Connettiti a NewsCinema!

Interviste

Incontro con Patrice Leconte: “Le commedie francesi piacciono perchè sono universali”

Pubblicato

:

Il regista francese Patrice Leconte ama misurarsi con diversi generi cinematografici da molti anni. Infatti della sua ricca filmografia possiamo ricordare Il Mo Migliore Amico, il drammatico Una Promessa o il bizzarro film d’animazione La Bottega dei Suicidi. Il 29 Ottobre Leconte torna sul grande schermo con la commedia Tutti Pazzi in Casa Mia, ispirata all’omonima piece teatrale che ha riscosso un grande successo a Parigi per un’intera stagione e, per l’occasione è stato ospite a Roma dove ci ha raccontato della sua passione per il cinema, dei tratti fondamentali della sua professione e della realizzazione di questo ultimo film.

Lei aveva un padre cinefilo anche se lavorava in tutt’altro settore,  cosa si ricorda di questo?

Io sono un provinciale e rivendico queste origini. Non sono nato e cresciuto a Parigi. Mio padre amava molto il cinema e spesso mi ci portava per film di ogni tipo, da quelli più popolari a quelli più d’essai. Però la cosa che mi ha definitivamente scoccare la scintilla e mi ha fatto venire la voglia di fare cinema è stato un festival di cortometraggi vicino casa, perchè mi sono reso conto che il mio sogno di fare film era una cosa possibile. Spesso erano film semplici e così pensavo: ‘posso provare a farli anche io’. Mio padre aveva anche una cinepresa per fare filmini di famiglia e me la prestava. Non era un mezzo per girare Il Gattopardo o 8 e mezzo ma potevo esprimere la mia vena artistica e ho imparato molto. Sono rimasto sorpreso dai giovani che vogliono fare subito un lungometraggio come primo film. 

Cosa raccontavano i suoi cortometraggi? Esistono ancora?

Erano soprattutto commedie perchè mi piaceva far divertire la gente, ma sono andati persi e distrutti e ne sono molto contento. E’ un po’ come sfogliare un libro di vecchie fotografie e quando vedete le foto da adolescenti è un periodo ingrato e vorreste strappare quelle pagine…per i corti è la stessa cosa.

lec3

Ha citato due film italiani come Il Gattopardo e 8 e Mezzo. Cosa ne pensa del cinema italiano?

Cito più volentieri film italiani quando sono in Italia, ma per me il cinema italiano ha avuto una grande importanza con Visconti, Antonioni, Fellini, Ermanno Olmi, Zurlini, Scola…molti dei loro film sono stati molto importanti per me perchè rappresentavao l’eleganza della messa in scena, l’immaginario e la fantasia, avevano bravi attori etc… per parlare del presente La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino lo ritengo un capolavoro assoluto.

Come nascono i suoi film?

All’inizio ho fatto delle commedie però sentivo che volevo esprimere altro, e dopo 5-6 commedie ho cominciato a fare film molto diversi tra loro. Per l’ispirazione non so quando nasce in me l’idea di un film. A volte può nascere da un sogno, da altri film, o dagli amici che mi prestano un libro… Spesso si dice che i grandi cineasti non facciano altro che scavare lo stesso solco per tutta la vita, forse io non sono così ma non mi importa. Mi sono sempre dato la libertà di cambiare generi.

Per Tutti pazzi in casa Mia qual è stata la molla per portare avanti il progetto?

Questo film è basato su una piece teatrale recitata a Parigi per un’intera stagione con molto successo. Un giorno un produttore mi ha consigliato di andarla a vedere e mi sembrava un’occasione per parlare delle nostre vite turbinose, troppo rapide per noi e l’occasione di tornare alla commedia pura e ritrovare Christian Clavier che amo molto, ma con cui non avevo mai lavorato mai da solo. Così ho accettato il progetto. La piece non aveva questo ritmo sostenuto. Ogni volta che faccio un film mi pongo la domanda di come farò la regia. Faccio io stesso le inquadrature dei miei film e questo l’ho fatto come fosse un reportage con la macchina in spalla e un montaggio molto veloce. Nella piece era Fabrice Luchini il protagonista, ma non ha accettato di fare il film e penso che sia andata meglio così perchè il personaggio del film è un grande egoista, ma Clavier lo rende comunque empatico e simpatico, mentre con Luchini non si sentiva questa stessa empatia con il personaggio.

lec

Le commedie spesso hanno una forte connotazione nazionale, ma stranamente alcune delle commedie francesi hanno successo sia in Italia e in Spagna…forse per gli argomenti più universali. Il protagonista non riesce a trovare un’ora di tranquillità e ci si può facilmente identificare tutti in questo.

Come lavora con gli attori?

Facendo io le inquadrature ho una certa intitmità con gli attori rispetto ad altri registi. Ammiro molto i registi che improvvisano ma io non ci riesco.

Ci può spiegare il finale di questo film e perchè le figure femminili dei suoi film sono sempre molto piacevoli esteticamente ma sembrano una specie di Maga Circe?

Il finale è molto diverso dalla piece teatrale, lo abbiamo inventato completamente e mi sembrava importante che arrivasse la bambina per porgere a Clavier uno specchio e mostrargli il suo egoismo e mostruosità.  Grazie a questo il personaggio ci risulta simpatico e c’è una piccola sorpresa finale. Per i personaggi femminili nella piece erano più caricaturali e meno interessanti e ho corretto un po’ il tiro. 

Che consigli si sente di dare ai nuovi aspiranti registi?

Oggi fare un cortometraggio è facile…basta una piccoa telecamera, un software di montaggio sul pc e con questi strumenti non si gira Titanic ma si può cominciare a capire cosa vuol dire fare cinema. L’altro consiglio è andare molto al cinema per capire gli aspetti tecnici per cui un film ci piace più di un altro. E poi farsi la domanda ogni mattina: “Perchè voglio fare cinema?” Se trovate una risposta personale e pertinente a questa domanda bisogna continuare a porsela prima di cominciare a fare cinema. Wim Wenders come Presidente della Giuria a Cannes, quando i giornalisti gli hanno chiesto perchè fa film, ha risposto: per rendere il mondo migliore. A me è sembrato molto presuntuoso, ma era in realtà una risposta fantastica e io ho sbagliato perchè voleva dire che facendo film cercava di rendere il mondo migliore anche se in piccola parte.

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Cinema

X-Men: Dark Phoenix, intervista a Michael Fassbender e Nicholas Hoult

Pubblicato

:

x men dark phoenix quando spoiler non problema v4 42931

X-Men: Dark Phoenix (puoi leggere qui la nostra recensione) l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel, arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20thCentury Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain. In occasione dell’uscita nelle sale cinematografiche italiane a partire da domani, potete scoprire di più su alcuni dei personaggi principali del film sui mutanti.

Nella prima intervista l’attore Michael Fassbender parlerà del suo ruolo nei panni di Magneto.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

La seconda intervista riguarda l’attore Nicholas Hoult nel ruolo della Bestia.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro. Ed infine la terza intervista vede come protagonista proprio Jean Grey, la Dark Phoenix, interpretata da Sophie Turner, reduce dal successo de Il Trono di Spade.

Continua a leggere

Cinema

X Men: Dark Phoenix, l’attrice Sophie Turner racconta la sua fenice oscura (video)

Pubblicato

:

X Men Dark Phoenix

Manca sempre meno all’uscita nelle sale cinematografiche del film X-Men: Dark Phoenix, l’ultimo capitolo della saga dedicata ai celebri mutanti che hanno popolato i fumetti Marvel. Il film arriva al cinema il 6 giugno distribuito da 20th Century Fox. Scritto e diretto da Simon Kinberg, il nuovo episodio è interpretato da Sophie Turner, James McAvoy, Michael Fassbender, Jennifer Lawrence, Nicholas Hoult, Tye Sheridan, Alexandra Shipp e Jessica Chastain.

Questo atteso episodio è la storia di uno dei personaggi più amati della saga degli X-Men, Jean Grey, che si evolve nell’iconica Dark Phoenix. Nel corso di una pericolosa missione nello spazio, Jean viene colpita da una potente forza cosmica che la trasforma in uno dei più potenti mutanti di tutti i tempi. Lottando con questo potere sempre più instabile e con i suoi demoni personali, Jean perde il controllo e strappa qualsiasi legame con la famiglia degli X-Men, minacciando di distruggere il pianeta.

Il film è il più intenso ed emozionante della saga, mai realizzato prima. È il culmine di vent’anni di film dedicati agli X-Men, la famiglia di mutanti che abbiamo amato e conosciuto deve affrontare il nemico più devastante: uno di loro.

Continua a leggere

Cinema

Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, le video interviste al regista e all’eroe Oberai

Pubblicato

:

attacco a mumbai

Il film Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio  uscito nelle sale il 30 aprile 2019, distribuito da ITALIAN INTERNATIONAL FILM – società controllata da Lucisano Media Group – e M2 Pictures il thriller drammatico Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio, diretto da Anthony Maras e interpretato da Dev Patel, attore inglese già nominato ai Premi Oscar per Lion, Armie Hammer (Chiamami col tuo nome; Mine), Jason Isaacs (saga di Harry Potter) e Nazanin Boniadi (Counterpart; Homeland).

Il film ricostruisce gli attacchi terroristici che hanno scosso Mumbai nel 2008, gettando nel caos la città più popolosa dell’India. Oltre a luoghi di ritrovo e alle stazioni, i terroristi hanno colpito anche il leggendario Taj Mahal Palace Hotel, preso di mira in quanto simbolo del progresso e dell’apertura dell’India moderna. In occasione dell’uscita nei cinema italiani, sono state rilasciate due interviste esclusive al regista Anthony Maras e allo chef Hemant Oberai, l’eroe degli attacchi terroristici del 2008. Per poter ascoltare i racconti di questi due uomini strettamente legati a questa pellicola emozionante e da vedere tutta d’un fiato, cliccate play.

Leggi anche: Chi è Armie Hammer, il nuovo sex symbol di Hollywood?

La prima clip riguarda l’intervista allo chef Oberai.

La seconda clip invece è l’intervista al regista Maras:

Nel novembre del 2008 un gruppo di terroristi mette in atto una serie di devastanti attentati in tutta Mumbai. Per tre giorni gli attentatori assediano anche il Taj Mahal Palace Hotel tenendo in ostaggio oltre 500 persone tra ospiti e dipendenti. Mentre il mondo è testimone impotente dell’attacco attraverso i media, il rinomato chef dell’hotel e un umile cameriere rischiano la vita per portare in salvo gli ospiti della struttura, una giovane coppia tenta disperatamente di proteggere il proprio bambino, mentre un freddo miliardario sembra essere interessato solo a salvare se stesso.

Attacco a Mumbai – Una vera storia di coraggio è un thriller avvincente e pieno di suspense basato su storie vere di umanità, eroismo e sopravvivenza, che porta il pubblico nel cuore degli eventi. Storie di persone comuni e di ogni estrazione sociale, che hanno trovato il coraggio di far prevalere la propria umanità sulla violenza.

Continua a leggere

Iscriviti al nostro canale!

Film in uscita

Luglio, 2019

Nessun Film

Film in uscita Mese Prossimo

Agosto

Nessun Film

Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Pubblicità

Popolari

X