Connect with us

Non categorizzato

10 film di Hollywood ispirati ai manga giapponesi

Published

on

Possiamo ipotizzare che molti film di Hollywood si sono basati su uno specifico anime o manga giapponese nel corso degli anni. Mentre la hyper realtà delle immagini fantastiche di film come Real Steel e Sucker Punch, hanno preso in prestito la semiotica e parte del vocabolario visivo dell’ animazione giapponese, vi sono alcune pellicole che, per tutta la storyline o magari per alcune scene, hanno fatto la stessa cosa.

Qui ci sono dieci esempi di film ispirati a anime per farci pensare.

Il Re Leone (1994)

Nei primi anni novanta la rivoluzione  delle VHS era in pieno svolgimento, mentre la connessione internet era ancora alle origini – giusto un paio di anni prima che le persone iniziassero a postare sulle loro bacheche. Quindi si era particolarmente ignoranti dal punto di vista dell’ animazione internazionale – che è probabilmente l’aspetto sulla quale la Disney ha contato per la creazione del film Il Re Leone (qui il dvd e blu-ray), prendendo diversi elementi da Kimba, il leone bianco.

Creato da Osamu Tezuka come un manga negli anni cinquanta, venne trasmesso come una serie animata nella metà degli anni sessanta (inclusi gli Stati Uniti), e le somiglianze con il film d’animazione della Disney del 1994 sono davvero moltissime, come alcuni identici personaggi ed elementi della storia. Infatti, in merito a Il Re Leone, la star Matthew Broderick inizialmente era convinto che si stesse lavorando su una versione cinematografica di Kimba.

Matrix (1999)

A differenza dei registi che fanno fatica ad ammettere quali sono state le loro influenze, Lana e Andy Wachowski non hanno avuto alcun problema a dire la verità: il produttore Joel Silver, mostrandogli il cyberpunk action Ghost in the Shell del 1995,  disse: “Vogliamo farne un live-action” e così hanno fatto! I Wachowskis hanno amorevolmente preso in prestito la tecnica da Mamoru Oshii di Ghost in The Shell, ma anche la generale qualità cinematografica, legata al linguaggio degli anime. Essi hanno persino indossato i panni di ladri orgogliosi, confrontando fianco a fianco, la realizzazione delle scene! Oshii stesso si stancò di discutere il confronto, affermando che “è un film divertente, ma preferisce il loro debutto, Bound.” (Qui puoi comprare il confanetto di Matrix in blu-ray)

Van Helsing (2004)

Nel film si trova Hugh Jackman che interpreta l’omonimo cacciatore di vampiri che, originariamente, apparve solo nel Dracula di Bram Stoker, Abraham Van Helsing era un vecchio, dottore semi-pazzo. Qui, è un prigioniero muscoloso e attento che scopre di essere l’incarnazione terrena dell’angelo Gabriele. Van Helsing firmato da  Johnny Cash – ha uno stile fatto da abiti scuri – completato da un cappello, stesso stile che appare anche in Vampire Hunter D, la cacciatrice succhia sangue immortale, apparsa in decine e decine di romanzi di Hideyuki Kikuchi e due classici anime che fanno molto affidamento su disegni occidentali. Il suo concetto di “dhampir” (metà vampiro/metà umano cacciatore) è stato anche preso in prestito per il film Blade.

Avatar (2009)

                                                Influenza da La Principessa Mononoke

Quando tutto diventa di successo, le persone tendono a venire fuori dal sacco in cerca di  rivendicazioni, su ciò che a parer loro, è stato rubato da vari successi precedenti – specialmente quando si tratta di successi che non sono mai stati proiettati su tanti schermi di grandi dimensioni. Questo è il caso del film Avatar diretto da James Cameron, che è stato nel mirino di molti, prima ancora che uscisse nei cinema.

Vi erano riferimenti a Ferngully e Pocahontas, ma lo spirito che il regista voleva davvero era quello de La Principessa Mononoke di Hayao Miyazaki. È stato il primo anime ad aver guadagnato davvero ai box office di  tutto il mondo, caratterizzando molti disegni di Miyazaki, tra cui il degrado ambientale, la malevola roba viscida, e una forte eroina. Queste sono anche alcune caratteristiche del film di James Cameron, ma entrambi dispongono di un essere umano intruso in una tribù, scelto dagli elementi che ne fanno parte, che si innamora come un piccolo guerriero e infine è pronto a lottare contro gli oppressori umani che vogliono creare una miniera di metalli al di fuori del terreno.

Inception (2010)

Christopher Nolan ha riconosciuto che Satoshi Kon nel 2006 con il coloratissimo Paprika è stato una fonte di ispirazione per lui per Inception, poichè entrambe le storie comportano un dispositivo elettronico che consente ad un utente esterno di accedere e influenzare i sogni di una persona.

Naturalmente, come The Matrix, anche Inception ha avuto una miriade di influenze – da Total Recall a James Bond a Ubik di Philip K. Dick – anche se la cosa che più colpisce è quando si mettono i due film a confronto, e il migliore è Paprika, nel senso che esso veramente si compiace nei sogni come un piano mentale dove tutto il subconscio può accadere. Wolfgang Peterson (La tempesta perfetta) ha annunciato di stare lavorando su una versione live-action di Paprika poco prima che Inception uscisse al cinema, e non è difficile credere che Nolan nel film possa avere rubato qualcosa qua e là.

Il Cigno Nero (2010)

Un altro capolavoro da Satoshi Kon è stato dato nel trattamento dello psicodramma di Hollywood nel 2010, il vincitore del premio Oscar Il Cigno Nero, che ha le inquadrature specifiche e i dettagli della storia di Perfect Blue. Il regista Darren Aronofsky aveva già utilizzato diversi telai di questo film d’animazione del 1997 per delle scene con Jennifer Connelly nel film Requiem for a dream. Quando mostra il suo dramma nel balletto del Cigno durante la stagione dei premi, ha riconosciuto delle analogie –una giovane donna di  talento con una tenue consapevolezza della realtà alienata dei suoi amici e la madre prepotente che vuole farle raggiungere la fama. Tutto mentre è tormentata da un alter ego che appare di riflesso nonostante tutto questo.

Scott Pilgrim vs The World (2010)

Influenzato da Naruto

Sì, il regista Edgar Wright ha guardato al mondo dei videogiochi e delle arti marziali per il suo film Scott Pilgrim vs The World. Tuttavia, in relazione al fatto che la versione originale del libro di fumetti del creatore Bryan Lee O’Malley è stata deliberatamente scimmiottata nello stile e nella formattazione del manga giapponese, questo film ha a tutti gli effetti, elemeti anime nel suo DNA. Il film trae liberalmente spunto da vecchi giochi quali Street Fighter e Mario Bros, ma durante lo scontro finale con il cattivo Gideon Graves (Jason Schwartzman) utilizza disegni a mano tratti direttamente dal popolare manga/anime Naruto chiamato a tirar fuori la sua spada mortale digitalizzata.

Looper (2012)

Influenzata da Akira

Discutibilmente il più venerato tra gli anime di tutti i tempi, Akira del 1998 di Katsuhiro Otomo era un punto di riferimento cyberpunk che ha preso un sovraccarico sensoriale a grandi altezze. Il film Looper diretto da Rian Johnson è un intelligente sci-fi ispirato – in particolare The Terminator e narra la storia di un giovane tosto (Joseph Gordon-Levitt) che uccide le persone inviate indietro nel tempo dalla mafia e di quello che accade quando non riesce ad uccidere il suo futuro se stesso (Bruce Willis).

Oltre l’elemento del viaggio nel tempo, c’è anche un ragazzino di nome Cid la cui abilità psicocinetica lo trasformerà infine in un mostro, qualcosa che ha a che fare anche fortemente con il personaggio di Tetsuo in Akira. L’ impostazione futuristica è minore rispetto Blade Runner e Detroit è avanti di dieci anni da adesso, ma Johnson ammette liberamente di essersi ispirato non solo ad Akira, ma anche ad altri manga di Otomo, come ad esempio Domu.

Pacific Rim (2013)

Influenzato da Neon Genesis Evangelion/Mobile Suit Gundam/Patlabor/etc

Se il Giappone dovesse avere un ambasciatore della cultura pop presso le Nazioni Unite, sarebbe un gigantesco robot. Fin dagli albori di Astro Boy e Gigantor, la loro cultura è stata letteralmente stupita con grandi meraviglie meccaniche. È giusto dire Japanimation ha rilevato tantissime influenze per Guillermo del Toro nello scontro tra il mondo meccanico e i mostri epici come in Pacific Rim. Oltre alle ovvie “nazioni alleate per sconfiggere le creature gigantesche con grandi robot difensori”, la popolare serie anime Evangelion ha dei comandanti robot con un impianto di collegamenti telepatici per le loro attrezzature.

Rim ha raddoppiato questo concetto di avere due piloti telepaticamente collegati e la condivisione delle memorie, ma l’influenza c’è. Entrambi, Del Toro e lo sceneggiatore Travis Beacham, hanno negato la visione di Evangelion, ma hanno citato Gigantor (originariamente Tetsujin 28-go) o Mobile Police Patlabor.

Her (2013)

                                                              Influenzato da Chobits

Il film Her di Spike Jonze e l’ anime Chobits sono entrambi su dei personaggi antisociali che si innamorano di un essere artificiale. Sebbene entrambi si vantino di questa idea centrale – e nonostante il grido appassionato dei fan degli anime – è veramente difficile passare alle differenze fondamentali, come in Chobits con un’intelligenza artificiale femminile chiamata Chi che ha un corpo con cui “interagire” con il suo uomo Hideki, mentre Samantha in Her è una voce disincarnata (Scarlett Johansson) con cui Theodore Twombly (Joaquin Phoenix) può condividere tutti i suoi desideri più interni al fine di simulare la vera intimità.

Infine, sia Chi e sia Samantha diventano esseri trascendenti, ma la differenza sta dal punto di vista estetico ed emotivo che è difficile da dire nell’idea del lavoro di Jonze.

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non categorizzato

Linkem & GF 2021

Published

on

In occasione della nuova partnership con il Grande Fratello VIP 2021, Linkem ha lanciato un concorso a premi dal 27 settembre 2021 al 15 dicembre 2021. Si chiama “Vinci il GF VIP con Linkem” ed è aperto a clienti e non.

Per partecipare, gli utenti dovranno completare la procedura di registrazione sull’apposita landing page al seguente link, compilando i campi indicati e se saranno i fortunati vincitori dell’estrazione finale potranno vincere:

·      n. 1 TV 4k 82” UHD

·      n. 5 tablet Galaxy Tab S7+5g

·      n. 12 Box brandizzate Linkem e GF VIP contenenti: una t-shirt, una tazza e un quaderno

Altre iniziative Linkem + GF Vip 2021

Mercoledì 27 ottobre Linkem ha fatto atterrare nella casa del GF Vip un drone con un messaggio misterioso per uno dei concorrenti, senza però conoscere né il mittente né il destinatario di questo messaggio e lasciando così i concorrenti nella curiosità più totale. Abbiamo scoperto i protagonisti del misterioso messaggio solo durante la live del venerdì successivo in prime time, quando la figlioccia di Jo Squillo, Michelle Masullo, è entrata nella casa a sorpresa regalando forti emozioni al pubblico e alla cantante milanese. Guardate la clip sul sito: https://www.linkem.com/gf-vip.

In puntata abbiamo potuto assistere alle spettacolari riprese dall’alto effettuate dal drone, trasmesse sul tablet del pilota con definizione Ultra HD. Linkem è un’azienda leader nel settore della costruzione e gestione di reti wireless a banda ultra-larga da oltre dieci anni e incoraggia lo sviluppo di servizi innovativi 5G in tutto il Paese. I clienti possono contare su una rete veloce ed efficiente, sia per strumenti di lavoro sia per le varie soluzioni di intrattenimento online.

Come le reti FWA, le reti 5G sono basate su tecnologie miste fibra – radio per abilitare in modalità wireless connessioni ad altissima velocità e con bassissima latenza in grado di supportare lo sviluppo dell’Internet of Things (IoT), ovvero la connessione in rete di migliaia di oggetti intelligenti.

Linkem ha già attivato in centinaia di comuni la sua nuova e velocissima rete 5G. Con l’offerta dedicata 5G Maxi Promo 20 Anni l’utente può fruire di una connessione internet ultraveloce fino a 1 Gigabit senza linea fissa e senza limiti di traffico a soli 19,90€ al mese per i primi 6 mesi anziché 26,90€ al mese. E con l’opzione voce Parla&Naviga può usufruire di chiamate illimitate da casa verso mobili e fissi nazionali con tecnologia VoIP senza nessun costo aggiuntivo.


<img src="https://upstory.it/img/upstory_sponsored_light.png"
    width="151" height="18" style="width: 151px; height: 18px;">
Continue Reading

Non categorizzato

Venezia 78: Il Paradiso del Pavone, una famiglia sconnessa

Published

on

Il Paradiso del Pavone nasce da una collaborazione Italia-Germania ed è stato presentato al 78° Festival di Venezia nella sezione Orizzonti. Diretto da Laura Bispuri e scritto dalla stessa in collaborazione con Silvana Tamma.

Il Paradiso del Pavone: la sinossi

Un giorno d’inverno Nena riunisce la propria famiglia allargata per festeggiare il compleanno tutti insieme, compreso il pavone di Alma, l’unica bimba del gruppo, figlia di Adelina e Vito.

Rinchiusi in questa casa, saranno da una parte complici dall’altra spettatori, di una sequela di altarini che verranno a galla e di dinamiche talvolta scomode, che li porteranno sul finale a una resa dei conti necessaria alla pace interiore. 

Il Paradiso del Pavone: parenti serpenti

Decentrato da quello che vorrebbe provare ad essere, questo film è scandito da un tempismo non totalmente errato, ma piuttosto confusionario a livello di scrittura. Tra intrecci improbabili, personaggi che appaiono e nessuno si chiede perché rimangano senza motivazione e dialoghi talvolta poco sensati, si struttura una narrazione indecisa e spesso anticlimatica.

Poco intrigante anche a livello interpretativo, con una Alba Rohrwacher sottotono e personaggi sconnessi, il film vive di scene disegnate su atteggiamenti deliranti figli di caratteri che contrastano perfino col loro stessi.

Ad un certo punto pare di essere spettatori di un gruppo di deliri che vengono snocciolati senza collante narrativo. Interessante è la raffigurazione della figura femminile che viene rappresentata attraverso molteplici e differenti personalità.

Lo stesso si può affermare per il ruolo di madre, anche qui proposto tramite diversi modi di agire, sensibilità e comportamenti. La femminilità è potente e manifestata con fluidità, delineando un quadro chiaro di ciò che le scelte comportano giuste o sbagliate, nel bene o nel male.

La famiglia dovrebbe di certo essere un punto saldo del racconto, attorno al quale costruire una ramificazione di conseguenze imbastite di problematiche e riflessioni sociali.

Questo almeno è quello che ci si aspetta, ma purtroppo viene trasposto in maniera così superficiale e provvisoria che non rimane impressa. Moralismi, discussioni, questioni economiche, incomprensioni e tensioni di coppia, questi alcuni degli elementi che fuoriescono da una pellicola che possiede ben poco amore ed emotività.

E’ un peccato quando si ha del potenziale e lo si sfrutta in maniera ostile, allontanando anziché catturare.

Riesce bene nel seminare citazioni e frasi da cioccolatino, che però stridono con ciò che nel concreto viene messo in scena. Sequenze interminabili ed inutili sul finale, mirerebbero a creare complicità ed empatizzare, finendo invece per annoiare e diluire anche quel poco di contenuto che possiedono.

Continue Reading

Cinema

Harry Potter | un magico tour virtuale da Londra per i fan italiani della saga

Published

on

Per tutti i fan della magica saga di Harry Potter il 3 aprile c’è un evento da non perdere! Quando il coronavirus costringe milioni e milioni di persone a restare in casa, per evitare di peggiore ancora di più la situazione pandemica, c’è la tecnologia ad accorciare le distanze. Nel caso specifico, il merito è di Marco, un ragazzo come tanti altri, che ha saputo trovare un ponte tra chi vorrebbe vedere dei luoghi in Inghilterra e non può farlo per varie ragioni.

Grazie al sito  https://www.wondersoflondon.com/ ha creato una community composta da persone interessate alle mostre e alle iniziative culturali presenti a Londra e non solo. Grazie a una pagina Facebook collegata al sito sopra citato, Marco o meglio Valerio come viene chiamato in Inghilterra, realizza anche molte visite guidate assolutamente gratis in lingua inglese.

A tal proposito, il prossimo fine settimana ci sarà un tour speciale tra i luoghi del maghetto con la cicatrice a forma di saetta, più famoso del cinema. Di seguito vi lasciamo tutti i riferimenti per poter prendere parte a questa visita guidata restando comodamente seduti sul divano di casa.

Quali sono i link per vedere la diretta?

Questa iniziativa diventata virale nel giro di poche ore, sarà qualcosa di unico nel suo genere, soprattutto per chi ama il mondo di Harry Potter, creato dalla penna di J.K. Rowling. Di seguito troverete tutti i contatti e i link, per vedere il tour che si terrà in diretta dal centro di Londra sabato prossimo 3 Aprile alle ore 16 italiane.
Questo è il link dell’evento Facebook: facebook.com/events/271665931336020/

Il tour è una versione in diretta video del nostro tour a piedi che puoi trovare qui: https://www.wondersoflondon.com/it/tour/harry-potter-londra-tour-gratuito/

E sarà eseguito dalla nostra guida Debora: https://www.wondersoflondon.com/it/personnel/debora/

Leggi anche: Animali fantastici: I crimini di Grindelwald, tutti i collegamenti con Harry Potter

Leggi anche: J.K. Rowling svela cinque curiosità su Harry Potter e i Doni della Morte

Come si svolgerà l’evento dedicato a Harry Potter?

Il costo del biglietto è di £4.99 e la registrazione avviene direttamente sull’evento Facebook, dove poi la diretta avverrà e sarà visibile in automatico solo a chi si è registrato.
Il tour durerà un’ora circa ed utilizziamo iPhone con connessione 5g illimitata, gimbal e microfono antivento.

L’itinerario prevede la partenza da Parliament Square e si finisce a Leicester Square, e cammineremo attraverso alcune delle location di Londra che hanno ispirato o fatto da sfondo alla meravigliosa saga mostrando luoghi come Diagon Alley e il Ministero della Magia, oltre a scoprire tante curiosità su Harry Potter.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari