Connettiti a NewsCinema!

News

La Terra dell’Abbastanza: il convincente esordio dei fratelli D’Innocenzo

Pubblicato

:

L’opera prima dei fratelli D’Innocenzo, gemelli romani, racconta una storia dì microcriminalità non particolarmente originale: due ragazzi investono per sbaglio con la macchina una persona già presa di mira dal clan della zona e decidono di sfruttare questo increscioso episodio a loro vantaggio, come pretesto per entrare nel mondo delle organizzazioni criminali e da lì “svoltare” una vita fatta di tristezza e miseria. Quello che però differenzia La Terra dell’Abbastanza da altre opere simili è lo sguardo inedito dei due registi: asciutto e realista come quello di Caligari, eppure più interessato alle vicende umane e non ai fenomeni sociali, ai drammi personali piuttosto che a quelli di una collettività o di una generazione (come invece in Amore Tossico).

La Terra dell’Abbastanza: la recensione di un film che ne contiene due

È come se l’opera prima del duo romano contenesse in sé due film diversi: uno è quello che emerge dalle immagini, dove regna pulizia ed equilibrio e che ci vorrebbe far credere che i due ragazzi siano in grado di compiere i crimini più indicibili senza mai farsi scalfire nell’animo, ed un secondo film, quello che invece emerge dalla narrazione e dalle espressioni dei personaggi, che invece ci suggerisce drammi e dubbi che la messinscena non sembra invece voler evidenziare. Così anche i luoghi del film, quelle periferie di abbandono e degrado, non vengono ripresi sempre nella loro grottesca decadenza, ma spesso vivono di colori che generalmente non associamo a quelle zone urbane: cabine da spiaggia sgargianti, palazzoni dai colori accesi e feste di compleanno per bambini con gli ombrellini azzurri.

Andrea Carpenzano e Matteo Olivetti nel film La Terra dell’Abbastanza

Sono scelte che mettono in risalto il dualismo su cui si regge il film, una separazione insanabile fra ciò che chi ci viene fatto capire dalla trama e ciò che invece vediamo su schermo: c’è ordine e sicurezza lì dove non ci dovrebbero essere, come non c’è per forza degrado su schermo anche quando la sceneggiatura logicamente imporrebbe di mostrarlo. Si tratta di un’operazione molto complessa che ha del sorprendente per due registi molto giovani, che riprendono un genere ormai codificato all’interno del cinema italiano e lo stravolgono, eliminando l’epica con cui spesso vengono raccontate queste storie di crimini ed osservando il tutto con distacco. Eppure questa freddezza, che ci vorrebbe mostrare due giovani ragazzi, interpretati da Matteo Olivetti e Andrea Carpenzano, nati per compiere questo tipo di operazioni criminali, viene messa costantemente in discussione proprio dalla recitazione dei due attori, che trasmettono con efficacia la loro difficoltà nell’accettare la dimensione di violenza nella quale vivono.

La Terra dell’Abbastanza: una narrazione asciutta con attori in parte

Così La Terra Dell’Abbastanza, pur non avendo il coraggio di sovvertire davvero le regole del genere, ma seguendo tutti gli snodi narrativi che ci si aspetterebbe da una storia di questo tenore, riesce a convincere per uno sguardo profondamente diverso sul mondo della criminalità, per cui chi compie la violenza non è meno “umano” di chi la subisce. E per quanto sia difficile stare dalla parte di chi uccide e spaccia, è anche impossibile non provare almeno un pizzico di empatia nei confronti di questi ragazzi coinvolti in una spirale di violenza che per forza di cose finirà per soffocarli.

Una scena romantica del film La Terra dell’abbastanza

La grande forza dei fratelli D’Innocenzo sta nel saper comunicare tutto ciò con una invidiabile parsimonia ed asciuttezza (che poi è anche uno dei punti di forza del cinema di Garrone, a cui i due per ovvie ragioni si ispirano). Anche i personaggi secondari, quelli che compaiono per pochi secondi, riescono a svolgere un ruolo preciso nella narrazione senza occupare lo schermo più di quanto sia necessario.

La Terra dell’Abbastanza sembra seguire i canoni che hanno reso grande il cinema americano (che su queste storie di criminalità ha costruito una eredità enorme) pur mantenendo una forte identità “nazionale”. Essendo comunque un’opera prima, non tutto funziona come dovrebbe. Ma quello che funziona è certamente “abbastanza”.

La Terra dell’Abbastanza – TRAILER

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Addio a Bruno Ganz, l’angelo caduto

Pubblicato

:

bruno ganz

Bruno Ganz, l’attore svizzero noto per aver interpretato gli ultimi giorni di Adolf Hitler nel 2004 con Downfall, è morto. Aveva 77 anni. Ganz è morto nella sua casa di Zurigo venerdì, come hanno riferito ai media i suoi agenti. Secondo quanto riferito la causa della morte è stata il cancro del colon contro cui l’attore combatteva da tempo.

Oltre a consegnare uno dei ritratti cinematografici definitivi di Hitler, Ganz ha interpretato un angelo che rinuncia all’immortalità per sperimentare i piaceri terreni nel film classico di Wim Wenders Il Cielo sopra Berlino del 1987. Riprese quel ruolo nel seguito di Wenders nel 1993, Faraway, So Close! La sua esibizione celeste è stata così memorabile che Ganz ha raccontato una volta come la gente gli attribuisse poteri speciali quando lo riconosceva in pubblico.

Le persone sull’aereo mi hanno detto: ‘Ah, non c’è bisogno di avere paura, perché ci sei tu qui con noi, non può accadere nulla. Ora siamo al sicuro“, ha raccontato Ganz alla rivista cinematografica danese P.O.V. “E una volta una madre disse al suo bambino: ‘Guarda, c’è il tuo angelo custode’ E non stava scherzando.” Altri ruoli degni di nota sono stati The Reader (2008) di Stephen Daldry, Nosferatu di Werner Herzog (1979), il remake di Jonathan Demme The Manchurian Candidate (2004) e The Boys from di Franklin J. Schaffner.

Ganz ha anche avuto una carriera teatrale di successo, esibendosi in opere come “The Homecoming” di Harold Pinter e “Faust” di Goethe. Tra i lavori più recenti la commedia sociale britannica di Sally PotterThe Party“, in concorso al Festival di Berlino, e un altro titolo della Berlinale di quell’anno, il dramma d’ensemble di Matti GeschonneckIn Times of Fading Light“, basato su un romanzo bestseller su una famiglia nella Germania dell’Est comunista. L’ultima apparizione sul grande schermo di Ganz è stata in La Casa di Jack di Lars von Trier, che è stata presentata l’anno scorso a Cannes.
Membro attivo della comunità cinematografica tedesca, Ganz è stato presidente della German Film Academy insieme all’attrice Iris Berben dal 2010 al 2013. Nel 2010 ha ricevuto un European Film Award per la carriera.

Fonte: Variety

Continua a leggere

Cinema

Oscar 2019: 15 cose da sapere sulla notte più attesa da un cinefilo

Pubblicato

:

oscar 2019

Il 24 febbraio 2019 centinaia di milioni di spettatori in oltre 90 paesi si sintonizzeranno per vedere la Notte degli Oscar 2019, con le star più scintillanti dell’industria cinematografica che indosseranno abiti elegantissimi, anche se solo pochi eletti riusciranno a portare a casa l’ambita statuetta. Aspettando la cerimonia di quest’anno abbiamo deciso di svelarvi 15 curiosità sugli Oscar.

1.Vincere il Premio Oscar significa portarsi a casa un sacco di soldi

Portare a casa l’ambita statuetta dorata è un’etichetta che significa successo, fama e, sì, ricchezza. Il premio Oscar come miglior film generalmente garantisce un extra di $ 20- $ 50 milioni negli Stati Uniti per la vendita dei biglietti. Ricordiamo che Titanic guadagnò $ 100 milioni negli Stati Uniti. Secondo Variety una vittoria in qualsiasi altra categoria, tra quelle principali, aumenta i ricavi di un film, in media, di $ 11 milioni. Chiunque vinca il premio Oscar come miglior attore o attrice viene immediatamente promosso nella “lista A” e, di conseguenza, può aumentare in modo esponenziale il proprio ingaggio. Si dice che Hilary Swank abbia aumentato il suo cache da $ 1 milione a ben $ 8 milioni negli Stati Uniti dopo aver vinto il premio come migliore attrice, nel 2005 con Million Dollar Baby.

2. C’erano cinque film per la categoria miglior film

Nel 2010 l’Academy ha permesso 10 nomination come miglior film, invece dei cinque tradizionali. Film animati, commedie e film indipendenti ora hanno maggiori possibilità di essere nominati. Il cambiamento potrebbe anche essere stato dettato dal numero di visualizzazioni, pensando e sperando che sempre più fan possano recarsi al cinema per vedere vincere il loro film preferito. (In effetti uno dei più grandi pubblici americani nella storia degli Oscar è stato nel 1998, quando 52,2 milioni di persone hanno visto Titanic vincere il premio come miglior film.) Quest’anno, otto film sono stati nominati per il premio.

3. Ogni anno 300 limousine vengono riservate per la serata

4. Michael Jackson ha pagato $ 1,54 milioni di dollari nel 1999 a Sotheby’s per l’Oscar come miglior film dato a David Selznick per Via col Vento.

Leonardo Dicaprio e Kate Winslet in Titanic

5. Tre film hanno vinto 11 premiIl signore degli Anelli: Il ritorno del re(2003), Titanic (1997) e Ben Hur (1959).

6. Il compianto Peter O ‘Toole detiene il record per essere stato nominato come miglior attore ben otto volte, senza mai vincere.

7. Walt Disney detiene il record per più nomination agli Academy Award, addirittura 59, più di qualsiasi altro individuo. E di queste è riuscito ad accaparrarsene 26!

8. Via col Vento con i suoi 234 minuti è il film più lungo che abbia mai vinto il premio Oscar come miglior film.

9. Il più giovane vincitore di Oscar è stato Tatum O’Neal, 10 anni, con il film Paper Moon (1973); mentre la più anziana è stata Jessica Tandy, 80 anni, in A Spasso con Daisy (1989).

10. Puoi essere nominato per un Oscar solo dai tuoi colleghi

I voti sono espressi da circa 9000 membri dell’American Academy of Motion Picture Arts and Sciences (AMPAS). I membri nominano candidati nei rispettivi settori – i montatori cinematografici votano per il montaggio dei film, ecc. I vincitori degli Oscar vengono scelti da un secondo turno di votazione, in cui tutti i membri votano in ciascuna categoria. Il giorno della cerimonia di premiazione degli Academy i risultati sono conteggiati e sigillati in buste. (Per ogni evenienza c’è un set di buste duplicate messe al sicuro e sotto chiave.)

11. Per i ringraziamenti si ha un limite di 45 secondi

Ai vincitori degli Oscar viene detto di limitare i ringraziamenti a 45 secondi per non rischiare di essere sfumati dall’orchestra. Inutile a dirsi che in molti ignorano questa regola. Nel 2001 Julia Roberts iniziò il suo discorso di premiazione come migliore attrice per il ruolo in Erin Brockovich, assicurandosi che il direttore d’orchestra sapesse esattamente cosa fare: “Signore, stai facendo un ottimo lavoro ma sei così veloce con quella bacchetta.  Allora perché non ti siedi, sai potrei non essere mai più qui.” E in effetti quelle poche parole funzionarono: l’orchestra la lasciò finire, oltre i 45 secondi canonici.

julia roberts oscar

12. Alfred Hitchcock non ha mai vinto un Oscar

“A cosa stavano pensando?” E’ una domanda che spesso viene in mente quando si ripensa ai numerosi passi falsi dell’Academy nel non onorare grandi artisti della settima arte. Alfred Hitchcock, nominato cinque volte come miglior regista, non è mai riuscito a vincere. Come se non bastasse, film come Vertigo , Gli Uccelli e L’uomo che Sapeva troppo non vennero mai nominati come miglior film. Stessa sorte toccata anche a Stanley Kubrick e Orson Welles, completamente snobbati. George C. Scott e Marlon Brando hanno pensato così poco ai premi che hanno addirittura rifiutato di accettare le loro statuette come miglior attore. La migliore attrice protagonista, Jodie Foster, una volta disse: “Per quanto io possa amare lo sfarzo della notte degli Oscar, è solo uno sciocco gioco del bingo”.

13. I biglietti per la prima cerimonia degli Oscar costavano $ 5

Ai primi Academy Awards che si svolsero il ​​16 maggio 1929 presso l’Hollywood Roosevelt Hotel parteciparono 250 persone e l’evento durò solo 10 minuti. Il premio come miglior film andò al film muto, Wings.

14. Dopo aver vinto il premio come miglior attore del 1935 per It Happened One Night, Clark Gable fece il discorso più breve della storia degli Oscar, disse solo “Grazie.”

15. Nel 1940 Hattie McDaniel divenne la prima persona di colore ad essere nominata per un Academy Award – o partecipare ad un banchetto dell’Academy – e scoppiò in lacrime quando vinse il suo Oscar come miglior attrice non protagonista come la cameriera Mammy in Via col vento.

 

Continua a leggere

CineKids

Aladdin, Will Smith nei panni del genio nel nuovo trailer

Pubblicato

:

aladdin will smith

Walt Disney Pictures ha reso noto lo spot del Super Bowl per il remake di Aladdin del regista Guy Ritchie, con il primo sguardo a un Will Smith blu nei panni del mitico genio della lampada. Il cast di Aladdin include infatti Will Smith (Ali, Men in Black) come il Genio che ha il potere di concedere tre desideri a chiunque possieda la sua lampada magica; Mena Massoud nei panni di Aladdin, lo sventurato ma adorabile ladruncolo che si innamora della figlia del Sultano; Naomi Scott (Power Rangers) come la principessa Jasmine, la bella figlia del Sultano che vuole avere voce in capitolo su come vivere la sua vita; Marwan Kenzari come Jafar, un malvagio stregone che escogita un nefasto complotto per spodestare il Sultano e governare lo stesso Agrabah; Navid Negahban (Patria) come il Sultano, il capo di Agrabah che è desideroso di trovare un marito adatto per sua figlia, Jasmine; Nasim Pedrad (Saturday Night Live) nei panni di Dalia, la fanciulla e confidente della principessa Jasmine; Billy Magnussen (Into the Woods) nel ruolo di Prince Anders, un pretendente di Skanland e potenziale marito per la principessa Jasmine; e Numan Acar (Homeland) come Hakim, il braccio destro di Jafar e capo delle guardie del palazzo.

Aladdin è diretto da Guy Ritchie (Sherlock Holmes, L’uomo da UNCLE) da una sceneggiatura di John August (Dark Shadows, Big Fish) basata sul film animato del 1992 Aladdin e le storie da “Mille e una notte”. Aladdin è stato candidato a cinque Academy Awards e ne ha vinti due, tra cui Best Original Score e Best Original Song per “A Whole New World.” Basato sul racconto popolare mediorientale Aladdin e la lampada magica, il film animato del 1992 è stato co-diretto da Ron Clements e John Musker, che aveva diretto in precedenza la Sirenetta e avrebbero continuato a realizzare altri classici Disney, tra cui Hercules, Il Pianeta del tesoro, La principessa e il ranocchio e Moana. Famosa la partecipazione di Robin Williams come genio del film, insieme a Scott Weinger nei panni di Aladdin, Jonathan Freeman nei panni di Jafar, Linda Larkin nei panni della Principessa Jasmine, Frank Welker nel ruolo del compagno di scimmia Abu Aladino, oltre a Douglas Seale nei panni di The Sultan e Gilbert Gottfried nei panni di Iago.

Continua a leggere

Film in uscita

Febbraio, 2019

21Feb00:00Copia Originale

Film in uscita Mese Prossimo

Marzo

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X