Connect with us

Speciali

Chi è Jermaine Fowler | 5 curiosità sull’attore de Il principe cerca figlio

Published

on

Jermaine Fowler

Tra i protagonisti del recente Il principe cerca figlio, remake della pellicola degli anni Ottanta (sempre con Eddie Murphy), Jermaine Fowler nasce a Washington D.C. il 16 maggio 1988.

Secondo di quattro figli, Jermaine ha un gemello di Jerome ed è cresciuto nel Maryland, ad Hyattsville, diplomandosi alla Northwestern High School.

Leggi anche: Yes Day | Su Netflix un eccezionale film per famiglie con Jennifer Garner

Ma andiamo a scoprire qualcosa in più sul giovane attore, brillante e poliedrico, pronto a scalare le vette di Hollywood

Jermaine Fowler | Gli studi abbandonati per inseguire la carriera d’attore

All’età di soli 20 anni, Jermaine decide di lasciare gli studi e di trasferirsi a New York City, inseguendo probabilmente un sogno che teneva a lungo nel cassetto. Ed è proprio qui, nella Grande Mela, che comincia a esibirsi nei locali open mic di Times Square, mentre tenta di trovare anche un impiego più “istituzionale” durante il giorno.

Circa quattro anni dopo il suo arrivo a New York, il giovane comincia a viaggiare per il paese, portando i suoi pezzi e il suo carismo tra college e comedy club.

Jermaine Fowler in una scena de Il principe cerca figlio

L’approdo ai programma comici

Nel 2013 Jermaine Fowler approda infine alla serie televisiva Guy Code, sviluppata come un reality in chiave comica, in onda su MTV2. Al centro del programma sta – come indica il titolo – il codice di condotta esistente tra uomini, di cui ogni conduttore porta testimonianza. Fowler ne scrive, produce e interpreta alcune puntate.

L’anno dopo fa la sua comparsa in Friends of the People, una serie televisiva di sketch, durata due sole stagioni su TruTV.

L’esperienza come executive producer

Dopo aver fatto il suo debutto con la standup comedy targata Showtime, Give ‘Em Hell, Kid, da lui stesso prodotto e interpretato, Jermaine imbocca la strada della produzione. A dargli l’occasione di mettersi alla prova è la sitcom Superior Donuts, basata sull’omonima commedia di Tracy Letts, in onda sulla CBS (dal febbraio 2017 al maggio 2018).

Grande è la popolarità ottenuta dal programma, sebbene venga cancellato dopo due sole stagioni. Nel frattempo l’attore ottiene un ruolo regular nella serie HBOCrashing, creata da Pete Holmes e prodotta anche da da Judd Apatow.

L’emozione di stringere una statuetta tra le mani

Noto nell’ambiente soprattutto per le sue doti comiche e istrioniche, a cui si aggiungono una predisposizione e un fiuto per i progetti alquanto sviluppati, Jermaine Fowler viene chiamato dall’Academy of Television Arts & Sciences.

Il 17 settembre 2017 sale quindi sul palco del Microsoft Theater di Los Angeles, in quanto uno dei presentatori della 69esima edizione degli Emmy Awards.

Leggi anche: Oscar 2021 | tutte le nomination della 93esima edizione

Tra principi e messia, i nuovi progetti di Jermaine Fowler

Numerosi e variegati sono stati i progetti che hanno visto impegnato l’attore 33enne sino ad oggi: tra questi spuntano l’inedito da noi Sorry to bother you con Armie Hammer e il reality RuPaul’s Secret Celebrity Drag Race.

Jermaine Fowler in Sorry to bother you

Di recente però, Jermaine è riuscito a entrare in due titoli particolarmente importanti e di richiamo. Il primo è il sopraddetto Il principe cerca figlio, dove interpreta il potenziale erede al trono. Il secondo è il pluripremiato Judas and the Black Messiah, candidato a ben 5 premi Oscar e vincitore del Golden Globe per il Miglior Attore protagonista (Daniel Kaluuya).

Speciali

Memento | il film che consacrò Christopher Nolan compie 20 anni

Published

on

Debuttava venti anni fa nelle sale cinematografiche italiane, dopo essere passato dal Festival di Venezia, Memento, il film che ha fatto esplodere Christopher Nolan, oggi uno dei cineasti più amati e conosciuti dal grande pubblico, capace, in pochissimo tempo, di cristallizzare una propria idea di cinema precisa e immediatamente riconoscibile.

Memento | origine di un fenomeno

Al suo secondo film dopo la prova (autoprodotta) con Following, Nolan sceglie di lavorare su una storia molto semplice e banale, complicandola attraverso il trucco di un protagonista dalla memoria brevissima, che si resetta ogni quindici minuti. In questo modo, anche lo spettatore assiste a quindici minuti della vita di Leonard Shelby (Guy Pearce), poi ai quindici minuti precedenti e così via, risalendo fino all’origine degli eventi narrati. Ogni volta, esattamente come il protagonista, chi guarda non capisce cosa sia successo, perché a mancare è sempre qualche elemento indispensabile alla comprensione dei fatti. È un modo per stupire e avvincere, ma anche una costruzione molto complicata che viene spiegata con grande efficacia, esplorandone tutte le implicazioni e i funzionamenti per soddisfare la crescente curiosità del pubblico. Praticamente il riassunto di tutto ciò che sarà il cinema di Christopher Nolan da lì in poi.

Dal 2000 al 2021, da Memento a Tenet

Chi ha visto Memento sa che se quella stessa trama fosse raccontata linearmente apparirebbe fin troppo banale, come qualcosa che è stato già narrato centinaia di volte: è il meccanismo di avanti e indietro con i flashback a creare la suspense, la tensione e la terribile attrazione che il pubblico prova verso quegli eventi. Anche Tenet, il suo ultimo film, quello in cui tutti speravano per la ripresa del circuito delle sale cinematografiche dopo la prima ondata di Covid, recupera quella stessa idea: una storia di spionaggio non diversa da quelle più classiche che conosciamo (solo più grande nelle ambizioni) trattata in molti momenti con una semplicità e una banalità estreme, capace però di diventare uno spettacolo epico, di immenso intrattenimento, pieno di rivelazioni e stratagemmi grazie al meccanismo che fa muovere la trama. Come sempre insomma non è la storia a essere complicata, è Nolan che ce la rende complicata per appassionarci, sfidarci e farci divertire con il ragionamento.

Il cinema come meccanismo

C’è un’idea ricorrente attorno al lavoro di Christopher Nolan, ovvero che sia quello oggi più vicino all’idea di cinema che ha reso celebre Stanley Kubrick. Un paragone che Nolan stesso non sembra voler rifiutare. Pur non paragonandosi direttamente a Kubrick, il regista di Memento ha sempre spiegato e raccontato pubblicamente quanto proprio il cinema di Kubrick sia stato influente per lui e quanto la sua idea di cinema sia figlia di quella del maestro americano. È infatti impossibile non vedere in Inception, nella trilogia di Batman, in Memento o The Prestige, un esplicito distacco dalla materia narrata e una spiccata meticolosità nella messa in scena che è facile ricondurre a Kubrick. Christopher Nolan non è un regista interessato alle grandi pulsioni emotive, evita in ogni modo il tono melodrammatico ed è molto più interessato alle azioni dei suoi personaggi piuttosto che ai loro sentimenti o alle loro tribolazioni personali. 

Continue Reading

Cinema

Il Silenzio degli Innocenti | capolavoro anticonvenzionale a 30 anni dalla sua uscita

Published

on

silence of the lambs anthony hopkins 01

Trent’anni fa arrivava in sala Il Silenzio degli Innocenti, il capolavoro di Jonathan Demme che ha segnato quell’annata con la vittoria di cinque Oscar nelle cinque categorie principali (uno dei tre film nella storia del cinema ad esserci riuscito), un incasso straordinario e il personaggio che ha ridefinito una delle figure fondamentali del cinema: l’assassino. Quella di Hannibal Lecter è infatti divenuta negli anni una figura archetipa e a quell’idea di raffinato uomo d’intelletto che nasconde una violenza morbosa e malata, fomentata dallo snobismo, si sono ispirati in tantissimi. Tutti però mancando quel che rendeva davvero speciale il film di Demme.

Il Silenzio degli Innocenti | il segreto di un cult

La vera forza de Il Silenzio degli Innocenti sta nel modo in cui mette in scena la potenza dello sguardo, nel delineare i rapporti di forza che si creano quando una persona guarda in un certo modo un’altra. Al cinema, infatti, lo spettatore è in grado di percepire lo status di un personaggio non tanto per quel che lui dice di sé o per come si atteggi, ma per come lo guardano gli altri. Se lo trattano da capo sarà un capo, se lo trattano o lo guardano come un sottomesso, invece, lo percepiremo come tale nonostante le sue parole e le sue azioni. Demme riesce a mettere in scena la violenza dello sguardo di un uomo sulla donna, in una società in cui la figura femminile è per lo più vista come oggetto sessuale e in un mondo, quello del cinema poliziesco, fatto di centrali di polizia, carceri e sottoboschi criminali, in cui qualsiasi sensibilità non-maschile è bandita a meno che non serva ad ingannare, come fanno le donne del noir. Il Silenzio degli Innocenti inserisce una donna forte e la usa per far sperimentare allo spettatore cosa significhi subire l’umiliazione dello sguardo. 

il silenzio degli innocenti

Hannibal Lecter nel film parla poco, ma quando lo fa le sue parole pesano come macigni. Anthony Hopkins è impeccabile (quanti attori, lui compreso, avrebbero potuto esagerare e sconfinare nella macchietta?), ma sono Jodie Foster e Jonathan Demme a dare il meglio. Hannibal è la macchina della sottomissione tramite uno sguardo che promette violenza sessuale e riduce l’essere umano a pezzo di carne. Hannibal guarda e umilia, ma noi lo sappiamo perché è Jodie Foster, detective tutto d’un pezzo, a sembrare una ragazzina violentata quando subisce il suo sguardo. Chi conosce il cinema di Jonathan Demme, sa bene come al centro di tutto ci siano spesso donne, il loro mondo e la maniera in cui queste si confrontano con le difficoltà. Era così agli esordi ed è stato così fino agli ultimi suoi film. Dunque quel che accadde con Il Silenzio degli Innocenti è che fu data ad un cineasta interessato principalmente ai personaggi femminili una storia in cui il protagonista era un killer (uno che coadiuva a modo suo l’indagine comparendo per meno di mezz’ora in tutto il film), ma in cui il vero fulcro della narrazione era invece un donna sballottata dagli eventi.

La figura di Clarice

La bravura di Demme è stata quella di inserire questo tipo di suggestioni in un film che di convenzionale ha comunque diversi elementi (non a caso doveva essere originariamente diretto ed interpretato da Gene Hackman, che aveva acquistato i diritti del libro di Harris, soffiandoli proprio a Jodie Foster). Dal detective con un passato misterioso alla figura del killer-freak, passando per un’indagine tutto sommato prevedibile e in alcuni punti anche un po’ macchinosa. Invece non c’è niente di convenzionale nella maniera in cui il regista scelto per l’adattamento si interessa a Clarice Starling e a come abiti quel mondo, quali siano le sue difficoltà, quale sia l’ambiente in cui la donna è costretta a farsi forza. Ogni qualvolta Hannibal applica la sua violenza, Demme lo fa guardare in macchina e sistematicamente subito dopo c’è un’atterrita Jodie Foster che ci fa capire realmente cosa stia succedendo, al di là delle parole. Quando invece si scambiano battute più innocenti torna a guardare a lato dell’obiettivo.

copertina

Nonostante tutto ciò, ad essere ricordato universalmente è il personaggio di Lecter e non quello Clarice, eppure se questo è stato possibile è proprio per come il film lavora su di lei e non tanto su di lui. Hannibal Lecter, infatti, non solo è il killer violentissimo che si “camuffa” in una disarmante normalità (da M, il mostro di Dusseldhorf a Psyco), ma anche una stessa variazione molto intellettuale della figura già comparsa inManhunter di Michael Mann, interpretato da Brian Cox, ancora una volta come personaggio “marginale”. In quel caso però l’interesse era stato scarso, tanto che De Laurentiis, produttore del film, cedette i diritti per l’uso gratis. Non fu una questione di interprete sbagliato (Cox era perfetto) ma di punti di vista: a Micheal Mann non interessava molto la maniera in cui il detective di William Petersen si relazionava con Lecter (che nel film si chiama Lektor), a Demme invece sì. Gli interessa come guardi Clarice e come Clarice ne esca traumatizzata senza che ci sia nemmeno contatto fisico. Tutto Il Silenzio degli Innocenti è la storia di una donna di provincia che subisce abusi mentali durante un’indagine che sembra un viaggio nella privazione di dignità. Senza che accada niente di diverso da ciò che solitamente avviene nel cinema poliziesco.

Le prospettive di una serie tv

Tra qualche mese debutterà Clarice, serie TV sequel del film di Demme dedicata all’agente Clarice Starling (alla guida del progetto ci sono Alex Kurtzman e Jenny Lumet). Il celebre personaggio è stavolta affidato a Rebecca Breeds, nota al grande pubblico per Pretty Little Liars. Gli eventi si svolgeranno appena un anno dopo la cattura di Buffalo Bill e la fuga di Hannibal Lecter e la serie si concentrerà su nuovi casi, con Starling chiamata a seguire le orme di pericolosi assassini e predatori sessuali. Sarà però difficilissimo riuscire a recuperare il vero senso de Il Silenzio degli Innocenti, in assenza di Jodie Foster e di Demme (venuto a mancare nel 2017).

Il solo che, negli ultimi anni, si è avvicinato a quella idea di sottomissione perpetrata con lo sguardo e con le parole è stato David Fincher con il suo Mindhunter. È lui ad aver capito, più di altri, cosa rende Il Silenzio degli Innocenti un film di paura e non un thriller. E se ha avuto il successo che ha avuto è perché si trattava di una paura per molti inedita (sia uomini che donne), specialmente al cinema. Quella di uno sguardo violento e di una sottomissione con un agghiacciante sottotesto sessuale che esplode prima ancora che la violenza si consumi sul corpo.

Continue Reading

Disney +

WandaVision | 10 teorie dei fan di Ultron sul futuro dell’MCU

Published

on

Il terzo episodio di WandaVision (clicca qui per vedere il trailer della serie disponibile su Disney+) è pieno zeppo di easter eggs e riferimenti sia ai fumetti che al Marvel Cinematic Universe. E se proprio dobbiamo dirla tutta, uno dei suoi migliori riferimenti non è stato neanche nascosto chissà quanto. Alla fine di “Now In Color”, Geraldine pronuncia il nome di Ultron, uno dei maggiori cattivi Avengers della Fase Uno dell’MCU .

Il cattivo centrale di Avengers: Age Of Ultron ha avuto un ruolo chiave nella tragica vita di Wanda Maximoff, e potrebbe ancora dar credito ad alcune divertenti teorie ipotizzate dai fan. È possibile che Ultron possa tornare dai morti, come ha fatto Vision nello show.

10vision newscinema compressed

10.Papà Sitcom

WandaVision nei suoi primi tre episodi è stata un’affascinante esplorazione dei tropi e dei format delle sitcom. Ultron potrebbe tornare come manifestazione della presunzione della sitcom, secondo l’utente marveltx. È possibile che Ultron appaia come una manifestazione dei suoi poteri, in una forma diversa. Ciò aprirebbe la porta a James Spader, che ha doppiato Ultron. Questa volta però potrebbe semplicemente interpretare se stesso, o come suggerisce un utente nel thread di Reddit, il suocero di Wanda in TV.

9vision newscinema compressed

9. Abitava Nella Pietra Della Mente

Il ritorno di Ultron nell’MCU è stato la fonte di molte teorie speculative, anche prima dell’inizio di WandaVision . Uno riguarda il modo in cui sembrava morire. Alla fine di Avengers: Age Of Ultron, Vision affronta quello che sembra essere l’ultimo drone sopravvissuto, contenente la coscienza di Ultron. Vision per tanto, sembra distruggere il drone e apparentemente Ultron, per sempre.

Ma è possibile che Ultron abbia trasmesso la sua coscienza a Vision e alla Pietra Mentale prima o durante questo processo, permettendogli di sopravvivere. La morte di Vision in Avengers: Infinity War potrebbe averlo liberato.

Leggi anche: WandaVision | Alla scoperta dell’incredibile coppia Marvel su Disney+

8vision newscinema compressed

8. L’avvoltoio Lo Ha Risuscitato

Spider-Man: Homecoming è stata la più grande fonte di teorie su Ultron prima di WandaVision. Due aspetti principali del film si collegano direttamente a Ultron.

Uno è Adrian Toomes, l’Avvoltoio e potenziale membro dell’MCU Sinister Six . Toomes raccoglie gli avanzi di tecnologia avanzata lasciati dopo la battaglia di New York. Ha anche un paio di armi derivate direttamente da Ultron. Senza dimenticare che un membro dell’equipaggio di Toomes, Brice, ha sparato in pubblico con un blaster Ultron. È possibile che qualche aspetto della coscienza di Ultron sia sopravvissuta nelle parti recuperate.

7vision newscinema compressed

7.Non Tutti I Droni Sono Stati Distrutti

Questo porta direttamente alla teoria più importante e possibile sul ritorno di Ultron. Non tutti i droni sono stati distrutti su Sokovia. Una delle tante teorie sul possibile ritorno di Ultron riguarda un drone sopravvissuto alla battaglia di Sokovia nonostante gli innumerevoli sforzi dei Vendicatori.

Durante uno scontro su un ponte a Sokovia, Capitan America ne colpisce un drone, apparentemente fatale. Data la forza dei droni, è possibile che Ultron sia sopravvissuto alla caduta e sia rimasto in vita da qualche parte nel mondo.

6vision newscinema compressed

6. Controllo dei Danni

Non solo Adrian Toomes ha messo le mani sulla tecnologia Ultron in Spider-Man: Homecoming , ma anche Damage Control. Uno dei migliori easter egg nel primo film di MCU Spider-Man è il capo di Ultron.

Peter Parker scopre la testa in possesso della squadra di pulizia governativa Damage Control. La cosa più inquietante di questa scoperta è che gli occhi di Ultron sono rossi in questa scena. L’unica volta che i fan hanno visto Ultron con gli occhi rossi nell’MCU è stato quando era vivo e cosciente.

Leggi anche: WandaVision | tutti i dettagli che vi siete persi nel trailer della serie tv

5vision newscinema compressed

5. Copia di Backup

È anche possibile che Ultron abbia conservato una copia di backup di se stesso. Stava tentando di accedere al world wide web in Age Of Ultron e alla fine ha fallito, ma ciò non significa che non abbia creato cloni digitali della sua coscienza e ne abbia eseguito il backup su vari dischi rigidi.

Quel tipo di ridondanza lo renderebbe praticamente impossibile da sconfiggere. Ognuno dei suoi droni era essenzialmente un clone, e ognuno di loro avrebbe potuto avere un backup del disco rigido, rendendo la sua sopravvivenza molto più sicura.

4vision newscinema compressed

4. Kang The Conqueror Lo Resuscita

L’utente di Reddit The God-TK ipotizza che Kang The Conqueror abbia la capacità di riportare in vita Ultron. Kang The Conqueror apparirà in Ant-Man And The Wasp: Quantumania (interpretato da Jonathan Majors di Lovecraft Country , un altro spettacolo con la passione per i dettagli nascosti ).

Kang potrebbe essere trascinato nell’MCU dagli eventi di Avengers: Endgame , in cui il tempo è stato disturbato, o forse anche da WandaVision , dove la realtà vacilla. Poteva resuscitare o impedirgli di morire in primo luogo, per aiutarlo a raggiungere il suo obiettivo di rivedere il tempo.

3vision newscinema compressed

3. Jocasta

L’utente di Reddit MCKimmyKim scrive che Ultron riesce a sopravvivere grazie alla sua sposa dei fumetti, Jocasta. In effetti, lei deve ancora fare la sua apparizione nell’universo cinematografico Marvel, anche se è apparsa in uno degli easter egg più nascosti presenti in Age Of Ultron . Quando Tony Stark sta cercando tra i programmi per sostituire JARVIS, ne passa uno chiamato Jocasta.

È possibile che il programma Jocasta sia a sua volta cosciente e mantenga in parte o tutto il programma di Ultron? Jocasta è un elemento abbastanza importante dei fumetti, una creazione non dissimile dalla Sposa di Frankenstein, un mostro horror della Universal degno di un reboot.

Leggi anche: Paul Bettany | Chi è l’attore dietro la Visione della Marvel

2vision newscinema compressed

2. Adam Warlock

L’utente di Reddit TheLazerShell suggerisce che il personaggio ‘incriminato’ di questo focus, potrebbe tornare tramite l’eroe cosmico Adam Warlock . Proprio lui è stato preso in giro nel film Guardiani della Galassia Vol. 2 , dettaglio che alcuni fan potrebbero aver perso. L’eroe Marvel cosmicamente potente è stato inserito nella scena post-credits per un uso successivo, e questa teoria lo vedrebbe responsabile del suo ritorno.

La teoria suggerisce che Ultron abbia caricato un virus nel Quinjet con il quale intendeva fuggire, che è stato poi perso nello spazio da Hulk. Alla fine, questa nave viene successivamente ritrovata e restaurata, insieme a Ultron e tutto il resto, proprio da Adam Warlock.

1vision newscinema compressed

1. Ritorna Attraverso Il Multiverso

Il modo più semplice per il ritorno del protagonista di questo articolo, come è stato suggerito in teorie precedenti, è forse attraverso il Multiverso. L’MCU si sta tuffando a capofitto nel concetto del Multiverso e molti dei principali cattivi delle passate serie di film di Spider-Man stanno tornando per Spider-Man 3 , come Doctor Octopus ed Electro. Se nei film possono apparire numerose versioni di Doctor Ocotpus, possono farlo anche diverse versioni di Ultron. Ha molte, molte iterazioni nel fumetto a cui l’MCU potrebbe continuare a disegnare.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari