Connettiti a NewsCinema!
ornella muti ornella muti

Cinema

Ornella Muti | I 65 anni di una diva italiana

Pubblicato

:

Sessantacinque anni e non sentirli, né mostrarli. In occasione del compleanno della nota attrice, tra le ultime dive del cinema italiano, ripercorriamo insieme il percorso privato e professionale di una donna che segnato indelebilmente l’immaginario collettivo e il cui fascino non tarda a svanire neanche con l’avanzare dell’età, tanto che all’inizio del 2020 ha sfilato in passerella per l’amica stilista Ulyana Sergeenko. Ornella Muti è il nome d’arte scelto da Francesca Romana Rivelli – questa la reale identità dell’attrice – che nasce a Roma il 9 marzo del 1955 da padre napoletano e madre estone, dalla quale deriva indubbiamente quello sguardo glaciale che ha fatto innamorare il pubblico maschile di ogni generazione.

Il suo percorso nel mondo della Settima Arte inizia in giovanissima età, quando Francesca non ha ancora spento le quindici candeline: siamo nel 1969 e ancora adolescente partecipa nel ruolo di protagonista al film La moglie più bella di un regista di peso come Damiano Damiani. Sarà proprio il cineasta a imporle lo pseudonimo con cui è poi diventata famosa e sul set conobbe il suo futuro marito Alessio Orano, con il quale rimarrà sposata dal 1975 al 1981.

Ornella Muti | La carriera sul set

ornella muti in la moglie più bella

Ornella Muti in La moglie più bella

Il debutto sul grande schermo attira subito le attenzioni dell’intero panorama, non solo nostrano, e Ornella Muti viene richiesta da diverse produzioni sia italiane che internazionali (all’inizio degli anni ’70 prenderà parte a molteplici pellicole realizzate in Spagna, spesso marcanti la sua bellezza fresca e giovanile). Nel 1974 l’attrice viene chiamata dal maestro Mario Monicelli per girare un classico come Romanzo popolare, al fianco di una leggenda come Ugo Tognazzi, e la sua popolarità sale alle stelle, tanto da portarla a collaborare con attori e registi del calibro di Vittorio Gassman, Gerard Depardieu, Ettore Scola, Dino Risi e Marco Ferreri (con il quale girerà titoli quali L’ultima donna e Storie di ordinaria follia).

L’inizio degli anni ’80 coincide con il suo sbarco ad Hollywood, dove prende parte ad un cult di quel decennio come Flash Gordon: un film ambizioso e sfortunato che amplifica l’epica kitsch in un fumettone fantastico diventato poi di culto successivamente. Ornella Muti rifiuta il ruolo di Bond Girl in uno dei capitoli della saga spionistica e lavora in futuro con Adriano Celentano, Renato Pozzetto e Paolo Villaggio. Nel 1984 è nel cast all-star di Un amore da Swann insieme a Jeremy Irons, Fanny Ardant e Alain Delon e sette anni dopo divide la scena con Sylvester Stallone nell’incompreso Oscar – Un fidanzato per due figlie di John Landis. Dagli anni ’90 dirada le sue apparizioni, anche se partecipa come guest-star a titoli di cineasti famosi come nel caso di To Rome with love di Woody Allen, girato in Italia.

Leggi anche: Rachel Weisz | I 50 anni dell’attrice attraverso i suoi migliori film

Ornella Muti | La vita privata

ornella muti in flash gordon

Ornella Muti in Flash Gordon

Il suo charme le ha fatto ottenere nel 1994 l’elezione dalla rivista Class a donna più bella del mondo, e nel biennio 2016-2017 è stata proclamata la più sexy dalla rivista di Glam Mag, un primato non da poco a quell’età. Dal punto di vista relazionale è al momento single, dopo i due matrimoni finiti: il primo, già citato, con il collega Orano e il secondo con Federico Fachinetti. Ornella Muti ha tre figli, la più famosa Naike Rivelli – che ricorda in maniera impressionante la madre per fisionomia – e Carolina e Andrea, avuti in seconde nozze e da tempo è diventata una fervente buddhista. Ribadiamo ancora i nostri auguri ad una delle icone di bellezza che hanno segnato la storia, non solo cinematografica, del nostro Paese.

Appassionato di cinema fin dalla più tenera età, cresciuto coi classici hollywoodiani e indagato, con il trascorrere degli anni, nella realtà cinematografiche più sconosciute e di nicchia. Amante della Settima arte senza limiti di luogo o di tempo, sono attivo nel settore della critica di settore da quasi quindici anni, dopo una precedente esperienza nell'ambito di quella musicale.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CineComics

Margot Robbie | 5 personaggi Marvel per cui sarebbe perfetta

Pubblicato

:

Se c’è una cosa sulla quale la maggior parte di noi è d’accordo, in relazione ai film della DC Extended Universe, è che Margot Robbie È Harley Quinn. L’energia contagiosa, la devozione appassionata e l’inconfondibile accento di Brooklyn che porta al ruolo sia in Suicide Squad che in Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn compongono il tipo di ritratto cinematografico tratto da un personaggio dei fumetti che ci capita di vedere solo di tanto in tanto. Per questo viene da interrogarsi su ciò che l’attrice potrebbe portare ai personaggi Marvel.

Naturalmente, data la sua popolarità con la gente della DC, è più che probabile che la possibilità per l’attrice due volte nominata all’Oscar di dar vita ad un personaggio Marvel nel prossimo futuro sia ormai sfumata. Tuttavia, se Laurence Fishburne può apparire in Batman v Superman: Dawn of Justice e poi recitare in Ant-Man and the Wasp due anni dopo e, di contro, Adewale Akinnuoye-Agbaje può prendere parte a Thor: The Dark World prima di interpretare Killer Croc in Suicide Squad, perché Margot Robbie non potrebbe fare lo stesso?

C’è una quantità inimmaginabile di personaggi dell’universo Marvel che deve ancora vedere la luce, e per i quali Margot Robbie sarebbe la scelta ideale. Ecco una selezione di 5 personaggi, 4 eroine e una villain: quale di questi potrebbe portare l’attrice australiana a divenire il volto, dopo DC, anche di casa Marvel?

Dazzler

Non appena entrò nel ruolo di Naomi Lapaglia in The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese, fu chiaro che Margot Robbie era destinata a diventare un’icona della moda, grazie alla facilità con cui poteva perfezionare qualsiasi look. Certo, la moda non viene comunemente associata al personaggio di Dazzler, la cui capacità di creare luce dal suono le è valsa un posto tra gli X-Men e una carriera di cantante, ma il suo senso del fashion è innegabilmente iconico per il mondo dei fumetti ed è un elemento di forte modernità che l’attrice australiana potrebbe portare sul grande schermo.

Senza tralasciare il fatto che Birds of Prey ha rivelato il talento nascosto di Robbie per la canzone, il che la rende ancora più adatta per questo ruolo di mutante, nota anche per la sua prolifica carriera di cantante.

Leggi ancheThe Wolf of Wall Street, la follia dell’eccesso

Gatta Nera

A prima vista, potrebbe sembrare fuori luogo per Margot Robbie, più giovane di sei anni rispetto a Tom Holland (che sembra già molto più giovane di quanto sia), interpretare Felicia Hardy, nota per avere una seria cotta per Spider-Man. Tuttavia, la Marvel Cinematic Universe è notoriamente libera da regole e potrebbe ridefinire la risposta biondo platino della Marvel a Catwoman facendone, magari, una mentore improbabile o, meglio ancora, una collaboratrice riluttante, per la quale Peter Parker prende una sbandata, in un’intrigante inversione di ruoli.

O forse è semplicemente il momento di dare a Gatta Nera, un’eroina con un passato da scassinatrice, il suo film e quale modo migliore di scaldare il pubblico se non quello di affidare a Robbie il ruolo di protagonista?

Emma Frost

Nonostante Harley Quinn avesse già una fanbase consolidata prima di Suicide Squad, grazie a un’impressionante presentazione in Batman: The Animated Series, che ha portato poi a diverse apparizioni in fumetti classici e alla sua serie, la rappresentazione di Margot Robbie è riuscita a rielaborare questo vantaggio, infondendo un certo fascino in grado di rendere estremamente attraente il cattivo, altrimenti caratterizzato dal solo disturbo mentale.

Forse potrebbe infondere lo stesso guizzo al ruolo di Emma Frost, missione che a quanto pare non è riuscita a January Jones in X-Men – L’inizio. Conosciuta anche come la Regina Bianca, la bionda Frost è all’altezza del suo nome, con alcune abilità letteralmente glaciali, che utilizza sia contro, che, in alcuni casi, al fianco degli X-Men.

Leggi anche: Margot Robbie, 10 cose che (forse) non sapete sulla star di Suicide Squad

She-Hulk

Probabilmente non c’è anima al mondo che voglia vedere l’aspetto impeccabile di Margot Robbie alterato ulteriormente rispetto al trucco di Harley Quinn, ma la natura non ortodossa di questa semplice idea intriga a tal punto che viene spontaneo raccomandarle di interpretare un personaggio dei fumetti che nessuno avrebbe il coraggio di proporle.

