Connettiti a NewsCinema!

Interviste

Manetti Bros. interview

Pubblicato

:

Schermata-09-2455833-alle-00.30.54

To celebrate their new film, “The Wang coming”, presented at the 68 Venice Film Festival, in the section “Italian reverse shot” (Controcampo Italiano), we met the two Roman directors Marco and Antonio Manetti, who told us about their creature in all his aspects, from special effect to the pessimistic vein that the film wants to stage. They talked also about scoop and revelations for their future works.

 

1) Within the Italian cinema none deals with the science fiction, but in fact, it is always considered a secondary genre, so the question is: how do you have the idea to do a film just like that? Don’t you believe that it’s a bit risky for Italians?

MARCO MANETTI: It’s a story that comes our mind and then….we staged it.

ANTONIO MANETTI: We haven’t got great fear when we play a film. We know that Italian industry and audience are particular and they don’t accept this kind of things, but if the audience accepts this kind of genre, also the industry will open to it. There’s the fear that when a product like that is played abroad, it’s a good product, while an Italian one will be third-rate. Obviously dealing with the special effect abroad, the technique is better, but that’s the last of our problems, and as Marco said, when we thought about this science fiction story we staged it. The only thing is that we looking for the money for the production. We found our proper financing because nobody will understand our script.

2) How you convinced Rai Cinema, that is reluctant to produce independent films, to participate to your project?

MARCO MANETTI : listen, in reality we aren’t competent on the argument: we had yet other collaboration with Rai Cinema, but in this case, they just put their name and partially financing at the end. What can I say is that the most important thing for us, is to send a message to those people who do an independent cinema just like us. In Italy it’s possible in two ways: you can choose to do the cinema, in the Italian way and consequently, you pass your life snorting or you can go on, with your idea, as we always do, and you can arrive at the partial help of Rai Cinema. Rai Cinema, after the vision of the film accept to collaborate with us, while, only reading the script they said that this kind of film wasn’t for Italians. So they don’t collaborate to the movie, just they write their name at the beginning of the film and the audience say “ Gosh Rai Cinema!”…..

ANTONIO MANETTI: No, it’s a completely independent film: it was financing by three independent investors, and Rai Cinema had just bought a little part of television rights.

MARCO MANETTI: It’s a true independent film, that writing means just it! They put their money just at the end, and this show how much skepticism there is. I agree with you, I think that the audience hasn’t any distrust for this genre of film, the main problem is that nobody in the last 30 years has made a film just like that, so since I don’t seen one of it, how can I say that the audience is skeptic?

ANTONIO MANETTI: I think as the distributor, that the audience gets out of the habit of watching this kind of films and when these films go out, audience hesitate to see it. I make two examples, do you remember “Under the dress, nothing” (“Sotto il vestito niente”) and Pupi Avati who did an horror film? Both were absolutely unsuccessful, so as you can see, also at the higher level with important production, the good results aren’t certain. Beauty is not synonym of takings.

MARCO MANETTI : I think that the independents is a distinctive point, both positive or negative, but if you ask for money to the Ministry for Cultural Heritage, it’s there that your project couldn’t be considered independent at all.

3) Special effects aren’t the flagship of Italian cinema, do you have important problems when you realize the film? In Italy are there any specialized workers, for the special effects that are at the same level of the foreigners one?

MARCO MANETTI: In Italy there are lots of special effects maker. We worked with Palantir Digital that is composed by two partner, especially Simone Silvestri, that is the coordinator of the special effects: he’s a very good technician but for the 2D technology is a composer. So we looked for some Italian 3D effects maker: we understood that there were lots of Italian special effects maker but that they didn’t work in Italy. So with Palatir Digital we looking for Italian workers and we created a motley team, composed by technician arrived from all over the world but that were all Italian. In particular we contacted Maurizio Memoli Avatar creator: when he finished it, he decided to come back home and work with us.

ANTONIO MANETTI: I believe that the Palantir work was perfect but I also believe that without us the film would be completely different: it wouldn’t be as good as now. Often we looked for the truth because we wanted to avoid the great effect, too much unrealistic, as the American films do.

MARCO MANETTI: the special effects makers love the false, because they want to show their work but we were good directors because we avoid that they exaggerated.

ANTONIO MANETTI : to create Wang was an hard work, and surely Gollum is better than Wang, but Wang is better than Joda.

4) Talking about Wang, how was it created? Is it completely created at the computer or do you use costumes?

MARCO MANETTI : it’s all digital! The 3D process is easy to explain, it’s just as the creation of a puppet: the blow mold through a digital reticule, give a structure to the character. Than arrive the rigger, who gives mobility to the character. Than the texture that put the skin on the alien. At the end there’s the most important part: the true star of the film, a kid Davide Maugeri, who is the animator of the puppet who gives the movement to it. He was helped by two other technicians that conceive Wang, and ended the works of creation of the main character.

ANTONIO MANETTI: We have to finish the film very fast in order to present it at Venice Film Festival, otherwise we were working still to the special effects.

5) Do you get inspired by some science fiction film in particular for “ Wang coming”? Because in a scene it seems clear a remake of “War of the worlds” by Steven Spielberg.

MARCO MANETTI: The one who walk on in that particular scene was me! Maybe it was unconscious reference to that film! It’s against our will but the inspiration come from here.

ANTONIO MANETTI: Maybe there’s something from “War of the worlds”also in the Wang way of walks that was modified while we played the movie.

6) What is the meaning that you would like to transmit? It seems strange how two human beings could be more different than Wang and the main girl character, Is it a social pessimistic critic?

MARCO MANETTI: Very good this is the meaning of the film, that we would like to transmit. The starting idea is that there are always prejudicial dogmas that damage all the other human relations. Hypothesize that the secret agent (Fantastichini) was right when he considered Wang a danger, while the interpreter (Cuttica) got wrong when she believed that he was in good faith: the only thing that she wanted to do was to create a dialogue with Wang. So at the end we think about the fact that: if the two had collaborated, thinking about at a common good, the earth will be safe and the end of the film will be different.

ANTONIO MANETTI: we can see it from the everyday life, especially in politics: from a starting prejudice all the dialogue disappear, since arrive to catastrophic results.

MARCO MANETTI : when you see the party political broadcast you notice that the politics speak one on the other, and each one attachs each other, without listening.

ANTONIO MANETTI: the alien is useful to give evidence of the impossible communication between the two characters.

MARCO MANETTI: we like Boris Sollazzo’s comment, for our film. He interpreted in this way: he is the typical right side ignorant man who understand the people, she is the typical left side girl who’s got right ideals but who’s too radical chic to understand the people. But the most important part of the critic was that on Wang: he’s just like Marchionne who rips off both.

7) We are talking about it for half hour but the question is: Can we watch your film in theater? Maybe pulled by the participation to the Venice Film Festival?

MARCO MANETTI : We’ve got a distribution but sincerely I don’t know if it will be distributed in a good or in a wrong way. To invest in Italian cinema it’s the biggest challenge.

ANTONIO MANETTI: Look, the challenge to propose a science fiction film, to create special effects, and even to participate to the Venice Film Festival had been an huge enterprise. But to make it WELL in the theater it is more difficult. (MARCO MANETTI: it was easier that a Roman actress played in Chinese). We have chosen a little production house who is growing up, the biggest distribution wouldn’t believe in us.

8) In conclusion, have you some future project? We saw you in your next film with the main character Peppe Servillo, how is the post-production?

MARCO MANETTI : This is a real horror film, that we played while we were realizing Wang special effects. It was like Zemeckis when made Cast Away, he had to wait one year in order to permit to Tom Hanks to loose weight and during that year he made “What lies beneath” , just to make an example…and this was the first reason. The second reason is that the horror is the only genre that attract a widen audience and biggest distributor.

ANTONIO MANETTI: we tried to do a commercial film, for this time: it is always a particular film but is addressed to the widen audience.

MARCO MANETTI : We believe that we can do what the other directors don’t do. We aren’t more intelligent, better or more able than the other directors but what I can affirm is that we surely are the more stubborn and what we wanted to do, it is making deeper than the others. It’s for this reason that we stoop to compromises, choosing an horror film: if it can help the cause, it’s better, but always with our style.

(Traduzione di Silvia Mariani)

Foto di Letizia RogolinoMatteo Mignani

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Le Mans ’66, James Mangold parla del suo nuovo film a Roma

Pubblicato

:

le mans 66

Il regista James Mangold (Walk The Line, Logan – The Wolverine) ha presentato  a Roma il suo ultimo film Le Mans ’66, ambientato nel mondo delle corse automobilistiche al tempo della spietata concorrenza tra Ford e Ferrari, e ispirato alla vera storia dell’amicizia tra Carroll Shelby e Ken Miles, rispettivamente interpretati dai due formidabili attori Matt Damon e Christian Bale. Alla presenza della stampa, e insieme a Remo Girone (che nel film interpreta Enzo Ferrari) il regista Mangold ha spiegato com’è nato questo film e cos’è per lui il cinema.

Signor Mangold, le volevo chiedere se è vero che da un grande storyteller (narratore di storie) derivano grandi responsabilità? 

J. Mangold: in verità io non so se sono un grande storyteller, ma di sicuro so di prendermi le mie responsabilità facendo film. La cosa più semplice che mi viene da dire è che in effetti spesso i film che vediamo possono essere noiosi o non appassionanti, e quindi dal momento che io amo fare film, se avessi mai davvero pensato di far annoiare le persone o di “addormentarle” lascerei proprio perdere il mestiere di regista.

Signor Girone, che indicazioni ha ricevuto sul set da James Mangold?

R. Girone: James Mangold è un grande direttore di attori e io credo che mi abbia insegnato molte cose. Lui ha un occhio molto attento e si accorge subito se un attore dà l’impressione di recitare e se lavora solo in favore della macchina da presa senza essere veramente calato nel personaggio. 

Leggi anche: 5 film di Matt Damon da rivedere

D: Questo film è una metafora del filmmaking moderno, o della società moderna? Le corporation da un lato e dall’altro il talento e l’arte?

Certamente io mi rivedo molto in Shelby e Miles e in tutto questo ambiente anche se per il cinema non è esattamente la stessa cosa. Da una parte è pur vero che per fare film devi avere soldi, idee, sponsor, e devi convincere le persone della realtà dei tuoi sogni. Lo sforzo, in generale, che dobbiamo fare tutti in questo mondo per realizzare le nostre idee è quello di convincere, e quindi se la domanda è sì o no, la mia risposta è sì! Poi c’è anche da dire che lo sport negli anni in cui è ambientato il film era senz’altro un qualcosa di più puro, innocente, adesso invece è molto più simile a una corporazione, una questione di profitti e interessi, ed è un sistema che è molto peggiorato negli anni. Anche nel cinema senza dubbio devi trovare un equilibrio tra arte e commercio, ma è il motivo anche per cui amo fare film, ed è sempre una scelta quella di entrare nell’arena o meno.

ford v ferrari 758x426

D: Com’è stato lavorare con due superstar come Matt Damon e Christian Bale?

J. Mangold: Come sa anche Remo, Matt e Christian sono due attori davvero “facili”, nel senso che hanno la testa sulle spalle e amano il loro mestiere, amano recitare. E non si considerano delle grandi superstar ma quando sono sul set si considerano semplicemente degli attori al lavoro, e poi io non sono molto paziente con chi non approccia il mestiere di attore in questo modo. In questo film ci sono davvero tanti grandi attori e in ogni caso io sul set mi sento sempre un po’ il papà di tutti loro e non posso spendere tutto il mio tempo solo con due attori, ho bisogno che ci sia un team e che collabori. Matt e Christian sono esattamente così, sono generosi, sempre disponibili con i loro colleghi. Io li conosco entrambi da oltre vent’anni e quindi mi è sembrato davvero come se stessi girando un film con degli amici.

D: Remo, in questo film Enzo Ferrari è visto un po’ come l’uomo da battere. Com’è stato interpretare questo personaggio che per il nostro Paese ha rappresentato davvero tanti successi?

R. Girone: É stato davvero bello interpretare Enzo perché si tratta di un personaggio conosciuto universalmente oltre che di un uomo di fondamentale importanza per la storia italiana. Sul set tutte le macchine sono a grandezza naturale, ricostruite, ed erano tutte portate da un team di tecnici che non mi conoscevano come attore, ma quando hanno visto che io ero quello che faceva Ferrari hanno tutti voluto fare una foto con me. 

D: Quanto è stato importante la ricerca di materiale per il film?

J. Mangold: Beh in un film come questo si tratta di uno sforzo monumentale di ricerca. Avevamo un intero team di persone a fare ricerche perché bisognava raccogliere davvero tante informazioni. Non solo libri e lettere ma anche documentari da visionare, materiale d’archivio, e c’erano davvero tante registrazioni interessanti di eventi, foto, film. Abbiamo visionato tutto e devo dire che per quanto mi riguarda gli elementi più intimi dei personaggi sono sempre quelli che mi interessano di più. E c’è un aneddoto relativo a una scena e al rapporto con Miles e suo figlio Peter: la scena in cui sta tramontando il sole e loro sono all’aeroporto e Miles descrive il suo punto di vista, la sua filosofia in merito alle corse e a tutto quel mondo. Ecco, quel dialogo è stato diciamo tratto da un’intervista radiofonica di Ken Miles che noi abbiamo poi inserito nella sceneggiatura. In quel dialogo è spiegato bene quello che Miles concepiva come una sorta di “matrimonio” che deve instaurarsi tra il pilota e la macchina da corsa, in maniera da capire nei minimi dettagli e nelle sfumature fin dove una macchina può spingersi o meno, guidando con la consapevolezza di quei limiti. 

le mans 66 excl e1559543540526

R. Girone: Oggi per un attore è anche un po’ più facile reperire informazioni perché grazie a internet si possono trovare tante cose. Io per esempio ho visto le interviste di Enzo Biagi a Ferrari, i video degli amici e dei collaboratori che parlano di lui. Documentarsi oggi come attore è senz’altro più a portata di mano e ti permette di accedere a tanti dettagli ed elementi che magari prima era davvero difficile avere. 

D: Quanto conta il lavoro estetico e di fotografia in questo film?

J. Mangold: Io e il mio direttore della fotografia Phedon Papamichael abbiamo un rapporto davvero stretto. Ci conosciamo da tanto tempo e la cosa che più ci unisce è il fatto che quando siamo su un set entrambi cerchiamo l’interiorità dei personaggi, la loro vita intima e più profonda. Io vedo il mio lavoro in maniera molto semplice e questo da un lato mi aiuta anche a realizzare film più complessi.  D’altronde, secondo me l’effetto più speciale che si può ottenere in un film è quello di riuscire a fotografare il volto umano e carpirne i pensieri, i sentimenti, percepirne le emozioni. Il mio obiettivo ultimo è quello di fare film che poi la gente ricorda. E infatti i film che io amo di più non sono quelli più costosi o spettacolari ma quelli che riescono a farmi sentire qualcosa, suscitarmi qualche emozione. E in fondo la cosa che accomuna me e Phedon è il fatto che siamo sulla stesa linea d’onda, entrambi cerchiamo nell’immagine quel pensiero umano capace di catturare e restituire l’emozione in un film.  

Continua a leggere

Cinema

Maleficent 2: Signora del Male, Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer a Roma (conferenza stampa)

Pubblicato

:

jolie 1

Maleficent 2 (In uscita il 17 ottobre prossimo). Un mondo di fiaba tra creature magiche, principesse e regine. Ma anche un mondo fatto di donne dolci, forti e volitive, pronte a lottare per il proprio posto nel mondo. Pre-apertura della sezione  – dedicata ai ragazzi – Alice nella città della Festa del Cinema di Roma edizione 2019, è stato presentato alla stampa Maleficent 2: Signora del Male. Presenti alla Conferenza stampa le due bellissime attrici coprotagoniste Angelina Jolie (nei panni dark di Malefica) e Michelle Pfeiffer (nei panni della regina Ingrith).

Nel film ci sono dei personaggi complessi, stratificati. Cosa è stato, davvero, ad appassionarvi di questa storia?

Jolie: La cosa interessante di questo film è la rappresentazione della forza nelle sue varie forme. Ci sono donne forti, ma anche uomini forti, ed è stato interessante vedere l’interrelazione esistente tra tutti questi elementi.

M. Pfeiffer: Credo che Angie abbia detto bene. Nel film noi siamo  – Aurora (interpretata da Elle Fanning), Malefica, e Ingrith – tutte donne  molto forti anche se in maniera estremamente diversa, e credo che di fatto sia questa la parte più interessante del film.

Nel film si parla di maternità, vissuta diversamente dalle due protagoniste. Cosa ne pensate e cosa pensate in generale del concetto di famiglia?

Jolie: Il personaggio di Malefica diventa madre in un modo del tutto particolare, e probabilmente lei stessa pensava che non sarebbe mai diventata madre, ovvero un po’ quello che è successo anche a me. Da giovane pensavo che non sarei mai stata abbastanza “brava” da poter essere una madre, anche se mia madre diceva che proprio il fatto di dubitare mi avrebbe reso una brava madre. Eppure, in fondo Malefica crede di essere la persona giusta per Aurora e si impegna molto nel suo ruolo, impara a suo modo a essere madre. E in quella sorta di lotta con sé stessa lei diventa più sicura del suo ruolo, e in qualche modo è proprio la maternità a salvarla, a darle equilibrio, dal momento che di suo Malefica non è proprio un personaggio così stabile o equilibrato.

Sono sicura che la famiglia non sia solo quella rappresentata dai legami di sangue, e credo di essere stata molto fortunata ad avere la famiglia che ho sempre voluto, con tanti figli, e da ognuno di loro ho imparato qualcosa. Per questo motivo, per il fatto di condividere l’esperienza di una maternità “diversa”, il personaggio di Malefica mi sta molto a cuore, tocca delle corde legate a un’esperienza che in fondo ci accomuna.

M. Pfeiffer: Spesso si sente fare dalle persone domande come: è il tuo vero figlio? Sei la sua vera madre? – E penso che queste domande siano davvero fuori luogo, e che fondamentalmente le persone le facciano per superficialità, ignoranza. Io ho cercato di interpretare il mio ruolo di madre nella maniera più naturale, e innocente possibile.

Di solito un attore/un’attrice si cimenta con personaggi tratti dalla realtà. In questo caso invece siamo in una dimensione prettamente di favola. Quali sono le difficoltà nell’interpretare ruoli come questi?

Jolie: A essere onesti è davvero divertente. Senz’altro voi penserete che vestirmi da grande uccello nero con le ali non sia stata proprio la mia felicità, ma in realtà è stato molto divertente. Interpretare un ruolo così ti dà una libertà estrema che non hai con altri ruoli. Hai le ali, le corna e di fatto sei mentalmente proiettato in un mondo parallelo. A volte come attore devi interpretare ruoli davvero seri e devi cercare di ricreare fedelmente un personaggio, ma in film come questi noi attori giochiamo anche molto e invitiamo il pubblico a giocare con noi. 

M.Pfeiffer: Di base l’approccio è esattamente lo stesso a quello di un personaggio reale, ovvero si cerca di rintracciarne l’umanità. Ovviamente si tratta un po’ di una sfida quando devi interpretare una fata con le ali, ma penso che allo stesso tempo sia più divertente perché puoi sottrarti a molte regole. Nel film io interpreto un’umana quindi non c’è stato tutto il divertimento che si sperimenta a interpretare un essere magico, però sono anche piuttosto maligna e cattiva e quindi per me il divertimento  e la sfida sono stati tutti nel rendere il mio personaggio multi cromatico, con varie sfaccettature. Il fatto di essere cattiva, di spaventare le persone e di rappresentare una minaccia per Malefica sono stati tutti elementi di estremo divertimento. 

maleficent 2

Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer a Roma

M. Pfeiffer, come si fa a invecchiare con tanta grazia?

M. Pfeiffer: Beh ainvecchiare con grazia non so in realtà come si faccia. Si cerca di fare del proprio meglio considerando che c’è molta pressione in particolare sulle donne e sul loro processo d’invecchiamento. Credo che ognuna di noi faccia del proprio meglio e credo sia davvero la risposta più saggia che io possa darti. 

Nel film c’è un invito all’inclusione e alla diversità. Quanto è importante oggi questo tipo di messaggio?

Jolie: Si tratta di un messaggio estremamente importante perché oggigiorno i ragazzi delle nuove generazioni sono sempre più interconnessi tra loro. Eppure, nonostante siamo così connessi e vicini, assistiamo a una crescente ondata di odio, indipendenza, divisioni, tanto è vero che anche la politica riesce a ottenere appoggio cavalcando queste visioni. Si tratta di un processo destabilizzante e dettato perlopiù dall’ignoranza, però è anche vero che questo tipo di idee non potranno mai vincere perché il mondo è in realtà un posto bello e pieno di diversità, multiculturalità. E tutti noi in fondo sappiamo che possiamo solo restare uniti e accettare le diversità se vogliamo un mondo migliore per i nostri figli. 

Nel film ci sono dolo due scene in cui siete entrambe sullo schermo. Vi sarebbe piaciuto fare qualche scena in più insieme?

Jolie:  Sì assolutamente, mi sarebbe piaciuto perché ci siamo divertite davvero tanto insieme. Però è anche vero che è stato divertente sapere che stavamo andando una incontro all’altra. Magari però nel prossimo film…

Le protagoniste sono tre donne.  Secondo voi è vero che negli ultimi anni le donne al cinema stanno conquistando maggiori ruoli da protagoniste?

Jolie: No, in realtà non credo. Anche sei anni fa eravamo due donne. Il fatto è che in questo film anche il cattivo, ovvero l’antagonista, è una donna. Credo che in questo film però sia importante anche vedere il rapporto che le donne hanno con gli uomini, e quanto apprendono da loro, quanto si affidino all’idea di costruire dei legami, una famiglia.

D’altro canto è pur vero che c’è in atto una discussione sulle donne e su come dovrebbero essere, magari più forti, o combattive. Per esempio, per il film abbiamo discusso molto sul ruolo di Aurora. Ci siamo domandati se infine avesse dovuto prendere la spada e combattere, ma poi abbiamo creduto che fosse giusto lasciare che Aurora restasse dolce e mite, perché la forza di Aurora è proprio nella sua dolcezza. E infine abbiamo pensato come sia sempre giusto lasciare a ogni donna il proprio ruolo, lasciare che segua la propria indole, lasciare che resti così com’è.   

Continua a leggere

Cinema

X-Men: Dark Phoenix, intervista a Michael Fassbender e Nicholas Hoult

Pubblicato

:

x men dark phoenix quando spoiler non problema v4 42931

X-Men: Dark Phoenix (puoi leggere qui la nostra recensione) l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel, arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20thCentury Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain. In occasione dell’uscita nelle sale cinematografiche italiane a partire da domani, potete scoprire di più su alcuni dei personaggi principali del film sui mutanti.

Nella prima intervista l’attore Michael Fassbender parlerà del suo ruolo nei panni di Magneto.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

La seconda intervista riguarda l’attore Nicholas Hoult nel ruolo della Bestia.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro. Ed infine la terza intervista vede come protagonista proprio Jean Grey, la Dark Phoenix, interpretata da Sophie Turner, reduce dal successo de Il Trono di Spade.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Novembre, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Dicembre

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X