Connect with us

Serie tv

Le 10 serie tv degli anni ’90 più ricercate su Google

Published

on

La nostalgia regna sovrana nel cuore e nella mente della gente quando si tratta di scegliere quali sono stati i programmi di intrattenimento preferiti degli anni ’90, dando vita ad esplosioni di creatività su tutti i media. Di quel magnifico decennio abbiamo visto film, ascoltato la musica e fortunatamente abbiamo visto una televisione molto diversa da quella degli anni 2000. Per questo motivo la classifica che troverete di seguito sarà il risultato delle ricerche più cliccate su Google dal 2004 in merito ai programmi datati a partire dal 1990. C’è una buona probabilità che anche voi facciate parte di questo risultato. Forse per molti ci saranno delle conferme, ma vedrete che alcune serie saranno una vera sorpresa.

Buffy the Vampire Slayer

_1453890712

Passano gli anni, passano i remake ma Buffy the Vampire Slayer rimane una garanzia amata dai teenager e non solo. Molti ricorderanno questa serie, trattandosi di una storia avvincente che teneva incollato il pubblico di tutto il mondo, attraverso molte stagioni e dal quale è uscito anche uno spin-off dal titolo Angel. Ma soprattutto non ha nulla da invidiare ai romanzi e fumetti di oggi. Forse le nuove generazioni conosceranno alcuni attori per alcuni show degni di nota degli ultimi anni, ma Buffy è una serie tv che merita di essere vista. Sperando che un giorno, non troppo lontano, magari tutti gli attori daranno vita ad una storica reunion, teniamo le dita incrociate.

Star Trek: The Next Generation

_1453890738

Anche se la prima stagione di Star Trek: The Next Generation è iniziata nel 1987, quattro show dei sette totali hanno preso vita nel 1990, anni in cui il pubblico ha continuato a seguirlo senza sosta, fin quando la Paramount ha staccato la spina alla serie per portare le vicende e il cast sul grande schermo. Patrick Stewart è stato un beniamino del web per molti anni, e rispetto agli altri membri del cast continua a raccogliere l’attenzione per i progetti legati sia a Star Trek che ad altro. Rimane una delle serie più importanti di fantascienza nella storia della televisione, e chiaramente ha ancora una presa sulla mente dei fans.

Frasier

_1453890758

Come spin-off di Cheers, Frasier aveva il compito (impossibile) di cercare di essere simile in termini di popolarità al bar-set sitcom di un gruppo di amici. Con la forza di Kelsey Grammer, David Hyde Pierce e il resto del cast sensazionale,  il più astuto resta Frasier, rappresentando uno dei motivi per cui la NBC ci ha puntato tanto trattandosi di una commedia negli anni ’90. Questo show presente in questa lista è la prima sorpresa, perché tra tanti sembra un po’ strano che  questa serie sia stata cercata molte volte su Google, data la mancanza di trame corpose, misteri o qualcosa che incuriosisca il pubblico.

Boys Meets World

_1453890767

Un fiore all’occhiello dell’ABC degli anni ’90, riuscendo a conquistare con fatica un vastissimo numero di spettatori mostrando la graduale maturazione di un branco di bambini della scuola di adulti che li guidano verso la maturità. Per non parlare di tutte le citazioni e i consigli giornalieri di Mr. Feeny. E’ probabile che Boy Meets World sia alla ricerca del successo nel mondo negli ultimi anni, in parte a causa della nuova generazione Disney di Girl Meets World, che ha riportato la maggior parte degli attori della serie originale in tv con stupide apparizioni. Se quest’ultimo spettacolo dura come il primo, Google sarà tutto degli eredi di Cory e Topanga per molti decenni.

X-Files

url-2

La verità è là fuori, sebbene Internet abbia un sacco di non-verità pasticciate da qualche parte. Così succese con la cospirazione guidata dal dramma X-Files, che ha lasciato sul piccolo schermo qualcosa poco degno di nota nel 2002, ma se è riuscito a rimanere nella mente di tutti per merito del suo creatore Chris Carter, il quale ha sempre tenuto viva la speranza di fare un franchising in una forma o nell’altra. Carter è stato lo stesso che ha portato sul grande schermo il ritorno deludente di X-Files nel 2008 e successivamente un ritorno positivo lo scorso fine settimana. Consapevoli del fatto che più di questo risultato non si può ottenere in futuro, rimarrà comunque un appuntamento fisso delle nostre curiosità su Google.

Il principe di Bel-Air

_1453890781

Scommetto quello che volete, che il 95% delle ricerche per Il Principe di Bel Air sono state ispirate negli ultimi dieci anni dall’attore Alfonso Ribeiro alias Carlton e la sua celebre danza. Il restante 5%, lo dividerei in un 4% probabilmente per vedere Will Smith che canta la canzone della serie, mentre l’ultimo 1% per la ricerca di varie parodie su quella sigla. In tutti i casi, la sitcom è rimasta un appuntamento fisso nel corso degli anni e continua a portare gli spettatori sempre più curiosi sul web, in merito al cambiamento della zia Viv.

Full House

_1453890803

In una battaglia per la supremazia della dolcezza, l’alto contenuto di fruttosio nello sciroppo di mais non ha alcuna possibilità di vincere contro la sfrenata sdolcinatezza di Full House. Questo approccio eccessivamente cordiale nella commedia familiare è esattamente ciò che ha dato a Full House un potere duraturo, insieme ai capelli di John Stamos, la moda di Kimmy Gibbler e il post-Michelle dove vivono le gemelle Olsen. I fan aspettano da molti anni una reunion senza mai perdere le speranze, anche per questo motivo le ricerche si sono intensificate su Google, nonostante un mese di distanza, su Netflix la serie Full House ha attirato la nostra attenzione sia online che offline dal momento dell’annuncio.

Seinfeld

_1453891013

Durante il suo percorso duranto ben nove stagioni, lo show sembra non aver lasciato il segno come qualcosa che si possa definire memorabile, tanto da assicurarsi un posto nell’ eterna cultura pop, eppure Seinfeld continua ad informare e influenzare la società di oggi. Le ricerche riguardo questo show aumentano annualmente a partire dalle celebrazioni Festivus, per arrivare nel corso degli anni attraverso occasioni come Curb Your Enthusiasm’s in una meta riunion, uno spot del Super Bowl, i comici di Jerry Seinfeld davanti la macchina per il caffè e notizie casuali riguardo il cast e la troupe ogni tanto. E poi ci sono anche quelle persone, quei milioni di persone che cercano il video di Jerry e George mentre fanno la voce all’ombelico. Helloooo!

Friends

_1453891020

Con un ampio margine, Friends rovesciò la scaletta su cosa vedere in tv, scontrandosi con Seinfeld in termini di ricerca di popolarità. Attraverso romanzi con discutibili finali e personaggi con spiccate personalità e manie, Friends è diventato il modello della moderna sit-com, e rimane uno tra gli show tv più amati. Molte persone probabilmente cercano notizie relative al cast, nell’eventualità di qualche novità nell’aria che li coinvolga tutti insieme come una volta. In realtà la ricerca recentemente si è intensificata per avere maggiori informazioni circa la reunion del cast in uno speciale che andrà in ondà sulla NBC.

Dragon Ball Z

_1453891046

Senza troppi misteri, questa è la voce più imprevedibile di questa lista, Dragon Ball Z è un outsider per tanti motivi. E’ l’unica serie non americana, l’unica serie animata, l’unica basata su fumetti, e l’unica che non dipende dalla visione in prima serata su una rete broadcast. La sorpresa è anche il fatto che la serie ha praticamente sempre avuto una grande presenza sul web, complice il franchising tipico dei fan dei manga, un gran numero di videogiochi, film e altro ancora. Come alcune delle altre voci in questa lista, è un marchio che probabilmente non tramonterà mai, e i milioni di fan in giro per il mondo della serie originale, saranno sempre pronti a combattere affinchè prendano vita nuovi progetti.

Fonte: CinemaBlend

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

Serie tv

The Walking Dead: cosa sappiamo dei tre nuovi attesi spin-off

Published

on

the walking dead spin-ogg

Lauren Cohan e Jeffrey Dean Morgan nei panni di Maggie e Negan

Dopo la tanto attesa conclusione, di cui i fan ancora continuano a parlare, The Walking Dead si accinge a continuare il suo viaggio grazie a tre nuovi spin-off. Protagonisti saranno la coppia Rick-Michonne, Maggie&Negan, e, infine, Daryl Dixon. Ma andiamo a scoprire qualche dettaglio in più.

Basato sull’omonima serie a fumetti, a cura di Robert Kirkman, Tony Moore e Charlie AdlardThe Walking Dead è andato in onda per ben 11 stagioni – per un totale di 177 episodi – e ha presentato al pubblico del piccolo schermo alcuni dei personaggi più belli di sempre.

the walking dead

Una scena di The Walking Dead

Frank Darabont è la mente dietro al progetto televisivo, reso memorabile dai volti di Andrew Lincoln, Norman Reedus, Melissa McBride, Jeffrey Dean Morgan Lauren Cohan (tanto per citarne qualcuno).

Il successo della serie ha fatto sì che venissero realizzati ben tre spin-off, prima della conclusione di tutti gli episodi: Fear The Walking Dead (che si concluderà con l’ottava stagione), The Walking Dead: World BeyondTales of the Walking Dead.

A ciò si aggiungeranno i prossimi titoli – l’unico ad averne già uno è quello dedicato a Maggie e Negan, che si chiamerà The Walking Dead: Dead City – che andranno a comporre un puzzle sempre più ricco e avvincente.

The Walking Dead | Lo spin-off dedicato a Rick e Michonne

Tornati sul set nel mese di febbraio 2023, Andrew LincolnDanai Gurira (rispettivamente interpreti di Rick e Michonne) saranno i protagonisti di 6 episodi. Il titolo provvisorio della miniserie, attesa per il 2024, è The Walking Dead: Summit, lo showrunner Scott M. Gimple, mentre le riprese si svolgono tra il New Jersey e Atlanta.

the walking dead spin-off

Danai Gurira e Andrew Lincoln nei panni di Michonne e Rick

L’ultima volta che i due personaggi hanno diviso la scena eravamo nel 2018, per cui le aspettative restano altissime e la reunion urge. Nonostante il timore di una dipartita di Rick Grimes (durante la nona stagione), i fan dello show hanno avuto la sorpresa e il piacere di rivederlo sui titoli di coda dell’ultima puntata di The Walking Dead.

A quanto pare, l’uomo avrebbe trascorso circa sei anni da prigioniero della Civic Republic, e sarà appunto questa la cornice in cui ritroverà l’adorata e coraggiosa Michonne. Già si preannuncia un’avventura epica, all’insegna del grande amore.

Oltre ai due nomi già noti, il cast si è di recente arricchito di una new entryLesley Ann-Brandt, nei panni di Pearl Thorne.

Le nuove avventure di Daryl Dixon

Uno dei personaggi principali più amati di sempre è, senza dubbio, Daryl Dixon, a cui presta il volto Norman Reedus. A fine undicesima stagione, lo abbiamo visto prendere congedo, rigorosamente a bordo della sua Harley, dalla sua famiglia e dall’amica di lunga data Carol (McBride), alla volta di nuove memorabili imprese.

L’uomo arriverà niente meno che in Francia, trovando un paese devastato ma ancora capace di resistere. Qui incontrerà la bella Isabelle (Clémence Poésy), con la quale condividerà una missione legata al passato. Il progetto dovrebbe anche ricollegarsi alla scena finale di The Walking Dead: World Beyond.

the walking dead spin-off

Norman Reedus interpreta Daryl Dixon in The Walking Dead

Adam Nagaitis, Anne CharrierEriq EbanoueyLaika Blanc FrancardRomain LeviLouis Puech Scigliuzzi completano il cast della serie ambientata in Francia e creata dal produttore esecutivo Scott M. Gimple.

La prima stagione, composta da 6 episodi, dovrebbe approdare su AMC e AMC+ nell’autunno 2023, e presenterà persino una nuova variante di zombie.

The Walking Dead: Dead City | Teaser trailer e news sullo spin-off dedicato a Maggie e Negan

Stando a quanto riportato, la trama di The Walking Dead: Dead City sarà incentrata sulle vicende di Maggie (Cohan) e Negan (Morgan), in una Manhattan post-apocalittica, alle prese con morti viventi e vivi senza limiti e scrupoli.

Oltre alla coppia di protagonisti, troviamo nel cast Gaius Charles, Karina Ortiz, Mahina Napoleon, Jonathan Higginbotham, Michael Anthony, Trey Santiago-Hudson, Charlie Solis Zeljko Ivanek.

6 episodi compongono la prima stagione, il cui debutto è previsto per giugno 2023. Eli Jorne è lo showrunner.

Continue Reading

Serie tv

The Last of Us: recensione no spoiler della prima stagione | Tiriamo le somme

Published

on

La recensione di The Last of Us – Newscinema.it

La prima stagione di The Last of Us è giunta al termine con il nono episodio in onda su NowTv e Sky. Dopo averla vista tutta, settimana dopo settimana, vi diciamo cosa ne pensiamo in una video recensione.

Si è conclusa da poco la prima stagione di The Last Of Us, la serie targata HBO ispirata all’omonimo videogioco che ha riscosso un enorme successo in tutto il mondo. Suddivisa in nove episodi di durata variabile e ambientata in un mondo post-apocalittico, The Last of Us continuerà con la seconda stagione già confermata.

Noi l’abbiamo vista tutta e nella video recensione qui sotto potete scoprire cosa ne pensiamo. Analizziamo pro e contro, condividiamo il nostro punto di vista su vari dettagli della serie e vi mostriamo anche un curioso video in cui è montato il videogioco con la serie in modo alternato per sottolineare la fedeltà di questa con il materiale originale.

La video recensione della prima stagione di The Last Of Us

The Last of Us: di cosa parla la serie

La serie HBO si svolge 20 anni dopo la distruzione della civiltà moderna. Joel, uno scaltro sopravvissuto, viene incaricato di far uscire di nascosto Ellie, una ragazzina di 14 anni, da una zona di quarantena sotto stretta sorveglianza. Un compito all’apparenza facile che si trasforma presto in un viaggio brutale e straziante attraverso gli Stati Uniti nel quale i due dovranno dipendere l’uno dall’altra per sopravvivere.

Tra le star della prima stagione troviamo Pedro Pascal e Bella Ramseynei panni dei due protagonisti principali insieme a  Gabriel Luna, nel ruolo di Tommy, Anna Torv che interpreta Tess, Nico Parker è Sarah, Murray Bartlett è Frank, Nick Offerman è Bill, Melanie Lynskey è Kathleen, Storm Reid è Riley, Merle Dandridge è Marlene, Jeffrey Pierce interpreta Perry, Lamar Johnson è Henry, Keivonn Woodard è Sam, Graham Greene è Marlon ed Elaine Miles riveste i panni di Florence. Fanno parte del cast anche Ashley Johnson e Troy Baker (qui trovate la guida ai personaggi della serie).

Continue Reading

Serie tv

YOU 4: un professore che vive a South Kensington? | Gli errori dell’ambientazione inglese

Published

on

you 4 newscinema

La locandina di You – Newscinema.it

La seconda parte della quarta stagione di You comincerà il 10 Marzo su Netflix. In attesa dei nuovi episodi andiamo ad analizzare alcuni errori della sua ambientazione londinese. 

La quarta stagione di You è iniziata circa un mese fa e il 9 marzo riprenderà anche la seconda parte. Dopo aver lasciato gli Stati Uniti e la sua vecchia vita, Joe Goldberg (Pen Badgley) si è trasferito a Londra, dove ha rubato l’identità di un professore universitario. Tutta la nuova stagione si svolge, quindi, nella capitale inglese, ma i fan hanno notato diversi errori sull’ambientazione europea che non si vedevano dai tempi di Emily in Paris.

Joe “ama” camminare

Nella serie, Joe dichiara che non gli dispiace camminare un po’ per recarsi al lavoro. Tuttavia, la distanza tra l’università nell’East London e il suo appartamento nel South Kensington è semplicemente ridicola. Per arrivare da un punto all’altro camminando, infatti, occorrono due ore: quattro, se si considera andata e ritorno. Una persona che percorre quattro ore a piedi tutti i giorni per andare a lavorare non è molto realistico.

Un professore che vive nel South Kensington

Dopo essersi trasferito, Joe smette di essere un bibliotecario e si trasforma in un docente universitario molto stimato. Per quanto un professore universitario possa essere una professione redditizia, è altamente improbabile che uno stipendio del genere basti per permettersi un appartamento come quello di Joe.

Il South Kensington è uno dei quartieri più costosi di Londra, dove un trilocale costa in media tra i due e i tre milioni di sterline. In un’intervista a Wired, l’attore ha spiegato che Joe può pagare la casa grazie all’eredità di Love, ma appare comunque una cifra improbabile.

you newscinema

L’appartamento di Joe – Newscinema.it

Un camino in ogni angolo

Si può notare che praticamente ovunque vada, Joe si ritrovi in un luogo dove c’è un camino, quasi a volere restituire un’ambientazione londinese vittoriana. Tuttavia, oggi a Londra i camini nelle case non sono così tanti, quasi il contrario. A partire dal 1956, infatti, il governo ha iniziato una campagna per eliminarli, in modo da diminuire il tasso di inquinamento e fumo nelle zone pubbliche.

L’esagerazione dello slang

Senza dubbio, lo slang inglese è molto popolare ed esistono tantissimi meme e parodie sulle differenze tra l’inglese e l’americano. Tuttavia, gli scherzi e le incomprensioni nella serie su questo fatto sono semplicemente esagerate. Basti pensare alla scena in cui Joe si trova in aula e non capisce che cosa si intenda con la parola “pants“. Un’intuizione non così difficile da comprendere, considerato il contesto.

Continue Reading

iscriviti al nostro canale YouTube

Facebook

Recensioni

Popolari