Poche eroine della Marvel si comportano come Jennifer Walters, meglio conosciuta come She-Hulk. L’interprete della cugina verde e quasi altrettanto forte di Bruce Banner deve ancora essere scelta per la serie tv incentrata su di lei in arrivo su Disney + e se Robbie sarebbe perfetta per lo show, il suo aspetto e il suo talento potrebbero essere proprio ciò di cui il personaggio ha bisogno per brillare davvero.

Leggi ancheBirds of Prey | 10 cose da sapere sul film con Margot Robbie

La Donna Invisibile

In vista di una selezione di casting, per questo ruolo verrebbe spontaneo pensare a Margot Robbie, una delle più talentuose attrici di Hollywood, conosciuta anche per la sua folta chioma di capelli biondi. Se poi si pensa che la Donna Invisibile condivide con la Robbie svariati aspetti, non ultimo la passione per la recitazione, la scelta sembra quasi scontata.

Il talento di Margot Robbie nell’interpretare personaggi femminili forti e coinvolgenti, capaci di spiccare in modo energico in un cast dominato da uomini, la renderebbe una grande Susan Storm, facendo del ritorno sul grande schermo e dell’introduzione dei Fantastici Quattro nell’MCU un motivo d’orgoglio per tutti gli appassionati della prima famiglia Marvel.

Qualunque sarà il destino di questi personaggi sul grande e piccolo schermo, siamo convinti che Margot Robbie potrebbe essere un’interprete in grado di dargli lustro, con la forza e la raffinatezza a cui ci ha abituato nel tempo con le sue grandi prove d’attrice. Soltanto il tempo ci svelerà se le nostre previsioni avevano qualche fondamento.

 

Continua a leggere

Cinema

Jennifer Connelly | 10 film da rivedere con la star di Snowpiercer

Pubblicato

:

Prima di diventare Mr. Parasite, il coreano più amato dalla West Coast degli Stati Uniti, il regista Bong Joon-ho, firmò nel 2013 un film di culto, al crocevia tra grottesco, azione, fantasy e dramma: Snowpiercer. In un futuro ormai imminente, i superstiti di una nuova glaciazione vivono su un treno rompighiaccio che viaggia ininterrottamente sui binari della terra, tra differenziazioni sociali, oppressione e rivolte imminenti. Lunedì 25 maggio la piattaforma di streaming Netflix pubblicherà la serie tv omonima, che si pone come prequel dell’opera cinematografica ed è stata prodotta dallo stesso regista Premio Oscar. Nel ruolo (affascinante e ambiguo) della protagonista troviamo l’attrice Jennifer Connelly.

C’è chi la ricorda danzare eterea per Sergio Leone, aggirarsi nel bosco con un fedele seguito d’insetti per Dario Argento, o ancora destreggiarsi tra i rompicapo che le tende David Bowie. Jennifer Connelly è stata, quasi quarant’anni fa, una delle grandi promesse del cinema americano a da allora non ha mai abbandonato la recitazione (fatta eccezione per una breve parentesi musicale per il mercato giapponese!). Ma i giovani prodigi, si sa, non sempre hanno vita facile. I successi iniziali spesso vanno incontro ad un calo fisiologico, motivato da scelte interpretative discutibili o semplicemente dalla necessità di una formazione adeguata, necessaria per supportare anche i talenti innati. E così anche Jennifer, che dall’inizio degli anni ’80 è stata sempre attiva, ha dovuto attendere il 2000 per la sua consacrazione nell’Olimpo hollywoodiano.

Tra cult, film di genere, Oscar e flop clamorosi, nella sua carriera troviamo scelte audaci e diversificate, che l’hanno resa un’interprete versatile, disposta a sperimentare, anche a costo di qualche caduta. Ecco i 10 film che l’hanno resa celebre.

C’era una volta in America (1984)

Un piccolo ruolo in un film che ha fatto la storia: l’esordio sul grande schermo di Jennifer Connelly è di quelli capaci di tracciare il corso di una carriera. Su consiglio del direttore del casting, Sergio Leone la scrittura per il ruolo di Deborah, l’aspirante ballerina che da grande avrà il volto di Elizabeth McGovern, nel colossal gangster C’era una volta in America. A 11 anni grazia ed eleganza sono ampiamente riconoscibili, saranno il leitmotiv di tutto il suo percorso.

Phenomena (1985)

Soltanto un anno dopo, Jennifer è di nuovo la giovane musa ispiratrice di un maestro di genere, che gli concede stavolta un ruolo principale. Dario Argento la vuole come protagonista di Phenomena, horror soprannaturale, ambientato in un collegio svizzero. Eterea, a tratti irreale, potremmo definirla “la signora delle mosche”, visto che ha il potere il dialogare con gli insetti. 40 milioni di insetti, per la precisione, allevati appositamente per il film.

Leggi ancheIl Bif&st si tinge di rosso con Dario Argento: “Hitchcock è stato come un padre per me!”

Labyrinth (1986)

Il legame che unisce la Connelly con il cinema di genere sembra non conoscere sosta. Il candore, la bellezza impalpabile e una statura interpretativa che comincia a profilarsi in modo definito la portano al fianco di David Bowie nel fantasy Labyrinth, un cult per più di una generazione, che ha canonizzato l’immaginario dei film fantastici anni ’80. Non fu la prima scelta (e nemmeno la seconda) ma Bowie affermò che gli ricordava Elizabeth Taylor da giovane. E di certo fu una scelta azzeccata.

Leggi anche: Labyrinth: in preparazione il remake del cult con David Bowie

Requiem for a Dream (2000)

Da enfant prodige che si rispetti, anche Jennifer Connelly, senza mai allontanarsi dalle scene, deve affrontare gli alti e bassi di una carriera iniziata troppo presto. Negli anni ’90 sono soprattutto i bassi, ma esattamente nel 2000 c’è un punto di svolta: Requiem for a Dream di Darren Aronofsky la impone con forza agli occhi della critica, con il ruolo drammatico di una tossicodipendente che si prostituisce e piomba in un vortice morale senza scampo. Tante nomination e la promessa di una consacrazione che non avrebbe tardato ad arrivare.

A Beautiful Mind (2001)

A Beautiful Mind di Ron Howard è il film della consacrazione: nel ruolo di Alicia – la moglie dell’economista Premio Nobel John Nash affetto da schizofrenia – Jennifer porta a compimento un cammino cominciato sul grande schermo 20 anni prima. Il suo personaggio è di quelli che hanno bisogno di acume, autocontrollo ed empatia da parte dello spettatore. Vince ogni premio possibile, tra cui l’Oscar alla migliore attrice non protagonista, e riesce a tener testa a un Russell Crowe gigantesco.

Leggi anche: RomaFF14, tra gli ospiti Bill Murray e Ron Howard

La casa di sabbia e nebbia (2003)

La leggenda vuole che dopo l’Oscar ci sia uno scivolone. Ma non è questo il caso. Il 2003 vede Jennifer protagonista di ben due film. La casa di sabbia e nebbia è un dramma in piena regola su una ragazza che tenta di riappropriarsi della casa sul mare lasciatale in eredità dal padre. Un film riuscito a metà che trae forza dalle interpretazioni dei protagonisti e riporta alla Connelly i favori di pubblico e critica.

Hulk (2003)

Abbandonati da tempo gli accenti fiabeschi degli esordi, il 2003 conferma la sua versatilità e il desiderio di sperimentare e muoversi agilmente tra i generi. Di nuovo al fianco di una personalità forte con tante ombre come nel ruolo che le aveva dato l’Oscar, Connelly affianca Eric Bana in Hulk, il film tratto dal fumetto Marvel in cui il regista Ang Lee rilegge il tema del supereroe, alternando intimismo e azione. Non fu il successo sperato ma con il tempo si è creato il proprio fandom.

Leggi ancheGemini Man | La recensione del film di Ang Lee

Dark Water (2005)

Non sarà un tassello imprescindibile della sua filmografia, eppure Dark Water, remake dell’omonimo horror giapponese ed esordio hollywoodiano del regista de I diari della motocicletta, è un film che si vede e rivede con piacere. Sarà che riporta la Connelly ad un genere che ha segnato la sua fortuna all’inizio della carriera, ma anche senza parlare con mosche e insetti di vario genere è affascinante e credibile, mentre affronta i fenomeni sinistri che animano l’appartamento in cui ha traslocato con la figlia.

Little Children (2006)

Tra i film più sottovalutati dei primi anni duemila, Little Children tocca con una sceneggiatura perfetta e un cast d’attori scelti al microscopio le vite di alcune persone che abitano la periferia d’America. Alla luce del sole sono stimabili e senza macchia, ma dietro la facciata si celano frustrazioni, tradimenti e pedofilia. Jennifer Connelly è una donna attenta, precisa, a tratti fredda, legata ad un marito con cui non c’è passione, che la tradisce con Kate Winslet. Assolutamente da recuperare.

Blood Diamond (2006)

Accanto a Leonardo DiCaprio, Jennifer Connelly affronta con Blood Diamond – Diamanti di sangue un ruolo di denuncia tra i più importati della sua carriera. Maddy è una giornalista intenzionata a denunciare i traffici di diamanti sporchi di sangue nella Sierra Leone. Un dramma con venature thriller che conferma, se ancora ce ne fosse bisogno, la sua abilità nell’infondere tratti di profonda caratterizzazione anche ai ruoli d’azione.

Leggi anche: Tre miti da sfatare su Leonardo DiCaprio

Poliedrica e coraggiosa, Jennifer Connelly calca da quattro decenni le strade del grande schermo, con l’audacia di chi non teme i passi falsi, e sempre facendosi forte della sua innata versatilità. Non ci resta che scoprirla nel ruolo di Melanie in Snowpiercer, in streaming su Netflix a partire da lunedì 25 maggio, in attesa di rivederla al cinema con Top Gun: Maverick.

Guarda qui la video recensione in anteprima di Snowpiercer la Serie

Continua a leggere

Cinema

Tenet | Tutto quello che sappiamo sul film di Christopher Nolan

Pubblicato

:

tenet

Ogni nuovo film di Christopher Nolan è un evento: dopo il clamoroso successo di critica e di pubblico della trilogia sul Cavaliere Oscuro, capace di reinventare per sempre il mondo dei cinecomic, il cineasta londinese ha assunto un’aura mitica e l’attesa che precede i suoi nuovi progetti è di stampo quasi trascendentale.

Non poteva far eccezione Tenet, ennesima incursione fantascientifica di un autore che ha già trovato molteplici chiavi di lettura nei precedenti lavori a tema, analizzando il contesto onirico – con Inception (2010) – e l’esplorazione spaziale – Interstellar (2013) – in modalità affini e antitetiche al contempo, prediligendo o la struttura ad incastro o gli squarci emozionali. In occasione dell’uscita del full trailer, trasmesso nelle scorse ore in esclusiva all’interno del popolarissimo VG battle-royale Fortnite, facciamo un ripasso di tutto quello che sappiamo finora.

Tenet | Fantascienza 2.0

Il paradosso non è quello dei viaggi nel tempo, o almeno non come li abbiamo sempre intesi: la trama di Tenet, come anche sottolineato da alcune delle battute presenti nel video, è infatti incentrata sul tema dell’inversione, tramite cui dal passato si può incidere sul futuro e viceversa. Un legame dicotomico non ancora del tutto chiarito ma che promette, fin da ora, uno sviluppo cerebrale che sarà ulteriormente amplificato dagli innovativi effetti speciali già ora posti in bella mostra.

Vicino ad Inception come sforzo narrativo e di relativa messa in scena, almeno stando alle prime impressioni, il film vuole usare il mezzo cinematografico per raccontare qualcosa di mai visto prima e le premesse sono assai incoraggianti. Un film di spionaggio che applica processi sci-fi in un contesto dove nulla è quello che sembra e aperto, fin dalla sua genesi, ad incredibili colpi di scena.

Tenet | Premesse incoraggianti

john david washington

John David Washington

Se sono ancora molti i lati oscuri dell’operazione, con quell’alone di mistero e segretezza riservato solo alle grandi opere, Tenet ha già dei punti fermi che sono assolute certezze. In primis il cast, vantante nel ruolo principale il figlio d’arte John David Washington – vera e propria rivelazione del BlacKkKlansman (2018) di Spike Lee – e comprimari di lusso quali un ormai inarrestabile Robert Pattinson, un attore di classe shakespeariana come Kenneth Branagh e sir Michael Caine, feticcio del regista sin dai tempi di Batman Begins (2005). Anche in sceneggiatura si va sul sicuro, con lo stesso Nolan che ha curato in prima persona lo script seppur orfano, come già per Dunkirk (2017), della preziosa collaborazione del fratello Jonathan.

Altri indizi sulle reali fondamenta del progetto vengono date dal titolo di un libro ivi collegato, la cui uscita è prevista in concomitanza con quella della pellicola: The Secrets of Tenet: Inside Christopher Nolan’s Quantum Cold War. La guerra fredda quantica apre ad infinite suggestioni e sottolinea l’anima spionistica del racconto, che siamo sicuri impegnerà il pubblico in teorie molteplici che si moltiplicheranno anche dopo l’avvenuta visione. Visione che, situazione di emergenza permettendo, dovrebbe essere possibile nelle sale statunitensi dal prossimo luglio mentre per quanto concerne il nostro Paese l’attesa – a scanso di ulteriori ritardi – durerà fino a settembre.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

filmhorror 300x250

Recensioni

Pubblicità

Facebook

Film in uscita

Maggio, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Giugno

Nessun Film

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X