamper nel Campidoglio, che sarebbe impossibile farci mancare una visita alla collina che ospita l’edificio. Vi sono numerosi tour che conducono alla scoperta della sede ufficiale dei due principali rami del Congresso degli States. Il Visitor Center del Capitol offre diverse opzioni, dalla visita agli uffici del Senato ad un giro completo della maestosa costruzione, chiaro esempio di stile neoclassico. Qualche volta, tutto quello che bisogna fare per nascondersi è restare in bella vista; ecco perché Frank e Zoe si incontrano seduti su di una panchina alla National Gallery della capitale. Potete imitarli accomodandovi di fronte allo stesso dipinto – I Fratelli Biglin in regata prodotto da Thomas Eakins – nell’edificio ovest del Baltimore Museum of Art. Anche la Walters Art Gallery ha svolto un ruolo importante nella serie, facendo da sfondo a diversi momenti delle vicende di Underwood.

house4

Restando a Baltimora, le scene ambientate nell’immaginario Hotel Cotesworth, come quella dell’evento di beneficenza organizzato da Claire a cui prende parte un gruppo di insegnanti in protesta contro la tassa sull’istruzione istituita da Frank, sono state girate al meraviglioso Johns Hopkins Peabody Conservatory, che è attualmente una biblioteca universitaria relativa all’ambito musicale. Frank è un politico coi controfiocchi, ma non si può dire lo stesso delle sue doti da lanciatore: la sua chance di effettuare il tiro perfetto viene mandata in fumo da un blackout al Camden Yards. La casa della squadra Baltimore Orioles è uno dei migliori campi da baseball, che merita una visita durante la stagione dei giochi. Non perdetevi il cibo di qualità offerto da Boog’s BBQ, situato proprio dietro il muro destro del campo, sulla Eutaw Street. E ancora in tema culinario, una chicca che lascerà sconvolti i fan più accaniti: Freddy’s BBQ Joint, il ristorante in cui pare vengano servite le migliori costolette di maiale della città, non esiste nella realtà. L’edificio risulta abbandonato e di recente è stato messo in vendita per la modica cifra di centodiciannove mila dollari. Ma niente paura: abbiamo trovato una location nella capitale che potrebbe avvicinarvisi. Mr. P’s Ribs and Fish è una delle catene gastronomiche più note a Washington, e vende costolette in uno scuolabus adattato ad originale baracchino in un parcheggio collocato tra la Street NW e Rhode Island Ave. Se invece siete ancora a Baltimora, fate un salto da Chaps Pit Beef, che soddisferà certamente la vostra fame con carne e salse di ottima qualità.

house

CONSIGLI SOGGIORNO

Hampton Inn Washington, D.C./White House: appartenente ad una delle catene alberghiere più famose del mondo, si trova a circa trecento metri dalla Casa Bianca, in posizione ideale per una visita della città a partire dalla National Mall, la zona di maggior interesse culturale;

Park Hyatt Washington: sito nell’area strategica di Georgetown, dall’arredamento minimale e cibo di alta qualità, assicura un soggiorno piacevole e intenso, volto alla scoperta dei migliori angoli della capitale;

Pier 5 Hotel: albergo che affaccia sul molo nel centro della città, che offre camere spaziose e pulite, un luogo alla moda particolarmente adatto all’esplorazione del cuore urbano ricco di attrazioni, negozi e ristoranti;

Baltimore Marriott Waterfront: ottima posizione che permette di godere appieno della vita notturna della città, e il panorama, il cibo e gli svariati comfort renderanno il vostro soggiorno indimenticabile.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Serie tv

The Mandalorian: dietro le quinte della terza stagione

Published

on

the mandalorian newscinema

The Mandalorian – Newscinema.it

Il 1° marzo arriverà su Disney+ la terza stagione di The Mandalorian, spin off di Star Wars. Nel frattempo la Lucas Film ha rilasciato una featurette che racconta il dietro le quinte.

Senza ombra di dubbio, Star Wars è una delle saghe cinematografiche più famose di sempre. Iniziata negli anni ’70 dalla mente di George Lucas, oggi sono stati prodotti numerosi film e anche alcuni spin off diventati poi delle serie tv. Tra queste, una delle più apprezzate dai fan è The Mandalorian, che è arrivata alla terza stagione. Manca solo un mese alla messa in onda dei nuovi episodi: nel frattempo la casa di produzione ha voluto svelare i misteri del backstage.

The Mandalorian è cominciata nel 2019 ed è stata creata da Jon Favreau, regista che ha lavorato a numerose serie televisive di successo, come Friends e Seinfeld. Non ha diretto solo serie, ma anche film famosissimi: tra i più noti c’è sicuramente i primi due film della saga di Iron Man. Si tratta, quindi, di un grande professionista, da cui non ci si poteva aspettare nulla se non un ottimo prodotto.

The Mandalorian non ha deluso le aspettative dei fan e in poco tempo ha raccolto molto consensi. La storia è ambientata cinque anni dopo Il ritorno dello Jedi e venticinque prima de Il risveglio della forza e segue le vicende di Din Djarin (Pedro Pascal), un mandaloriano cacciatore di taglie.

The Mandalorian 3, la featurette della nuova stagione

La terza stagione di The Mandalorian continuerà a seguire Din Djarin, che si è riunito con Grogu, detto “il bambino”, un giovanissimo ma potentissimo membro della specie del maestro Yoda. I due continueranno il proprio viaggio insieme, mentre la Nuova Repubblica cerca di costruire un nuovo capitolo di storia. Il cast prevede, oltre a Pedro Pascal (che ha da poco finito di lavorare anche a The Last of Us), anche Gina Carano, Carl Wheathers, Giancarlo Esposito e molti altri.

Nella nuova featurette vediamo la produttrice esecutiva Kathleen Kennedy su un palcoscenico insieme ai colleghi Dave Filoni e Jon Favreau, davanti a un pubblico entusiasta. I tre hanno raccontato della propria esperienza dietro le quinte, spiegando com’è stato girare questa nuova stagione.

Tutti e tre hanno rivelato di essere molto fieri del loro prodotto e che, in generale, non ci sono stati grossi problemi sul set. Hanno rivelato che all’inizio non si aspettavano un’accoglienza così calorosa da parte dei fan e che la serie sarebbe diventata un tale fenomeno. “Onestamente… Io ero solo felice di fare Star Wars” ha dichiarato, un po’ incredulo, Jon Favreau.

Continue Reading

Serie tv

Shrinking: trama, cast e trailer della serie Apple Tv+

Published

on

By

Shrinking

Shrinking – Foto: AppleTv+

Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla nuova serie tv comedy-drama visibile su Apple Tv+ dal 27 gennaio 2023, stiamo parlando di Shrinking. Trama, cast e trailer.

Cosa ci fanno Jason Segel e Harrison Ford insieme nella stessa stanza? Semplice, sono i nuovi protagonisti della serie tv disponibile su Apple Tv+, Shrinking.

Questa comedy-drama, a volte un po’ cinica, darà allo spettatore un nuovo punto di vista su temi delicati quali lutto, Parkinson, burnout, mariti violenti, ecc.

In onda dal 27 gennaio su Apple Tv+, Shrinking merita di essere visto all’istante. Preparate i fazzoletti per piangere e “morire dal ridere” allo stesso tempo.

Shrinking: la trama

Shrinking è una serie tv di 10 episodi, disponibile dal 27 gennaio sulla piattaforma di streaming Apple Tv+. I primi due episodi sono stati già caricati, mentre per gli altri c’è una sorta di ritorno alle origini.

Le nuove generazioni rimarranno scioccate, ma dovranno aspettare un episodio a settimana, precisamente il venerdì, per vedere la fine della storia. Molte piattaforme infatti non caricano più tutti gli episodi in un’unica soluzione, ma si torna di nuovo a “morire d’ansia” di settimana in settimana per vedere un’intera stagione.

Questa nuova serie tv comedy-drama è stata creata da Brett Goldstein, Bill Lawrence e Jason Segel e si concentra su di un gruppo di psicoterapeuti che segnati dalla vita affrontano la loro professione come meglio possono. In primis si vedrà come il terapeuta Jimmy, dopo aver vissuto un terribile lutto, inizi a “dire in faccia” ai suoi pazienti tutto quello che pensa di loro e quello che dovrebbero fare.

Ovviamente questa nuova scelta di metodo, gli farà infrangere ogni principio di etica finora da lui sostenuto. Aiuterà veramente i suoi pazienti ad affrontare i loro problemi con questa sorta di “brutalità di metodo”.

Shriking cast

Harrison Ford in Shrinking – Foto: AppleTv+

Il cast di Shrinking

Il cast che ha preso parte alle riprese della prima stagione di Shrinking è veramente di qualità, troviamo infatti Harrison Ford, Jason Segel, Jessica Williams, Christa Miller, Michael Urie, Luke Tennie e Lukita Maxwell.

La serie è stata prodotta dalla Warner Bros Television e dalla Doozer Productions, la particolarità di Shrinking è quella di cambiare regista per ogni episodio, in modo che ogni puntata abbia uno stile diverso da quello precedente.

Il trailer di Shrinking

Il Rotten Tomatoes ha valutato positivamente Shrinking, dandogli un 81% di indice di approvazione ed un punteggio di 7 su 10 come media. Secondo il parere dei critici, questa serie: “…ha idee più oscure nella sua mente di quanto il suo approccio serio possa spesso tradurre, ma le svolte scintillanti di Jason Segel e Harrison Ford rendono questi personaggi degni di un’attenta analisi”.

Continue Reading

Serie tv

The Last of Us: quanto c’è dei personaggi di Anna Torv in Tess?

Published

on

By

Anna Torv in The Last of Us

Anna Torv in The Last of Us – Foto: NowTv

A pochi giorni dall’uscita della serie tv di The Last of Us, proviamo a paragonare Tess agli altri personaggi interpretati da Anna Torv. 

Pochi giorni fa è uscita The Last of Us, nuova serie tv ispirata all’omonimo videogioco. La serie riprende la stessa trama del gioco, ovvero racconta i tentativi di due personaggi, Joel ed Ellie, di scampare a un’apocalisse zombie che ha travolto il pianeta. Fa parte del cast anche Anna Torv, che interpreta Tess, una contrabbandiera cinica e spietata.

All’uscita della notizia che The Last of Us da videogame sarebbe diventato una serie televisiva, in molti hanno storto il naso, preoccupati che la trama avrebbe subito dei grandi cambiamenti. Gli sceneggiatori, tuttavia, hanno subito chiarito la faccenda: l’adattamento sarebbe stato fedele.

Proprio per questo hanno deciso, per esempio, di inserire nel cast anche Troy Baker e Ashley Johnson, i doppiatori originali di Joel ed Ellie. I due doppiatori non erano adatti a impersonare i rispettivi personaggi anche sullo schermo televisivo, quindi a loro sono stati affidate due parti diverse: James e Anna. Anna, la madre di Ellie, nel gioco non esiste.

Joel ed Ellie, invece, sono interpretati da Pedro Pascal e Bella Ramsey. Nel cast c’è anche Anna Torv, che è abituata a interpretare personaggi femminili forti come Tess.

Fringe

Il cast di Fringe – Foto: Ansa

Anna Torv: da Fringe e Mindhunter a The Last of Us

Anna Torv ormai è abituata a interpretare donne forti e di carattere. Prima di arrivare al set di The Last of Us, infatti, ha lavorato ad altre serie tv di successo, come Fringe e Mindhunter.

Qui interpretava, rispettivamente, l’agente dell’FBI Olivia Dunham – cha salva il mondo diverse volte – e la dottoressa Wendy Carr, che non ha paura di affrontare pericolosi criminali.

In The Last of Us, invece, è tornata sul piccolo schermo con Tess, una sopravvissuta che entra subito in contatto con Joel. I due lavorano insieme per parecchi anni e raggiungono anche un certo grado di complicità.

Sia nel videogioco sia nella serie, Tess dimostra subito di non essere disposta ad arrendersi ed è conosciuta per essere una donna cinica, che non guarda in faccia nessuno. E’ una contrabbandiera e ha una reputazione spietata: il suo motto è “cane mangia cane”.

Come ha fatto Zoe Saldana in Avatar e Guardiani della Galassia con Neytiri e Gamora, anche Anna Torv promette di portare sullo schermo un altro personaggio femminile molto forte, come aveva già fatto in passato in Fringe e Mindhunter con Olivia e Wendy.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari