Connect with us
the blues brothers the blues brothers

Cinema

The Blues Brothers | I 40 anni del classico di John Landis

Published

on

Quarant’anni e non sentirli. Usciva Oltreoceano il 20 giugno del 1980 – in Italia sarebbe al solito arrivato qualche mese più tardi – uno di quei film che sono entrati nella storia del media, capace di lasciare un segno indelebile nel pubblico allora contemporaneo e nelle successive generazioni, diventando un oggetto di culto di rivedere e da risentire.

Perché The Blues Brothers vive proprio sull’armonica contaminazione tra immagini e canzoni, elemento fondamentale di un successo destinato a perdurare nel tempo e a segnare mode e stili nel comune immaginario, oltre a spingere il pubblico a cantare a squarciagola insieme ai protagonisti e alle numerose leggende della musica afroamericana che si sono prestate con gusto a magnifiche partecipazioni. In occasione dell’anniversario, ripercorriamo insieme i punti di forza di un’opera che non ha bisogno di presentazioni.

Canta che ti passa

dan akroyd e john belushi

Dan Akroyd e John Belushi

L’energia scaturita dalle quasi due ore e mezza di visione è un qualcosa di raro anche per il cinema dagli anni ’80, da sempre innescato nelle sue dinamiche base su un feeling over the top che non si è mai ripetuto nella storia della Settima Arte. The Blues Brothers tocca l’apice del ritmo, sacrificando volutamente la complessità narrativa in favore di un inarrestabile flusso di eventi dove i tempi morti rimangono soltanto un lontano ricordo. I frequentissimi sketch a sfondo canoro sono il marchio di fabbrica e sfidiamo chiunque a non improvvisare ritmi e ritornelli insieme ad Aretha Franklin e Ray Charles o alla leggendaria coppia formata da John Belushi e Dan Akroyd, pronta a scatenarsi sia nelle iconiche hit autoctone Everybody Needs Somebody to Love e Sweet Home Chicago che in inedite vesti country (memorabile la cover della classica OST western Theme from Rawhide).

Lo stesso epilogo, ambientato tra le mura del carcere, prosegue con grinta sulle linee guida di quanto vista in precedenza, spingendo a cantare e ballare con furente intensità. Non poteva essere d’altronde altrimenti, visto che i personaggi di Jake ed Elwood Blues vennero creati dagli attori all’interno del celebre show televisivo Saturday Night Live ed erano già stati “autori” di dischi capaci di raggiungere la cima delle classifiche.

Leggi anche: I Goonies compie 35 anni | Come il cult anni ’80 ha influenzato cinema e serie tv

Di tutto e di più

i protagonisti con ray charles

I protagonisti con Ray Charles

Ma The Blues Brothers non brilla di luce propria esclusivamente per la sua incredibile alchimia visiva – uditiva, in quanto un maestro della commedia come John Landis è riuscito a dar vita ad una serie di gag e battute tutt’oggi entrate nel gergo della gente: frasi come “siamo in missione per conto di Dio” vengono citate in più occasioni da chiunque.

E proprio la varietà di situazioni che caratterizzano il bizzarro e stravagante viaggio on the road dei due scatenati protagonisti, poco di buono in cerca di redenzione, offre un divertimento continuo e fagocitante: dalla figura di Carrie Fisher che pedina i Nostri in più occasioni con intenti bellicosi alla diatriba con il gruppo country, dalle schermaglie coi nazisti fino a quelle con la polizia, il film è un puro concentrato di follia, esplodente in una parte finale dove il gusto per l’eccesso raggiunge un’apoteosi irresistibile e irrefrenabile, tra inseguimenti automobilistici oltre i limiti della fisica (conquistò il Guinness dei primati per la scena con il maggior numero di incidenti su quattro ruote) e un numero di comparse spropositato nelle piacevolmente ridondanti scene di massa.

Perché The Blues Brothers, così come lo stesso Belushi che sul set ne combinò di cotte e di crude – a causa della sua dipendenza dalla droga – è un’entità libera e senza paletti che proprio nella sua anarchia iconoclasta è riuscito ad entrare nel Mito.

Blues Brothers | Tutte le curiosità in questo video MadRog

Appassionato di cinema fin dalla più tenera età, cresciuto coi classici hollywoodiani e indagato, con il trascorrere degli anni, nella realtà cinematografiche più sconosciute e di nicchia. Amante della Settima arte senza limiti di luogo o di tempo, sono attivo nel settore della critica di settore da quasi quindici anni, dopo una precedente esperienza nell'ambito di quella musicale.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Bud Spencer Museum | un museo dedicato all’attore nel cuore di Berlino

Published

on

Un mito come l’attore Bud Spencer, all’anagrafe Carlo Pedersoli non morirà mai. Una frase apparentemente banale ma che dentro di sé contiene una grande verità. A giugno saranno 5 anni da quando l’attore napoletano, noto per i suoi film in coppia con l’amico fraterno Terence Hill ambientati nel vecchio West e non solo. Proprio per celebrare la sua carriera a Berlino aprirà i battenti il Bud Spencer Museum.

Cosa verrà mostrato nel museo dedicato a Bud Spencer?

La famiglia Pedersoli composta dai tre figli Giuseppe, Christiana e Diamante sono stati i primi fautori alla realizzazione di questo museo dedicato al grande attore di origini napoletane. Scomparso all’età di 86 anni nel 2016, grazie alla realizzazione di questo museo sarà possibile mostrare tutti quei cimeli e ricordi del passato che hanno contribuito a renderlo uno degli attori più seguiti e apprezzati in tutto il mondo. Tra i suoi fan più accaniti, l’attore americano Russel Crowe, come dichiarato dallo stesso in un’intervista durante la presentazione del film Nice Guy.

Cosa verrà mostrato in questa mostra unica nel suo genere? È stata una delle prime domande poste dai chi è cresciuto con i suoi film e continua a farlo ancora oggi. Negli esclusivi spazi del palazzo Römischer Hof sul centralissimo boulevard Unter den Linden, per un anno saranno esposti centinai di oggetti privati e di scena che hanno fatto parte del suo percorso artistico.

Leggi anche: Addio Bud Spencer, l’ ultima parola del gigante buono è stata “Grazie”

Leggi anche: The Nice Guys, il folle buddy movie con Russell Crowe e Ryan Gosling

L’omaggio della famiglia Pedersoli

La mostra di Berlino dedicata a Bud Spencer verrà realizzata dopo la prima esposizione avvenuta al Palazzo Reale di Napoli verso la fine del 2019. Iniziativa che venne accolta dai fan italiani e internazionali con grande entusiasmo. Oltre alla presenza di oggetti che susciteranno nello spettatore ricordi e sorrisi, ci saranno anche ospiti internazionali e spettacoli unici nel loro genere.

Tutte le informazioni per accedere alla mostra su Bud Spencer

Dal 27 giugno fino al 30 giugno 2022, circa 500 m² saranno riempiti da foto inedite, locandine dei film, costumi originali e oggetti di scena di oltre 50 film. Di seguito, le informazioni utili per poter visitare il Bud Spencer Museum – Piedone a Berlino situato in Römischer Hof, Unter den Linden 10, 10117 Berlin.

Aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 20, sarà possibile chiedere informazioni e acquistare i biglietti ai seguenti indirizzi: bulldozer@budspencer-museum.com ; www.budspencer-museum.com . Il costo del ticket per accedere alla mostra è di 12 euro per gli adulti; 10 euro per i ridotti e 8 euro per i bambini.

Continue Reading

Cinema

Profeti | al via le riprese del nuovo film diretto da Alessio Cremonini

Published

on

Dopo tre anni dall’uscita del film Sulla mia pelle con Alessandro Borghi il regista Alessio Cremonini è pronto a tornare dietro la macchina da presa. Dopo aver raccontato la tragica morte di Stefano Cucchi nella sua opera prima, il nuovo progetto cinematografico intitolato Profeti sarà incentrato su una storia inventata.

Le riprese del nuovo film di Alessio Cremonini

Circa una settimana fa, sono iniziate ufficialmente le riprese del film Profeti scritto dalla sceneggiatrice Monica Zapelli e diretto dal regista Alessio Cremonini. La fotografia e il montaggio sono stati affidati rispettivamente a Ramiro Civita e Marco Spoletini.

Ambientato in Puglia, le riprese terranno impegnate la troupe e gli attori per circa sei settimane. Il film è stato prodotto da Cinema Undici e Lucky Red con Rai Cinema, con il contributo dell’Apulia Film Commission e con il sostegno della Direzione Generale Cinema e audiovisivo. Senza dubbio, notizie come questa fanno ben sperare in una ripresa dell’industria cinematografica italiana.

Leggi anche: Venezia 75, Sulla mia Pelle: la storia di Cucchi in un film asciutto con personaggi senza volto

Leggi anche: Venezia 75: Sulla Mia Pelle, Alessandro Borghi: “La storia di Stefano Cucchi è una ferita ancora aperta”

La trama di Profeti

A differenza del precedente film, questa è una storia di finzione incentrata sul rapimento di
una giornalista nel Medio Oriente e sul suo periodo di detenzione. Il ruolo di protagonista è stato affidato alla bravissima Jasmine Trinca, attrice diretta dal regista nel film Sulla mia pelle, interpretando la sorella della vittima, Ilaria Cucchi. Insieme a lei, a condividere la scena ci saranno anche Isabella Nefar e Ziad Bakri.

Continue Reading

Cinema

Harry Potter | un magico tour virtuale da Londra per i fan italiani della saga

Published

on

Per tutti i fan della magica saga di Harry Potter il 3 aprile c’è un evento da non perdere! Quando il coronavirus costringe milioni e milioni di persone a restare in casa, per evitare di peggiore ancora di più la situazione pandemica, c’è la tecnologia ad accorciare le distanze. Nel caso specifico, il merito è di Marco, un ragazzo come tanti altri, che ha saputo trovare un ponte tra chi vorrebbe vedere dei luoghi in Inghilterra e non può farlo per varie ragioni.

Grazie al sito  https://www.wondersoflondon.com/ ha creato una community composta da persone interessate alle mostre e alle iniziative culturali presenti a Londra e non solo. Grazie a una pagina Facebook collegata al sito sopra citato, Marco o meglio Valerio come viene chiamato in Inghilterra, realizza anche molte visite guidate assolutamente gratis in lingua inglese.

A tal proposito, il prossimo fine settimana ci sarà un tour speciale tra i luoghi del maghetto con la cicatrice a forma di saetta, più famoso del cinema. Di seguito vi lasciamo tutti i riferimenti per poter prendere parte a questa visita guidata restando comodamente seduti sul divano di casa.

Quali sono i link per vedere la diretta?

Questa iniziativa diventata virale nel giro di poche ore, sarà qualcosa di unico nel suo genere, soprattutto per chi ama il mondo di Harry Potter, creato dalla penna di J.K. Rowling. Di seguito troverete tutti i contatti e i link, per vedere il tour che si terrà in diretta dal centro di Londra sabato prossimo 3 Aprile alle ore 16 italiane.
Questo è il link dell’evento Facebook: facebook.com/events/271665931336020/

Il tour è una versione in diretta video del nostro tour a piedi che puoi trovare qui: https://www.wondersoflondon.com/it/tour/harry-potter-londra-tour-gratuito/

E sarà eseguito dalla nostra guida Debora: https://www.wondersoflondon.com/it/personnel/debora/

Leggi anche: Animali fantastici: I crimini di Grindelwald, tutti i collegamenti con Harry Potter

Leggi anche: J.K. Rowling svela cinque curiosità su Harry Potter e i Doni della Morte

Come si svolgerà l’evento dedicato a Harry Potter?

Il costo del biglietto è di £4.99 e la registrazione avviene direttamente sull’evento Facebook, dove poi la diretta avverrà e sarà visibile in automatico solo a chi si è registrato.
Il tour durerà un’ora circa ed utilizziamo iPhone con connessione 5g illimitata, gimbal e microfono antivento.

L’itinerario prevede la partenza da Parliament Square e si finisce a Leicester Square, e cammineremo attraverso alcune delle location di Londra che hanno ispirato o fatto da sfondo alla meravigliosa saga mostrando luoghi come Diagon Alley e il Ministero della Magia, oltre a scoprire tante curiosità su Harry Potter.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari