Connect with us

Festival

‘Un festival per cineasti in pectore’ il TFF 2012

Published

on

TFF

Dal 23 Novembre al 1 Dicembre si svolgerà la trentesima edizione del Torino Film Festival e questa mattina a Roma si è svolta la conferenza stampa di presentazione alla presenza del Direttore Gianni Amelio, il Vice Direttore Emanuela Martini, Il Responsabile della sezione TFF doc Davide Oberto e Massimo Causo, Responsabile della sezione Onde. Ricco di lungometraggi, cortometraggi e non solo, questa nuova edizione conta un totale di 223 titoli, tra cui 70 lungometraggi opere prime e seconde, 43 anteprime mondiali, 11 anteprime internazionali, 13 anteprime europee e 81 anteprime italiane. Il festival si aprirà la sera del 23 Novembre con il film di Dustin Hoffman Quartet, con Maggie Smith, Tom Courtenay, Billy Connelly, Pauline Collis e Michael Gambon. Il film, esordio alla regia dell’attore settantacinquenne americano, è una commedia piena di humor, tenerezza e malinconia che racconta la storia di una casa di riposo per cantanti lirici e musicisti nella campagna inglese, dove ogni anno si prepara un grande spettacolo per l’anniversario della nascita di Giuseppe Verdi. A chiudere il festival, invece, sarà Ginger & Rosa di Sally Potter, con Elle Fanning, Alice Englert, Alessandro Nivola, Annette Bening e Oliver Platt. Nella Londra del 1962 due amiche adolescenti nate il giorno di Hiroshima, vivono una crisi affettiva sullo sfondo di grandi cambiamenti dell’epoca, conflitti, situazione politica e tanto altro.

Gianni Amelio ha dichiarato: Sono orgoglioso del lavoro fatto quest’anno poichè abbiamo puntato sulla forza del festival di Torino, che è la prima voce che fa partire il passaparola. I festival dovrebbero essere utili soprattutto a quei film che non hanno facilmente modo di farsi conoscere dal pubblico. Abbiamo visionato circa 4.000 film tra lungometraggi, cortometraggi e documentari. E ci tengo a precisare che a Torino stiamo attenti, solitamente a non proporre film lunghi o pallosi, infatti la media di durata dei film si aggira intorno ad un’ora e 20 o un’ora e 25 minuti. La bellezza dei film in concorso distingue in particolar modo questa edizione. Non posso dire il mio preferito, ma almeno otto film sono da 4 stellette. Ci sarà tanto cinema che rispecchia il pubblico del TFF. La differenza tra Venezia, Roma e Torino lo fa lo spettatore. Il pubblico di Torino è composto da cineasti in pectore, ovvero persone che vorrebbero fare cinema. In concorso ci sono 16 film di diversi paesi, e molti sono frutto di co-produzioni. La sezione Festa Mobile è caratterizzata da film sul cinema, mentre c’è la sezione Torino XXX dedicata al trentennale, per festeggiare i registi che hanno debuttato a Torino con il loro ultimo lavoro, tranne Garrone per il quale proietteremo Terra di Mezzo invece di Reality. Il Premio Cipputi sarà dedicato ad Altan, che ha raccontato in modo spiritoso il compleanno del Festival per la locandina ufficiale. Ci tengo a dire che Torino rimane quello che è sempre voluto essere.” La sezione Festa Mobile 2012 promette una carrellata libera e ricca di film di autori e cinematografie che hanno colpito durante l’anno e grandi anteprime nazionali come Anna Karenina di Joe Wright con Keira Kneighley, The Angel’s Share di Ken Loach, Ruby Sparks nuovo film dei registi di Little Miss Sunshine e tanti altri, dando anche uno sguardo al passato con il segmento Classics dove si ripropongono successi come Il Sorpasso, Morando Morandini, Una voce umana etc…

Emanuela Martini ha poi sottolineato in particolare la Retrospettiva dedicata a Joseph Losey, un regista degli anni 50 che ha firmato i propri film con i nomi rubati di Andrea Forzano, Victor Hanbury e Joseph Walton negli anni in cui fu messo sotto inchiesta dalla Commissione per le attività antiamericane del senatore McCarthy e fu bandito da Hollywood e dall’America. Suoi sono tre capolavori scritti insieme ad Harold Pinter e ha lavorato sempre su thriller e noir come specchio dei tempi. Al Torino Film Festival sarà presentato anche The Hide, film diretto da Marek Losey, suo nipote. ‘Il cinema di Losey è claustrofobico, anche quando è girato in esterni. Così quest’anno Rapporto Confidenziale è stato dedicato a Ossessioni e Possessioni che propone thriller, commedie, horror, tutti film di genere che ruotano intorno ad un senso di paura e insicurezza’ ha affermato la Martini. Tra questi Chained di Jennyfer Lynch, figlia di David, Christmas with the dead horror di Terrill Lee Lankford, Bobby Yeah di Robert Morgan, Come Out and Play di Makinov e K-11 di Jules Stewart mamma della Kristen di Twilight. Il Presidente di Giuria sarà Paolo Sorrentino e tra i componenti Constantin PopescuKarl Baumgartner. Claudia Gerini e Ambra Angiolini saranno rispettivamente Madrina di apertura e di chiusura del festival e, oltre ai lungometraggi, ci sarà anche molto spazio per cortometraggi e documentari, anche grazie alle sezioni TFF Doc e Onde. La prima è suddivisa in tre aree: Internazionale.doc, Italiana.doc e Documenti. Nei primi due ci sono opere prime provenienti dall’Italia, Corea, Tailandia e Francia e affrontano tematiche importanti e storie personali, mentre nella terza sezione, il documentario si espande e analizza come il cinema possa raccontare la cronaca politica e i movimenti sociali attraverso vari punti di vista. All’interno del TFF Doc sono previsti alcuni incontri particolari, come un ricordo di Carmelo Bene attraverso Nostra Signora dei Turchi, le immagini delle prove del Macbeth raccolte da Ferruccio Marotti e un incontro con Luca Buoncristiano e Mario Masini coordinato da Fulvio Baglivi Materiali da distruzione. E il regista Ken Jacobs che ha conquistato pubblico e critica con Black Block incontrerà i visitatori del TFF sempre all’interno di questa sezione.

Saranno poi consegnati due Gran Premi Torino a Ken Loach e Ettore Scola. Il primo a Ken Loach sarà consegnato il 26 novembre per l’umanità, l’umorismo e la forza morale e intellettuale che trasmette con i suoi ritratti di gente vera, sia uando racconta storie contemporanee, sia quando si dedica a lucide ricostruzioni storiche. Il secondo invece sarà consegnato durante la serata di chiusura del festival, il 1 Dicembre, per l’attenzione ironica e pietosa con cui per 40 anni ha tratteggiato con il suo cinema l’affresco culturale e sociale del nostro paese. Il TFF 2012 promette di essere un festival ricco, variegato e aperto alla novità, con molti ospiti e interessanti iniziative che, come afferma Gianni Amelio, vogliono portare avanti un concetto di ‘cinema dell’avvenire, e non del futuro‘.

Per tutte le ulteriori informazioni www.torinofilmfest.org.

TFF 30 (CONCORSO UFFICIALE) 

– AM HIMMEL DER TAG / BREAKING HORIZON di Pola Beck (Germania, 2012, DCP, 86’)

– ARTHUR NEWMAN di Dante Ariola (USA, 2012, DCP, 101’)

– AZ DO MESTA AS / MADE IN ASH di Iveta Grófová (Repubblica Ceca/Slovacchia, 2012, DCP, 84’)

-CALL GIRL di Mikael Marcimain (Svezia/Irlanda/Norvegia/Finlandia, 2012, DCP, 140’)

-I.D. di Kamal K.M (India, 2012, DCP, 90’)

-THE LIABILITY di Craig Viveiros (UK, 2012, DCP, 92’)

-UNA NOCHE di Lucy Mulloy (Cuba/UK/USA, 2012, DCP, 90’)

-NOI NON SIAMO COME JAMES BOND di Mario Balsamo (Italia, 2012, HDCam, 73’)

-PAVILION di Tim Sutton (USA, 2012, HDCam, 72’)

-PRESENT TENSE di Belmin Söylemez (Turchia, 2012, DCP, 100’)

-SHELL di Scott Graham (UK, 2012, DCP, 87’)

-SMETTERE DI FUMARE FUMANDO di Gipi (Italia, 2012, HDCam, 68’)

-SU RE di Giovanni Columbu (Italia, 2012, 35mm, 87’)

-SUN DON’T SHINE di Amy Seimetz (USA, 2012, HDCam, 82’)

-TABUN MAHABUDA / THE FIRST AGGREGATE di Emyr ap Richard e Darhad Erdenibulag (Mongolia, 2012, DCP, 90’)

-TERRADOS di Demian Sabini (Spagna, 2011, DCP, 76’)

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Cinema

Video intervista a Michel Franco: “Le polemiche sul mio film non mi spaventano”

Published

on

Michel Franco, regista e produttore messicano, è stato premiato con l’Honorary Heart alla carriera in occasione della 27esima edizione del Sarajevo Film Festival, che quest’anno si è svolto in una modalità ibrida (digitale e in presenza). Il riconoscimento era stato tributato a Franco già lo scorso anno, ma il giovane cineasta sudamericano è riuscito a ritirarlo di persona solo dodici mesi dopo, a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia.

La storia di Michel Franco con il Sarajevo Film Festival è lunga e risale ai suoi esordi cinematografici, avendo scelto la kermesse serba per presentare quasi tutti i suoi lavori ed essendo stato nominato dal festival come Presidente di Giuria nel 2017.

Abbiamo discusso con Franco del suo film Nuevo Orden, vincitore del Leone d’Argento alla Mostra del Cinema di Venezia dello scorso anno. Un film che ha catalizzato forti polemiche per il modo in cui sceglie di mettere in scena la violenza e la brutalità dello scontro di classe in Messico, slegando la descrizione delle rivolte da uno specifico contesto ideologico e preferendo invece una rappresentazione più astratta e astorica.

Leggi qui -> Sarajevo Film Festival | What Do We See When We Look at the Sky? è uno dei migliori film del 2021

Polemiche che sembrano non preoccupare il regista, concentrato sul suo futuro professionale e su ciò che verrà dopo. Michel Franco sarà nuovamente in concorso a Venezia, tra qualche settimana, con il suo nuovo film Sundown, che vedrà protagonisti Tim Roth e Charlotte Gainsbourg. Di questo e molto altro abbiamo parlato nella nostra video-intervista.

Continue Reading

Cinema

Sarajevo Film Festival | Landscapes of Resistance mette in relazione memoria e storia

Published

on

Dopo essere stato presentato in competizione all’International Film Festival di Rotterdam, il documentario Landscapes of Resistance, adesso in programmazione al Sarajevo Film Festival nella sezione dedicata alle opere non-fiction, è stato acquistato dalla Grasshopper Film (da sempre attenta alle nuove produzioni indipendenti) per la distribuzione statunitense. Il film di Marta Popivoda racconta la storia di Sonja, fra le prime partigiane della Yugoslavia ed ex membro di un piccolo ma tenace gruppo di resistenza nel campo di concentramento di Auschwitz. Per oltre dieci anni, Popivoda e la nipote di Sonja, la co-sceneggiatrice del film Ana Vujanović, hanno registrato lunghe conversazioni con l’anziana donna, utilizzate poi in un documentario che combina in modo stupefacente immagini e parole per restituire suggestioni ed emozioni contrastanti. 

In Landscapes of Resistance, la macchina da presa indaga gli scenari di un passato di lotta e rivoluzione, mentre i racconti di Sonja si mescolano con quelli della stessa regista, che riflette apertamente sull’attuale ascesa dell’estrema destra e dei movimenti neofascisti in Europa, ma anche sul modo in cui i Balcani sono stati spinti ancora di più ai margini culturali ed economici dell’Europa. Popivoda collega quindi il tempo e la lotta della sua protagonista con il proprio presente, attraverso lettere e annotazioni di diario scarabocchiate sulle immagini che sfumano l’una nell’altra e si compenetrano.

Landscapes of Resistance | paesaggi di lotta

“Sono una femminista, regista queer e antifascista”, sottolinea con orgoglio Popivoda, i cui lavori da sempre si soffermano sulla relazione che passa tra memoria e storia. Come Ana chiarisce in un momento del suo nuovo film, tanti eroi iugoslavi della Seconda Guerra Mondiale sono oggi celebrati con monumenti e parate, ma tra questi ci sono pochissime donne e soprattutto nessun sopravvissuto ai campi di sterminio nazisti. Così il film di Popivoda cerca di sostituirsi alla “toponomastica ufficiale”, di dedicare un proprio tributo ad una figura chiave della resistenza iugoslava sconosciuta ai più (anche all’interno del suo stesso Paese). Sonja, in questo senso, non è un eroe monolitico e impenetrabile come quelli che vengono restituiti alla popolazione dalle celebrazioni ufficiali, ma uno a cui viene restituita la complessità del proprio genere e della propria singolare personalità.

Il direttore della fotografia Ivan Marković dimostra ancora una volta il suo talento nel conferire fascino e mistero ad oggetti e luoghi apparentemente ordinari (come già fatto in I Was at Home, but… e nel suo debutto alla regia From Tomorrow on, I Will), aiutato dal montaggio in dissolvenza incrociata a cura di una delle più talentuose montatrici serbe: Jelena Maksimović. Landscapes of Resistance è prodotto da Jasmina Sijerčić per Bocalupo Films, con Dragana Jovović e Popivoda per Theory at Work, una società di produzione con sede in Serbia e Germania.

Sarajevo Film Festival | Landscapes of Resistance mette in relazione memoria e storia
3.5 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora
Continue Reading

Cinema

Sarajevo Film Festival | The Elegy of Laurel tra Gogol e fiaba popolare

Published

on

Il film d’esordio di Dušan Kasalica, realizzato sul Durmitor, massiccio montuoso delle Alpi Dinariche, nel Montenegro settentrionale, racconta il totale smarrimento della classe media jugoslava che ha costruito la società di cui tutti erano così orgogliosi e poi ha assistito impotente alla sua distruzione. Il protagonista di The Elegy of Laurel è un professore universitario (Frano Lasić) alle prese con la fine del suo matrimonio, decisa dalla compagna e consumatasi nei vapori di una spa in cui invece sperava ingenuamente di trovare un po’ di pace.

La rottura con sua moglie (Savina Geršak) spingerà Filip nei meandri di una foresta dove si ricongiungerà con la sua defunta madre e con una ragazza-serpente in una esperienza a metà tra l’estasi mistica e l’allucinazione.

The Elegy of Laurel | lo spaesamento della classe media iugoslava

Il modello di riferimento del film è quello de La foresta di Stribor, una delle favole croate più conosciute, testo che viene ancora oggi studiato a scuola e con il quale diverse generazioni si sono dovute confrontare, proiettando in quel racconto fantastico le loro speranze e le loro preoccupazioni per il futuro. Scegliendolo come base per la propria narrazione, Dušan Kasalica allarga immediatamente il proprio orizzonte, chiarendo allo spettatore il desiderio di raccontare lo spaesamento di una intera comunità attraverso la storia di un fragile personaggio maschile spogliato di qualsiasi elemento di virilità, che subisce decisioni altrui e cerca in ogni modo di dare l’impressione di poter controllare ciò che accade nella sua vita (anche se evidentemente non è così). 

Vicino al cinema onirico e immerso nella natura dell’ultimo Abel Ferrara, anche Kasalica riprende alcune delle caratteristiche fondamentali dei racconti di Nikolaj Gogol, in cui l’elemento fantastico si integra in maniera assolutamente immediata a senza alcuna spiegazione preventiva nel realismo del racconto, in cui animali parlanti interagiscono da pari a pari con i personaggi umani. The Elegy of Laurel è una esperienza che fonde attraverso gli strumenti propri del cinema, innanzitutto sonoro e montaggio, i due piani della narrazione: quello realistico e quello fiabesco. Il racconto si fa tutt’uno con il mezzo cinematografico, come avviene nella splendida sequenza della deforestazione, in cui il rumore delle accette sui tronchi diviene la colonna sonora (all’inizio apparentemente extradiegetica) di un film che diventa solo progressivamente tale.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari