Connettiti a NewsCinema!

News

Natale 2016: la redazione di NewsCinema vi consiglia 6 film da vedere

Pubblicato

:

Sono tanti i film che è un piacere vedere o rivedere a Natale, dalle commedie ai film d’animazione, ma anche gialli e horror, perchè no!? La redazione di NewsCinema è felice di darvi qualche consiglio per come passare qualche ora di relax tra un’abbuffata e una tombolata, perchè il cinema per noi è sempre presente ed è un invitato speciale alle nostre festività natalizie. Buon divertimento e Auguri con questi 5 film scelti da noi per voi.

Carlo Andriani consiglia Polar Express

Tratto dall’omonimo libro per ragazzi di Chris Van Allsburg, Polar Express è il film di animazione diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Tom Hanks attraverso la motion capture. La tecnica che, permettendo al protagonista di Forrest Gump di incarnare i personaggi principali della storia, rende l’animazione unica nel suo genere. Perché ve lo consiglio? Sicuramente per il respiro fantastico del cinema di Robert Zemeckis, il talento di Tom Hanks e le emozioni di un racconto a cui tutti, almeno un po’, siamo affezionati! Se desiderate rendere l’atmosfera di casa ancora più natalizia, spegnete le luci e godetevi Polar Express. Un sogno a occhi aperti che ci insegna a credere nella magia del Natale.

Letizia Rogolino consiglia Serendipity

Se credete nel Destino questa commedia romantica del 2001 diretta da Peter Chelsom è il vostro film di Natale! Kate Beckinsale e John Cusack interpretano Sara e Jonathan, due sconosciuti che si incontrano per caso in un centro commerciale di New York durante il periodo delle feste natalizie. Entrambi interessati allo stesso paio di guanti, cominciano a parlare e finiscono per passare la serata insieme tra le strade della città, consapevoli di una forte attrazione che lega l’uno all’altro. Ma Sara decide di lasciare l’ultima parola al Destino per vedere se la loro storia d’amore deve concretizzarsi e andare avanti, scrivendo il suo nome e numero di telefono in un libro usato e venduto ad una bancarella, mentre Jonathan lascia i suoi recapiti su un biglietto da 5 dollari. Riusciranno a ritrovarsi nella città che non dorme mai? Una commedia romantica per tutti che fa sognare, scalda il cuore ma regala anche scene divertenti ed ironiche, accompagnate da una colonna sonora suggestiva da non perdere.

Carlo Lanna consiglia Saving Mr. Banks

Non è certamente facile scegliere il film adatto da vedere la sera di Natale. Tanti, troppi sono gli esempi che si rincorrono in lungo ed in largo in tutta la moderna tradizione cinematografica. Sicuramente Saving Mr. Banks, film prodotto dalla Disney arrivato nei cinema nel 2013, potrebbe essere una scelta interessante. Con Tom Hanks ed Emma Thompson nel cast, la pellicola che riverbera il cinema degli anni ’60, è un concentrato di emozioni, ironia e sentimentali. Nel video vi spieghiamo perché la scelta è caduta proprio su Saving Mr Banks.

Leila Cimarelli consiglia Il Grinch

Per me il film che rappresenta al meglio il Natale è Il Grinch (2000). Protagonista indiscusso è un dispettoso Jim Carrey nei panni di un mostruoso uomo peloso tutto verde diretto da Ron Howard. Tratto dal libro del Dr. Seuss, la vicenda è ambientata nel paese di Chinonsò, nel quale vivono gli abitanti, i Nonsochi. In questo paesino il senso del Natale e tutte le azioni come addobbo delle case, impacchettare i regali sono di vitale importanza. Qui vive la piccola Cindy Lou, la quale viene salvata dal terribile Grinch. Il sentimento di profondo odio verso questa festività, nato durante la sua infanzia e per una delusione amorosa, lo spinge a rubare i regali a tutta la città, con la speranza di rovinare le feste ai Nonsochi. Ma grazie alla vicinanza della piccola Cindy e all’aiuto del suo cagnolino Max, riuscirà a comprendere che il senso del Natale non sono i regali, ma l’unione e l’amore verso gli amici e la famiglia. Film come questo meritano di essere visti in compagnia di tutta la famiglia, per far comprendere ai più piccoli ma soprattutto ai più grandi, che l’amore per la famiglia è il regalo più bello che si possa ricevere.

Giuseppe Tarallo consiglia Babbo Bastardo

Sotto la supervisione dei fratelli Cohen in qualità di produttori esecutivi, Terry Zwigoff nel 2003 ci consegna una delle commedie più irriverenti del periodo natalizio. Billy Bob Thornton è protagonista delle pellicola e interpreta un ladro combina-guai che mette a segno i suoi colpi sempre durante le feste di Natale. Infatti Willie ogni anno organizza, insieme all’amico Marcus,una rapina in un centro commerciale che proprio durante questo periodo è affollatissimo di gente e riesce a fare dei guadagni stratosferici. Facendosi assumere rispettivamente come Babbo Natale e come Elfo, cercano di studiare a fondo la location che sarà successivamente svaligiata. Trattasi di una commedia irriverente e per nulla scontata dai risvolti inaspettati. Probabilmente è il giusto film da vedere proprio in questo periodo dell’anno in cui si respira un atmosfera così allegra e spensierata.

Davide Sette consiglia 8 Donne e un Mistero

Il mio consiglio cinematografico per questo Natale è il bellissimo e geniale 8 donne e un mistero di François Ozon, commedia nera del 2002 con un cast di attrici straordinarie. Una ricca famiglia francese si riunisce per festeggiare il Natale insieme, ma un avvenimento increscioso sconvolge la tranquillità iniziale: il padre di famiglia viene ritrovato senza vita nel proprio letto con un coltello piantato nella schiena.

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Mirko

    24 dicembre 2016 at 17:49

    Concordo su Saving Mr Banks, in realtà su ogni film in cui ci sia il premio Oscar Emma Thompson, che a proposito di Oscar fu una delle grandi escluse dalle nomination di tre anni fa appunto per Saving Mr Banks. Aspetto ancora nomination di riparazione, dopo vent’anni dalla sua ultima volta agli Oscar e dopo quell’esclusione di tre anni fa.

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

The Mandalorian, George Lucas visita il set di Jon Favreau

Pubblicato

:

Jon Favreau continua a condividere frammenti di materiale dietro le quinte dal set del suo imminente serie di Star Wars The Mandalorian. Il suo post più recente potrebbe mandare i fan in tilt, poichè il regista ha rivelato un ospite a sorpresa sul set, ovvero lo stesso George Lucas. La visita di Lucas sul set di The Mandalorian è avvenuta il giorno del compleanno di Favreau. In precedenza Lucas aveva già visitato i set di Rogue One e Solo, ma è bello vedere il creatore di Star Wars ancora molto coinvolto nel franchise.

The Mandalorian è attualmente in produzione. I registi della serie sono stati ufficialmente annunciati e includono Dave Filoni (Star Wars: The Clone Wars, Star Wars Rebels) che dirigerà il primo episodio. Altri episodi saranno diretti da Deborah Chow (Jessica Jones), Rick Famuyiwa (Dope), Bryce Dallas Howard (Solemates) e Taika Waititi (Thor: Ragnarok). The Mandalorian sarà prodotto da Jon Favreau, Dave Filoni, Kathleen Kennedy e Colin Wilson. Karen Gilchrist sarà il co-produttore esecutivo.

La prima stagione di 10 episodi avrà un budget combinato di $ 100 milioni, rendendo ogni episodio costato circa $ 10 milioni. È stato anche annunciato che Disney sta attualmente sviluppando serie multiple limitate con personaggi del Marvel Cinematic Universe per il loro prossimo servizio di streaming. The Mandalorian non ha ancora una data di rilascio, ma la piattaforma Disney Direct-to-Consumer verrà lanciata alla fine del 2019.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Birthday Surprise

Un post condiviso da Jon Favreau (@jonfavreau) in data:

Continua a leggere

Cinema

La llorona – le lacrime del male, il teaser trailer ufficiale

Pubblicato

:

Svelato il teaser trailer ufficiale italiano de LA LLORONA – LE LACRIME DEL MALE, horror firmato da Michael Chaves e atteso nelle sale italiane a partire dal 18 aprile 2018. Fate attenzione al gemito della Llorona, la donna che piange, un’apparizione imprigionata tra il Paradiso e l’Inferno, dopo aver annegato i figli in preda ad un rapsus. Negli anni ’70 La Llora si aggira per Los Angeles, di notte, a caccia di bambini. Un’assistente sociale non prende sul serio l’inquietante avvertimento di una madre sospettata di aver compiuto violenze sui figli, e presto sarà proprio lei, insieme ai suoi bambini, ad essere risucchiata in uno spaventoso regno soprannaturale. Sul set del film: Linda Cardellini, Raymond Cruz, Patricia Velasquez, Marisol Ramirez.

La llorona, sinossi ufficiale del film

La Llorona. La donna che piange. Un’apparizione terrificante, intrappolata tra il Paradiso e l’Inferno, quella di una donna segnata da un terribile destino che si è creata con le sue stesse mani. Il solo sentir menzionare il suo nome ha terrorizzato il mondo per generazioni. La sua colpa è stata quella di aver annegato i figli in preda ad un raptus di rabbia e gelosia, per poi gettarsi nello stesso fiume, disperata e piangente. Ora le sue lacrime sono eterne e letali, e coloro che sentono di notte il suo richiamo mortale sono condannati. La Llorona si insinua nell’ombra e va a caccia di bambini, nel disperato tentativo di sostituirli ai suoi. Con il passare dei secoli il suo desiderio è diventato sempre più vorace…e i suoi metodi sempre più terrificanti. Negli anni ’70 a Los Angeles, La Llorona si aggira nella notte alla ricerca di bambini. Un’assistente sociale non prende sul serio l’inquietante avvertimento di una madre sospettata di aver compiuto violenze sui figli, e presto sarà proprio lei, insieme ai suoi bambini, ad essere risucchiata in uno spaventoso regno soprannaturale. L’unica speranza di sopravvivere all’ira mortale della Llorona potrebbe essere un prete disilluso e la mistica che pratica per scacciare il male, dove la paura e la fede si incontrano. Attenzione al suo gemito agghiacciante…non si fermerà davanti a niente pur di attirarti nel buio.
Perché non c’è pace per la sua angoscia, non c’è misericordia per la sua anima.
E non si può sfuggire alla maledizione della Llorona.

Continua a leggere

Cinema

RFF 13: Isabelle Huppert, conferenza stampa

Pubblicato

:

Isabelle Huppert, l’immensa attrice francese in occasione del ritiro del premio alla carriera durante la terza giornata della Festa del cinema di Roma, durante la conferenza stampa ha parlato a cuore aperto della sua carriera e del suo modo di approcciarsi alla recitazione. Imperativo da seguire: mai avere paura!

Lei è una fonte di ispirazione per molti attori e attrici, interpretato ruoli importanti e coraggiosi. Dove ha trovato il coraggio per poterlo fare?

Non solo giovani attori mi fanno i complimenti. I ruoli che ho interpretato non mi hanno mai fatto paura, ma sono comunque complessi e coraggiosi. Può far paura avere difficoltà, conflitti nella vita, ma l’unica cosa importante è vivere e lavorare in armonia.

Ultimamente ha lavorato nella serie The Romanoffs, cosa può dirci a riguardo?

The Romanoff è stato un lavoro molto intenso ed ho imparato anche un po’ di russo. Avevo visto Mad Man di Matthew Weiner e ho voluto lavorare fortemente con lui. Spesso si dice che dietro i Romanoff ci sia un mistero. I componenti sono morti, ma Mattew ha pensato bene di speculare su questa storia, creando 8 episodi diversi tra loro. Il mio personaggio è quello di una regista molto nervosa e trovo che nel mio episodio c’e qualcosa di barocco.

Oggi riceverà il premio alla carriera, cosa ha pensato quando le è stato comunicato? Qual è stata la prova più difficile che ha dovuto affrontare nella sua carriera?

Il teatro è una situazione più stressante rispetto al cinema, ma sono contenta di essermi cimentata anche in questo campo. Le difficoltà che si incontrano nel cinema vengono risolte dalla regia. Come attrice pongo molta fiducia nel cinema. Ricevere questo premio per me è una grande soddisfazione. Ricordatevi di non avere mai paura dell’ignoto. Il fatto che in teatro non si riproduce mai la stessa cosa, non mi spaventa, anzi lo trovo una cosa molto stimolante. Negli ultimi tempi il cinema è diventato una finestra sul mondo, per gli spettatori e per me.

Qual è il personaggio alla quale è più legata?

Mi sento vicina e non vicina ai personaggi che interpreto. “Non” mi sento vicina perché quello che accade in scena non mi succede nella vita reale. Invece “mi” sento vicina, perché comunque in tutto quello che rappresento metto una parte di me. Divido le attrici – e non solo – in due categorie: quelle vicino alla realtà e quelle più vicine alla fantasia. Resta il fatto che si tratta comunque di fiction.

Nel corso della sua carriera ha interpretato più di cento film. Come è riuscita a mantenere la sua identità?

È il cinema che permette di farlo. Così come avviene nel teatro è un confronto con se stessi. Non ci sono diverse recitazioni e soprattutto non si deve mai avere paura di quello che si andrà a recitare. Come disse Truffaut in riferimento a quando si gira un film: “ Il treno è partito e il paesaggio scorre”. Dobbiamo sempre essere noi stessi, perché è il cinema che deve raccontare.

Come ben sa, il grande Vittorio Taviani è venuto a mancare qualche mese fa. In merito, cosa ci può raccontare del rapporto con i Fratelli Taviani?

Ho un bellissimo ricordo di loro due, quando abbiamo girato in Toscana. Siamo stati in luoghi bellissimi e ricordo una dolcezza e bravura unica di Paolo e Vittorio.Erano due persone con una sola testa.

Continua a leggere

Facebook

Film in uscita

Ottobre, 2018

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Recensioni

Nuvola dei Tag

Popolari

X