Connect with us

Published

on

Tiziano Ferro ripercorre i suoi primi 40 anni, raccontando di come sia riuscito a mettersi alle spalle il vizio dell’alcol e le difficoltà di fare coming out nell’industria musicale italiana. Ferro, il docufilm disponibile in streaming su Amazon Prime Video, è un autoritratto intimo e sofferto.

Ferro | docufilm tra bullismo, alcolismo e sessualità

È chiaro fin da subito che Ferro non vuole avere ambizioni cinematografiche, ma porsi come un progetto in continuo aggiornamento (non a caso sulla piattaforma streaming il film è indicato come prima puntata di una ipotetica stagione) e in costante dialogo con il proprio pubblico. Sviluppandosi come una confessione fatta alla soglia dei quarant’anni, il documentario affronta tre frasi cruciali della vita del cantante: il bullismo subito da adolescente, quando era un ragazzino timido e sovrappeso; le pressioni subite dall’industria discografica, prima quelle per modificare il suo aspetto fisico e poi quelle per nascondere la sua omosessualità; infine la depressione e l’alcolismo dopo i trenta. 

Gli ingredienti del film sono gli stessi delle canzoni (e del successo) di Ferro: la fiducia nel sorriso, l’esplicitazione della propria fragilità, la lezione dell’altruismo. 

Elegia americana

Girato tra Milano e Los Angeles, dove Tiziano Ferro vive da ormai qualche anno assieme al marito Victor (con cui si è sposato nell’estate 2019), il documentario trova forse il suo vero motivo di interesse nella descrizione degli Stati Uniti come luogo di “salvezza” e di rinascita. La repressione della propria omosessualità viene superata attraverso un confronto con alcune studentesse americane che studiano l’italiano con i testi delle sue canzoni. La vergogna e lo stigma dell’alcolismo vengono man mano scalzate dall’impegno nelle comunità di recupero a Los Angeles. Gli Stati Uniti per Tiziano Ferro rappresentano la fuga dalla notorietà, quindi la possibilità di recuperare una dimensione più famigliare e personale. Quel Paese che in molti sognano come antidoto alla ordinarietà di tutti i giorni, descritto spesso con caratteri eccessivi, diventa invece nel docufilm una casa ideale per sentirsi al sicuro, protetti.

amazon prime video tiziano ferro 1

Sono come voi

Ciò che sta davvero a cuore a Tiziano Ferro è quello di mostrarsi simile ai suoi fan, fare in modo che il suo pubblico possa immedesimarsi nelle sue debolezze e nei suoi inciampi. Tutta la più recente carriera del cantante ha sempre cercato di dire questo: “Sono sempre uno di noi”. Per riuscire in questo obiettivo, è cruciale riflettere un’immagine di umiltà, di imperfezione, spingere sul tasto del “perdono” dei propri errori (in questo senso è parecchio enfatizzato l’aneddoto di quell’ormai celebre esibizione di Almeno tu nell’universo a Sanremo, in cui l’emozione giocò a Ferro qualche brutto scherzo). A questo stesso scopo servono i video inediti del matrimonio a Los Angeles e della relativa festa con amici e famiglia a Latina. Ed è proprio per queste ragioni che, forse, è possibile giustificare la mancanza di ambizione cinematografica.

Giornalista cinematografico. Fondatore del blog Stranger Than Cinema e conduttore di “HOBO - A wandering podcast about cinema”.

Recensioni

I Tre Moschettieri – D’Artagnan: la recensione in anteprima | Il capolavoro di Dumas (ri)prende forma

Published

on

i tre moschettieri d'artagnan

Una scena con i protagonisti de I Tre Moschettieri – D’artagnan

I Tre Moschettieri - D'Artagnan: quando il meglio del cinema e della letteratura francese si incontrano | Recensione


4.3
Punteggio

Regia

Sceneggiatura

Cast

Colonna Sonora

Dal 6 aprile 2023 al cinema, distribuito da Notorius Pictures, I Tre Moschettieri – D’Artagnan è il nuovo adattamento del capolavoro firmato da Alexandre Dumas. A indossare le divise degli intrepidi protagonisti, Vincent Cassel, François Civil, Romain Duris e Pio Marmaï.

Martin Bourboulon ne firma la regia, elegante e maestosa, dalla quale si resta affascinati e totalmente conquistati. Passando da rocambolesche scene di duelli e inseguimenti a cavallo, a momenti velati di un particolare romanticismo, I Tre Moschettieri – D’Artagnan regala uno spettacolo a 360 gradi.

i tre moschettieri d'artagnan

François Civil in azione nei panni di D’Artagnan

Di adattamenti del romanzo di Dumas ne sono stati fatti vari, tra piccolo e grande schermo, ma questo risulta, senza alcun dubbio, uno dei più riusciti. Il meglio della letteratura e del cinema francese sembrano incontrarsi e fondersi per dare luce a una vera e propria opera d’arte.

Consapevoli e forti delle potenzialità del progetto, gli ideatori lo hanno pensato come un dittico. Ciascuna delle due parti è dedicata a un personaggio: la prima al D’Artagnan di François Civil, il secondo alla Milady di Eva Green. In tal modo, viene a crearsi una certa aspettativa e si delinea la particolare identità all’interno del genere di appartenenza.

Una curiosità che riguarda I Tre Moschettieri è la presentazione di un nuovo personaggio, di nome Hannibal. Basato sulla vera storia di Louis Anniaba, il primo moschettiere di colore della storia francese, è interpretato da Ralph Amoussou. In contemporanea con l’usicta del film, arrivano in libreria il romanzo e il manga editi da Gallucci.

I Tre Moschettieri – D’Artagnan | La trama del film

Una notte piovosa, Charles D’Artagnan (Civil) giunge infine a Parigi, dopo essere partito dalla Guascogna per seguire il suo sogno: diventare un moschettiere del re. Mentre è dentro la stalla, intento a sistemare il cavallo, sente delle grida e degli spari nella piazza alle sue spalle.

i tre moschettieri d'artagnan

Louis Garrel interpreta Luigi XIII ne I Tre Moschettieri – D’Artagnan

Accorso in aiuto della donna nella carrozza, viene colpito da un proiettile e, creduto morto, seppellito nel bosco. Una volta riemerso dalla terra, decide di scoprire cosa si nasconde dietro l’agguato, finendo per imbattersi in qualcosa di molto più grande di lui.

Il fortuito (ma poco amichevole) incontro con i cosiddetti “tre moschettieri” – Athos (Cassel), Porthos (Marmaï) e Aramis (Duris) – lo porterà a un passo dalla verità e, soprattutto, dal suo obiettivo. Nel corso delle avventure, non mancherà nemmeno il colpo di fulmine per la bella Constance (Lyna Khoudri).

Dalla pagina scritta al grande schermo, il capolavoro di Dumas rivive al cinema

I Tre Moschettieri – D’Artagnan riprende tutte le suggestioni dell’opera letterararia su cui si basa e le rende, sul grande schermo, in maniera impeccabile. Senza soluzioni troppo elaborate o artificiose, la narrazione procede fluida, con un ritmo crescente e una coerenza di fondo, seguendo le tappe affrontate dai protagonisti.

La fotografia sa donare la giusta atmosfera, ben supportata dai colori e dalle luci delle location. Si viene completamente avvolti e avvinti a livello visivo, ben prima che le vicende abbiano inizio. Dopodiché, l’universo creato da Dumas prende forma e vita dinanzi agli occhi dello spettatore, e le emozioni non si fermano più.

i tre moschettieri d'artagnan

François Civil e Lyna Khoudri ne I Tre Moschettieri – D’Artagnan

Il lavoro del casting è a dir poco superbo: ciascuno degli attori carpisce l’anima del suo personaggio, andando a incarnarne gli aspetti più intimi, umani, sinceri. È così che il quadro presentato appare ricco e facile da apprezzare, rispettando la tridimensionalità delle figure provenienti dalla pagina scritta.

Continue Reading

Recensioni

Pantafa: la recensione | Quando l’horror è catartico

Published

on

pantafa

Il poster doi Pantafa

Pantafa: quando l'horror è catartico | La recensione


3.8
Punteggio

Regia

Sceneggiatura

Cast

Colonna Sonora

In sala da giovedì 30 marzo 2023, distribuito da Fandango, Pantafa è uno dei migliori horror del panorama italiano. Protagonisti della pellicola, diretta da Emanuele Scaringi, troviamo un’eccezionale Kasia Smutniak e la giovanissima Greta Santi.

Pescando nelle leggende popolari del nostro paese, Emanuele Scaringi confeziona un’opera degna del genere a cui appartiene, capace di lasciare col fiato sospeso e con la paura del buio. Il cineasta torna dietro la macchina da presa, a distanza di qualche anno dal suo debutto – La profezia dell’armadillo – e supera le aspettative.

Pantafa

Kasia Smutniak e Greta Santi in una scena di Pantafa

Pantafa è un film suggestivo e avvolgente, alla cui ottima riuscita contribuiscono i più svariati elementi, a partire dall’utilizzo degli effetti sonori e visivi, sino ad arrivare alla caratterizzazione delle figure in scena.

Il rapporto tra madre e figlia è, sicuramente, al centro della storia, dentro la quale convergono tutta una serie di questioni legate alla crescita, alla sensazione di inadeguatezza, al desiderio di libertà, alle tradizioni e al modo in cui esse possano riflettere la realtà.

Ne viene fuori un gran bel progetto, che più raro non si potrebbe, all’interno del panorama italiano, considerandone sia la fattura sia le potenzialità dietro la realizzazione, sfruttate al massimo ma senza eccessi.

Pantafa | La trama del nuovo horror italiano distribuito da Fandango

Marta (Kasia Smutniak) è una donna di spirito, bella, coraggiosa e determinata ad aiutare la sua bambina, Nina (Greta Santi), che soffre di paralisi ipnagogiche. Non avendo altri legami affettivi, oltre a quello con la figlia, Marta decide di trasferirsi in un piccolo paese di montagna, dal nome suggestivo: Malanotte.

pantafa

Kasia Smutniak in una scena di Pantafa

Qui conosce alcuni personaggi, come il tuttofare Andrea (Marco Sgueglia) o un tipo a cui piace atteggiarsi a cowboy (Francesco Colella). Ma di bambini neanche l’ombra… Nina si trova così a trascorrere parte del suo tempo con l’anziana Orsa (Betti Pedrazzi), che le racconta la storia della Pantafa.

Quando gli incubi della ragazzina cominciano a riproporsi, ancora più intensi e pesanti di prima, Marta cercherà in ogni modo di risolvere la situazione.

Chi è la Pantafa?

Ma da dove ha origine questa leggenda? Chi è la Pantafa? Queste sono, forse, le prime domande che il pubblico si pone, imbattendosi nel titolo del film. Stando a quanto si narra, si tratterebbe di una creatura sovrannaturale, che siede sul petto delle sue vittime e ruba loro il respiro.

Ovviamente, la leggenda affonda le radici nelle paure della gente, in quella parte oscura di cui nessuno è privo, ma che riguarda in particolar modo le donne, le madri. Attraverso simili creazioni, la mente tenta di affrontare i dubbi, l’orrore, una sofferenza che non sembra avere cause razionali.

La potenza, l’importanza e la grandezza di un’opera come Pantafa, si rivelano a un livello altro, diverso rispetto al puro e semplice intrattenimento. La rappresentazione di qualcosa che si muove dentro l’essere umano, nelle profondità di un’anima divisa, in crisi, trova nel cinema – e nell’arte in generale – un terreno fertile. La simbologia, invece, tra il genere horror e lo stato d’animo in cui versa la protagonista, permette di avvicinarsi, comprendere e identificarsi, senza paura di subire giudizi.

Continue Reading

Recensioni

Dungeons & Dragons: L’Onore dei Ladri | una action comedy divertente come una serata tra amici

Published

on

Dungeons & Dragons: L’Onore dei Ladri | una action comedy divertente come una serata tra amici


3.6
Punteggio

Regia

Sceneggiatura

Cast

Colonna Sonora

Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves

Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves

Il nuovo film dedicato al gioco da tavolo Dungeons & Dragons torna alla vera essenza di quel fenomeno, ovvero la dimensione goliardica e festosa di una serata tra amici, e allo stesso tempo riesce a dire qualcosa di molto serio sul tentativo del cinema americano di creare universi paralleli in cui rifugiarsi per evadere da quello reale.

Dungeons & Dragons: L’Onore dei Ladri è uno di quei film anni ’80 in cui l’umorismo conta più dell’azione. Uno di quelli in cui i personaggi principali sembrano uscire da situazioni difficili e rischiose sempre attraverso la soluzione più ridicola e non quella più coraggiosa o eccitante.

Una scena di Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves (fonte: IMDB)

Una scena di Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves (fonte: IMDB)

Non deve sorprendere, considerando i precedenti lavori di Jonathan Goldstein e John Francis Daley, già registi di Game Night e sceneggiatori di Spider-man: Homecoming e Piovono Polpette 2: autori dalla scrittura ironica e precisa, specializzati in action comedy che qui, al primo film con un budget davvero sostanzioso, non tradiscono le aspettative e consegnano un film che torna alla vera essenza del gioco da cui trae ispirazione.

La chiave di tutto è comprendere che il mondo di Dungeons & Dragons è decisamente più rilevante della storia che si svolge al suo interno. D&D ha avuto successo perché i suoi giocatori erano interessati al viaggio e non tanto al risultato finale delle loro peripezie. È un sistema di gioco che le persone hanno amato per decenni, anche senza il bisogno di una tavola o del monitor di un computer davanti: è innanzitutto un passatempo tra amici, un pretesto per condividere qualche ora di scemenze gloriose ed esilaranti. Ed è esattamente quello che fa L’Onore dei Ladri.

Chris Pine è in forma smagliante nei panni del bardo-avventuriero Edgin Darvis, leader di un clan di irresistibili ladri. Al suo fianco c’è Holga (Michelle Rodriguez), una barbara dalla grande tenacia e determinazione. Li incontriamo già imprigionati dopo un fallito tentativo di rapina. Non sono cattivi, di per sé, comunque il viaggio che li attende li condurrà a mettere in discussione la propria etica.

Dungeons & Dragons | tra avventura e commedia

Lungo la strada, si alleano con uno stregone (Justice Smith) e un druido (Sophia Lillis, che ruberà probabilmente il cuore di ogni appassionato giocatore), e sul loro percorso incontreranno vari nemici, maghi, paladini, guerrieri non morti, draghi obesi, bestie improbabili, illithid, impostori e lurker.

Una scena di Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves (fonte: IMDB)

Una scena di Dungeons & Dragons: Honor Among Thieves (fonte: IMDB)

Uno dei tocchi brillanti in sceneggiatura è quello che costringe questa variamente assortita combriccola a divagare dall’obiettivo principale per impelagarsi in tantissime missioni secondarie sempre più bizzarre. L’obiettivo principale è quello di salvare la figlia di Edgin, Kira (Chloe Coleman), imprigionata nella torre del castello.

Ma, per farlo, avranno bisogno di un oggetto magico, che è nascosto in un caveau, ma per entrare nel caveau avranno bisogno di un elmo incantato, ma per ottenere l’elmo dovranno ingegnarsi con un po’ di negromanzia, ma per farlo… e così all’infinito.

In questo modo, Dungeons & Dragons: L’Onore dei Ladri trova la sua dimensione ideale: quella di un enorme gioco cinematografico che invita il pubblico a passare due ore di spensieratezza con lui, accettando, proprio come avviene in una sessione del gioco di ruolo, le imprecisioni, le ingenuità, le soluzioni grossolane, le scelte non propriamente razionali che si prendono solo per provare ad alzare ancora di più l’asticella del divertimento.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari