Connect with us
hercules hercules

Cinema

Hercules | 5 cose che non dovrebbero mancare nel live action

Published

on

Non è un segreto che le trasposizioni live-action dei film animati Disney raggiungano un pubblico molto vasto, grazie a titoli provenienti dal periodo di rinascita dello studio d’animazione, che continuano a riscuotere un grande successo presso i fan. Solo nel 2019, sia Il Re Leone che Aladdin si sono classificati tra i 10 migliori incassi dell’anno, mentre il Mulan di Niki Caro è una delle uscite più attese per la prossima estate. È ormai chiaro che sarà Hercules il prossimo classico a ricevere questo trattamento (Per acquistare il dvd del classico d’animazione clicca qui).

Hercules | Remake, work in progress

Ciò che contraddistingue il film d’animazione del 1997 è che, nonostante non goda della stessa considerazione in cui sono tenuti altri titoli del periodo della rinascita Disney, è nondimeno un cartone fortemente nostalgico per la generazione che è cresciuta con esso.

L’annuncio è che saranno Joe e Anthony Russo, reduci dal successo di Avengers: Endgame, a produrre il live-action mentre David Callaham (Zombieland – Doppio colpo, Wonder Woman 1984, Shang-Chi and the Legend of the Ten Rings) si sta occupando della sceneggiatura. Anthony Russo ci racconta come stanno affrontando il remake: “Dal nostro punto di vista di narratori, fare una traduzione letterale del film di partenza non risulterebbe convincente. Ci siamo già comportati in questo modo con i nostri film Marvel. Non facciamo traduzioni letterali dei fumetti perché pensiamo che chi desideri quella storia esatta può leggerla alla fonte. Quello che facciamo noi è offrire una storia differente. Credo che creeremo qualcosa che è nelle corde dell’originale e ispirato ad esso, ma portando sul banco di lavoro anche nuovi elementi”.

Ok, quindi Hercules non sarà il remake letterale del cartone animato originale, e questo rappresenta di certo un risvolto stimolante per la produzione. Tuttavia ci sono alcuni aspetti del classico del 1997 che il progetto Disney in fase di sviluppo dovrebbe assolutamente includere.

Leggi anche: Aladdin 2, Cinque domande sul sequel live-action

Hercules | Un live-action in forma di musical

themuses

Insieme alle loro prime dichiarazioni in merito all’approccio del remake, i Russo hanno espresso qualche perplessità in merito al ruolo che la musica potrebbe giocare nella versione live-action. Per ora i produttori si sono limitati a confermare che avrà uno spazio importante nel film, resta il fatto che quando il pubblico va al cinema a vedere Hercules desidera ritrovare sul grande schermo i numeri musicali a cui è affezionato. “Posso farcela”, “Ti vada o no”, le esibizioni delle Muse, questi sono gli elementi di vivacità che distinguono l’Hercules Disney dalle altre trasposizioni che non hanno avuto la stessa fortuna presso il pubblico, comprese quelle con protagonisti Dwayne Johnson e Kellan Lutz, decisamente dimenticabili.

Leggi anche: la recensione di Hercules – La leggenda ha inizio

Hercules | Un Monte Olimpo vibrante di colori

650e3dbab759e99987d895f58253184f

Oltre alla necessità di mantenere la centralità dell’elemento musicale, il live-action di Hercules dovrebbe modellare la sua estetica visiva sull’originale. I film recenti sulla mitologia greca hanno optato per un design dai colori più cupi e realistici, Disney dovrebbe invece affidarsi ad una tavolozza più ampia e vibrante. Un elemento particolarmente riuscito del film originale è la scelta di dipingere con toni brillanti e variopinti la vita di Zeus sul Monte Olimpo, in netto contrasto con l’Oltretomba di Ade e la città di Tebe. Un immaginario di questo tipo definirebbe univocamente i mondi di Hercules, senza tralasciare il fatto che questa rappresentazione paradisiaca del Monte Olimpo sul grande schermo sarebbe semplicemente mozzafiato.

Hercules | Rivogliamo il Filottete di Danny DeVito

Non appena il live-action è stato annunciato, i fan si sono precipitati di gran fretta sui social per dichiarare il loro amore per Filottete (meglio conosciuto come Fil) e per la sua voce originale, che appartiene a Danny DeVito. Il pubblico chiaramente percepisce una sorta di appartenenza tra il personaggio e il suo interprete, simile a quella che lega Robin Williams al Genio di Aladdin.

Per la trasposizione di quest’ultimo ci si è affidati all’estro versatile di Will Smith, ma Danny DeVito potrebbe senza ombra di dubbio essere la scelta immediata per l’Hercules in arrivo. Ancora impegnato come regular nella serie tv C’è sempre il sole a Philadelphia, DeVito potrebbe riprendere il suo ruolo e catturare lo spirito originale del personaggio, una figura fondamentale del film d’animazione da esplorare e sviluppare nel live-action.

Leggi anche: Dumbo, tutto quello che c’è da sapere sul film di Tim Burton

Hercules | Il ruolo di Megara

hercules ariana vorrebbe interpretare meg live action disney v4 440137 1280x720 1

Nell’universo Disney la creazione di Megara ha rappresentato una sfida e un elemento di profonda innovazione verso l’introduzione di personaggi femminili più complessi rispetto alle Principesse tradizionali. L’unicità di Megara è strettamente connessa all’atteggiamento cinico (impensabile fino ad allora per un carattere femminile) del suo personaggio: vittima di una scottante delusione in amore, è costretta a stringere un patto con Ade per fuggire da una brutta situazione. Verrà redenta dal sentimento che sboccia per Hercules, che la porta a credere di nuovo nell’amore e a fidarsi ancora del prossimo. Una bella parabola per una protagonista femminile Disney, che dovrebbe essere mantenuta e indagata più a fondo nel live-action.

Leggi anche: Disney+, cinque live-action da rivedere

Hercules | Ancora più mito

Rivedendo Hercules si ha la sensazione che il film d’animazione originale affronti svariati elementi legati all’epica classica in modo piuttosto veloce, per far sì che la durata si mantenga entro l’ora e mezzo. Nel corso del film lo spettatore incontra solo brevemente gli dei che vivono sul Monte Olimpo e si avvicina in modo fugace alla cultura dell’Antica Grecia. Il viaggio nell’intrigante Oltretomba dura solo pochi minuti e anche il momento dello scontro del protagonista con i Titani ha un tempo limitato sullo schermo. L’aspetto vincente di questo progetto live-action potrebbe consistere nella creazione di un’epica in tre atti, non solo densa d’azione, ma infusa di mitologia greca, che il pubblico potrebbe esplorare proprio mentre Hercules apprende delle sue radici divine.

Nel complesso, è particolarmente entusiasmante la scelta di Disney di portare in live-action un classico d’animazione come Hercules, capace di disegnare un immaginario a cui tanti spettatori sono profondamente legati, e che consente molteplici connessioni e possibilità di esplorazione. E già si parla dei remake di Robin Hood e Lilo & Stitch, in progetto per Disney+.

Laurea in Lettere e Master in Marketing, ma quando si parla di film ho le idee piuttosto chiare. Mi occupo di comunicazione per lavoro e scrivo di cinema per passione. Ho scoperto la settima arte negli anni dell'adolescenza e da allora abbiamo una relazione esclusiva e appagante. Sono uno spettatore curioso e onnivoro, i colori mi riempiono lo sguardo ma anche il bianco e il nero offrono inaspettate sfumature.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

I film Warner Bros. in uscita nel 2021 e 2022

Published

on

Le giornate di Cinema di Riccione hanno chiuso i battenti venerdì 23 luglio 2021, ma l’hanno fatto alla grande con un listino colmo di titoli targati Warner Bros. Italia.

Dopo tre giorni intensi passati a snocciolare anticipazioni, trailer e date d’uscita di prodotti che vedremo #soloalcinema nei prossimi mesi, il succoso listino di Warner ha terminato in bellezza la 10° edizione di Ciné.

Una chiusura arrivata nelle ore successive al nuovo decreto che stabilisce l’obbligatorietà del green pass per accedere alle sale ed è su queste note amare che riservano una ulteriore batosta al settore degli esercenti e del cinema tutto, che Thomas J. Ciampa ( Senior Vice President Theatrical Distribution Warner ) ha voluto iniziare la presentazione, riassumendo: “sul medio e lungo termine ci aiuterà a uscire, nel breve abbiamo un problema, piuttosto grande“.

Passando però al fulcro della questione, la loro accattivante proposta parte già da agosto con imminenti blockbuster del calibro di The Suicide Squad – Missione Suicida il nuovo cinecomic firmato James Gunn in sala dal 5, per passare poi ad un prodotto sempre di puro intrattenimento ma riservato ad un target decisamente diverso, ossia Me contro Te – Il film: Il mistero della scuola incantata che troveremo pronto ad attenderci in sala dal 18 Agosto e per finire Hotel Transylvania: Uno scambio mostruoso dal 2 settembre.

Quest’ultima data però porterà al cinema anche un horror sempre di loro proprietà intitolato Malignant, che vedrà la genialità dell’affermato James Wan tornare ad avviare una nuova saga orrorifica dopo icone significative come Saw, Insidious e The Conjuring. Spaziando tra i generi Warner è pronta a deliziarci anche con titoli più corposi per arricchire il proprio listino in totale varietà, e proprio in quest’ottica aprirà il Festival di Venezia Edizione 78 con Pedro Almodovar e il suo nuovo lavoro Madres Paralelas, di cui sono stati mostrati alcuni estratti dal backstage durante il panel e che ritroveremo al cinema dal 28 ottobre.

Sempre in anteprima mondiale porterà al Lido veneziano l’attesissimo Dune (in sala dal 16 settembre), remake e adattamento diretto da Denis Villeneuve che coinvolge un cast strabordante di star Hollywoodiane. 

Continuando all’insegna del cinema di promettente qualità e di un autunno pieno di titoli di richiamo, si procede con Space Jam: New Legends (il 23 settembre), seguito da La scuola cattolica di Stefano Mordini tratto dal romanzo di Edoardo Albinati che farà la sua apparizione in primis a Venezia per poi lasciarsi guardare dal grande pubblico il 7 ottobre.

Leggi anche: Tutto quello che sappiamo su Space Jam: New Legends

Il 14 ottobre invece sarà la volta del sequel Venom: La furia di Carnage che ci accompagnerà verso un novembre targato Sony con Ghostbusters: Legacy (11), Resident Evil: Welcome to Raccoon City (25), giungendo infine al periodo pre-natalizio con Cry Macho nuova fatica di Clint Eastwood e Spider-Man: No Way Home (il 16 dicembre).

Nel concludere la conferenza, Ciampa ha voluto lasciare un messaggio di sostegno agli esercenti dicendo: “Sono orgoglioso di rappresentare una grande azienda che vi supporterà”. Ci aspettano dunque mesi pregni di uscite, ce n’è per tutti i palati, per ogni genere di pubblico e per qualunque tipologia d’intrattenimento.

Le regole, giuste o esagerate che siano, ci restringono ancora una volta, ma rimane essenziale il piccolo passo di ognuno di noi cinefili e non, per giungere ad una cavalcata enorme della Settima Arte in supporto dell’esperienza cinematografica. 

Chiudo citando un motto condiviso da Cinè nei ringraziamenti  “Viva il cinema al cinema!” , continuando a credere fermamente che la sala sia un mondo da esplorare differente da qualsiasi altra visione.

Continue Reading

Cinema

House of Gucci: ecco il primo trailer del film con Lady Gaga

Published

on

Inossidabile, l’83enne Ridley Scott, che presenterà al Festival di Venezia The Last Duel con Matt Damon e Ben Affleck, sta terminando anche il film che racconta la storia dell’omicidio di Maurizio Gucci orchestrato dalla sua ex moglie Patrizia Reggiani. Questo è il primo trailer ufficiale di House of Gucci, che arriverà in sala a dicembre con Eagle Pictures.

House of Gucci | il trailer del film

L’atteso nuovo film di Ridley Scott che vede Lady Gaga nei panni della Reggiani e Adam Driver in quelli di Gucci, e che conta anche nel cast nomi di rilievo come quelli di Jared Leto, Jeremy Irons, Jack Huston, Reeve Carney, Madalina Ghenea, Salma Hayek e Al Pacino. Il film di Scott è basato su un romanzo della giornalista di moda Sara Gay Forden, “La saga dei Gucci. Una storia avvincente di creatività, fascino, successo, follia”, edito in Italia da Ipoc, che è stato adattato da Roberto Bentivegna. 

House of Gucci debutterà nelle sale italiane il 16 dicembre 2021 con Eagle Pictures. Di seguito il primo trailer ufficiale.

Continue Reading

Cinema

Venezia 78 | tutti i film della prossima edizione del festival

Published

on

Ci siamo: oggi è il giorno in cui si alza il sipario sulla 78esima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con la presentazione del programma ufficiale. Nelle ultime settimane erano già state rese note le prime grandi presenze: Madres Paralelas di Pedro Almodóvar sarà il film d’apertura, mentre l’attesissimo Dune di Denis Villeneuve sarà presentato in anteprima mondiale Fuori concorso. Ecco tutti i film selezionati per il festival.

In Concorso

  • Madres Paralelas – Pedro Almodóvar
  • Mona Lisa and the Blood Moon – Ana Lily Amirpour
  • Un Autre Monde – Stéphane Brizé
  • The Power of the dog – Jane Campion
  • America Latina – Damiano e Fabio D’Innocenzo
  • L’événement – Audrey Diwan
  • Competencia Oficial – Gastòn Duprat, Mariano Cohn
  • Il Buco – Michelangelo Frammartino
  • Sundown – Michel Franco
  • Illusion Perdues – Xavier Giannoli
  • The Lost Daughter – Maggie Gyllenhaal
  • Spencer – Pablo Larraìn
  • Freaks Out – Gabriele Mainetti
  • Qui Rido Io – Mario Martone
  • On the job: The missing 8 – Erik Matti
  • Leave no traces – Jan P. Matuszynski
  • Captain Volkonogov Escaped – Natasha Merkulova, Aleksey Chupov
  • The Card Counter – Paul Schrader
  • È stata la mano di Dio – Paolo Sorrentino
  • Vidblysk – Valentyn Vasyanovych
  • La Caja – Lorenzo Vigas

Fuori Concorso – Fiction

  • Ariaferma – Leonardo Di Costanzo
  • Il Bambino Nascosto – Roberto Andò
  • Les Choses Humaines – Yvan Attal
  • Halloween Kills – David Gordon Green
  • La scuola cattolica – Stefano Mordini
  • Old Henry – Potsy Ponciroli
  • The Last Duel – Ridley Scott
  • Dune – Denis Villeneuve
  • Last Night in Soho – Edgar Wright

Fuori Concorso – Non-fiction

  • Life of Crime 1984-2020 – Jon Alpert
  • Tranchées – Lou Bureau
  • Viaggio nel crepuscolo – Augusto Contento
  • Republic of Silence – Diana El Jeiroudi
  • Hallelujah: Leonard Cohen, a Journey, a Song – Daniel Geller, Dayna Goldfine
  • DeAndrè#DeAndrè, Storia di un impiegato – Roberta Lena
  • Django & Django – Luca Rea
  • Ezio Bosso. Le cose che restano – Giorgio Verdelli

Fuori Concorso – Serie TV

  • Scenes from a Marriage (episodi 1-5) – Hagai Levi

Orizzonti

  • Les Promesses – Thomas Kruithof
  • Atlantide – Yuri Ancarani
  • Miracol – Bogdan George Apeteri
  • Piligrimai – Laurynas Bareisa
  • Il paradiso del pavone – Laura Bispuri
  • Pu Bu – Chung Mong-Hong
  • El hoyo en la cerca – Joaquìn Del Paso
  • Amira – Mohamed Diab
  • À plein temps – Eric Gravel
  • Cenzorka – Peter Kerekes
  • Vera Andrron Detin – Kaltrina Krasniqi
  • Bodeng Sar – Kavich Neang
  • Wela – Jakrawal Nilthamrong
  • El Otro Tom – Rodrigo Plà, Laura Santullo
  • El Gran Movimiento – Kiro Russo
  • Once upon a time in Calcutta – Aditya Vikram Sengupta
  • Nosorih – Oleg Sentsov
  • True Things – Harry Wootliff
  • Inu-oh – Yuasa Masaaki

Orizzonti Extra

  • Land of Dreams – Shirin Neshat, Shoja Azari
  • Costa Brava – Mounia Akl
  • Mama, ya doma – Vladimir Bitokov
  • Ma Nuit – Antoinette Boulat
  • La ragazza ha volato – Wilma Labate
  • 7 prisioneiros – Alexandre Moratto
  • The blind man who did not want to see Titanic – Teemu Nikki
  • La macchina delle immagini di Alfredo C. – Roland Sejko

Proiezioni Speciali

  • Le 7 giornate di Bergamo – Simona Ventura
  • Il cinema al tempo del Covid – Andrea Segre
Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari