Connect with us

Published

on

Il riccio caschetto di capelli neri, i lineamenti morbidi e il sorriso dolce. Il fisico compatto ma atletico. Diego Armando Maradona l’argentino nato a Lanus, cosiddetto Pibe de Oro, a cavallo degli anni ’90 è divenuto per il mondo una sorta di icona, di santino calcistico, ma anche il simbolo di riscatto legato a una città (Napoli) spesso associata a storie di cronaca e attualità negative e controverse. Non è infatti un caso che il documentario sincero e anche toccante del regista Premio Oscar (per Amy, 2016) Asif Kapadia inizi proprio con lo sbarco di Maradona a Napoli, reduce da una stagione molto negativa con il Barcellona, per sentirsi rivolgere da un giornalista alla conferenza stampa di  presentazione, la domanda: “Lei è al corrente del fatto che a Napoli tutto è in mano alla Camorra?”.

Una domanda scioccante che in quel frangente parve insidiosa, provocatoria e fuori luogo, e alla quale l’allora presidente del Napoli Calcio Corrado Ferlaino rispose offeso e amareggiato, intimando al giornalista finanche di abbandonare la sala. Eppure, quella domanda che oggi appare invece quasi profetica su quelli che saranno poi gli sviluppi della storia, individua un po’ la chiave della vita e della carriera di Maradona in quel di Napoli. Dapprima osannato e venerato come un vero e proprio semi-Dio grazie alle inaspettate vittorie che riuscì in breve tempo a regalare alla squadra del Napoli (due scudetti, una coppa Uefa e tanta celebrità) e poi, poco alla volta, mutato in nemico e addirittura diavolo a causa di una serie di vicende e situazioni legate in primis al suo sfolgorante e invidiabile successo, alla connessione stretta che l’argentino aveva instaurato con la famiglia di camorristi Giuliano e alla sua conclamata tossicodipendenza. 

maradona

Ascesa e rovina di un mito calcistico

Attraverso la giustapposizione di immagini di repertorio (partite, interviste, goal memorabili, il tutto selezionato e ri-assemblato dalle circa 500 ore di materiale mai visto dell’archivio personale di Maradona e da lui stesso messo a disposizione), Kapadia narra dunque ascesa e discesa di un mito, un uomo divenuto il sogno di gloria e di riscatto, ma anche (suo malgrado) conferma di una realtà malata, inscindibilmente legata alla camorra e a un successo che spesso e volentieri fagocita le vite, specie per chi come Maradona proviene da realtà profondamente povere e umili, quasi incompatibili con la vita del jet set.

Kapadia inquadra dunque il goleador nella sua doppia veste di uomo fragile e generoso (con l’idea fissa di fare successo per regalare una nuova vita alla propria famiglia) e di campione infallibile, costretto a nascondere le proprie debolezze per stare sempre al passo con il mito. Una dinamica stressante e faticosa che poi crollerà sotto il peso della cocaina, di una dipendenza divenuta sempre più necessaria per colmare il senso di inadeguatezza profondo, legato all’incapacità di restare ancorato alla figura del mito. Il documentario Armando Maradona, però, descrive anche molto bene l’anima di una città calorosa e tentacolare come Napoli. La Napoli tra anni ’80 e ’90, dinamica e colorita, città totalmente affascinata dal mito di un uomo capace di regalarle un frangente indimenticato di successo e notorietà, e che festeggerà per ben due mesi la vittoria del primo scudetto mai conquistato.

Al cinema il 23-24-25 Settembre 2019

Diego Maradona, il ritratto sincero e toccante di un mito con tutte le fragilità dell’uomo
3.5 Punteggio
Riepilogo Recensione
Nel suo essere documentario biografico e specifico sulla vita del campione argentino, Diego Maradona del documentarista Premio Oscar Asif Kapadia mette a fuoco, con indubbie capacità analitiche e narrative, ancora una volta quella trasformazione determinata da un successo imprevedibile e insperato, enorme e fagocitante, un successo spesso distruttivo, specie per chi viene dalla strada e parte dal sogno semplice di regalare una vita migliore a sé e alla propria famiglia. 
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Festival

She Came to Me: trama e cast del film di apertura di Berlino 2023

Published

on

La 73esima edizione del Festival Internazionale del Cinema di Berlino, che si terrà dal 16 febbraio, si aprirà con “She Came To Me”, la commedia romantica di Rebecca Miller con il suo cast stellare.

La commedia statunitense più attesa dai fan di Peter Dinklage e Anne Hathaway finalmente sta per essere vissuta e gustata. Scelta per inaugurare l’evento berlinese il 16 febbraio, la pellicola, della regista Rebecca Miller, vedrà un cast altissimo, di livello internazionale e stellare.

She Came To Me - Fonte: Google

She Came To Me – Fonte: Google

Il film vede la produzione da parte di Damon Cardasis, Pamela Koffler, Christine Vachon, Rebecca Miller, Len Blavatnik e Anne Hathaway.

La pellicola è stata presentata al concorso nella sezione Berlinale Special Gala, insieme a Encounters e Panorama, Classics e Retrospettive, in qualità di ospite del Festival, come vuole la tradizione. Il cast è formato da Peter Dinklage, Marisa Tomei, Joanna Kulig, Brian d’Arcy James e Anne Hathaway.

Le parole dei direttori della Berlinale: Siamo molto contenti di aprire questa edizione del festival con una commedia irresistibile che si basa sui conflitti quotidiani della società occidentale” commentano i direttori della Berlinale Mariëtte Rissenbeek e Carlo Chatrian “I personaggi, ideati da Rebecca Miller e incarnati da attori fantastici, scelgono di seguire l’ispirazione del momento invece di farsi guidare dai dettami della società. Come un film hollywoodiano pre-codice, She Came to Me è una magica ode alla libertà di espressione”

She Came to Me: la trama del film

Nel mese che celebra l’amore in ogni sua forma, la pellicola parla proprio di una storia d’amore che intreccia le vite di numerosi personaggi residenti tutti a New York. Tra questi, ritroviamo il compositore Steven Lauddem (Peter Dinklage) alle prese con un blocco creativo per la colonna sonora della sua grande opera.

Sua moglie Patricia (Anne Hathaway), ex sua terapista, si metterà alla ricerca della giusta intuizione. Ciò che troverà supererà ogni aspettativa. La storia di Rebecca Miller, dopo la sua ultima opera del 2016 Il piano di Maggie e del 2009, dal titolo Le vite private di Pippa Lee – all’epoca in concorso – è pronta a far emozionare il pubblico, in un pathos forte e intenso.

She Came to me _ Fonte: Google

She Came to me _ Fonte: Google

Qualche giorno fa sono stati annunciati tutti gli ospiti della Berlinale: tante le star internazionali anche americane, da Steven Spielberg, che avrà l’Orso d’oro alla carriera a Kristen Stewart, presidente di giuria. Le pellicole che parteciperanno alla competizione saranno invece 18. Grandi i nomi che faranno da cornice alla competizione tedesca più attesa d’inverno.

Continue Reading

Festival

Limbo: trama e cast del film

Published

on

limbo newscinema

Una scena di Limbo – Newscinema.it

Anche l’Australia partecipa al Festival del Cinema di Berlino, con Limbo, un film drammatico e poliziesco. Ecco tutte le informazioni che abbiamo a riguardo.

Il prossimo 16 febbraio comincerà la 73esima edizione del Festival del Cinema di Berlino, che vedrà competere film provenienti da tutto il mondo. Non solo Europa, quindi (l’Italia, tra l’altro, partecipa con numerosi titoli), ma anche America, Asia e Oceania. Proprio l’Australia ha portato Limbo, un poliziesco-giallo dai toni drammatici.

Limbo: la trama del film

Limbo è classificato come poliziesco, drammatico e giallo. Ambientato (e girato) interamente in Australia, racconta la storia del detective Travis Hurley, che deve indagare su un misterioso omicidio di una giovane donna aborigena. Il detective è costretto a seguire le indagine in una zona del Paese dove le discriminazioni sociali sono molto forti e gli aborigeni vengono costantemente discriminati. Durante le sue ricerche, stringe un forte legame con i parenti della vittima e viene a scoprire di un lato della società di cui ignorava l’esistenza. Il film, infatti, ha come obiettivo quello di raccontare l’altra faccia dell’Australia e mostrare al mondo in quali condizioni vive il popolo aborigeno.

La pellicola è stata diretta da Ivan Sen, regista aborigeno australiano ed è stato girato nel sud dell’Australia. Hanno collaborato Bunya Productions e Windalong Films. Il film, inoltre, è girato in bianco e nero.

simon baker newscinema

Simon Baker – Newscinema.it

Limbo: il cast del film

Tra gli attori che compongono il cast di Limbo, spicca tra tutti Simon Baker, che interpreta il protagonista, il detective Travis Hurley. Completano il gruppo Rob Collins, Natasha Wanganeen, Nicholas Hope e Nick Buckland.

Continue Reading

Festival

Ingeborg Bachmann: trama e cast del film

Published

on

Ingeborg Bachmann newscinema

Una scena di Ingeborg Bachmann – Newscinema.it

Al Festival del Cinema di Berlino sarà in gara anche Ingeborg Bachmann, film tedesco incentrato sulla vita della poetessa omonima. Ecco tutte le informazioni che abbiamo sulla pellicola.

Il Festival del Cinema di Berlino inizierà il 16 febbraio ed è ormai vicino. Parteciperanno film provenienti da tutto il mondo, tra cui molti italiani. La Germania, tuttavia, quest’anno ha deciso di farsi notare portando due film che promettono di essere molto interessanti: Bis ans Ende der Nacht e Ingeborg Bachmann. Andiamo a scoprirne di più su quest’ultimo.

Ingeborg Bachmann, la trama

Come suggerisce il titolo, la pellicola racconta la vita dell’autrice austriaca Ingeborg Bachmann, vissuta tra il 1926 e il 1973. Si focalizza, soprattutto, sulla sua storia d’amore con il collega svizzero Max Frisch.

Il film parte dalla nascita della grande poetessa e ripercorre tutta la sua vita, soffermandosi, in particolare, sui numerosi luoghi in cui ha vissuto: Berlino, Zurigo, Roma, nonché il suo importantissimo viaggio in Egitto. Esplora, inoltre, la sua poetica e i suoi ideali di scrittura, esponendo, attraverso la ricostruzione della sua vita, il suo pensiero letterario.

La pellicola è diretta da Margarethe von Trotta ed è stato girato non solo in Germania, ma anche in Austria, Svizzera e Lussemburgo, con la produzione di Amour Fou Luxenbourg, Amour Fou Vienna, Heimatfilm e Tellfilm.

Il sottotitolo è Reise in die Wüste, che dal tedesco può essere tradotto come “Viaggio nel deserto”.

Ingeborg Bachmann newscinema

Una scena di Ingeborg Bachmann – Newscinema.it

Ingeborg Bachmann, il cast

Il cast di Ingeborg Bachmann vede attori importanti come Vicky Krieps nel ruolo della protagonista e Ronald Zehrfeld nel ruolo dello scrittore Max Frisch. Seguono Tobia Samuel Resch (Adolf), Basil Eidenbenz (Hans), Luna Wedler (Marianne), Marc Limpach (Tankred), Katharina Schmalenberg (Isolde) e Renato Carpentieri, che interpreta il poeta italiano Giuseppe Ungaretti.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari