Connettiti a NewsCinema!

Recensioni

Recovery Road, il teen drama che sottolinea l’importanza della rehab

Pubblicato

:

Se ABC è sempre garanzia di qualità, non si può dire lo stesso di Freeform che ha lanciato nel 2016 due show che hanno deluso le nostre aspettative. Il primo è Shadowhunters, la trasposizione televisiva dell’omonimo romanzo di Cassandra Clare, e il secondo è Recovery Road, l’ambizioso teen drama basato sulla celebre opera di Blake Nelson. Interpretato da Jessica Sula, Sebastian de Souza, Kyla Pratt, David Witts e Daniel Franzese, Recovery Road racconta la storia di Maddie Graham (Jessica Sula), una teenager dipendente da alcol e droga che, per evitare l’espulsione dalla scuola, è costretta a disintossicarsi all’interno di una struttura specializzata.

0956480.jpg-r_x_600-f_jpg-q_x-xxyxx

Quando abbiamo visto il primo trailer di Recovery Road siamo rimasti colpiti dall’audace scelta di Freeform (meglio conosciuto come ex ABC Family) di trattare un tema complesso come la dipendenza da alcol e droghe negli adolescenti; una idea tanto ambiziosa ed efficace quanto complicata e rischiosa perché poche opere hanno affrontato questa difficile realtà senza giocare con le emozioni degli spettatori o utilizzare i soliti cliché. Fragilità purtroppo presenti nel pilot di Recovery Road che presenta un approccio eccessivamente teen, una regia povera di idee e una sceneggiatura debolmente concentrata su una sola ed unica protagonista: Maddie, la teenager interpretata dalla modesta Jessica Sula (Skins), che non ha il potenziale per offuscare personaggi ben più interessanti come Vern Testaverde (Daniel Franzese) o Craig (David Witts). In ogni caso in Recovery Road ci sono tutti gli elementi fondamentali del teen drama, dall’abuso di droghe e i problemi con i genitori fino alle minacce di suicidio e molto altro; un materiale duro da digerire ma soprattutto difficile da gestire che avrebbe necessitato di un approccio più maturo per risultare veramente convincente. Ed è un peccato perché l’idea di sviluppare uno show su come alcune dipendenze possano influire negativamente sul futuro dei giovani di oggi non è solo interessante, ma socialmente importante. C’è solo da sperare che i successivi nove episodi della prima stagione di Recovery Road superino le debolezze del pilot per regalare le emozioni, l’intelligenza e la profondità dell’opera di Blake Nelson.

La prima stagione di Recovery Road è in onda dal 25 Gennaio 2016 sul canale USA Freeform.

SPOT TV

Classe 1988, nato con l'idea del cinema come momento magico, cresciuto con la prassi di vedere (almeno) un film a sera, abituato a digerire qualsiasi tipo di opera (commedia, splatter, dramma, horror) sin dai primissimi anni di età, propenso a scavare nei meandri più nascosti per trovare sconosciute opere horror da torcersi le budella... appassionato, commerciale, anti-commerciale, romantico, seriofilo, burtoniano...disponibile davanti e dietro le quinte e disposto per tutti voi ad intervistare le più grandi celebrità italiane e internazionali... questo è Carlo Andriani ovvero: IO.

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Frida – Viva la Vida, l’arte che nasce dal tormento del corpo

Pubblicato

:

Se c’è una cosa che Frida – Viva la Vida, nuovo documentario di Giovanni Troilo, capisce benissimo, è che le opere della pittrice messicana sono frutto innanzitutto di un tormento fisico, corporeo, quindi esteriore, visibile, e solo successivamente interiore. Opere come Lo que el agua me dio, in cui Frida mostrava i suoi piedi malati specchiarsi nell’acqua della vasca, o l’indagine anatomico-surrealista de Le due Frida (entrambi i quadri sono analizzati nel documentario), spiegano bene come l’attaccamento alla vita della pittrice, già discusso nel bellissimo libro Le Disobbedienti di Elisabetta Rasy, sia stato lo strumento attraverso il quale combattere la sofferenza fisica e il deperimento del proprio corpo. Tutto questo è sintetizzato benissimo da Troilo in una scena emblematica, quando la fotografa Graciela Iturbide mostra allo spettatore le immagini in bianco e nero scattate da Frida nel suo bagno, ovvero il luogo del dolore in cui si consumava il “martirio” del corpo, con busti, gessi e protesi (quella della sua gamba, che le fu asportata qualche anno prima della sua morte). Quella stanza della casa è stata per anni chiusa al pubblico e resa visitabile solo di recente. Una “collettivizzazione” di quel dolore così personale che il documentario di Troilo riesce a cavalcare senza auto-compiacimento.

L’indagine biografica della pittrice ricorda per certi versi quella “noir” del film animato Loving Vincent, nutrendosi, come quella dell’investigatore (suo malgrado) Armand Roulin, delle credenze popolari e delle leggende. Per farlo Troilo utilizza tutti gli strumenti cinematografici a sua disposizione: interviste esclusive, documenti d’epoca, ricostruzioni suggestive e opere della stessa pittrice, dando voce alle testimonianze di chi l’ha conosciuta per ragioni personali o professionali. Il ritratto che ne esce fuori è quello di una donna che, nonostante il dolore, causato prima dalla poliomielite e poi dall’incidente che la rese invalida all’età di 18 anni, ha vissuto un’esistenza fatta di emozioni e sentimenti mai annacquati o attenuati, sempre portati fino all’estremo delle loro conseguenze (felici e drammatiche).

Frida – Viva la Vida è quindi un documentario di sofferenze ma anche di amori travolgenti, di passioni (private e pubbliche) che hanno determinato le scelte della pittrice messicana. Frida Kahlo, come le altre “disobbedienti” della Rasy, ovvero Artemisia Gentileschi, Elisabeth Vigée Le Brun, Berthe Morisot e Suzanne Valadon, sembra non poter rinunciare all’autoritratto, che utilizza come strumento di “constatazione” di sé. Per rivendicare la propria immagine di donna e reagire così alla prepotenza del mondo circostante.

Continua a leggere

Cinema

Un giorno di pioggia a New York, è questo il Woody Allen che amiamo!

Pubblicato

:

un giorno di pioggia a new york

Gatsby è un giovane studente di famiglia benestante che sembra appartenere a un’epoca passata. Molto diverso dai suoi coetanei, ama passeggiare sotto la pioggia, fuma le sigarette con il bocchino, ama il pianobar e fantastica su una visione malinconica e romantica della vita. La sua fidanzata Ashleigh, una aspirante giornalista che frequenta il suo stesso college fuori città, è una ragazza che sogna il successo professionale e si lascia sedurre dalle tentazioni della grande città. Approfittando di un’intervista che Ashleigh deve realizzare a Manhattan, i due vanno a New York, dove Gatsby pensa di poter passare un divertente weekend. Ma le cose non vanno proprio come si era immaginato. La ragazza viene coinvolta in una serie di imprevisti che le fanno assaporare il misterioso e intrigante mondo di Hollywood, mentre Gatsby si trova a vagare da solo per le strade umide di Manhattan tra incontri bizzarri e fantasmi del passato.

un giorno di pioggia a new york film

Una scena di Un giorno di pioggia a new york

Leggi anche: Ciak but where, un dolce angolo di New York

Dopo il debole To Rome with Love, Woody Allen torna in acque sicure ambientando questo nuovo film nella sua adorata città che ha contribuito al successo delle sue opere più celebri. Romantica nei suoi colori autunnali e bagnata dalla pioggia, New York regala inquadrature indubbiamente suggestive. Timothée Chalamet sembra aver rubato il guardaroba al regista che, come ha fatto altre volte, sceglie il giovane protagonista come suo alter ego. L’attore che, dall’uscita di Chiamami col tuo Nome sta vivendo la sua inarrestabile ascesa, regala una interpretazione equilibrata e ricca di sfumature senza cadere nella rischiosa caricatura del nevrotico sognatore. Accanto a lui una favolosa Elle Fanning ricca di autoironia, tenera e sensuale allo stesso tempo. Insieme rappresentano il cuore pulsante del film, sostenuti dalla presenza di Jude Law nei panni di uno sceneggiatore in crisi e di Selena Gomez come il terzo incomodo. 

Curiosità: Se Woody Allen avesse diretto i film Disney (video)

La fotografia di Vittorio Storaro è qualcosa di magico con la scena invasa da luci calde e tinte intense che rendono New York un luogo fiabesco e sospeso tra realtà e immaginazione. La sceneggiatura brillante custodisce dialoghi ricchi di ironia e di riflessioni in grado di unire un pubblico eterogeneo e di diversa generazione. Si ride con naturalezza seguendo questa storia d’amore e di vita ricca di imprevisti, in cui i personaggi vivono il momento mentre il futuro è ancora sfocato. Ma il bello è proprio questo.

Woody Allen sembra riunire lo spirito di Midnight in Paris e la poesia dulcamara di La La Land realizzando un film da non perdere. E pensare che avevamo rischiato di non vederlo mai sul grande schermo dopo le polemiche portate avanti dalla famiglia Farrow contro il regista americano. Un giorno di pioggia a New York è un invito a sognare e sottolinea come la realtà può essere tollerata e apprezzata soltanto se siamo liberi di seguire il nostro istinto, anche se ci porta verso scelte apparentemente insensate e impulsive.

La pioggia di Woody Allen nasconde in un certo senso una filosofia di vita: quando piove c’è chi ha il terrore di bagnarsi e chi passeggia sotto la pioggia, accettando le conseguenze.

Review 0
4.3 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continua a leggere

Cinema

Midway, la recensione dello spettacolare war movie di Roland Emmerich

Pubblicato

:

Roland Emmerich, regista tedesco che in passato è stato uno dei massimi esponenti dell’industria action hollywoodiana, da Independence Day a The Day After Tomorrow, nel 2019 si trova a dirigere un film come Midway, dovendo mettere insieme il budget necessario al di fuori degli States e ricorrendo principalmente ai finanziamenti provenienti dalla Cina (la cui influenza su Midway è evidente in diversi punti). Quel genere di “war movie” tutto esplosioni e spettacoli pirotecnici oggi non è più considerato appetibile dai grandi studios americani (che infatti hanno risposto picche quando Emmerich ha cercato di coinvolgerli nel progetto) ed è diventato appannaggio di autori come Nolan (Dunkirk) o Mendes (1917). E forse solo Netflix può permettersi oggi di finanziare progetti come quelli di Roland Emmerich o Michael Bay (il cui prossimo film, 6 Underground, non a caso arriverà direttamente sulla piattaforma streaming).

Leggi anche: Midway, 5 fatti del film realmente accaduti anche se è difficile crederci

In Midway, la Cina svolge un ruolo importante sia a livello produttivo che a livello narrativo. La sceneggiatura di Wes Tooke si sofferma molto (e non casualmente) sulle conseguenze dell’incursione aerea su Tokyo del 18 aprile 1942, quando gli aerei degli Stati Uniti d’America condussero il loro primo raid in territorio giapponese, come risposta agli attacchi di Pearl Harbor. Le conseguenze di quella incursione aerea non ricaddero tanto sugli americani (il raid fu in realtà meno efficace di quanto sperato, ottenendo come unico vantaggio quello di diminuire la capacità aerea giapponese nel Pacifico) ma soprattutto sui cinesi. Come punizione per l’aiuto che gli abitanti dei villaggi e i missionari diedero ai piloti statunitensi, infatti, il Giappone fece uccidere circa 250.000 cinesi considerati complici degli americani. Un massacro che per anni è rimasto taciuto e la cui reale entità è stata scoperta solo recentemente grazie ad alcuni documenti della DePaul University.

Quello che manca ad Emmerich è però la capacità di raccontare molto attraverso il design (come faceva Tony Scott) o attraverso la magniloquenza delle immagini (come invece fa Michael Bay). Nè possiede il rigore del cinema di guerra di un tempo, a cui spesso Midway rimanda (primo fra tutti Berretti Verdi di Wayne, Kellogg e LeRoy). Emblematico di questa carenza è il cameo di John Ford (interpretato da Geoffrey Blake). Il regista si trovava davvero sulle isole Midway con la sua troupe cinematografica nel momento della battaglia e venne addirittura ferito alla spalla da alcune schegge (nonostante ciò continuò a girare il materiale che confluì ne La battaglia di Midway del 1942, documentario per il quale vinse un Oscar e un Purple Heart). Ma la sua presenza nel film è solo una nota di colore, una piccola curiosità per stuzzicare lo spettatore, mai un omaggio a quel modo di fare cinema o a quel modello di film che Ford inventò.

Leggi anche: 10 film di guerra da rivedere

Emmerich non sembra voler “attualizzare” una vecchia idea di cinema, né ha l’interesse nel creare qualcosa che incontri davvero i nuovi gusti del pubblico moderno. Il suo essere ostinatamente démodé (a cominciare dagli effetti digitali) è sia un punto di forza, nel momento in cui tratta i suoi personaggi non come strumenti del meccanismo cinematografico ma in quanto esseri umani con paure e aspirazioni proprie, sia un punto di debolezza, quando fallisce nel trovare la giusta misura. Ciò che lascia Midway allo spettatore è però una sensazione di genuino stupore nell’assistere alle prodezze che furono compiute: la sorpresa davanti all’incredibile precisione del pilota Dick Best, l’ammirazione nei confronti degli operai che in 72 ore, lavorando senza sosta, rimisero in acqua l’enorme USS Yorktown, ridotta a colabrodo dopo la terribile Battaglia del Mar dei Coralli. Tutti, indistintamente, eroi. Quelli a cui è stato riconosciuto e quelli (la maggior parte) che hanno lavorato nel silenzio. 

Midway, la recensione dello spettacolare war movie di Roland Emmerich
3.0 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Dicembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Gennaio

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X