Connettiti a NewsCinema!

CineComics

Vi ricordate queste 15 grandi star nei film dei supereroi?

Pubblicato

:

Ormai ad Hollywood c’è la gara per far parte di un film di supereroi, sia per la notorietà che segue sia per il guadagno assicurato. Tuttavia non è sempre così, infatti alcune grandi star del piccolo e grande schermo, nonostante abbiano fatto alcuni piccoli ruoli in alcuni film tratti dai fumetti, non hanno lasciato un’impronta con la loro presenza. Vediamo insieme di chi si tratta.

1. Ellen Pompeo – Daredevil

_1459882078
La protagonista Ellen Pompeo di Grey’s Anatomy ha interpretato un ruolo in Daredevil della Fox con Ben Affleck nei panni del supereroe privo della vista. L’attrice era Karen Page, l’ aspirante interesse sentimentale dell’eroe che gli ha rubato il cuore. Ma la storia d’amore tra Murdock e l’assassina di Jennifer GarnerElektra Natchios, semplicemente non era destinata ad andare avanti.

2. Joe Manganiello – Spider-Man

_1459882005
Joe Manganiello, meglio conosciuto come il lupo mannaro di True Blood della HBO o come spogliarellista del franchise Magic Mike, era presente nel film Spider-Man di Sam Raimi. Interpretava il ruolo di Flash Thompson: il bullo che minaccia Peter Parker, per diventare poi uno zimbello nelle mani del nuovo Peter durante la prima rissa nel corridoio del primo film.

3. Patton Oswalt – Blade: Trinity

_1459882048
Patton Oswalt ha solo un altro libro di fumetti accreditato a suo nome. Ha fatto Hedges, il cacciatore di vampiri insieme al Nightstalkers di Ryan Reynolds in Blade: Trinity. Anche se la sfortuna di Oswalt è stata quella di essere stato gettato in un film così poco brillante è venuto fuori che avesse dato molti consigli a Wesley Snipes per il suo personaggio in Blade.

4. Elizabeth Banks – Spider-Man

_1459881885
Sembra che Sam Raimi abbia occhio per il talento. Infatti come ha scoperto Joe Manganiello per un ruolo nella sua trilogia di Spider-Man, ha anche trovato un posto per Elizabeth Banks nello stesso film, per il ruolo della famosa assistente amministrativa del Daily Bugle, Betty Brant. La Banks nei panni della Brant è stata più che altro usata come  una presenza fastidiosa per J. Jonah Jameson – J.K. Simmons.

5. Angela Bassett – Lanterna Verde

_1459881911
Una delle migliori decisioni dell’ adattamento del 2011 Lanterna Verde è stato scegliere Angela Bassett come Amanda Waller. Anche se sarebbe più probabile vederla in Justice League o in Suicide Squad.

6. Norman Reedus – Blade II

_1459882097
Prima del mitico Daryl di The Walking Dead, Norman Reedus stava cacciando i vampiri al posto degli zombie. Guillermo del Toro ha coinvolto l’attore allora sconosciuto per il ruolo di Scud, il produttore di armi/ fan delle Superchicche che poi si rivela appartenente alla famiglia reale di vampiri.

7. Tim Robbins – Lanterna Verde

_1459882213
Tim Robbins era il senatore Robert Hammond, padre del malvagio Hector di Peter Sarsgaard, in Lanterna Verde. Proprio come Angela Bassett prima di lui, Robbins è uno di quegli attori che avremmo voluto vedere nella corrente DC Universe, con il suo senatore Hammond magari alleato di Holly Hunter in Batman V Superman: Dawn of Justice.

8. Martin Sheen – Spawn

_1459882234
Un altro attore di tutto rispetto che ha interpretato un importante ruolo da cattivo in un film dei fumetti, è Martin Sheen, nel classico Spawn del 1997. Ma, a differenza delle altre star in questo elenco, l’interpretazione di Sheen come Jason Wynn non è stata così essenziale, ma la colpa è imputabile più agli scrittori, che hanno introdotto nel film la vita di Jason Wynn occupato in operazioni segrete come agente e trafficante d’armi.

9. Jon Cryer – Superman IV: The Quest For Peace

_1459881931
Prima di aver condiviso parte della sua carriera con Charlie Sheen e Ashton Kutcher per oltre 12 stagioni di Due uomini e mezzo, Jon Cryer era un membro di quella fetta di società che sta al di fuori nel 1980, conosciuta come “Brat Pack”. Tale associazione non solo lo ha visto protagonista nel film di John Hughes Pretty In Pink, ma ha fatto in modo che venisse scelto nel film di Superman. Ma, come ogni buon fan di franchising, la fine può avvenire in qualsiasi momento, trasformando una cosa sicura in un vero disastro. Cryer purtroppo, faceva parte di uno dei duds più infami di sempre, nel ruolo di Lenny Luthor – ottuso nipote di Lex – in Superman IV: The Quest For Peace. Tutto quello che abbiamo da dire su questa scelta piuttosto interessante è che il senso della moda di Lenny è a dir poco sconsigliato come il resto dei passi falsi presenti nel film, e Cryer, ovviamente, ne fa parte.

10. Christopher Lee – Captain America 2: Death Too Soon

_1459881987
Anche un attore come Christopher Lee ha preso parte in un film incredibilmente al di sotto del suo talento. Essendo ancora incasellato come una B-star del cinema nel 1970 ha partecipato ad alcuni film di bassa qualità, uno di questi è Capitan America 2: Death Too Soon. Ma proprio come ha fatto con tutti i ruoli che ha interpretato, Lee ha vestito i panni del generale Miguel con la stessa intensità e il rispetto che ha dato ai suoi altri ruoli di un certo livello. Questa non può essere considerata una performance memorabile, ma per lo meno si tratta di un’ulteriore prova che Lee poteva elevare qualsiasi progetto di cui faceva parte.

11. Drew Barrymore – Batman Forever

_1459882414
Quando Joel Schumacher ha preso l’impegno di occuparsi del franchise di Batman, il pubblico avrebbe dovuto capire che per quel film c’erano tutti i segnali di una luce color inferno. Anche se, ad essere onesti, Batman Forever non era affatto vicino al livello di abominio che sarebbe appartenuto poi a Batman e Robin. Drew Barrymore ha interpretato Sugar – una delle amiche di Due Facce, che avrebbe soddisfatto ogni suo bisogno.

12. Kerry Washington – Fantastic Four

_1459882282
Kerry Washington è meglio conosciuta per essere la star di Scandal dell’ABC. Ma circa un decennio prima stava interpretando il ruolo di Alicia in Fantastici Quattro della Fox. Un’ artista cieca diventata l’interesse amoroso di Ben Grimm, dopo la sua trasformazione in La cosa, dopo che era stato lasciato e abbandonato dalla sua fidanzata precedente.

13. Ian McKellen – The Shadow

_1459882024
Mentre Alec Baldwin vestiva i panni di Lamont Cranston/Shadow, il film è anche riuscito ad ottenere l’interpretazione di Ian McKellen come lo scienziato atomico Dr. Reinhardt Lane, padre della ragazza di Cranston. Il coinvolgimento di McKellen è un appassionato ricordo di come l’ attore di formazione classica abbia sempre avuto un posto nel pantheon contemporaneo.

14. Catherine Zeta-Jones – The Phantom

_1459882303
Poco prima de La maschera di Zorro di Martin Campbell, Catherine Zeta-Jones ha partecipato ad un altro progetto importante, con il ruolo di Sala in The Phantom. Un altro film a fumetti che è stato fatto prima che il genere prendesse il volo, con la Zeta-Jones nei panni dell’antagonista (ed eventuale alleata) di Billy Zane, il “fantasma che cammina”. È interessante notare che l’oscurità di questo ruolo non sembra averle impedito di essere legata al sequel proposto per il 2008.

15. Kevin Smith – Daredevil

_1459882254

Difficile trovare un fan dei fumetti di Hollywood più grande di Kevin Smith. Qualcuno lo ricorderà nel ruolo del medico legale di nome Jack Kirby in Daredevil della Fox. Con la consapevolezza che il suo aspetto non è niente di più che un cameo, Smith prende il suo posto accanto a Stan Lee e Frank Miller come lo scrittore di fumetti che ha fatto la comparsa proprio nel fumetto che ha scritto.

Fonte: CinemaBlend

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

CineComics

Spider-Man: Far From Home è il film Marvel più vicino alla concezione del cinema Pixar

Pubblicato

:

Spider-Man: Far From Home, seguito dell’apprezzato primo film stand-alone dell’uomo ragno di Tom Holland, è forse il film del Marvel Cinematic Universe che più assomiglia, nei toni e nelle tematiche trattate, ad un film Pixar. Molto si deve alla scelta del villain, il Mysterio interpretato da Jake Gyllenhaal: un nemico che non sfigurerebbe in un film de Gli Incredibili, che utilizza l’inganno, l’illusione e la messa in scena (in poche parole: il cinema) per ottenere il potere sul suo pubblico di sudditi-spettatori. È grazie alla sua presenza se il secondo film diretto da Jon Watts, proprio come un’opera Pixar, ha la capacità di riflettere sull’industria del cinema di oggi, di avere una componente di “auto-analisi” (da sempre presente nei film Pixar, che hanno spesso al centro delle proprie storie l’audiovisivo, attraverso il quale i personaggi scoprono le cose o risolvono dei misteri) molto più marcata rispetto a qualsiasi altro film dell’universo cinematografico di casa Marvel.

Come già per Homecoming, anche questo secondo episodio segue i classici paradigmi da “teen movie” americano (i primi amori, le amicizie, i professori, i compagni di classe odiosi). Sorprendentemente, è proprio quando maneggia la materia “teen” che Spider-Man: Far From Home si rivela vincente, grazie anche alla sceneggiatura di Chris McKenna ed Eric Sommers. Non c’è una battuta fuori posto o una tempistica sbagliata nelle interazioni fra i giovani protagonisti di un film che si rivela in grado di arrivare alla risata in maniere sempre diverse (la brutta presentazione animata iniziale è un piccolo gioiello di comicità). È invece proprio sulla metà “supereroistica”, quella che richiederebbe un certo pathos ed una certa abilità nel comunicare il peso delle scelte che si compiono, che il cine-comic di Jon Watts comincia a scricchiolare.

Nonostante i grandi passi in avanti fatti sul piano dell’azione rispetto ad Homecoming, il suo seguito manca di quella inventiva che è invece lo standard delle produzioni Marvel che, soprattutto in Infinity War e in Endgame, hanno codificato l’importanza di far muovere i propri personaggi sullo schermo in un certo modo (nelle grandi battaglie, sono i loro gesti a determinare il loro peso nel gruppo). I drammi e i grandi dubbi che dovrebbero assillare Peter Parker sono brevemente espressi attraverso fugaci passaggi di sceneggiatura e mai davvero resi su schermo (il suo legame con Tony Stark è velocemente sintetizzato in alcune scene, che sembrano comunque non essere sufficienti a trasmettere la portata di quella perdita). Se quindi il pretesto della vacanza europea è perfetto per mettere in scena le dinamiche adolescenziali del film, non lo è altrettanto per rendere credibile lo scontro che anima il film. E se il villain Mysterio permette a Jon Watts di lavorare su concetti semplici (l’illusione, la “società dello spettacolo”) in maniera sempre sofisticata, declinandoli in modi sempre più complessi, mai diretti, ma lavorando sulle immagini (come, di nuovo, avviene in un film Pixar), le sue motivazioni non sono abbastanza solide per giustificarne le azioni. 

Il grande pregio e il grande difetto di Spider-Man: Far From Home coincidono. L’uomo ragno di Jon Watts salva il mondo, ma mentre lo fa sta in realtà pensando a come tornare nel più breve tempo possibile dalla sua MJ, a come giustificare un’ennesima, lunga, assenza ai suoi professori. E con lui, anche lo spettatore. È questa la testimonianza migliore di quanto il film lavori bene sulla componente “teen”, scherzando e creando un vero clima da gita scolastica, tralasciando forse eccessivamente quella supereroistica, affidata quasi completamente al carisma del suo villain.  

Spider-Man: Far From Home è il film Marvel più vicino alla concezione del cinema Pixar
3.8 Punteggio
Pro
Grande alchimia fra gli attori, villain in grado di aprire il film a nuovi meccanismi
Contro
Manca il pathos
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continua a leggere

CineComics

Spider-man: disponibile la saga completa nel boxset firmato Universal

Pubblicato

:

gb fan di spiderman muore a 4 anni disney nega la lapide con il supereroe tgcom

Se essere Far From Home in questi giorni è ancora un miraggio e l’idea di uscire al caldo vi spaventa, quale idea migliore per passare delle fresche serate casalinghe insieme al proprio condizionatore e all’amichevole Spiderman di quartiere?

Si appresta al debutto il nuovissimo Spiderman: Far From Home, gioiellino Marvel e ultimo film a chiudere ufficialmente la fase 3 dell’Universo dei fumetti al cinema. Essere pronti sarà fondamentale per sconfiggere i cattivi, e per prepararsi al meglio sarà necessario recuperare tutti i film dell’Uomo Ragno in formato Dvd e Blu-ray (clicca qui per comprarlo), con tantissimi contenuti speciali! Dall’iconica trilogia di Sam Raimi con l’indimenticabile Tobey Maguire, passando per i due The Amazing Spider-man con Andrew Garfield, fino all’ultimo Spiderman: Homecoming del ragno più famoso di casa Marvel con il giovane e promettente Tom Holland. Se non volete perdervi nemmeno un minuto di questa incredibile storia in tutte le sue interpretazioni, questi pezzi saranno imprescindibili nella vostra collezione!

Ma non finisce qui: per celebrare le nuove uscite estive, Universal Pictures Home Entertainment Italia ha lanciato un’iniziativa davvero speciale in sinergia con il cinema! A fronte dell’acquisto di uno dei cofanetti da collezione delle tre saghe che saranno protagoniste dell’estate: Spiderman, Men in Black e Fast & Furious; all’interno del boxset troverete un biglietto cinema valido tutto l’anno per qualsiasi film in programmazione! Dopo Spider-man, si prosegue il 10 luglio con il boxset in Dvd e Blu-ray dedicato alle avventure degli iconici Men in Black, in arrivo il 25 luglio nelle sale italiane. Anche qui la collection prevede tutti e 3 i film della franchise simbolo degli anni 2000, con una nuova elegante veste grafica e numerosi contenuti speciali da godersi insieme e con gli amici.

Ultimo boxset in uscita è l’imperdibile collection di Fast & Furious contenente tutti e 8 i film della saga dedicata alle auto da corsa e all’azione più spericolata, disponibile sempre dal 10 luglio in Dvd e Blu-ray per rivivere le avventure di Vin Diesel e compagni ed arrivare pronti in sala per Hobbs & Shaw l’8 agosto.

All’interno di ogni franchise collection estiva in regalo un biglietto cinema per vivere i grandi film dell’estate e renderla ancora più indimenticabile: il biglietto sarà valido per tutti i film in programmazione per tutto l’anno. Sulla confezione sarà indicato con uno sticker la presenza del buono cinema, insieme alle istruzioni per ottenerlo: basterà inserire il codice all’interno su www.cinemauniversal.it per ottenere subito il premio!

Continua a leggere

CineComics

Marvel Stories: L’Armatura – Il Martello – Lo Scudo, il saggio di Giuseppe Benincasa

Pubblicato

:

marvel

Finalmente disponibile in versione cartacea il saggio Marvel Stories: L’Armatura – Il Martello – Lo Scudo di Giuseppe Benincasa, già autore della guida non ufficiale completa agli Easter Egg di Ready Player One, dal titolo I Predatori degli easter egg di Ready Player One – il film. Il saggio è già al primo posto dei bestsellers di Amazon! Il saggio Marvel Stories: L’Armatura – Il Martello – Lo Scudo è un viaggio alla scoperta del genere e della definizione di cinecomic, attraverso l’analisi dei tre supereroi cardine dei primi 11 anni del Marvel Cinematic Universe. Le trilogie di Iron Man, Thor e Captain America sono analizzate e approfondite, al fine di evidenziare psicologie ed emotività, collegate alle scelte di sceneggiatura e di regia, che vanno oltre la semplice dicitura di “genere cinecomic”.

L’autore è Giuseppe Benincasa, nato a Palermo nel 1977 ha iniziato a scrivere di cinema durante gli anni del liceo, dove curava anche il giornale della scuola.
Appassionato da sempre di fumetti e cinema, ha successivamente co-fondato il sito di informazione cinematografica e televisiva Widemovie.it, ha lavorato alla promozione social di film per le maggiori case di distribuzione cinematografiche (Disney, Warner Bros., Universal Pictures, etc etc), è entrato a far parte della redazione del sito LaScimmiaPensa.com e di quella del sito Mondo FOX. Giuseppe è da qualche anno membro della giuria dell’International Online Web Fest, dove visiona cortometraggi e web series provenienti da tutto il globo.

Potete trovare la versione KINDLE al seguente link: https://amzn.to/2Wv5fxK
Potete trovare la versione CARTACEA al seguente link: https://amzn.to/2WtU2xn

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Ottobre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Novembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X