Il 25 luglio 2018 esce nei cinema italiani Hereditary, il thriller-horror di Ari Aster interpretato da Toni Collette, Milly Shapiro e Gabriel Byrne. Presentato in anteprima al Sundance Film Festival, Hereditary (qui la nostra recensione in anteprima) racconta le terrificanti conseguenze della morte di Ellen Graham che lascia in eredità alla nipote un dono che sfiora le radici del male.

Acclamato dalla critica mondiale, Hereditary è un horror provocatorio che, tra grandi interpreti (l’eccezionale Toni Collette che torna all’horror dopo la nomination all’Oscar per Il Sesto Senso di M. Night Shyamalan) e sequenze disturbanti, riscrive le regole del cinema di genere. Epicentro del film di Ari Aster è Mrs. Graham che, nei suoi plastici claustrofobici, nasconde un’inquietante verità. In occasione dell’uscita di Hereditary: Le radici del male, ecco cinque nonni/nonne con cui è meglio non essere imparentati. 

hereditary

1. The Visit

Dopo una parentesi di insuccessi di pubblico e critica, M.Night Shyamalan torna al genere che l’ha reso celebre con The Visit, il mockumentary prodotto dalla Blumhouse Productions nel 2015. Ospitati dai nonni materni, due teenager notano dei comportamenti alquanto strani! Grotteschi e violenti, Nana e Pop Pop sono le minacce over più spaventose del cinema horror. Tra attacchi di vomito e forni degni dei Fratelli Grimm, i nonni di The Visit riportano in auge il talento autoriale di M. Night Shyamalan.

hereditary

2. Drag Me to Hell

Tra gli horror più iconici degli ultimi dieci anni c’è Drag Me to Hell, il cult di Sam Raimi con Alison Lohman, Justin Long e Lorna Raver. Un omaggio all’horror grottesco LArmata delle tenebre che si riflette in Mrs. Ganush: la zingara che, “umiliata” dalla protagonista, le scaglia contro una maledizione terribile. Regina del gore estremo, Mrs. Ganush è un mostro che emana bava, trasuda pustole e vomita sangue. Un trionfo di orrore che, esaltato dal talento autoriale di Sam Raimi, consacra una delle minacce over più indimenticabili di sempre. 

hereditary

3. The Skeleton Key

Nel 2005 debutta nei cinema mondiali The Skeleton Key, il thriller sovrannaturale di Iain Softley. Interpretato da Kate Hudson, Gena Rowlands e John Hurt, The Skeleton Key racconta la storia di Caroline Ellis, l’assistente sociale di Ben: un anziano che, paralizzato dalla malattia, sembra terrorizzato dalla moglie Violet. Una coppia over che, tra case senza specchi e occultismo, nasconde dietro una porta una serie di oscuri segreti. Ambigua e glaciale, Violet Devereaux è una presenza degna del talento di Gena Rowlands. Una villain tanto inquietante quanto disposta a tutto per vivere in eterno!

hereditary

4. Legion 

Le minacce over non sono sinonimo solo di cult del calibro di Drag Me to Hell e The Visit. Innumerevoli horror sotto la media presentano dei punti di interesse: uno su tutti Legion, il fiacco thriller di Scott Stewart del 2010. Interpretato da Paul Bettany, Tyrese Gibson e Dennis Quaid, Legion trascende sulla Terra l’eterna lotta tra angeli e demoni.  In una tavola calda americana, l’anziana Gladys Foster (Jeanette Miller) rivela il suo “vero” aspetto in una sequenza ad alto tasso di gore.

hereditary 

5. L’occhio del male

Drag Me To Hell, oltre a essere un auto-celebrazione di Sam Raimi, è un omaggio al cinema di Stephen King. Ne è un esempio L’occhio del male, il film di Tom Holland tratto dall’omonimo romanzo dell’autore di It. Dopo aver investito una zingara, Billy Halleck viene colpito da una maledizione che lo obbliga a dimagrire fino alla morte. Un horror estremo che vede nel personaggio interpretato da Michael Constantine il precursore di Sylvia Ganush: capelli bianchi e occhi rossi, lo zingaro di L’occhio del male è la minaccia over dell’horror di Tom Holland.

Hereditary – Trailer italiano