Connect with us
"Sa, mi occupo di sport!" una lettera mai spedita a Nanni Moretti in esclusiva - NewsCinema

News

“Sa, mi occupo di sport!” una lettera mai spedita a Nanni Moretti in esclusiva

Published

on

Era il lontano 1988 quando Nanni Moretti portò al cinema Palombella Rossa, film girato alle Terme di Santa Venera, che oggi è stato restaurato e presentato in anteprima al Torino Film Festival 2016. Michele Apicella è un funzionario del PCI che perde la memoria in seguito ad un incidente e, durante una partita di pallanuoto cerca di rimettere insieme i pezzi della sua vita, tra passato e presente. Palombella Rossa fu considerato all’epoca una riflessione sulla crisi ideologica della sinistra italiana, con un protagonista che sembrava rispecchiare la perdita dell’identità del vecchio Partito Comunista.

Scrittore e giornalista RAI, Luciano Minerva, lavorava per il Corriere della Sera tre anni prima della realizzazione di Palombella Rossa e ha voluto condividere in esclusiva con NewsCinema una lettera aperta al regista e attore italiano che ha incontrato nel 1986 per un’intervista un po’ particolare, tra sport e cinema. Potete leggerla qui sotto.

Scena dal film Palombella Rossa

Scena dal film Palombella Rossa

Caro Nanni,

mi scuserai se ti do di nuovo del tu, dopo quell’unica volta che ci siamo visti, nel lontano 1986.

Ti scrivo perché ti devo delle scuse e perché mi serve un consiglio linguistico, per un problema su cui mi arrovello da quando ho visto Palombella Rossa, che ora, dopo tanti anni, viene riproposto in copia restaurata.

Ti incontrai quando eri una figura nuova e promettente del cinema italiano e io collaboravo alla pagina sportiva romana del Corriere della Sera. Mi segnalarono che giocavi ancora nella squadra di pallanuoto in serie A2 e che ti si poteva incontrare nella piscina del Foro Italico, quando la tua squadra giocava in casa. Quando ti fermai all’uscita della vasca, l’immagine di Nanni Moretti in costume, cuffia e accappatoio era ancora del tutto insolita. Mancavano tre anni a Palombella rossa.

Le cinquanta righe in pagina romana che ne ricavai non erano niente di speciale, ma ne ero soddisfatto, tranne accorgermi, nel leggere il pezzo pubblicato sul giornale, che il caporedattore si era permesso un’aggiunta autonoma, proprio a chiusura del pezzo: “A trentaquattro anni Nanni Moretti si vuol sentire ancora giovane”. Una frase fuori contesto e del tutto fuori dal mio pensiero. Non ho osato chiamarti quel giorno per chiederti scusa, in fondo speravo che non vedessi l’articolo. Lo faccio ora, se sono ancora in tempo. La cosa certa è che in qualche modo, volontariamente o no, ti sei vendicato.

Tre anni dopo, al cinema, mentre vedo Palombella Rossa, vedo una scena che mi ricorda qualcosa. Una giornalista viene a intervistarti, a fine partita, a bordo vasca, ed esordisce con: “Sa, mi occupo di sport”. E tu, o meglio il tuo personaggio, la interrompe con disprezzo:“Ma come parla, mi occupo di sport?!!!!” Mi torna in mente la mia intervista e comincio prima a sudare freddo, poi a diventare rosso per la vergogna. Sono certo di essermi rivolto a te proprio con quell’espressione per giustificarmi di non essere un esperto di cinema e di non chiederti nulla sul tuo lavoro di regista.

Bene, al di là dello shock iniziale e dell’identificarmi subito con quella deturpatrice della lingua italiana, ti confesso che, dopo tanti anni, non ho ancora trovato espressioni che in quel caso facessero al caso mio. Certo, sarebbe stato possibile dire: “Scrivo per la pagina sportiva romana” sottintendendo che l’argomento dell’intervista non poteva esulare dallo sport, o anche “Ti dispiace se, una volta tanto, qualcuno non ti fa domande sul cinema?” So certamente che mi potrai indicare valide alternative a quella mostruosità linguistica. E dunque, per evitare in altre situazioni di cadere nella trappola del “mi occupo di letteratura”, o errori analoghi, ti chiedo umilmente un consiglio su altre formule possibili. E mi chiedo se, fra tutte le deturpazioni del linguaggio di allora e di oggi, quella fosse così insopportabile.

Con grande stima per tutto il tuo lavoro (tranne che per Caos calmo, ma lì non ti occupavi della regia…)

Luciano Minerva

Can Yaman

Can Yaman | la sorpresa dell’attore nella trasmissione C’è Posta per Te

Published

on

can yamana c e posta per te newscinema compressed

La terza puntata della nuova edizione del people show di Canale 5, C’è posta per te ha visto il graditissimo ritorno dell’attore Can Yaman. A richiedere la presenza del bel turco, è stata una giovane nipote per ringraziare la zia, per non averla lasciata sola, dopo la morte della mamma. Ripercorriamo i momenti più emozionanti della serata.

Un filmato che promette bene…

[Tenete conto che la puntata è stata registrata alla fine di settembre 2020]
Come di consueto, a precedere l’entrata dell’ospite, è stato mandato in onda un video tributo, incentrato sui grandi successi ottenuti fin ora. Diviso tra l’affetto delle fan e i premi ottenuti per le sue serie, è stata citata la dolce mamma Guldem. L’occasione è stato il video di loro due impegnati a ballare il tango durante la pandemia. Un dettaglio che non è passato inosservato e rimarcato anche dalla padrona di casa.

A quel punto Can, con il suo italiano impeccabile, ha specificato che le lezioni erano diventate necessarie in vista del suo ultimo personaggio. In occasione del settimo episodio del ‘Signor Sbagliato‘ insieme alla partner Ozge Gurel, si è cimentato in un passo a due di tango. Le fan legatissime alla serie Bay Yanlış con il titolo internazionale Mr. Wrong hanno iniziato a sperare che presto il ristoratore Ozgur, possa arrivare su Canale 5. Sorge spontanea una domanda: “Che sia stato un modo per anticipare la messa in onda in estate dopo la conclusione di Daydreamer -le ali del sogno?

La storia della signora Maria

Storia commovente in grado di sciogliere anche i cuori più glaciali. La ragazza di Rossano si è rivolta alla redazione del programma per poter sorprendere la zia Maria, dopo la morte della madre Pina. La lettera toccante scritta dalla ragazza è stato un momento ricco di emozione, che ha colpito anche Yaman, il quale era visibilmente emozionato. La comprensione e la capacità di parlare correttamente la nostra lingua, ha fatto sì che fosse coinvolto ancora di più nella storia.

Dopo la lettera letta dalla padrona di casa, Maria De Filippi, l’interprete di serie tv di successo e nuovo pupillo del regista Ferzan Ozpetek, è sceso dalle scale principali e illuminato da una forte luce è andato incontro alla donna. L’emozione fortissima di avere vicino a lei il suo idolo, ha reso quel momento davvero magico.

Leggi anche: Can Yaman | ripercorriamo il 2020 dell’attore tra delusioni e grandi successi

canyaman cepostaperte newscinema compressed

Leggi anche: Can Yaman sarà Sandokan nel progetto internazionale della Lux Vide

La sorpresa di Can Yaman

“Sono seduto accanto a un angelo. È stata emozionante la storia. Sono stato cresciuto da due donne. la mamma di mia mamma mi ha fatto crescere. Poi quando mio padre è andato in bancarotta e andavo al liceo, mia mamma di occupava di tutto.” Can con le lacrime agli occhi, ha continuato dicendo: “Mi emoziono se ripendo al mio passato. Le donne sono importantissime. Quando ci penso, sarei una nullità se non ci fossero state le donne che hanno fatto parte della mia vita”.

Entrando subito nel vivo dei vari oggetti, portati appositamente per lei, ha esordito dicendo: ” So che hai una grande passione per la mia serie?” La signora commossa e incredula di avere il suo attore preferito a pochi centimetri di distanza, non ha potuto far a meno di complimentarsi per la sua bellezza e talento nel recitare.

“Ora ho 30 anni e vedo che tanta gente ha tanta tristezza. Mi rendo conto che sono diventato una persona che porta gioia e capisco che si tratta di un amore puro ed è un affetto reciproco.” Inutile dire gli applausi che hanno riempito lo studio, completamente incantato dalle parole di Can.

Il primo regalo. “In Daydreamer, noi beviamo il te e qui in Italia non avete quei bicchierini. Per questo motivo, ho pensato di portarteli io, così da poter bere il te come nella serie. Magari dopo ce lo beviamo.” Vedendo la signora Maria emozionata con le lacrime agli occhi, l’attore ha cercato di tranquillizzarla chiedendole se voleva dirgli qualcosa: “Mia nipote di 5 anni ti segue e dice sempre quanto è bello il signor Can”.

Ed ecco la seconda dichiarazione d’amore di Yaman per il suo pubblico che non lo lascia mai: “Sono felice di portare gioia nelle vostre vite e mi emoziona questa cosa. A volte penso di smettere di fare l’attore, in fondo ero avvocato, ma vedendo che con la mia professione posso toccare a aiutare queste vita, dimentico l’idea di smettere.”

Secondo regalo per la signora Maria. Sempre tenendo in considerazione il personaggio di Can Divit interpretato nella serie Daydreamer – Le ali del sogno, attualmente in onda su Canale 5 ha esordito dicendo: “A parte i bicchieri, ne “Le ali del sogno” avevo sempre le pietre di luna in mano. Tu hai avuto molto nero nella vita, ma anche alcune cose bianche, come tua nipote, i figli. E per questo voglio regalartele a te perché ti portino bene.”

canyaman3 compressed 1

Il terzo regalo senza dubbio il più emozionante, è stata una collanina a forma di cuore, con all’interno la fotografia della sorella e mamma della nipote che le ha organizzato la sorpresa, per ringraziarla di tutto l’amore che le ha dato in questi anni.

Quarto regalo, utilissimo per vedere le serie su internet. “Ma tu come la guardi la mia serie?”
La signora ha risposto come la maggior parte delle ragazze in Italia che non possono far a meno di seguire Can in tutte le sue serie, trasmesse in contemporanea con la Turchia: “La seguo in turco con i sottotitoli in italiano, sul cellulare e anche se è piccolo ci riesco.”
Can a quel punto ha tirato fuori un regalo utilissimo: “Ti ho portato un cellulare che non sic trova in commercio. Te lo voglio regalare così puoi vedere le serie più facilmente senza sforzo. Ti lascio anche le cover e il mio numero ma non darlo in giro”, scatenando l’invidia e l’ilarità del pubblico presente in studio.

Il quinto regalo, è arrivato dopo l’apertura della busta, prima di congedarsi, Can Yaman ha voluto regalare un ultimo oggetto a sorpresa, lasciando scegliere la signora Maria, tra il bracciale, la collana e la giacca con il suo profumo. La preferenza è ricaduta proprio su questo indumento, reso unico nel suo genere per il disegno realizzato a mano dal manager e stilista dell’attore, Ilker Bilgi. Rimasto in canottiera nera, per la gioia di tutte le fan, presenti e a casa, la conduttrice si è complimentata ancora per i successi ottenuti da Can.

Continue Reading

News

Speravo de morì prima | la clip della serie con protagonista Francesco Totti

Published

on

pietro castellitto newscinema compressed

Se c’è un giocatore di calcio che è riuscito a far commuovere non solo i suoi tifosi ma anche quelli delle altre squadre con il suo ‘addio’ al pallone, è stato proprio Francesco Totti. Il fuoriclasse della A.S. Roma, cresciuto indossando sempre la maglia giallo rossa, che ha lottato per la sua squadra del cuore dal primo fino all’ultimo giorno, oggi torna nelle case degli italiani in una veste inedita.

La clip con Pietro Castellitto e Francesco Totti

«M’hanno preso, interpreto te», con questa battuta pronunciata da Pietro Castellitto viene informato il capitano della Roma Francesco Totti, in merito alla realizzazione di questa serie. Cresciuto col poster di Totti in stanza, Pietro riceve l’investitura ufficiale da parte del fuoriclasse giallorosso in questa clip, prima di una serie che accompagnerà al debutto la produzione Sky Original, dramedy in sei episodi sugli ultimi due anni di carriera del leggendario numero 10 della Roma tratto dall’opera “Un Capitano” di Francesco Totti e Paolo Condò, edita da Rizzoli Libri S.p.A.

La serie arriverà su Sky e in streaming su NOW TV a partire dal mese di marzo e se Castellitto è mancino, mentre il destro di Totti è stato uno dei più letali di sempre in campo, basterà «girare la TV, ribaltando le immagini».

Leggi anche: Speravo de morì prima | Pietro Castellitto nei panni di Totti nella prima foto della serie

Leggi anche: Venezia 77 | Pietro Castellitto presenta I Predatori: “Senza Nietzsche forse non avrei fatto il regista”

La trama della serie su Francesco Totti

La serie è scritta da Stefano Bises, Michele Astori e Maurizio Careddu, diretta da Luca Ribuoli (La mafia uccide solo d’estate) e prodotta da Mario Gianani per Wildside, del gruppo Fremantle, con Capri Entertainment di Virginia Valsecchi, The New Life Company e Fremantle.
Speravo de morì prima – La serie su Francesco Totti racconterà la fine del lungo percorso del Capitano della Roma con la maglia giallorossa, rimasta sempre la stessa per 27 anni.

Gli episodi saranno arricchiti anche da immagini d’archivio dei momenti più esaltanti della sua carriera, insieme all’epica sportiva da vero fuoriclasse del calcio italiano e mondiale. Sarà posto l’accento sul tormentato periodo che aveva preceduto il suo ritiro dal mondo del calcio come giocatore. In tutto questo, verrà raccontata anche la vita privata di un uomo coraggioso, semplice e autoironico, legato da sempre al calcio e a una città, Roma, di cui è diventato negli anni simbolo e bandiera.

Il cast della serie Speravo de morì prima

Oltre a Pietro Castellitto (I predatori, Freaks Out, Non ti muovere, La profezia dell’armadillo) nei panni di Francesco Totti, nel cast Greta Scarano (Suburra, Squadra antimafia – Palermo oggi, In Treatment, Il nome della Rosa) che sarà Ilary Blasi, sua moglie; Gianmarco Tognazzi (A casa tutti bene, Romanzo Criminale) sarà Luciano Spalletti, ultimo allenatore della sua carriera; Monica Guerritore (Un giorno perfetto, La Bella Gente) interpreterà la madre di Francesco Totti, Fiorella; Giorgio Colangeli (L’aria salata, La doppia ora) interpreterà il padre di Totti.

E ancora, Primo Reggiani (Baciami Ancora) nel ruolo di Giancarlo Pantano, amico storico di Totti, e Alessandro Bardani (Ti stramo) nel ruolo di Angelo Marrozzini, cugino del Capitano. Gabriel Montesi (Il Primo Re, Favolacce, Romulus) e Marco Rossetti (Il cacciatore) saranno rispettivamente Antonio Cassano e Daniele De Rossi; Massimo De Santis interpreterà Vito Scala; Eugenia Costantini (Boris, Maraviglioso Boccaccio) e Federico Tocci (Suburra – La serie) interpretano invece i genitori di Totti da giovani.

Continue Reading

News

Cruel Summer | Amazon Prima ha acquistato i diritti del thriller psicologico

Published

on

olivia holt cruel summer newscinema compressed

Un grande annuncio in casa Amazon Prime Video è stato reso noto ai suoi abbonati negli ultimi giorni. A quanto pare il servizio streaming, che ha conquistato un gran numero di consensi da parte degli spettatori, per i contenuti innovativi e di alta qualità si è accaparrata i diritti di una storia da brividi.
L’atteso thriller psicologico Cruel Summer verrà lanciato in esclusiva mondiale (eccetto Stati Uniti, Canada e Cina) nei prossimi mesi.

Le dichiarazioni dei vertici alti di Amazon Prime e non solo

Il debutto di Cruel Summer previsto in America su Freeform nel 2021, avverrà su Prime Video. Prodotta dalla casa di produzione indipendente Entertainment One (eOne), con la Iron Ocean Productions di Jessica Biel e Michelle Purple, ecco cosa ha dichiarato Brad Beale, Vice Presidente della Worldwide Content Acquisition for Prime Video: “Con Cruel Summer, Jessica Biel, Michelle Purple, Bert V. Royal e Tia Napolitano hanno creato un dramma unico nel suo genere che inchioderà i clienti Prime Video allo schermo con un susseguirsi di misteriosi eventi”. Ha concluso dicendo: “Questa serie così attesa è un importante nuovo tassello nel catalogo delle serie tv e dei film di Prime Video. Non vediamo l’ora che i clienti Prime possano godersi questo racconto così coinvolgente.”

Stuart Baxter, Presidente della International Distribution eOne:“Siamo felici di approfondire il nostro rapporto internazionale con Amazon Prime Video grazie a questa serie così ricercata. Cruel Summer arriva con un tempismo perfetto, in tempo di importanti voci femminili, ed è unica nel modo di raccontare la stessa storia da due punti di vista diversi, facendo luce su un oscuro mistero un passo alla volta. Crediamo che questo drama mozzafiato, ricco di sfaccettature e che affronta temi universali, piacerà al pubblico di tutto il mondo, inizialmente tramite le piattaforme di Video-on-Demand e successivamente tramite altri canali.”

Leggi anche: Welcome to the Blumhouse | Amazon Prime rilascia i trailer dei nuovi horror

cruel summer newscinema compressed

Leggi anche: Transfert, il film di Massimiliano Russo disponibile su Amazon Prime Video

La trama di Cruel Summer

Cruel Summer diretta da Max Winkler è una serie non convenzionale ambientata durante tre estati degli anni ’90. Al centro della vicenda c’è una bella e popolare ragazza scompare e un’altra, che apparentemente non sembra essere legata alla prima. Questa subirà un’improvvisa trasformazione, passando da dolce e impacciata outsider, alla ragazza più famosa della città. Questo suo atteggiamento la porterà successivamente nella persona più detestata d’America.
Ogni episodio è narrato da diversi punti di vista.
Nel cast sono presenti Olivia Holt, Chiara Aurelia, Michael Landes, Froy Gutierrez, Harley Quinn Smith, Allius Barnes, Blake Lee, Brooklyn Sudano e Sarah Drew.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari