Connect with us

News

Netflix e Shondaland, ecco quali saranno le prime serie TV dell’accoppiata

Published

on

Netflix, il più grande servizio di intrattenimento via internet del mondo, e Shondaland, annunciano la prima selezione di serie tv che verranno realizzate da Shonda Rhimes, Betsy Beers e il loro team, che debutteranno in esclusiva su Netflix.

Shondaland e Netflix le dichiarazioni

Volevo che la nuova Shondaland fosse un luogo in cui dare vita ad un numero sempre maggiore delle storie che amiamo raccontare, dove i miei colleghi dallo straordinario talento creativo potessero lavorare al meglio e realizzare così i loro lavori migliori e dove tutti noi, come team, potessimo ogni giorno arrivare in ufficio carichi di entusiasmo. Ted Sarandos (Netflix Chief Content Officer) e Cindy Holland (Netflix VP Original Content) e tutte le persone di Netflix con cui stiamo lavorando sono dei partner incredibili per realizzare un progetto come questo. Questa è Shondaland 2.0.”, ha commentato Shonda Rhimes.

Betsy Beers ha aggiunto: “Dall’ età della Reggenza in Inghilterra alla Manhattan dei giorni nostri, noi di Shondaland abbiamo la fantastica opportunità di esplorare nuovi mondi e raccontare queste storie in modi diversi. Siamo molto fortunate a lavorare con un gruppo così stimolante di talenti, incluso il nostro incredibile team creativo di Netflix. Non potrei essere più emozionata!”

A sua volta, Cindy Holland, VP Netflix Original Content, ha commentato: “È emozionante iniziare questa avventura insieme a Shonda, Betsy e i loro team e vederli abbracciare la libertà creativa offerta da Netflix. Grazie alla sensibilità di Shonda, questi progetti che realizzeremo con Shondaland promettono di diventare qualcosa di veramente speciale che i nostri spettatori di tutto il momento adoreranno”.

 

Shondaland e Netflix insieme

Shondaland e Netflix i progetti
(tutti i titoli sono ancora provvisori):

 

  • Progetto Shonda Thimes (senza titolo): basata sull’articolo del New York Magazine “Come Anna Delvey ha ingannato i festaioli di New York”, la serie racconterà il caso della falsa ereditiera che, con grande astuzia e tramite un complicato sistema fondato sull’ostentazione di una ricchezza inesistente, è riuscita ad ingannare i newyorkesi. Manhattan è il posto dove fare nuove amicizie, ma lei è l’incarnazione del sogno americano oppure è la più grande truffatrice di New York?

Shonda Rhimes sarà la creatrice della serie.

  • Progetto Bridgerton (senza titolo): basato sui romanzi best-seller di Julia Quinn, questa storia d’amore dal sapore femminista ambientata in Inghilterra, durante l’età della Reggenza, svelerà le vite scintillanti, ricche, sensuali, dolorose, divertenti e a volte solitarie delle donne e degli uomini nel mercato matrimoniale dell’alta società londinese attraverso gli occhi della potente famiglia Bridgerton.

Chris Van Dusen (Scandal) sarà il produttore esecutivo e showrunner della serie.

  • The Warmth of Other Suns: basata sul romanzo omonimo del premio Pulitzer Isabel Wilkerson, questa serie rivoluzionaria racconta la migrazione lunga decenni degli afroamericani in fuga dal sud governato da Jim Crow, alla ricerca di una vita migliore nel nord e nell’ovest degli Stati Uniti tra il 1916 ed il 1970.

L’adattamento di The Warmth of Other Suns sarà curato dalla drammaturga pluripremiata (National Humanities Medal recipient, MacArthir Genius Grant recipient e vincitrice due volte del Drama Desk playwright) Anna Deavere Smith.

  • Pico & Sepulveda: ambientato negli anni ’40 dell’Ottocento, sullo sfondo surreale e sensuale dell’allora stato messicano della California, Pico & Sepulveda racconta la fine di un’era idilliaca, mentre le forze americane minacciavano violenza e guerra al confine per tentare di impadronirsi di questa terra.

L’autrice vincitrice dell’Emmy Janet Leahy creerà la serie.

  • Reset: My Fight for Inclusion and Lasting Change: Netflix e Shondaland hanno acquistato i diritti della straordinaria autobiografia di Ellen Pao, che racconta la sua vita e la carriera, inclusa la causa legale che ha intentato contro il proprio datore di lavoro, la quale ha scatenato una forte attenzione mediatica e ha sconvolto la maschilista Silicon Valley ed anticipato il movimento Time’s Up

  • The Residence: Netflix e Shondaland hanno acquistato i diritti del libro di Andersen Brower, The Residence: Inside the Private World of the White House, che offre un’accurata analisi della Casa Bianca dal suo interno, attraverso gli occhi di uno degli impiegati della residenza.

  • Sunshine Scouts: in questa commedia dall’humor nero con episodi di mezz’ora, un disastro apocalittico risparmia un gruppo di ragazze rimaste in un campo estivo, le quali dovranno tirare fuori il coraggio e utilizzare tutte le loro abilità per sopravvivere e per assicurarsi che ciò che rimane dell’umanità si adegui alle leggi di Sunshine Scout.

L’attrice e scrittrice Jill Alexander sarà creatrice della serie.

  • Hot Chocolate Nutcracker: questo documentario ci porterà dietro le quinte della premiata Debbie Allen Dance Academy, che ricrea in una nuova veste il balletto classico dello Schiaccianoci. Questa versione contemporanea, con ballerini di tutte le età e di tutti gli stili, ha consolidato la fama di Debbie Allen come una delle figure più importanti per la danza.

Olive Bokelberg (DP/Director Scandal) sarà regista e produttore.

Cinema

House of Gucci: ecco il primo trailer del film con Lady Gaga

Published

on

Inossidabile, l’83enne Ridley Scott, che presenterà al Festival di Venezia The Last Duel con Matt Damon e Ben Affleck, sta terminando anche il film che racconta la storia dell’omicidio di Maurizio Gucci orchestrato dalla sua ex moglie Patrizia Reggiani. Questo è il primo trailer ufficiale di House of Gucci, che arriverà in sala a dicembre con Eagle Pictures.

House of Gucci | il trailer del film

L’atteso nuovo film di Ridley Scott che vede Lady Gaga nei panni della Reggiani e Adam Driver in quelli di Gucci, e che conta anche nel cast nomi di rilievo come quelli di Jared Leto, Jeremy Irons, Jack Huston, Reeve Carney, Madalina Ghenea, Salma Hayek e Al Pacino. Il film di Scott è basato su un romanzo della giornalista di moda Sara Gay Forden, “La saga dei Gucci. Una storia avvincente di creatività, fascino, successo, follia”, edito in Italia da Ipoc, che è stato adattato da Roberto Bentivegna. 

House of Gucci debutterà nelle sale italiane il 16 dicembre 2021 con Eagle Pictures. Di seguito il primo trailer ufficiale.

Continue Reading

Cinema

Cannes 74 | tutti i vincitori del Festival (e la gaffe di Spike Lee)

Published

on

Con un colpo di scena che ricorda molto gli Oscar di qualche anno fa, il presidente della giuria del Festival di Cannes Spike Lee ha annunciato stasera, molto prima del dovuto, il vincitore della Palma d’Oro: Titane di Julia Ducournau. Potete vedere l’esilarante scena qui sotto:

Cannes 74 | tutti i vincitori

Ecco tutti i vincitori annunciati durante la serata:

  • Palme d’Or: “Titane”
  • Grand Prix: “Ghagareman” di Asghar Farhadi e “Hytti N. 6” di Juho Kuosmanen
  • Premio della giuria: “Ahed’s Knee” e “Memoria”
  • Migliore attrice: Renate Reinsve, “The Worst Person in the World”
  • Miglior attore: Caleb Landry Jones, “Nitram”
  • Miglior regista: Leos Carax, “Annette”
  • Miglior sceneggiatura: Ryusuke Hamaguchi, “Drive My Car”
  • Camera d’Or: “Murina” by Antoneta Alamat Kusijanović
  • Short Film Palme d’Or: Tian Xia Wu Ya by Tang Yi
  • Special Jury Mention for Short Film: “Ceu de Agosto” by Jasmin Tenucci
Continue Reading

Cinema

Addio a Libero De Rienzo | l’attore napoletano stroncato da un infarto

Published

on

Il cinema italiano oggi piange uno degli attori più divertenti e irriverenti degli ultimi anni. L’attore napoletano Libero De Rienzo è stato trovato morto all’età di 44 anni a causa di un infarto. Una notizia che ha lasciato sotto shock i fan e i colleghi, che appena hanno saputo la notizia, hanno iniziato a ricordarlo con post e parole colme di affetto.

Libero De Rienzo: tanta comicità ma non solo

L’attore di origini napoletane ma romano di adozione viveva nel quartiere Aurelio di Roma e a quanto pare, un amico è stato il primo a trovare il corpo senza vita di De Rienzo, stroncato da un infarto. Sposato da tempo con la costumista Marcella Mosca era diventato padre di due figli rispettivamente di 6 e di 2 anni che ora dovranno convivere con questa grave perdita.

Negli ultimi anni è stato co-protagonista di commedie di grande successo di critica e di box office, proprio per la sua comicità e il suo inconfondibile timbro. Tra i maggiori successi, è doveroso ricordare l’esordio con Santa Maradona (2002) con il quale vinse il David di Donatello e la trilogia di Smetto quando voglio del regista Sidney Sibillia, nella quale interpreta il ruolo iconico dell’economista Bartolomeo (clicca per vedere una delle scene di Libero). Tra i tanti ruoli comici, merita una menzione speciale, il film del 2006 Fortapàsc del regista Marco Risi nel quale interpreta il giornalista napoletano ucciso per mano della camorra, Giancarlo Siani.

Divertente il film La casa di famiglia del 2017 di Augusto Fornari con Lino Guanciale, Matilde Gioli e Stefano Fresi, nel quale interpreta il ruolo dell’impiegato di banca Giacinto, unico fiore all’occhiello della famiglia e che si troverà a essere complice della vendita della casa di famiglia, dando per scontato l’imminente dipartita del padre, che inaspettatamente non avviene.

L’ultima partecipazione è stata nel 2020 con il film Il caso Pantani – L’omicidio di un campione, del regista Domenico Ciolfi.

Leggi anche: Cristian e Palletta contro tutti, la commedia con Libero De Rienzo e Pietro Sermonti

Leggi anche: Smetto quando Voglio – Reloaded, il primo teaser trailer

Il ricordo dei colleghi sui social

I social come Twitter e in particolar modo Instagram sono invasi da post in ricordo dell’attore napoletano, la cui morte è stata una notizia inaspettata non solo per la dinamica, ma per la giovane età e il dispiacere di dover dire ‘addio’ a un attore così talentuoso nella sua semplicità.
I colleghi ma soprattutto gli amici di Libero, rimasti scioccati nell’aver appreso la sua prematura scomparsa, hanno voluto dedicare dei pensieri per accompagnarlo verso questo ultimo viaggio.

L’attore Marco Bocci ha scritto: “Non può essere Picchio mio….. non può essere. Non può essere…. ti voglio bene. Non può essere. Ti voglio bene cazzo.” Seguito dal collega Alessandro Roia, il quale ha commentato con una parola che vale per mille: “Disastro.”

Edoardo Leo, con il quale aveva condiviso il set della saga di Smetto Quando Voglio, ha pubblicato uno scatto avvenuto durante le riprese, che li vede vestiti da frati e accompagnato da queste parole:
“Ora mi viene in mente solo quanto mi hai fatto ridere e divertire. Nient’altro. È l’unica cosa a cui penso. A quante risate irresistibili ci siamo fatti insieme. Riposa in pace Picchio. È stato bello fare un lungo pezzo di strada con te.”

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari