Connect with us

News

“Sa, mi occupo di sport!” una lettera mai spedita a Nanni Moretti in esclusiva

Published

on

Era il lontano 1988 quando Nanni Moretti portò al cinema Palombella Rossa, film girato alle Terme di Santa Venera, che oggi è stato restaurato e presentato in anteprima al Torino Film Festival 2016. Michele Apicella è un funzionario del PCI che perde la memoria in seguito ad un incidente e, durante una partita di pallanuoto cerca di rimettere insieme i pezzi della sua vita, tra passato e presente. Palombella Rossa fu considerato all’epoca una riflessione sulla crisi ideologica della sinistra italiana, con un protagonista che sembrava rispecchiare la perdita dell’identità del vecchio Partito Comunista.

Scrittore e giornalista RAI, Luciano Minerva, lavorava per il Corriere della Sera tre anni prima della realizzazione di Palombella Rossa e ha voluto condividere in esclusiva con NewsCinema una lettera aperta al regista e attore italiano che ha incontrato nel 1986 per un’intervista un po’ particolare, tra sport e cinema. Potete leggerla qui sotto.

Scena dal film Palombella Rossa

Scena dal film Palombella Rossa

Caro Nanni,

mi scuserai se ti do di nuovo del tu, dopo quell’unica volta che ci siamo visti, nel lontano 1986.

Ti scrivo perché ti devo delle scuse e perché mi serve un consiglio linguistico, per un problema su cui mi arrovello da quando ho visto Palombella Rossa, che ora, dopo tanti anni, viene riproposto in copia restaurata.

Ti incontrai quando eri una figura nuova e promettente del cinema italiano e io collaboravo alla pagina sportiva romana del Corriere della Sera. Mi segnalarono che giocavi ancora nella squadra di pallanuoto in serie A2 e che ti si poteva incontrare nella piscina del Foro Italico, quando la tua squadra giocava in casa. Quando ti fermai all’uscita della vasca, l’immagine di Nanni Moretti in costume, cuffia e accappatoio era ancora del tutto insolita. Mancavano tre anni a Palombella rossa.

Le cinquanta righe in pagina romana che ne ricavai non erano niente di speciale, ma ne ero soddisfatto, tranne accorgermi, nel leggere il pezzo pubblicato sul giornale, che il caporedattore si era permesso un’aggiunta autonoma, proprio a chiusura del pezzo: “A trentaquattro anni Nanni Moretti si vuol sentire ancora giovane”. Una frase fuori contesto e del tutto fuori dal mio pensiero. Non ho osato chiamarti quel giorno per chiederti scusa, in fondo speravo che non vedessi l’articolo. Lo faccio ora, se sono ancora in tempo. La cosa certa è che in qualche modo, volontariamente o no, ti sei vendicato.

Tre anni dopo, al cinema, mentre vedo Palombella Rossa, vedo una scena che mi ricorda qualcosa. Una giornalista viene a intervistarti, a fine partita, a bordo vasca, ed esordisce con: “Sa, mi occupo di sport”. E tu, o meglio il tuo personaggio, la interrompe con disprezzo:“Ma come parla, mi occupo di sport?!!!!” Mi torna in mente la mia intervista e comincio prima a sudare freddo, poi a diventare rosso per la vergogna. Sono certo di essermi rivolto a te proprio con quell’espressione per giustificarmi di non essere un esperto di cinema e di non chiederti nulla sul tuo lavoro di regista.

Bene, al di là dello shock iniziale e dell’identificarmi subito con quella deturpatrice della lingua italiana, ti confesso che, dopo tanti anni, non ho ancora trovato espressioni che in quel caso facessero al caso mio. Certo, sarebbe stato possibile dire: “Scrivo per la pagina sportiva romana” sottintendendo che l’argomento dell’intervista non poteva esulare dallo sport, o anche “Ti dispiace se, una volta tanto, qualcuno non ti fa domande sul cinema?” So certamente che mi potrai indicare valide alternative a quella mostruosità linguistica. E dunque, per evitare in altre situazioni di cadere nella trappola del “mi occupo di letteratura”, o errori analoghi, ti chiedo umilmente un consiglio su altre formule possibili. E mi chiedo se, fra tutte le deturpazioni del linguaggio di allora e di oggi, quella fosse così insopportabile.

Con grande stima per tutto il tuo lavoro (tranne che per Caos calmo, ma lì non ti occupavi della regia…)

Luciano Minerva

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Bob Marley | tutti i dettagli del biopic diretto da Reinaldo Marcus Green

Published

on

Grandi novità per il biopic dedicato a Bob Marley diretto dal regista Reinaldo Marcus Green. Il cineasta ha confermato non solo che sta per dirigere un film sul re del reggae, ma ha rivelato anche alcuni dettagli. L’occasione si è presentata durante un’intervista rilasciata in esclusiva per King Richard con Steven Weintraub di Collider.

Questo significa che il progetto non solo è reale, ma che è in fase di sviluppo per poter rappresentare al meglio la vita dell’iconico cantante e attivista politico. Marley è passato alla storia per essere uno dei pionieri del reggae, riuscendo a incantare il mondo con i suoi talenti musicali e a far conoscere e diffondere la cultura giamaicana. Ma il buon Bob, era anche noto per il suo esplicito sostegno alle riforme sociali democratiche, usando spesso la sua musica per diffondere i suoi ideali politici.

Le dichiarazioni del regista Reinaldo Marcus Green

Alla domanda sullo sviluppo del film biografico su Bob Marley, Green ha affermato che attualmente sta lavorando a una sceneggiatura insieme a Zach Baylin ( King Richard ) e che il figlio maggiore di Bob Marley sta producendo e controllando il progetto: “Ziggy Marley è, giusto, il mio punto di contatto per il film e il produttore del progetto. Quindi siamo a tutto vapore. Ho chiamato Zach Baylin per aiutarmi a scriverlo, il che è fantastico per riunire il nostro team. Speriamo di avere una sceneggiatura molto presto. Sono davvero entusiasta di quello.”

Leggi anche: Biografilm 2016: Shashamane, vivere secondo Bob Marley

Leggi anche: MARLEY, il film sulla leggenda dal 26 giugno al cinema

Cosa vedremo nel biopic dedicato a Bob Marley?

La mancanza – temporanea – della sceneggiatura, non ha di certo scoraggiato Green dal dichiarare cosa verrà mostrato nel biopic. Le sue idee lo porteranno ad esplorare la prolifica carriera del cantante. “Il nostro film inizia nel ’76 e in realtà riguarda la realizzazione di ‘Exodus’” dice Green, riferendosi al nono album in studio di Bob Marley and the Wailers. Un progetto musicale registrato dalla band dopo che Bob Marley è sopravvissuto a un tentato omicidio e lasciato la Giamaica per trasferirsi a Londra.

Sarebbe davvero interessante guardare la vita di Bob Marley da questa finestra, in un periodo in cui l’artista non solo è stato costretto a riflettere sulle sue radici, ma anche sulla portata internazionale del suo messaggio d’amore all’umanità.

Chi interpreterà il ruolo del cantante raggae?

Non poteva mancare la domanda cardine sul biopic: chi potrà interpretare il ruolo di Bob Marley sul grande schermo? Il ruolo verrà affidato a uno dei membri della famiglia del cantante? A tal proposito, il regista ha risposto che il casting non è ancora iniziato e che chiunque può candidarsi per la parte.

Poiché la musica è una parte importante dell’eredità di Marley, un grande film biografico non potrebbe esistere senza alcune delle sue canzoni iconiche. Quando gli è stato chiesto se avesse i diritti musicali per il film biografico, Green ha detto: “Abbiamo i diritti per la musica, per un po’ di musica, di sicuro.”
Dal momento che il film biografico su Bob Marley è ancora in fase di pre-produzione, potrebbe volerci un po’ di tempo prima di avere notizie più dettagliate.

Continue Reading

Cinema

Matrix Resurrections non sarà un semplice sequel | le parole del produttore

Published

on

A volte neanche ci rendiamo conto di quanto sia impietoso il tempo, nel suo scorrere così velocemente. E pensare che ‘solo’ 18 anni fa al cinema era uscito il film Matrix Revolutions, terzo capitolo della saga fantascientifica con protagonista Keanu Reeves. Adesso che siamo a poche settimana dal rilascio del quarto film Matrix Resurrections, a parlare è stato il co-sceneggiatore David Mitchell.

Come molti di voi ricorderanno, comprese le sorelle Wackowski, il pubblico (e non solo) non era stato molto clemente nei loro riguardi. Alla luce dell’imminente uscita del quarto capitolo, che riporterebbe in vita i protagonisti, la domanda sorge spontanea: cosa dovremmo aspettarci? Accadrà qualcosa di totalmente inaspettato o sarà un semplice sequel, che magari risulterà anche poco necessario ai fini della storia di Neo?

Cosa accadrà nel film Matrix Resurrections?

Il co-sceneggiatore di Matrix Resurrections , David Mitchell, che ha preso il posto di Lilly Wachowski nel progetto, ha rilasciato delle dichiarazioni molto interessanti a To Vima (tramite CBR ) e spiegato cosa non vedremo nel film. In particolar modo, il produttore ha spiegato che non sarà paragonabile ad altri blockbuster e sequel:

“Ho visto il film a Berlino a settembre. È molto buono. Non posso dirvi di cosa parla, ma potrei spiegarvi cosa non è. Non è certo un altro sequel, ma qualcosa di autonomo che contiene comunque i tre Matrix che lo hanno preceduto in maniera davvero geniale. È una creazione molto bella e strana. Raggiunge anche un paio di cose che non vediamo nei film d’azione, il che significa che sovverte le regole dei blockbuster.”

Leggi anche: Matrix 4 | Primissimi video e foto dal set del film

Leggi anche: Matrix 4, tutto quello che sappiamo della nuova avventura di Neo

La reazione del pubblico alle parole del produttore

Sebbene sia a dir poco azzardato e prematuro esprimere un parere dopo queste parole, a quanto pare Hollywood non la pensa allo stesso modo. A preoccupare tutti – nessuno escluso – sembra essere il fatto che Matrix Resurrections non sarà solo un altro reboot o sequel nella fase di revival. Fin ora le varie teorie lanciate dagli appassionati della saga non fanno altro che rincorrersi sui social, ma sta di fatto che al momento di concreto e affidabile non c’è nulla.

Il momento della verità arriverà solo quando il film sarà nelle sale cinematografiche e si saprà realmente come stanno le cose. Quello che per ora sembra una certezza, è il grosso problema legato a un piccolo dettaglio: Neo e Trinity dovrebbero essere morti. Del resto in Matrix, niente sembra essere impossibile, e la teoria che i primi 3 film siano solo dei videogiochi che si svolgono nel quarto film, sta prendendo sempre più piede.

Siamo tutti d’accordo che sia qualcosa di assolutamente folle e sconvolgente, ma forse Lana Wachowski e David Mitchell sono riusciti a trovare un modo per farlo apprezzare al pubblico.The Matrix Resurrections uscirà in Italia il 1° gennaio, giusto in tempo per iniziare il nuovo anno con un grande titolo cinematografico.

Continue Reading

News

Servant | trailer e data di uscita della terza stagione

Published

on

Apple TV+ ha pubblicato oggi un primo teaser della terza stagione dell’acclamata serie originale Servant. La nuova stagione di 10 episodi debutterà il 21 gennaio 2022 con il primo episodio, proseguendo poi con il rilascio settimanale delle puntate ogni venerdì.

La serie nasce da un’idea del produttore esecutivo M. Night Shyamalan e racconta la storia di una coppia di Filadelfia colpita da una terribile tragedia che mette in crisi il loro matrimonio, aprendo così le porte della loro casa a una forza misteriosa. L’imminente terza stagione vedrà tornare su schermo l’intero cast della serie, tra cui Lauren Ambrose, Toby Kebbell, Nell Tiger Free e Rupert Grint nei panni rispettivamente di Dorothy, Sean, Leanne e Julian, il fratello di Dorothy. Nei nuovi episodi comparirà anche un nuovo personaggio interpretato da Sunita Mani (Spirited, Mr. Robot, GLOW).

I registi della terza stagione saranno M. Night Shyamalan, Ishana Night Shyamalan, Carlo Mirabella-Davis, Dylan Holmes, Celine Held, Logan George, Kitty Green, Veronika Franz e Severin Fiala. I venti episodi delle prime due stagioni sono disponibili in streaming su Apple TV+.

Di seguito il nuovo teaser trailer pubblicato in queste ore:

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari