Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

Quantico, perché vedere la seconda stagione della serie ABC

Pubblicato

:

C’è grande attesa per il ritorno di Quantico, lo spy-drama in odore di guilty pleasure trasmesso sulla ABC dal settembre del 2015. Sviluppato da Joshua Safran, la serie tv in poco tempo si è imposta come una fra le produzioni più cool, irriverenti e totalmente addictive della tv. Rinnovata per una seconda stagione (nonostante un vistoso calo di ascolti), il nuovo ciclo di episodi è previsto per il prossimo 25 settembre e, secondo quanto riportano tutti i più importanti magazine americani, non mancheranno le emozioni, i colpi di scena e i grandi amori.

Ambientata all’interno dell’Accademia dell’FBI (almeno durante la prima stagione), Quantico racconta la vita di un gruppo di reclute alle prese con batticuori, sogni di rivalsa ed il duro addestramento per diventare un perfetto agente investigativo. Ed attraverso un gioco ben congeniato di flashforward, vedremo come tutte le reclute saranno coinvolte in un gioco al gatto con il topo per scovare chi si cela dietro un attentato che ha distrutto la Gran Central di New York ed il cuore stesso dell’America. La ricerca del colpevole fa palesare che, l’attentatore, si nasconde proprio fra le reclute di Quantico. Al centro della vicenda c’è l’immensa Priyanka Chopra nel ruolo di Alex Parrish, senza dimenticare l’agente Ryan Booth (Jake McLaughlin), Shelby Wyatt (Johanna Braddy), Cabel Hass (Graham Rogers), Simon Asher (Tate Ellington) e tanti altri personaggi più o meno regolari e di vitale importanza ai fini della vicenda.

Scena dalla serie tv Quantico

Scena dalla serie tv Quantico

Con un cast così variegato ed una storia dalle infinite sfumature, c’era la possibilità di dar vita ad una serie diversa dal solito, intimistica e fuori dagli schemi, invece si preferisce puntare su una trama confezionata a dovere con annessi clichè;  eppure Quantico raggiunge il consenso del pubblico e trova la forza proprio nei suoi latenti difetti strutturali.  Alla luce di una prima stagione bella ma non troppo (caduta troppo spesso in qualche assurdità di troppo), c’è ancora un valido motivo per continuare a vedere le disavventure di questi giovani e sexy agenti governativi?

La serie ABC è un vero guilty pleasure

Al di là tutti i problemi strutturali che si sono palesati già durante il primo ciclo di episodi, Quantico rimane il fiore all’occhiello del network di riferimento. E’ una serie che conferma tutti i canoni della ABC, dalle storie d’amore al limite e tormentate, dall’effetto soap fino alle trame intricate, ed il suo merito è quello di aver reso accattivante ed altamente seducente lo spy-drama in tv, soprattutto nei riguardi di un pubblico generalista solitamente poco attento a questa tematica. Avulso dai dettami di una narrazione procedurale e con un cast dal grande respiro – come la bellissima ed affabile Priyanka Chopra – con tutti i suoi pregi (molti) e difetti (tantissimi), lo show della ABC è un must per tutti gli addicted delle serie tv.

È un guilty pleasure a tutti gli effetti, reso tale sia da una trama sul filo del rasoio – che episodio dopo episodio si arricchisce di particolari – ma soprattutto la serie brilla per una perfetta contestualizzazione  della realtà sociale di oggi (lo spettro del terrorismo internazionale è sempre dietro l’angolo). E quindi la seconda stagione di Quantico – in onda in America dal 25 settembre – merita di essere vista con la stessa dedizione dello scorso anno, perché oltre a promettere un mero intrattenimento, si pone l’obbiettivo di approfondire i personaggi e far trasparire le sfumature più complesse del loro carattere. Più drama, più azione e più introspezione, in modo tale da non perdersi in qualche lungaggine di troppo.

Priyanka Chopra in una scena di Quantico

Priyanka Chopra in una scena di Quantico

Ha già esaurito tutto il suo carismatico appeal

Eppure nonostante tutto la bellezza di Quantico finisce qui. Anzi per l’esattezza la serie si è accartocciata su se stessa dopo l’episodio 11, nel momento in cui si è alzato il velo in merito alle reali intenzioni dell’attentatore di Grand Central. Da quel momento in poi, Quantico ha smesso di essere un pleasure, annaspando in una narrazione complessa, difficile da seguire, con continui cambi di registro ed, il calderone degli eventi, era così tracotante tanto è vero che alla fine gli sceneggiatori non sono riusciti a gestire tutti questi cambiamenti. Seppur il finale di stagione ha stuzzicato in maniera quasi perfetta l’attenzione dello spettatore, il futuro di Quantico non è per nulla roseo.

Dalle ultime indiscrezioni che si leggono in rete, pare che ci sarà un cambio di location (non più l’FBI ma la CIA), ci sarà “un evento molto più grande di quello affrontato nella passata stagione che toccherà un arco più diffuso di episodi” (come ha rivelato il produttore), ma cosa più importante sembra che gli eventi saranno più lineari e meno confusionari, costruiti quindi con cognizione di causa, ed infine pare che ci sarà l’intenzione di dare più spazio alla tematica drama e quindi al fattore ship. C’è voglia di rinnovarsi, c’è l’intenzione di far prosperare la serie tv e di rendere lo slot domenicale il fiore all’occhiello della tv americana.

Eppure, secondo il nostro punto di vista, la seconda stagione di Quantico, non potrà essere migliore della precedente, anzi non potrà superare la perfezione stilistica dei primi 11 episodi; sicuramente avrà un buon incipit, sarà un crescendo almeno per 4/5 episodi per poi crollare miseramente prima del finale di metà stagione. Senza più quel suo seducente appeal, cosa ne rimane di Quantico? Ai posteri l’ardua sentenza.

 

 

Carlo è un trent’enne con un cuore che batte per il cinema, le serie TV, i romanzi fantasy e la musica anni ’90. È un Maveliano D.O.C. ed è #TeamCap per scelta. Si è laureato in Giurisprudenza ma non è un avvocato, sogna di vivere a Londra e di intervistare David Tennant.

Continua a leggere
1 Commento

1 Commento

  1. Pingback: Quantico, perché vedere la seconda stagione della serie ABC – Cinema & Film Blog

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Addio a Luke Perry, il solitario James Dean rubacuori di Beverly Hills 90210

Pubblicato

:

luke perry

Luke Perry è morto all’età di 52 anni a Los Angeles. Dopo essere stato ricoverato in ospedale lo scorso mercoledì in seguito a un ictus, l’attore nato in Ohio non ce l’ha fatta.

Conosciuto soprattutto per aver recitato nel ruolo del rubacuori Dylan McKay nella serie tv per adolescenti Beverly Hills 90210 dal 1990-1995, poi di nuovo dal 1998-2000. Il suo personaggio era una sorta di solitario di James Dean che ha affascinato i cuori dei fan di tutto il mondo. Beverly Hills 90210 sta per tornare sul piccolo schermo con una serie revival di sei episodi, ma Perry non era stato confermato per tornare insieme ai suoi ex co-protagonisti.

Ha anche doppiato una versione di se stesso in The Simpsons nel 1993 e I Griffin nel 2000. Nel primo ha interpretato il fratellastro di Krusty the Clown, che per un breve periodo ha assunto il ruolo di Sideshow Luke Perry. Nel secondo è stato intervistato da Meg Griffin (Mila Kunis) per il suo articolo scolastico. Più recentemente Perry ha interpretato Fred Andrews in Riverdale, il padre del personaggio principale dello show, Archie Andrews (K.J. Apa). Apparirà anche nell’imminente Once Upon A Time di Quentin Tarantino a Hollywood, dove interpreterà l’attore della vita reale Wayne Maunder.

Perry lascia sua figlia Sophie e suo figlio Jack, un wrestler professionista che usa il nome di “Jungle Boy” Nate Coy.

Continua a leggere

Cinema

Buffy l’Ammazzampiri, dal 20 Marzo il vinile speciale dell’episodio musical della serie

Pubblicato

:

Buffy l'Ammazzavampiri

Buffy l’Ammazzavampiri torna con una ristampa della colonna sonora originale in vinile per il famoso episodio musicale della serie, Once More With Feeling, con la copertina originale di Paul Mann e le note di copertina del creatore e compositore della serie Joss Whedon.

Prima che l’episodio musicale diventasse un espediente di base delle serie tv, Buffy l’Ammazzavampiri lo ha fatto per primo. L’episodio della stagione 5 Once More With Feeling è uscito dal desiderio di Joss Whedon di dirigere un musical e ha finito per diventare uno degli amati episodi più acclamati della serie horror-comedy. L’episodio è stato una lettura sovversiva del musical di Broadway e di una brillante storia indipendente, riuscendo a piantare semi per l’arco più grande e per i suoi archi caratteristici. Ora puoi resuscitare il tuo amore per Buffy l’Ammazzavampiri e questo episodio musicale in particolare, con la ristampa in vinile della registrazione originale del cast. Su 180 grammi di vinile, l’LP sarà disponibile a partire dal 20 marzo 2019 alle ore 12.00 grazie a Mondo, secondo Pitchfork.

Buffy: The Vampire Slayer: Once More, With Feeling:

01 Overture / Going Through the Motions
02 I’ve Got a Theory/Bunnies / If We’re Together
03 The Mustard
04 Under Your Spell
05 I’ll Never Tell
06 The Parking Ticket
07 Rest in Peace
08 Dawn’s Lament
09 Dawn’s Ballet
10 What You Feel
11 Standing
12 Under Your Spell / Standing – Reprise
13 Walk Through the Fire
14 Something to Sing About
15 What You Feel – Reprise
16 Where Do We Go From Here?
17 Coda
18 End Credits (Broom Dance / Grr Arrgh)
19 Main Title

Continua a leggere

Serie tv

I Critters stanno tornando, ecco il trailer della nuova serie tv

Pubblicato

:

critters

Sono passati quasi 30 anni da quando i piccoli alieni pelosi Critters hanno attaccato l’umanità, e ora stanno per tornare per un’altra invasione nella prossima serie divisa in otto parti, Critters: A New Binge, di cui è online il primo trailer che può essere visto nel player qui sopra.

Inseguiti da cacciatori di taglie intergalattici, i Critters tornano sulla Terra in missione segreta e incontrano il liceale Christopher (Joey Morgan), la sua fidanzata Dana (Stephi Chin-Salvo), il suo migliore amico Charlie (Bzhaun Rhoden) e sua madre Veronica (Kirsten Robek), il cui passato tornerà a morderla letteralmente. La serie include anche Gilbert Gottfried e Thomas Lennon.

La serie in otto parti è stata scritta da Al e Jon Kaplin e Jordan Rubin e diretta da Rubin, il trio che sta dietro al famoso film cult dell’horror Zombeavers, e sarà il produttore esecutivo del progetto insieme a Rupert Harvey e Barry Opper del franchise originale, Ivana Kirkbride e Chris Castallo. Anche il produttore pediatrico di ospedali Jonathan Stern e il produttore di lunga data della vita Harvey Kahn produrranno la serie. L’annuncio della serie e del trailer arriva pochi mesi dopo che SyFy ha acquisito i diritti per il franchise e per la commedia horror cult Killer Klowns From Outer Space per produrre sequel per entrambe le proprietà.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Marzo, 2019

21Mar00:00A un Metro da Te

21Mar00:00Il professore e il pazzo

21Mar00:00Instant Family

21Mar00:00La Conseguenza

21Mar00:00Peppermint - L'Angelo della Vendetta

21Mar00:00Peterloo

21Mar00:00Il Venerabile W.

21Mar00:00Scappo a Casa

Film in uscita Mese Prossimo

Aprile

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X