Connettiti a NewsCinema!

Serie tv

5 assurde teorie dei fan che stravolgono il senso di una serie tv

Pubblicato

:

Navigando sui forum dedicati al mondo delle serie tv o frequentando le pagine Facebook dedicate, sempre più frequentemente ci si imbatte in assurde e strampalate teorie partorite dalla mente di alcuni fantasiosi fan. Spesso cercando di risolvere “misteri” in realtà inesistenti, molti appassionati sono riusciti a immaginarsi scenari a cui gli stessi sceneggiatori della serie non avrebbero mai pensato. Ecco una breve lista di cinque assurde fan theory in grado di stravolgere completamente il significato della serie stessa.

Breaking Bad e The Waling Dead: due serie, un solo mondo

Nel corso degli anni gli appassionati delle due serie targate AMC si sono divertiti a ricercare citazioni e connessioni fra le vicende di Breaking Bad e quelle di The Walking Dead, arrivando addirittura ad ipotizzare un collegamento diretto fra i due mondi. La celebre “blue meth” di Walter White fa una breve comparsa nella seconda stagione della serie sui non morti, quando Daryl Dixon rovista tra le provviste di droga del proprio fratello in cerca di medicinali. Nella stagione successiva, inoltre, Daryl descrive uno degli spacciatori di Merle facendo riferimento ad un misterioso personaggio dalle fattezze estremamente simili a quelle di Jesse Pinkman in Breaking Bad. Recentemente, infine, il volto di Trevor nel videogioco Grand Theft Auto V, Steven Ogg, ha partecipato brevemente a due episodi di The Walking Dead e Better Call Saul, lo spin off di Breaking Bad. Ogg, nelle due serie, interpreta due personaggi davvero molto simili fra loro (tanto da far pensare che si tratti della stessa persona), ovvero due spietati mercenari armati fino ai denti. Impossibile non citare anche la Dodge Charger rossa, guidata da Glenn nella serie di zombie e acquistata da Walter nella quarta stagione di Breaking bad.

Dr. House è in realtà Doogie Howser

Alcuni di voi ricorderanno sicuramente la serie tv degli anni ’90 Doogie Howser, incentrata su di un ragazzo prodigio che a soli sedici anni esercita già la professione di medico, interpretato da un giovane e debuttante Neil Patrick Harris. Alcuni fantasiosi fan hanno ipotizzato che il celebre Dr. House di Hugh Laurie possa essere in realtà proprio Doogie, ormai cresciuto e in avanti con gli anni.

Charlie Brown e il cancro

Una delle più inquietanti fan theory in circolazione vede il protagonista dei Peanuts Charlie Brown come un ragazzo malato di cancro. Il celebre atteggiamento pessimista e disilluso di Brown sarebbe proprio una conseguenza della sua malattia, e le avventure narrate nei fumetti e nella serie tv sarebbero in realtà solo dei sogni ad occhi aperti. Nonostante tutto, però, la teoria non tiene conte dello speciale televisivo Why, Charlie Brown, Why ?, dove Brown e i suoi amici incontrano proprio una ragazza malata di cancro, dal nome di Janice.

Il nome del Dottore è in realtà una chiave

Doctor Who è, stando a quanto riportato dal Guinness Book of World Records, la serie fantascientifica più longeva della storia della televisione. Nonostante ciò parecchi misteri devono ancora essere risolti. Uno di questi è sicuramente quello riguardante il vero nome del Dottore. Alcuni appassionati hanno quindi ipotizzato che il nome del protagonista della serie sia in realtà la chiave per sbloccare il “time lock” che impedisce che la guerra tra Time Lords e Daleks prenda il sopravvento sul nostro universo. È una ipotesi sicuramente suggestiva, nonostante sia ricca di contraddizioni.

Arnold non è il protagonista di Hey Arnold! 

Nonostante le numerosissime puntate del celebre cartone anni ’90 Hey! Arnold, potrebbe essere sfuggito a molti un dettaglio fondamentale: Arnold non è il vero protagonista della serie, ma tutto ruota intorno a Helga G. Pataki, la bulletta segretamente innamorata di lui. Helga ha una vita famigliare complicata, figlia dimenticata di un padre egocentrico e di una madre probabilmente alcolizzata. Non solo, è il solo personaggio nella serie a cui sono affidati veri e propri monologhi. Arnold, in fin dei conti, è la più grande ossessione di Helga, e forse è proprio per questo che lo show si sofferma così tanto anche su di lui. Infine, è proprio Helga a pronunciare ripetutamente durante la sigla iniziale la frase da cui prende il nome il cartone animato.

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Netflix

La casa di carta 4 | Alla scoperta della nuova stagione

Pubblicato

:

la casa di carta

Una delle serie più seguite nell’universo dello streaming, capace di creare accese discussioni tra i sostenitori più accaniti e chi, con occhio più critico, non fatica a trovare difetti di trama e stilistici.

La casa di carta è sicuramente una delle produzioni più divisive degli ultimi anni, nonché uno dei successi garantiti per Netflix: la piattaforma on demand, dopo aver acquisito dal canale televisivo spagnolo Antena 3 e suddiviso, in episodi più corti e in due tronconi, la prima stagione, l’ha resa un clamoroso successo mondiale, tanto che ad oggi è il prodotto non in lingua inglese più visto del catalogo. Non c’è da stupirsi quinti per la grande attesa relativa alla distribuzione dei nuovi episodi, da oggi finalmente disponibili per il pubblico di internet. Scopriamo insieme a voi info e curiosità sui primi episodi.

La casa di carta 4 | I dubbi lasciati in sospeso

alba flores

Alba Flores

La banda capeggiata dal carismatico Professore è quindi pronta a tornare per emozionare i fan e risolvere molti dubbi lasciati in sospeso: uno dei più grandi, che ha caratterizzato le aspettative degli appassionati negli ultimi mesi, riguarda il destino della tosta Nairobi, tra le figure più apprezzate della serie, ulteriormente rimarcato dai sibillini post con cui Netflix ha disseminato criptici e inediti indizi sulle proprie pagine social.

Il ritorno di vecchi personaggi e l’evoluzione dei rapporti interpersonali tra alcuni di loro rischia di seguire un percorso ciclico, una sorta di ritorno alle origini che qualcuno ha tacciato di operazione copia-incolla e altri hanno trovato gradevolmente citazionista, in una sorta di omaggio alle proprie origini. Il fascino delle dinamiche alla base è rimasto intatto, con l’uso delle maschere da parte dei protagonisti che porta ad un’identificazione empatica da parte del pubblico in questa lotta anti-sistema che riesce a fare ancora breccia in diversi contesti.

Leggi anche: La Casa di Carta: guida ai personaggi della serie tv spagnola più amata di Netflix

La Casa di Carta 4 | I nodi vengono al pettine

Álvaro morte e itziar ituño

Álvaro Morte e Itziar Ituño

Mentre si attende quindi di scoprire la succitata, incerta, sorte di Nairobi, il team ha altre gatte da pelare: il professore ha dovuto abbandonare Lisbona, del quale il destino è per lui ugualmente incerto. L’uomo è alle prese con un road-trip nel quale si interroga sul da farsi, rimanendo comunque il nesso razionale del gruppo. I rimanenti membri sono invece in una sorta di stasi all’interno della Banca Spagnola, diventata ormai come una sorta di claustrofobica prigione, mentre proprio Lisbona deve vedersela con l’integerrima detective Alicia Sierra.

Senza svelare troppo, basti dire che l’identità nazionale è saldamente rimasta nel tessuto narrativo del racconto e anche il nostro stesso Paese viene ancora una volta omaggiato in più occasioni, in particolar modo in forma musical-canora. Se i primi episodi appaiono come una sorta di fase introduttiva, il meglio dal lato action-spettacolare arriverà sicuramente nella tranche finale, quando tutti i nodi verranno finalmente al pettine con quell’accattivante predilezione per i colpi di scena ai quali la serie ha abituato il relativo target.

Continua a leggere

Cinema

Sarah Jessica Parker | I 55 anni della star di Sex and the City

Pubblicato

:

sarah jessica parker

Una bellezza spigolosa e un carattere frizzantino la hanno consacrata come attrice di culto, adorata in particolar modo dal pubblico femminile che ha seguito con ardore tutti i 94 episodi della serie Sex and the City, andata in onda per sei stagioni (dal 1998 al 2004) con uno straordinario successo sul piccolo schermo tale da garantire la realizzazione di due, successivi, film destinati alla sala, anch’essi capaci di ottenere un ottimo riscontro ai botteghini seppur poco apprezzati dalla critica. Sarah Jessica Parker compie oggi cinquantacinque anni e per l’occasione abbiamo scelto di celebrarla ricordando insieme a voi le scene più iconiche della fortunata produzione HBO, dove l’attrice interpretava l’iconico personaggio di Carrie Bradshaw.

Le donne, il sesso e gli uomini (1×01)

kim cattrall sarah jessica parker kristin davis e cynthia nixon

Kim Cattrall, Sarah Jessica Parker, Kristin Davis e Cynthia Nixon

Non potevamo che partire dalle origini, ossia dal primo episodio nel quale vengono presentate le quattro amiche al centro della storia. Carrie, giornalista trentenne, gestisce uno spazio dove parla a 360° di sesso e sfrutta spesso le esperienze delle sue compari per affrontare l’eros in maniera sagace e ironica. Nel pilot spunta anche, in un incontro fortuito, la preponderante figura maschile di Mr. Big, con il quale vi sarà un lungo tira e molla che durerà per l’intero arco narrativo delle sei stagioni.

Single è bello? (2×04)

In seguito ad una serata di festeggiamenti andata per le lunghe, Carrie è protagonista di un servizio fotografico sulle trentenni single nel quale, contro la sua volontà, viene immortalata struccata mentre sta fumando una sigaretta. Le diapositive vengono così utilizzate dalla rivista in maniera del tutto opposta al previsto, con l’intento di spingere le lettrici a sposarsi il prima possibile pur di non ridursi come la “sfortunata modella”: il volto di Carrie tappezza le edicole della Grande Mela.

Ex: la terza dimensione (2×18)

Nella puntata finale della seconda stagione ha luogo uno dei tanti battibecchi tra Carrie e Mr. Big. Da poco i due amanti avevano deciso di rimanere amici – nonostante le esperienze vissute assieme – ma la donna va su tutte le furie quando scopre che l’uomo, da sempre contrario al matrimonio, ha invece intenzione di sposarsi con Natasha, una ragazza conosciuta da poco. Saranno scintille.

Sfide al femminile (3×03)

Per la serie se son rose fioriranno, Mr. Big è effettivamente convolato a nozze con la più giovane Natasha, scatenando l’ira e la gelosia di Carrie già citata nel precedente paragrafo. In questo episodio assistiamo alla sua reazione dopo aver letto un articolo sul romantico matrimonio che ha avuto luogo soltanto qualche giorno prima, con tutte le conseguenze del caso…

Chi la fa l’aspetti (3×17)

sarah jessica parker e chris noth

Sarah Jessica Parker e Chris Noth

Carrie ha provato ad andare avanti e a dimenticare Mr. Big, iniziando anche una relazione con un ragazzo, ma non riesce a nascondere i suoi sentimenti. Lo stesso novello sposo sembra provare lo stesso e i due cominciano a frequentarsi come amanti, venendo scoperti dalla moglie tradita che, durante un inseguimento concitato, cade rovinosamente dalle scale…

Leggi anche: Sex and the City compie 20 anni: 5 rivoluzioni a tinte rosa

Scrittrice in passerella (4×02)

Carrie deve sfilare in passerella per una kermesse di beneficenza ma finisce per cadere impietosamente davanti al pubblico, con la nota modella Heidi Klum che la scavalca, aumentando le risate di scherno degli astanti. La protagonista non si butta giù di morale e si rialza ridendo, dimostrando che dopo ogni caduta vi è una risalita e guadagnandosi il plauso della folla.

Diritto alle scarpe (6×09)

Durante una festa organizzata per celebrare l’arrivo di un nascituro, Carrie è vittima del furto delle sue amate scarpe di marca: l’organizzatrice dell’evento pensa di rimborsarla per l’inconveniente, ma quando scopre il prezzo degli indumenti cambia idea ritenendo che spendere una cifra così alta sia solo per ostentare la propria ricchezza. Nonostante tutto la Nostra riuscirà a cavarsela comunque grazie alla sua astuzia.

Un’americana a Parigi (6×20)

sarah jessica parker 2

Sarah Jessica Parker

L’ultimo episodio, quello che ha commosso milioni di telespettatrici, chiude infine il lungo cerchio: Carrie e Mr. Big, last minute, si mettono finalmente insieme, Samantha ha anch’essa una relazione stabile, Miranda è in pace nella sua situazione familiare e Charlotte adotta una bambina cinese. Un lieto fine che non è una definitiva conclusione, in quanto le quattro amiche faranno il loro ritorno nelle già citate pellicole per il grande schermo.

Continua a leggere

Cinema

Suspicion | nuova serie tv di Apple+ con Uma Thurman

Pubblicato

:

uma thurman

Suspicion sarà un remake di False Flag, serie tv israeliana in onda su Fox. La storia di questa nuova trasposizione racconterà del rapimento di Leo, un ragazzo di 21 anni, figlio di un’importante donna di affari. Il rapimento avviene a New York, in un hotel di lusso, ed è stato documentato da alcuni video poi pubblicati su internet. Le ricerche delle forze di polizia si concentrano subito su quattro cittadini britannici che alloggiano nella medesima struttura in cui è avvenuto il rapimento, ma il sospetto verso di loro potrebbe essere dovuto solo dal fatto che si trovavano nello stesso hotel di Leo.

Uma Thurman, icona del cinema e non solo

Il successo di Uma Thurman è legato in particolare a Quentin Tarantino, con cui ha collaborato per il film cult Pulp Fiction e grazie al quale ha ricevuto la nomination agli Oscar come miglior attrice non protagonista, seguito poi da Kill Bill 1 e 2. Di recente inoltre è stata partecipe di Dark Hall e prima ancora dell’horror La casa di Jack, tornando quindi a lavorare insieme al regista Lars Von Trier.

Nella discografia di Thurman troviamo anche serie tv. Infatti è stata protagonista di The Slap e di Chambers, thriller/horror della piattaforma Netflix. L’attrice ci riprova ora con Suspicion, entrando a far parte anche lei, dopo Jennifer Aniston, Chris Evans, e M. Night Shyamalan, del nuovo progetto streaming di Apple TV+.

Leggi anche: Chambers, la recensione della nuova serie horror con Uma Thurman

Suspicion | Cast, produzione della serie tv

Uma Thurman però non sarà l’unico volto noto in Suspicion. Insieme a lei c’è Elizabeth Henstridge, protagonista di Agents of S.H.I.E.L.D., Georgina Campbell, vista in Black Mirror e in His Dark Material, e Kunal Nayyar, attore apprezzato nel ruolo di Raj Koothrappali nella celebre The Big Bang Theory.

Alla produzione c’è Darin McLeod, noto come uno dei produttori di Watchmen. Il regista degli episodi sarà Chris Long, il quale ha firmato puntate di altre serie tv come The Americans e The MentalistSuspicion quindi entra nella lista dei titoli da non dimenticare nella piattaforma Apple TV+, accrescendo nuovamente la qualità del servizio streaming della casa di Cupertino, sempre di più in competizione con quelle già da tempo sul mercato.

 

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Aprile, 2020

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Maggio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X