Connect with us

Cinema

Memorie di un assassino | la recensione del film di Bong Joon-ho

Published

on

A volte il cinema è tutto in uno sguardo, non quello del pubblico ma quello rivolto ad esso dall’altra parte dello schermo: Memorie di un assassino inizia e termina proprio con due occhi rivolti in camera, i primi quelli di un bambino e i secondi quelli di uno dei principali protagonisti. Prologo ed epilogo uniti da una sorta di catena-legame che ben riassume quanto accadente nel mezzo, e con esso l’istintiva semplicità di un film che adopera diverse linee stilistiche e coordinate narrative per mettere in scena una storia dall’innata, e perturbante, tragicità.

La seconda fatica dietro la macchina da presa di Bong Joon-ho arriva per la prima volta nelle sale italiane il prossimo 13 febbraio sulla scia del grande riscontro del celebrato Parasite (2019), ultima opera del regista la cui fama è destinata ad aumentare dopo le sei candidature agli imminenti Oscar, con quella per miglior film straniero già in tasca e un possibile, auspicabile, exploit anche per il premio più importante di tutti.

Memorie di un assassino è tratto da un discusso caso di cronaca nera avvenuto negli anni ’80 in Corea del Sud. Siamo per l’esattezza nel 1986, in una cittadina di campagna dove la tranquillità viene sconvolta dal ritrovamento del cadavere di una ragazza in un campo. La vittima, stuprata e brutalmente uccisa dal misterioso assalitore, non è però l’unica e solo qualche giorno dopo viene rinvenuto un altro corpo senza vita.

Il simile modus operandi fa pensare che i due delitti siano collegati e che siano opera di un serial killer: il detective Park Du-man e il suo manesco collega Cho Yong-gu conducono le indagini, pensando di aver individuato il responsabile in una ragazzo della zona con handicap mentale. I metodi poco ortodossi delle autorità locali, con brutali interrogatori per estorcere una potenziale confessione, si risolvono con un nulla di fatto e da Seoul viene mandato un collega più esperto perché li affianchi nell’investigazione. Ma la scia di morte continua e la polizia brancola nel buio…

Leggi anche: Cannes 70: Okja, il film Netflix tra fiaba e denuncia

Se con Parasite Bong è riuscito a trasformare un profondo discorso sulla lotta di classe in un raffinato melting pot di generi e influenze, con Memorie di un assassino ha trovato l’idonea chiave di lettura per esprimere attraverso le dinamiche de poliziesco i mali e le contraddizioni di un Paese coma la Corea, moderno e sviluppato ma ancora fermo dietro a vizi e schemi passati. In particolar modo l’ambientazione ottantiana, spazio temporale dove ha luogo il racconto, si offre a diverse sfumature sociali e politiche nel corso dei sempre più burrascosi eventi e la “mano dura” della polizia è sviscerata con un originalissimo mix tra cupezza e ironia, ennesima decostruzione del genere filtrato qui in un’ottica lucida e personale.

Perché fin dai primi minuti nel film convivono una stralunata, ficcante, comicità e una verve drammatica e cruda nella miglior tradizione del filone, in un mix accattivante e sempre ricco di sorprese nelle due ore di visione. Se nel futuro Madre (2009), altra raffinata indagine psicoanalitica nelle ingiustizie, il regista aveva concentrato i suoi sforzi su un’odissea privata dolente e solenne, in quest’occasione il cuore della vicenda non può fare a meno delle sue anime complementari, elementi necessari alla fine di una coesione complessiva che sappia unire un sano intrattenimento a prova di grande pubblico a spunti di riflessione per nulla banali.

Con la componente thriller sempre in sottofondo e pronta ad esplodere in una manciata di scena madri dall’alto tasso tensivo, tra forsennati inseguimenti per le strade cittadine e agguati dall’esito amaramente scontato, Memorie di un assassino sa come e dove colpire, senza sbavature di sorta in un senso o nell’altro. La magistrale colonna sonora, perfetta partitura emozionale d’accompagnamento, l’arguzia narrativa ben presente anche nella stesura di dialoghi e battute, un approccio al macabro / grottesco che evita derive eccessive, completano un quadro di armonica e disarmante perfezione, ulteriormente impreziosito dalla maestose performance dell’affiatato cast.

Se Kim Sang-kyung svolge il compito di personaggio serio e cool, sempre pronto a fare la cosa giusta ma cedente nel finale ad un comprensibile vagito rabbioso, a fargli da ideale contraltare è l’ingenuo detective di Song Kang-ho, ormai celebrità internazionale e feticcio del cineasta, che proprio nei suoi sbagli e nelle sue debolezze risulta la figura più, maldestramente, umana del racconto: il rapporto tra i due si evolve vicendevolmente, lasciando che la profondità dei due relativi alter-ego tragga forza proprio dal loro scambio di vedute.

Memorie di un assassino riesce quindi in un’impresa per nulla facile con una semplicità inaspettata, dosando toni e atmosfere attraverso la duttilità della propria essenza cinematografica, mai doma e adagiata sugli allori ma sempre pronta a sparigliare le carte con un’intensità rapente e avvolgente che metteva in luce, già nel lontano 2003, tutta la maestria di uno dei massimi registi contemporanei, conscio delle proprie capacità e dotato di un approccio espositivo e contenutistico con pochi eguali.

Review 0
4.8 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

 

Appassionato di cinema fin dalla più tenera età, cresciuto coi classici hollywoodiani e indagato, con il trascorrere degli anni, nella realtà cinematografiche più sconosciute e di nicchia. Amante della Settima arte senza limiti di luogo o di tempo, sono attivo nel settore della critica di settore da quasi quindici anni, dopo una precedente esperienza nell'ambito di quella musicale.

Cinema

The Batman | utilizzata la stesssa tecnologia per la serie The Mandalorian

Published

on

robert pattinson the batman newscinema compressed

La Warner Bros. attualmente è occupata in Inghilterra per le riprese del film The Batman. Fin qui nulla di sconvolgente, visto che il set è stato bloccato ultimamente a causa della positività al coronavirus proprio del protagonista, Robert Pattinson. La notizia che invece sta attirando attenzione, riguarda un aspetto tecnico. A quanto pare, il regista sta utilizzando delle tecniche di produzione virtuale per alcune scene selezionate del film sull’ Uomo Pipistrello.

Rob Bredow, chief creative officer di Industrial Light & Magic, ha rivelato questa chicca, lunedì durante una sessione in primo piano degli effetti visivi e delle animazioni di Virtual VIEW di quest’anno.

In cosa consiste questa tecnologia?

La produzione virtuale – un termine generalmente utilizzato per descrivere le tecniche che consentono la produzione di effetti visivi in ​​tempo reale – è cresciuta costantemente in popolarità, in particolare con gli usi di Jon Favreau in film come Il Re Leone e serie come The Mandalorian .

Per la prima stagione di The Mandalorian , ILM ha lavorato con Favreau per configurare il suo sistema utilizzando un LED wall pilotato dal motore di gioco in tempo reale Unreal. All’inizio di quest’anno, la società VFX ha lanciato “StageCraft”, un’unità di produzione virtuale costruita attorno alla tecnica mandaloriana .

Bredow ha rifiutato di lavorare nei dettagli su The Batman , dicendo solo che il team di progettazione della produzione aveva dei set pratici precostruiti nel Regno Unito e un LED wall costruito attorno a questi set, per consentire l’uso della produzione virtuale in quelle scene specifiche. Ha aggiunto che questo significava che il team ILM avrebbe potuto continuare a collaborare con Batman DP Greig Fraser , che ha recentemente vinto un Emmy per The Mandalorian e ha anche girato Rogue One: A Star Wars Story .

Leggi anche: The Batman | cosa abbiamo scoperto dopo aver visto il primo trailer?

batman newscinema

Leggi anche: The Batman | Il primo teaser trailer con Robert Pattinson

The Batman come The Mandalorian

Il set LED StageCraft di ILM ai Manhattan Beach Studios è stato nuovamente utilizzato per la seconda stagione di The Mandalorian , che debutterà il 30 ottobre su Disney +. Lo stesso Bredow ha riferito che l’uso delle tecniche di produzione virtuale è stato più complesso per la prossima stagione, rispetto alla prima.

Come riportato in precedenza, una fase di produzione virtuale di StageCraft sarà disponibile anche presso i Fox Studios Australia, dove verrà utilizzata durante la produzione di Thor: Love and Thunder diretto da Taika Waititi della Marvel . Waititi aveva già utilizzato la produzione virtuale nella direzione dell’episodio finale della prima stagione di The Mandalorian .

ILM fornisce inoltre configurazioni di produzione virtuale “pop-up”, come ha fatto di recente per il film di fantascienza Netflix, The Midnight Sky , diretto e interpretato da George Clooney, “per creare un luogo che sarebbe molto difficile da raggiungere”, secondo Bredow. Un altro volume StageCraft è in fase di assemblaggio presso i Pinewood Studios di Londra, che dovrebbe aprire il prossimo febbraio.

Durante la sessione, Bredow ha suggerito che “il Santo Graal è che l’intero flusso di lavoro può andare in tempo reale, con meno tempo di attesa per l’elaborazione dei computer”. Ha aggiunto che aziende come ILM ed Epic Games (produttore dell’Unreal Engine) stanno facendo “grandi investimenti” in tale sviluppo. La conferenza virtuale VIEW durerà fino a venerdì.

