Connect with us
lo squalo lo squalo

Cinema

Lo Squalo | Il film di Steven Spielberg compie 45 anni

Published

on

In Italia sarebbe arrivato solo nel periodo natalizio, un range alquanto insolito vista l’ambientazione estiva e le tematiche dal taglio di “horror per famiglie”, ma negli Stati Uniti vide la luce il 20 giugno: dopodomani Lo squalo festeggia quarantacinque anni, ma il tempo non ha per nulla scalfito il fascino primigenio di un’opera che ha indelebilmente segnato la storia del cinema. Nel 1975 il film di Steven Spielberg ha introdotto gli archetipi del blockbuster moderno, affidandosi al fascino letale di una creatura marina che provoca terrore e rispetto in egual misura qui sfruttata – suscitando critiche dal mondo ambientalista per le false credenze immesse nell’immaginario comune – nei panni di insondabile villain, da temere proprio nell’abile sotterfugio del “vedo-non vedo”. In occasione di quest’anniversario ripercorriamo insieme i motivi di un successo destinato a perdurare fino ai giorni nostri.

La morte corre sul mare

richard dreyfuss roy scheider e robert shaw

Richard Dreyfuss, Roy Scheider e Robert Shaw

Spielberg ne veniva dall’esordio del folgorante Duel (1971), girato per il mercato televisivo, e dal sottostimato ma interessante Sugarland Express (1974). Lo squalo può dirsi quindi il suo vero, definitivo, trampolino di lancio di una carriera con pochi eguali: tre premi Oscar, seppur esclusivamente tecnici, per montaggio, sonoro e colonna sonora, sancirono l’apprezzamento dell’establishment e il clamoroso successo di pubblico – ai tempi fu il maggior incasso di sempre – risultò quale ennesima conferma del talento del regista allora quasi trentenne.

Alla base della pellicola vi è l’omonimo romanzo di Peter Benchley, che attirò in diverse circostanze l’attenzione dei produttori Richard D. Zanuck e David Brown e venne opportunamente “smussato” in fase di sceneggiatura, pur mantenendone le linee guida narrative. E il trio di personaggi protagonisti è uno dei vari punti di forza delle due ore di visione, sia per l’eterogenea interazione tra i suddetti – ognuno di loro caratterizzato magnificamente secondo certi stereotipi – che per l’esposizione di battute e dialoghi, fino alla resa dei conti finale che si apre a pagine pseudo-epiche e filo melvilliane.

Leggi anche: West Side Story | le foto del nuovo progetto di Steven Spielberg

Una tensione reale

una delle scene clou

Una delle scene clou

La verosimiglianza dell’assunto, con i bagnanti della piccola comunità di Amity che vengono fatti a pezzi dalle fameliche fauci del pescecane, ha senza dubbio contribuito al passaparola e alla conseguente immedesimazione da parte dei sempre più numerosi spettatori, rendendo di fatto l’orrore come un elemento tangibile di rara efficacia. La lotta tra uomini e predatore diventa così una metafora sulla ferocia primigenia della natura, impostata tramite un comparto spettacolare delle grandi occasioni: il modello di squalo realizzato ad hoc – ne vennero creati tre in totale per le varie fasi – si trattiene alla vista e proprio la spinta negazione ne amplifica l’impatto quanto compare infine sullo schermo.

Il tutto all’insegna di un intrattenimento duro e puro, dove allo “show” si accompagna un’idonea tensione di genere: Spielberg non ha paura di scioccare chi guarda e pur senza cedere alle malie di una cieca violenza, i momenti ad alta suspense sono parecchi nel corso dei tormentati eventi, in un progressivo crescendo che raggiunge l’apice nella citata resa dei conti finale. La fama ottenuta da questa prima, iconica, installazione del franchise diede vita ad una saga comprendente tre sequel, tra i quali a salvarsi – ma per il rotto della cuffia – è soltanto il diretto successore. Poco importa perché Lo squalo sdoganò definitivamente un filone già esistente ma bazzicato in rarissime occasioni come quello degli shark-movie, dandogli nuova vita e imbastendone gli archetipi per le numerose produzioni a tema che ne seguirono.

Appassionato di cinema fin dalla più tenera età, cresciuto coi classici hollywoodiani e indagato, con il trascorrere degli anni, nella realtà cinematografiche più sconosciute e di nicchia. Amante della Settima arte senza limiti di luogo o di tempo, sono attivo nel settore della critica di settore da quasi quindici anni, dopo una precedente esperienza nell'ambito di quella musicale.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Il Giorno della Memoria: 10 film da vedere, ma non i soliti

Published

on

Oggi è il Giorno della Memoria e, per l’occasione, vogliamo consigliarvi 10 film da vedere, tralasciando i soliti titoli che vengono fuori in questo giorno. La Vita è Bella o Schlinder’s List sicuramente sono dei capolavori indiscussi, però ci sono altri film degni di nota che vale la pena recuperare.

Abbiamo selezionato film di vario genere, dalla commedia al dramma, dall’animazione al film musicale. Nel video qui sotto potete scoprire i film che abbiamo scelto che raccontano il periodo della Seconda Guerra Mondiale, dell’olocausto, degli ebrei, della shoah e di una pagina di storia terribile che è bene ricordare ogni anno.

Se vi è piaciuto il video non dimenticate di iscrivervi al nostro canale YouTube Madrog Cinema cliccando qui.

Continue Reading

Backstage e Curiosità

Uncharted: un video delle scene di stunt più spettacolari del film

Published

on

Il 17 Febbraio arriva al cinema Uncharted, il film ispirato all’omonimo videogioco diretto da Ruben Fleischer con Tom Holland. Qui sotto potete gustarvi un video speciale che porta dietro le quinte del film con intervista a Tom Holland e immagini delle scene di stunt più spettacolari realizzate durante le riprese.

Uncharted, la sinossi del film

Basato su una delle serie di videogiochi più vendute e acclamate dalla critica, Uncharted presenta al pubblico il giovane e furbo Nathan Drake (Tom Holland) nella sua prima avventura alla ricerca del tesoro con l’arguto partner Victor “Sully” Sullivan (Mark Wahlberg). In un’epica avventura piena di azione che attraversa il mondo intero, i due protagonisti partono alla pericolosa ricerca del “più grande tesoro mai trovato”, inseguendo indizi che potrebbero condurli al fratello di Nathan, scomparso da tempo.

Iscriviti al nostro canale YouTube cliccando qui: MadRog Cinema

Continue Reading

Cinema

Bob’s Burgers – Il film: Il primo trailer italiano è arrivato!

Published

on

Bob’s Burgers – Il Film, la nuova avventura d’animazione comedy per il grande schermo, basata sull’omonima sitcom animata per la TV pluripremiata agli Emmy® e agli Annie® Award, arriverà il 25 maggio nelle sale italiane.

Bob’s Burgers – Il Film è diretto da Bernard Derriman e co-diretto da Loren Bouchard. La sceneggiatura è firmata da Loren Bouchard e Nora Smith. Il film è prodotto da Loren Bouchard, Nora Smith e Janelle Momary.

Bob’s Burgers: la sinossi ufficiale

La storia ha inizio quando una conduttura dell’acqua rotta crea un’enorme voragine proprio di fronte a Bob’s Burgers, bloccando l’ingresso per un tempo indefinito e rovinando i piani dei Belcher per l’estate.

Mentre Bob e Linda faticano per tenere a galla l’attività, i ragazzi cercano di risolvere un mistero che potrebbe salvare il ristorante di famiglia. Quando i pericoli aumentano, i Belcher si aiutano a vicenda per trovare la speranza e lottano per tornare al loro posto dietro al bancone.

Iscriviti al nostro canale youtube: MadRog Cinema

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari