Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

The Walking Dead, 5 cose che potremmo vedere nell’ottava stagione

Pubblicato

:

Ricordate come iniziò la settima stagione di The Walking Dead lo scorso ottobre con la testa schiacciata di Glenn sotto la mazza da baseball inchiodata di Negan – rappresentando una delle morti più devastanti e centrali di tutto il percorso di questa serie tv? Bene, siamo arrivati al punto di partenza, in un certo senso: il finale di questa stagione si è concluso con il discorso di Maggie che ha ricordato la perdita di un uomo gentile per mano di un uomo crudele.

In questi sei mesi, il dramma più popolare della tv negli ultimi anni ha portato il pubblico a continui stupori e nuove posizioni da prendere, oltre che all’incontro con nuovi personaggi insoliti; i produttori Scott M. Gimple e Robert Kirkman hanno cercato di mettere meglio a fuoco questo mondo post-apocalittico moralmente nebuloso. Questo spettacolo molto tempo fa ha smesso di trattare solo il mondo dei vivi e quello dei non morti. Ora si tratta di eroi e criminali – che possono essere difficili da distinguere quando si trovano l’uno di fronte l’altro, puntandosi le pistole a vicenda.

Questo anno per la serie è stato certamente tra i più importanti. Dopo la morte di Glenn e la valanga di feedback, rimane uno degli spettacoli più visti in televisione. Alcuni episodi sono stati contorti, lenti e tristi, mentre altri sono stati lineari, travolgenti, con la loro tipica formula azione-horror. Ma ora che il cast e la troupe si stanno radunando per preparare l’ottava stagione, c’è molto materiale del passato sul quale è possibile costruire nuove storie. Immaginando cosa potrà accadere nel futuro di The Walking Dead ecco alcune ipotesi.

La guerra non è facile

Rick e il suo popolo incontrano nuove comunità, e lentamente le convincono ad unirsi alla loro lotta. “Ma, come il caos confuso del finale di stagione ha chiarito, anche quando i buoni riescono a montare più eserciti, questo non significa che hanno fatto effettivamente qualcosa di concreto. Gli abitanti di Alexandria sono ora sostenuti dal Regno e dalla Colonia di Hilltop, e hanno una talpa all’interno del Santuario, Dwight. Nel processo, però, si sono fatti anche dei nemici con gli Oceansiders rubando i loro fucili, che poi hanno fatto il doppio gioco con gli Scavengers.

Nel frattempo Morgan era tornato allo stato selvaggio, il leader nominale del Hilltop, Gregory è stato furtivamente informato, e nel finale di stagione la squadra ha perso un personaggio importante, ossia Sasha. E nonostante tutto, Negan non ha davvero sofferto molte perdite. Prima Rick pensava che il suo compito più difficile fosse lavorare per ottenere che tutti partecipassero alla guerra, ma ora che questa è iniziata non si può più tornare indietro, si possono seppellire e trovare un sacco di vecchi e nuovi amici.

I sopravvissuti (e la serie) sono migliori quando diversi gruppi lavorano insieme…

Dopo la brutale e deprimente apertura della stagione, The Walking Dead ha iniziato a tornare in pista quando ha introdotto Ezechiele e il Regno, i quali hanno dato subito ai sopravvissuti un nuovo gruppo di amici che potevano (eventualmente) collaborare con loro. La seconda metà della settima stagione è stata caratterizzata di più dalla contesa che dalla collaborazione, ed è stata molto più piacevole da guardare. Per far in modo di tenere alto l’interesse del pubblico per lungo tempo, la serie deve suggerire un brillante futuro utopico per quanto possibile.

… eppure tutti ancora si fidano di Rick

Il nostro uomo non ha fatto alcuna mossa stupida ultimamente, come hanno fatto i suoi sfortunati nemici zombie durante la sesta stagione, ma in precedenza gli abitanti di Alexandria si sono fatti guidare da artisti del calibro di Maggie, Michonne, Tara, Sasha, Rosita – ma è sempre più difficile capire perché tutti continuano ad appoggiarsi al signor Grimes. La sua fiducia mal riposta nelle Scavengers è stata quasi un errore fatale, corretto solo all’ultimo secondo dall’ intervento degli eserciti di Hilltop e del Regno, cosa che ha contribuito a mettere in moto la collaborazione, senza aver esattamente previsto le conseguenze. La sua prima incursione sulla Oceanside può rivelarsi un errore totale anche se quel gruppo viene ri-armato e decide di vendicarsi.

Il personaggio principale di questo show ha un buon cuore e buone idee, ma la sua disattenzione per i dettagli e il suo grilletto sensibile e decisionale, causa più problemi di quanti ne risolva.

Negan si può eliminare, ma il “Neganism” forse no

I fan sono stati divisi sulla questione riguardo il personaggio di Negan, se è ancora il più cattivo della serie, o se il suo sorrisetto compiaciuto ha perso il diritto di novità nel tempo e ha eliminato i due personaggi preferiti dai fan. Eppure, grazie agli episodi della settima stagione che ci hanno permesso di essere all’interno del Santuario, è più facile capire come egli mantiene i suoi Salvatori leali. Si premia l’utile, dando loro una scelta semplice: possono vivere come dei re, oppure possono essere rovinati. È per questo motivo che questo tiranno rivestito di pelle non sembra battere ciglio, quando l’ennesimo gruppo di Alexandria si presenta ai suoi cancelli e inizia a uccidere il suo popolo. Invece si meraviglia del loro buon senso, e saggiamente cerca di sfruttarlo.

Alcuni dei co-protagonisti come Dwight, sono profondamente infelici per il loro destino. Altri, come Simon (e Eugene, purtroppo) non sembrano intenzionati a spendere molto tempo in ripensamenti. Il piano per la prossima guerra è quello di prendere Negan, e poi sperare che il suo spietato ed efficiente racket di protezione muoia con lui. Ma potrebbe non essere così facile convincere un ben nutrito gruppo di bulli a smettere di prendere ciò che vogliono dalle persone deboli ed indifese.

Difficile prevedere il futuro della serie

Quanti attacchi zombie si possono ricordare di questa stagione? Ce ne sono stati pochi, compresa la scena con Rick e Michonne che ripuliscono i vaganti insieme in una specie di circo a cielo aperto. Idem la sequenza di apertura della metà della stagione, in cui i nostri eroi hanno cominciato nel migliore dei modi per gli amanti dell’horror con due auto in corsa e un filo sterminatore. Ma per la maggior parte ormai la serie ha dimenticato un po’ i vaganti per diventare un’epica guerra tra tribù. Visto quello che abbiamo visto nel corso degli ultimi 16 episodi, non c’è ragione di credere che sconfiggere Negan non possa cambiare qualcosa. La stagione 8 è destinata a cominciare con delle risse ancora più sanguinose sicuramente.

Se le colonne portanti Gimple e Kirkman si basano sulla trama di fumetti, allora ci saranno un sacco di episodi violenti che si ripeteranno in avanti. Ma questa stagione chiave include, in particolare, negli eventi del finale, un percorso tortuoso e con diverse combinazioni di personaggi per arrivare dove i fumetti sono già stati.

La versione televisiva di TWD è sempre stata molto aperta al cambiamento in soccorso del dramma. Da quando la serie ha iniziato ad attingere dall’adattamento di “All Out War” di Kirkman, è interessante capire se stiamo vedendo ancora una lunatica storia horror basata su quei personaggi, oppure se assisteremo alla rinascita del vecchio Vic Morrow della serie sulla seconda guerra mondiale Combat!…con occasionali mangiatori di carne qua e là.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Netflix

El Camino, tutto quello che c’è da sapere sul film di Breaking Bad

Pubblicato

:

el camino breaking bad movie

L’attesa sempre più febbrile che si è creata attorno a El Camino, film di Netflix tratto dalla serie cult Breaking Bad, diretto e scritto dal suo creatore Vince Gilligan, è una testimonianza tangibile di come la serie Amc abbia lasciato un segno profondo all’interno del panorama televisivo e nel cuore dei suoi fan. In arrivo su Netflix il prossimo 11 ottobre, El Camino è ancora oggi un prodotto misterioso, di cui si sa ufficialmente pochissimo al di là della durata (122 minuti) e della data di uscita. Pare che, proprio come il recente lungometraggio di Downton Abbey, anche El Camino prenderà il via dal finale dell’ultimo episodio della serie da cui è tratto (a distanza di sei anni lo spoiler è in prescrizione).

Leggi anche: Breaking Bad, 5 grandi momenti della serie tv

I teaser trailer diffusi nelle scorse settimane sono stati molto utili a definire quello che presumibilmente sarà il tono del film (cupo ma allo stesso tempo attraversato da un irresistibile umorismo nero) e invece poco generosi nel rivelare dettagli riguardanti la trama. Sappiamo che un ruolo fondamentale nel film lo avranno i personaggi di Jesse Pinkman (Aaron Paul), Skinny Pete (Charles Baker) e Badger (Matt L. Jones). Cosa è successo davvero a Jesse dopo la sua uscita di scena? Questa è una delle domande principali a cui il film dovrà rispondere. Ovviamente massima segretezza sulla eventuale presenza (in quale forma, non è dato saperlo) di Walter White. Ma con il suo solito umorismo, Bryan Cranston ha affermato lo scorso giugno: “Well, rigor mortis has a way of allowing that to happen”.

È stato lo stesso Matt Jones a rivelare recentemente le accortezze adottate dalla produzione per non rivelare il progetto prima del dovuto: “Sono nel film, sì, ma credetemi quando vi dico che non ho la minima idea di cosa accada. Non lo so e basta, onestamente, perché ho solo letto le scene in cui dovevo recitare la mia parte. Non c’è stata neanche nessuna lettura di gruppo. Abbiamo persino alloggiato negli Hotel di Albuquerque con degli pseudonimi. Il mio era Jean-Luc Picard. Non sto scherzando. Dovevamo indossare degli abiti sopra i nostri costumi di scena. Assurdo”.

Curiosità: 7 attori la cui carriera inizia e finisce con Breaking Bad

È stata invece confermata (dallo stesso interessato) la presenza di Jonathan Banks, che tornerà a vestire i panni di Mike Ehrmantraut (ucciso nella quinta stagione, in una delle sequenze più belle dell’intera serie). Evidentemente la morte del proprio personaggio non è un elemento sufficiente ad impedirne il ritorno nel film. “Dopo la drammatica fuga dalla prigionia, Jesse deve venire a patti con il suo passato per poter plasmare il futuro”. Questa è la stringata sinossi disponibile attualmente su Netflix. Quello che sappiamo per certo è che Vince Gilligan, come dimostrato con Better Call Saul, ha mantenuto negli anni il suo personalissimo modo di scrivere e di caratterizzare i propri personaggi. Anche per questo, il ritorno di Breaking Bad, fortunatamente, non ha il sapore di uno stanco e nostalgico revival. 

Continua a leggere

Home Video

True Detective, la terza stagione in DVD e Blu-Ray dal 12 settembre

Pubblicato

:

cq5dam.web .738.462

Warner Bros. Home Entertainment Italia è orgogliosa di presentare la terza stagione di True Detective, la serie di culto ideata da Nick Pizzolatto. disponibile in DVD e Blu-Ray™ a partire dal 12 settembre. Otto episodi di pura suspence: la scomparsa di Will e Julie tormenta da 35 anni il detective Wayne Hayes (interpretato dal premio Oscar® Mahershala Ali). La stagione, lodata dalla critica, riprende la struttura narrativa della prima stagione, con la storia che si sviluppa in tre linee temporali differenti e vede un ricco cast che comprende, oltre ad Ali, anche Stephen Dorff (Blade) e Carmen Ejogo  (Animali Fantastici e Dove Trovarli, Alien: Covenant). La stagione è stata scritta da Nic Pizzolatto, nominato a due premi Emmy che ha diretto anche alcuni episodi.

Sinossi:
Wayne Hayes è un detective in pensione che da 35 anni è tormentato da un caso del passato. 1980: Will e Julie Purcell, due fratelli rispettivamente di 12 e 10 anni, una sera scompaiono. I loro genitori, Tom e Lucy, sono disperati. Il caso viene affidato a Hays e al suo partner Roland West. I Purcell non fanno che rinfacciarsi a vicenda la sparizione dei figli e non sono di grande aiuto. Purtroppo, i fratelli vengono trovati morti, si arriva a qualche indagato, ma non si riesce a trovare il colpevole. Il caso viene accantonato, ma dieci anni dopo, nel 1990, una nuova, scioccante scoperta riporta i riflettori sul caso…

Continua a leggere

Netflix

Luna Nera, le prime immagini della serie originale italiana su Netflix nel 2020

Pubblicato

:

lunanera 102 unit 00182rc20190713 5984 tzj754

Sono appena terminate le riprese di Luna Nera, la terza serie originale italiana Netflix (una produzione Fandango), che sarà disponibile da inizio 2020 su Netflix in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo. I protagonisti della serie sono: Antonia Fotaras (Ade), Giada Gagliardi (Valente), Adalgisa Manfrida (Persepolis), Manuela Mandracchia (Tebe), Lucrezia Guidone (Leptis), Federica Fracassi (Janara), Barbara Ronchi (Antalia), Giorgio Belli (Pietro), Gloria Carovana (Cesaria); Giandomenico Cupaiolo (Sante), Filippo Scotti (Spirto), Gianmarco Vettori (Nicola), Aliosha Massine (Benedetto), Nathan Macchioni (Adriano), Roberto De Francesco (Marzio Oreggi), Emili Mastrantoni (Ade bambina), Astrid Meloni (Amelia), Daniele Amendola (Giambattista), Marilena Anniballi (Agnese) e Mariano Pirrello (Professore romano) .

Dietro la macchina da presa troviamo Francesca Comencini (Amori che non sanno stare al mondo; Gomorra – La serie), Susanna Nicchiarelli (Nico, 1988) e Paola Randi (Tito e gli Alieni). La serie è basata sul romanzo “Le città Perdute. Luna Nera” di Tiziana Triana, che verrà pubblicato a novembre 2019 da Sonzogno Editore. La scrittrice ha contribuito alla sceneggiatura degli episodi insieme a Francesca Manieri (Il Miracolo), Laura Paolucci (L’Amica Geniale) e Vanessa Picciarelli (Bangla).

lunanera 103 unit 00001rc20190713 6038 10z22da

Luna Nera è ambientata in Italia nel XVII secolo. In seguito alla morte di un neonato, Ade, una levatrice di 16 anni, viene accusata di stregoneria. Trovato rifugio in una misteriosa comunità di donne al limitare del bosco, la ragazza è costretta a fare una scelta: l’amore impossibile per Pietro – figlio del capo dei Benandanti, i cacciatori di streghe – o l’adempimento del suo vero destino, una minaccia per il mondo in cui vive, diviso tra ragione e misticismo.

Tra le curiosità trapelate, possiamo dirvi che le riprese sono durate 16 settimane, sono state realizzate negli studi di Cinecittàdove sono state ricostruite le scenografie del XVII secolo – e in diverse altre location del Lazio, tra cui la magica cornice di Canale Monterano, l’incantevole borgo di Celleno, e il meraviglioso castello di Montecalvello appartenuto negli anni ‘60 al celebre artista parigino Balthus. Le riprese si sono svolte anche nella Selva del Lamone, a Sorano, Sutri e all’interno del Parco degli Acquedotti di Roma.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Ottobre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X