The Batman del regista Matt Reeves e interpretato da Robert Pattinson uscirà nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il 4 marzo 2022.

Continue Reading

Cinema

Jeff Bridges annuncia sui social: “Ho un tumore”

Published

on

201019 jeff bridges 2018 ac 844p 29af0fda59b39f2d34d4f19036805691 2

Il leggendario attore statunitense Jeff Bridges, oggi settantenne, ha affidato a Twitter un annuncio che ha lasciato sgomenti milioni di fan. 

L’annuncio di Jeff Bridges 

“Ho un linfoma”. Così Jeff Bridges ha dato la notizia della malattia con un tweet, in cui ha scritto che, anche se la malattia è grave, si sente fortunato “ad avere una grande squadra di medici” ad assisterlo e che la prognosi di guarigione è buona. L’attacco del tweet fa riferimento ad una celebre frase di “the Dude”, ovvero il Drugo del film Il grande Lebowski, interpretato da Bridges nel 1998 e considerato uno dei suoi personaggi più riusciti. L’attore, che ha vinto il premio Oscar nel 2010 per la sua interpretazione nel film Crazy Heart, ha detto che sta iniziando le cure e che terrà aggiornati i suoi fan sulle sue condizioni di salute.

Stile inconfondibile

In un secondo tweet Bridges ha poi detto di sentirsi “profondamente grato per l’amore e il sostegno” della sua famiglia e dei suoi amici. Ha ringraziato tutti per le loro preghiere e ha approfittato per invitare i suoi follower statunitensi ad andare a votare alle prossime elezioni presidenziali del 3 novembre, condividendo anche il link attraverso il quale registrarsi per poter votare.

Continue Reading

Cinema

Static Shock | Michael B. Jordan produrrà il film alla DC & WB

Published

on

jordan michael b newscinema compressed

Dopo aver inizialmente annunciato il progetto durante l’evento DC Fandome nel mese di agosto, DC e Warner Bros hanno deciso di unire le loro forze per il film Static Shock puntando sul candidato agli Emmy Michael B. Jordan come produttore. Come riportato da The Hollywood Reporter, ormai l’accordo sembra essersi perfezionato con una bella firma di Jordan sul contratto.

Le dichiarazioni di Michael B. Jordan

“ Sono orgoglioso di essere parte della costruzione di un nuovo universo incentrato sui supereroi neri; la nostra comunità lo merita ” , ha detto Michael B. Jordan in una dichiarazione. “Outlier Society si impegna a dare vita a diversi contenuti di fumetti su tutte le piattaforme e siamo entusiasti di collaborare con Reggie e Warner Bros in questo primo passo.”

Jordan, che produrrà tramite il suo banner Outlier Society con sede alla Warner Bros, si unisce al candidato agli Emmy, agli Oscar e ai Golden Globe Reginald Hudlin nel progetto, che in precedenza aveva annunciato il suo sviluppo in studio ad agosto. Jordan’s Outlier sarà il principale responsabile creativo del film, con il grande fan dei fumetti Jordan che avrà l’opportunità di aiutare a sviluppare un franchise potenzialmente multipiattaforma attorno al supereroe DC Comics preferito.

Leggi anche: Senza rimorso, il teaser trailer con Michael B. Jordan

michaelb compressed compressed

Leggi anche: Michael B. Jordan e Denzel Washington nel film “Journal for Jordan”

Le origini di Static Shock

Static, alter ego Virgil Hawkins, ha fatto il suo debutto nell’omonimo fumetto omonimo nel 1993 dall’ormai defunto Milestone Comics, un editore fondato da scrittori e artisti neri che cercarono di creare uno spazio più inclusivo. In seguito ha trovato una celebrità più grande attraverso la serie animata Static Shock su Kids ‘WB, in cui è stato doppiato da Phil LaMarr e ha seguito la storia dell’adolescente protagonista che si trasforma in un supereroe dopo essere stato esposto a uno strano gas e ha ottenuto poteri elettromagnetici. Solo nel 2008 è riuscito a entrare dalla porta principale della DC Comics.

Oltre ad annunciare lo sviluppo del film all’evento, Hudlin ha rivelato al DC FanDome che l’editore di fumetti avrebbe rilanciato Milestone con lui ora partner dell’etichetta e al centro di tutto e che sta sviluppando un nuovo Static Shock digital fumetto che debutterà nel febbraio 2021, così come una graphic novel di Hudlin con disegni di Kyle Baker, anche se non è stata fissata una data di uscita per questo.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari