Connect with us

Arrow

Published

on

Action series ispirata ai fumetti della DC Comics. Al centro ci sono le avventure di Oliver Queen, miliardario dal passato misterioso che, dopo un tragico naufragio che cambierà per sempre la sua vita, decide di assumere l’identità di un eroe mascherato. Ogni notte, insieme al supporto dei suoi fidati amici e collaboratori, combatte la criminalità di Starling City, un po’ come Daredevil.

Advertisement

Cinema

Hocus Pocus 2 | Le streghe tornano a Salem e la musica (non) cambia

Published

on

hocus pocus 2
Hocus Pocus 2 | Le streghe tornano a Salem e la musica (non) cambia
3.6 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Tanto atteso quanto riuscito, Hocus Pocus 2 sbarca su Disney+ venerdì 30 settembre 2022. In cabina di regia, Anne Fletcher (Step Up) confeziona un sequel assolutamente fedele al suo predecessore, per mood e stile, facendo un regalo enorme a tutti i fan di Winnie & Co.

Per l’occasione, tornano tutte e tre le fantastiche protagoniste: Bette Middler, Kathy Najimy e Sarah Jessica Parker. Al loro fianco, Doug Jones negli scheletrici panni di Billy Butcherson.

Hocus Pocus 2 | La trama

Vinnie, Mary e Sarah sono tre ragazze un po’ particolari, che vivono da sole e si dilettano con incantesimi vari. Ma nella Salem del 1600 tutto ciò non è visto i buon occhio. Ecco perché viene loro fatta una proposta: far sposare a Vinnie un ragazzo del paese. Ovviamente, il rifiuto è scontato, così come la loro condanna al cospetto della comunità. Le tre fuggono nei boschi e si imbattono in una strega (Hannaha Waddingham), che percepisce in loro delle potenzialità stregonesche. Ha così origine la leggenda delle sorelle Sanderson.

Leggi anche: Halloween: le streghe più famose del grande schermo

A distanza di qualche secolo, Salem ha preso le sembianze di una piccola cittadina di provincia, ma il mito che l’ha resa celebre resta ancora molto vivo. Dopo aver ascoltato la storia delle Sanderson, dalla voce di uno dei più grandi esperti, Gilbert (Sam Richardson), Becca (Whitney Peak) e la sua amica Izzy (Belissa Escobedo) decidono di tentare un incantesimo.

L’apparizione di Winnie (Bette Midler), Mary (Kathy Najimy) e Sarah (Sarah Jessica Parker) porterà non poco scompiglio, costringendo le due adolescenti a trovare una soluzione prima che le streghe rapiscano qualche bambino.

Hocus Pocus 2 | Storia di un cult intramontabile

Sono passati quasi trent’anni da quando il primo film uscì al cinema. Dal 1993 ad oggi, tante cose sono cambiate, ma non l’affetto per un vero e proprio cult come Hocus Pocus. Ritrovare quindi sullo schermo le simpaticissime sorelle Sanderson è un tuffo nel passato, di quelli più puramente emozionanti.

Winnie, Mary e Sarah non sembrano aver perso un briciolo del loro fascino e della loro ingenuità – essendo donne del 1600 catapultate nel 2022 – dando ancora vita a confusione e divertimento. Le gag si succedono una dietro l’altra, sostenute da battute degne della miglior commedia. Ovviamente, buona parte della riuscita, in tal senso, si deve agli ottimi interpreti e alla sintonia creatasi sul set.

Tutto funziona alla meraviglia

Con un dinamismo e un mood simili, la narrazione procede a gonfie vele. Soprattutto perché l’aspetto visivo/scenografico è meravigliosamente curato: dai costumi ai colori, dalle luci agli accessori, ogni minimo particolare concorre a caratterizzare personaggi e situazioni. Oltre a immergere lo spettatore all’interno di questo universo magico e memorabile.

Da non sottovalutare neppure il potere della musica, per cui gli interventi a mo’ di musical arricchiscono il progetto dal punto di vista dell’intrattenimento.

Leggi anche: Sarah Jessica Parker | legata ai processi alle streghe di Salem come in Hocus Pocus

A conclusione, vanno sottolineate le tematiche trattate e la loro importanza, dall’amicizia alla sorellanza, che può trasformarsi nel bene più prezioso per una persona.

Continue Reading

News

1923 | Jennifer Ehle e Jerome Flynn si uniscono al cast dell’attesa serie tv

Published

on

Tra le tante novità, continua a far parlare la serie 1923 caratterizzata per la presenza di attori del calibro del candidato all’Oscar® Harrison Ford e la vincitrice del premio Oscar Helen Mirren oltre a Darren Mann, Michelle Randolph, James Badge Dale, Marley Shelton, Brian Geraghty, Aminah Nieves e Julia Schlaepfer.

Ad unirsi a questo cast stellare ci saranno anche Jennifer Ehle e Jerome Flynn.

La trama di 1923

Realizzato dal candidato all’Oscar Taylor Sheridan e prodotto da MTV Entertainment Studios e 101 Studios, 1923 è il nuovo capitolo della storia delle origini di “Yellowstone”, dopo la performance da record di 1883, il titolo più visto di sempre su Paramount+ a livello globale. 1923 introdurrà una nuova generazione della famiglia Dutton ed esplorerà i primi anni del XX secolo, quando pandemie, siccità storiche, la fine del proibizionismo e la Grande Depressione affliggono l’Ovest montano e i Dutton che lo chiamano casa. In Italia la serie sarà disponibile su Paramount+ dal 2023.

Leggi anche: Don’t worry darling: il film che promette fino all’ultimo e poi non mantiene

Leggi anche: The Punisher | Jon Bernthal sarà ancora il protagonista della serie Marvel?

Quali ruoli interpreteranno le new entry?

Nella serie, Jennifer Ehle interpreterà Suor Mary O’Connor, una suora irlandese che insegna alla School For American Indians nel Montana; mentre Jerome Flynn interpreta Banner Creighton, uno scozzese dalla testa dura a capo degli allevatori della zona.
1923 è prodotta da Taylor Sheridan, John Linson, Art Linson, David C. Glasser, Ron Burkle, David Hutkin, Bob Yari e Ben Richardson.

La nuova serie è l’ultima aggiunta al crescente programma di Sheridan su Paramount+, che oltre a 1883 comprende Mayor of Kingstown e le prossime serie Tulsa King, Bass Reeves, Lioness e Land Man.

Continue Reading

Festival

Future Film Festival 2022 | la recensione del film d’animazione I am what I am

Published

on

Tra i film in concorso della 22^ edizione del Future Film Festival è stato scelto il lungometraggio d’animazione cinese I am what I am diretto da Sun Haipeng. Una storia incentrata sull’antica arte della Danza del Leone, il profondo valore dell’amicizia e la determinazione a non arrendersi mai anche quando sembra non esserci altra soluzione.

Cliccate nel player in basso per vedere il trailer e leggere la recensione del film.

La sinossi del film I am what I am

In un piccolo villaggio nel sud della Cina vive un ragazzo di umili origini e dal fisico molto snello. Si tratta del giovane Juan che da tempo vive insieme al nonno e senza i suoi genitori, costretti ad andare a lavorare in città. La vita di Juan, nonostante le raccomandazioni dei genitori di andare a scuola, si svolge in strada e trovandosi diverse volte a essere bullizzato da alcuni ragazzi più grandi.

Un giorno passeggiando per il villaggio viene attratto dalla famosa Danza del Leone e dal suono dei tamburi. Ad attirare la sua attenzione è la testa di un leone rosso indossato da una ragazza. Sarà proprio lei a instradarlo verso questa arte tipica della Cina, caratterizzata da movimenti leggiadri, fluidi, salti e allo stesso tempo di equilibrio e forza per sorreggere il copricapo più grande del normale. Il percorso composto da pali di varia altezza culminano con il famoso “pilastro del cielo”. Si tratta di una colonna molto più alta delle altre, che serve per ricordare ai danzatori di restare umili.

Leggi anche: Inu-oh | la recensione del capolavoro di animazione vincitore del Future Film Festival 2022

Da quell’incontro l’unico desiderio di Juan è partecipare al campionato della Danza del Leone con la testa donata dalla giovane danzatrice. Ora per l’adolescente non resta che formare la sua squadra e trovare qualcuno che possa allenarli seriamente. Ad unirsi insieme a lui in questa impresa che sembra impossibile ci saranno gli amici Gou e Mao e un ex danzatore Yuquiang, che li porterà a sostenere degli allenamenti molto intensi.

A infrangere i sogni del giovane Juan sarà un improvviso evento che lo porterà a compiere una scelta difficile, sofferta ma allo stesso tempo doverosa: lasciare la squadra per andare a lavorare in città. Ma sarà davvero un addio definitivo il suo al mondo della Danza del Leone?

Leggi anche: Future Film Festival al via la 22^ edizione | il programma completo

Leggi anche: Future Film Festival 2022 | tutti i vincitori della 22^ edizione

La recensione del lungometraggio

Al Future Film Festival 2022 è stato scelto un film d’animazione coinvolgente da un punto di vista visivo ed emotivo. I am what I am è un lungometraggio in grado di conquistare il pubblico adulto e quello più giovane, regalando anche ai più piccoli diverse lezioni di vita: non arrendersi mai e lottare sempre per realizzare i propri sogni.

Mettendo da parte la critica da parte del suo Paese per i lineamenti occidentalizzati per i protagonisti del film, bisogna ammettere che I am what I am è davvero un gioiellino. Pensiero condiviso non solo dai fan (che si sono battuti, difendendo il lungometraggio da accuse di razzismo interno) ma anche dalla critica. In questo lungomentraggio non manca nulla: dalle risate, alle emozioni fino agli insegnamenti, forniti anche attraverso citazioni poetiche come nel caso del poeta Li Bai. Artista che riesce a incoraggiare Juan nei momenti più difficili.

“Tutto ciò che esiste è utile a qualcosa. Rido mentre parto per il mio viaggio. Come posso essere mediocre con un simile talento? Quando è tempo di issare le vele, cavalca il vento e fendi le onde”. (Li Bai)”

Leggi anche: Future Film Festival | Princesse Dragon, la favola che sfiora il capolavoro

Leggi anche: Future Film Festival | Tra distopia e realtà, Battlecry è un’opera piena di suggestioni

Vincente e interessante è stata la scelta di aprire il film con la storia della Danza del Leone. Attraverso disegni realizzati da pennellate di pittura nera su fondo bianco e qualche raro colore (il verde per l’insalata) il pubblico è riuscito a comprendere l’antica storia di questa danza. Le origini, lo svolgimento, le differenze tra quella del Nord e del Sud e quello che il protagonista andrà ad affrontare nel corso del film. La storia potrebbe far pensare allo storico film Karate Kid dove un maestro allena giovani allievi, ma con I am what I am, niente è scontato e banale. La scelta di combinare la realtà con alcuni tratti fantastici ha reso la storia fluida e godibile, senza annoiare lo spettatore.

Il fisico di Juan rappresenta il crescendo del film. Da mingherlino a leggermente muscoloso a causa degli stravolgimenti accaduti nella sua vita, simboleggiano la continua crescita della storia dotata di un finale imprevedibile e meraviglioso.

La scelta dei brani musicali in lingua cinese ma dal ritmo internazionale, così come la scelta di inserire Nessun Dorma tratta dalla Turandot di Giacomo Puccini hanno contribuito ad aumentare il pathos nella storia.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari