Connect with us

Recensioni

Locked Down | In esclusiva digitale il nuovo film di Doug Liman

Published

on

Locked Down è la nuova pellicola diretta da Doug Liman (The Bourne Identity) e scritta da Steven Knifgt (Locke, Peaky Blinders), che immortala uno spaccato di vita tanto breve quanto attuale. Disponibile in Italia in esclusiva digitale* dal 16 aprile.

Locked Down | La trama della nuova pellicola diretta da Doug Liman

Al centro della storia ci sono Linda (Anne Hathaway) e Paxton (Chiwetel Ejiofor), costretti a trascorrere le giornate in casa a Londra insieme, a causa dello scoppio della pandemia Covid-19. Il problema è che i due erano in procinto di separarsi, prima che la situazione crollasse definitivamente. I tempi si dilatano, la socialità sparisce.

Leggi anche: Festival di Cannes | Annette di Leos Carax aprirà la prossima edizione

Le uniche valvole di sfogo sembrano essere le videochiamate alle famiglie, durante le quali è possibile esprimere a voce le proprie paure, i dubbi, il malessere e la sensazione di sentirsi costantemente in trappola.

Anne Hathaway in una scena del film

La svolta giunge quando Linda deve rientrare a lavoro e Paxton si ritrova a elaborare insieme a lei un piano a dir poco incredibile, oltre che criminale. I grandi magazzini Harrods diventeranno così lo scenario di una rapina degna di Lupin.

La base realistica e la somiglianza con Malcolm & Marie

La base del progetto è quindi alquanto realistica, ed è questo uno dei suoi punti di forza. Tra i primi prodotti cinematografici a cimentarsi nell’impresa di rendere questo momento storico sullo schermo, Locked Down ricorda in qualche modo – seppur con le dovute differenze – il recente Malcolm & Marie.

Sarà il contesto caratterizzato per lo più da un singolo luogo, all’interno di un appartamento, oppure lo sguardo incentrato sull’evoluzione di un rapporto di coppia. Il film alterna momenti intimi, personali, alla rappresentazione di una situazione generalizzata che riguarda il mondo intero. Come realmente accaduto e documentato, Paxton scende in strada, declamando versi di poesie e intrattenendo gli abitanti del circondario. La scena ha qualcosa di confortante e al tempo stesso di doloroso.

Locked Down | Esorcizzare la pandemia attraverso il cinema

La coppia Ejiofor-Hathaway funziona molto bene, forte anche di una caratterizzazione coerente e verosimile. Apprezzabile poi la parrtecipazione di volti noti di Hollywood – da Ben Stiller a Lucy Boynton – in piccole parti. La scrittura di Knight si concentra infatti sulle personalità, su ciò che si agita al loro interno, che le spinge a muoversi in un verso oppure nell’altro. La pandemia forza le relazioni, mettendo alla prova anche lo spirito più solido.

Una scena di Locked Down

Locked Down è un film intimista, quasi un’esorcizzazione della particolare situazione che stiamo tutti vivendo. Dimostrazione di quanto il cinema sia fondamentale, da qualsiasi punto di vista lo si osservi. Durante i quasi 120 minuti di durata, lo spettatore riprova sensazioni probabilmente già conosciute, ma lo fa attraverso un filtro che distanzia e permette una riflessione.

Leggi anche: Them | Nella nuova serie Amazon l’orrore del razzismo

*Disponibile per l’acquisto e il noleggio premium su Apple Tv app, Amazon Prime Video, Youtube, Google Play, TIMVISION, Chili, Rakuten TV, PlayStation Store, Microsoft Film & TV e per il noleggio premium su Sky Primafila e Mediaset Play Infinity

Cinema

Minari | il racconto emozionale dei nuovi pionieri

Published

on

Le nomination di questa edizione degli Oscar (la premiazione si svolgerà domenica 25 aprile) ci rimandano l’immagine del 2020 vissuto al cinema (o, meglio, in televisione). È accaduto così che una serie di film fuori da ogni canone siano stati nominati soddisfacendo le rivendicazioni degli ultimi anni. Il simbolo di tutto questo è sicuramente Minari, piccolissimo film indipendente completamente in lingua coreana. Se Parasite l’anno scorso arrivava con la Palma d’Oro di Cannes in tasca, il film di Lee Isaac Chung (in Italia debutterà al cinema, in zona gialla, dal prossimo 26 aprile), arriva da outsider con sei candidature. 

Minari | un moderno racconto di frontiera

Chung, nato nel 1978 in una fattoria di Lincoln, Arizona, da genitori coreani, pesca dall’album di famiglia e mette in scena una autobiografia non letterale, bensì emozionale, basata sui ricordi e archetipica: il Sogno Americano è lo stesso, la frontiera ancora una volta da spostare più in là. Sono però diversi i pionieri, coreani trapiantati in California e finiti in Arkansas per cercare di raggiungere l’indipendenza agricola. Il film passa di momento in momento seguendo, più che il filo logico, quello dei momenti cruciali che rimangono impressi a decenni di distanza. I momenti che fondano l’immagine di un padre nella memoria di un figlio, quelli che turbano e quelli che, nella loro marginalità, si fissano perché emblematici di qualcosa. 

Il senso per la luce naturale e il contatto con l’ambiente, il passare delle stagioni e il peso nella messa in scena dei suoi suoni e degli odori: sono tutti elementi che provengono dal cinema giapponese, ma è chiaro fin da subito che la parabola cinematografica è invece totalmente americana, così come è americano il punto di osservazione di chi cerca di ritagliarsi un pezzo di terra per sé. La famiglia trasferita dalla Corea non è diversa dai pionieri del West: compra un appezzamento là dove sembra essercene per tutti, lontano dalla civiltà, ci costruisce una casa e lavora per trasformare la terra in un’opportunità di crescita economica, per sopravvivere e garantire un futuro ai propri figli. 

Il conflitto come spinta propulsiva

Eppure Minari può anche rivendicare una spinta oppositiva al qui e ora: alla narrazione di pacificazione, Lee Isaac Chung preferisce la narrazione basata sul conflitto, di cui fa ridondanza: uomo contro natura (e Stato), marito contro moglie, vecchi e futuro, giovani e passato. La coltivazione da cui prende titolo il film è un’erba piccante coreana che diventa più rigogliosa nella sua seconda stagione di crescita: esprime il suo massimo potenziale nella seconda generazione, ma non potrebbe esistere senza il sacrificio della prima. Ovviamente nel percorso verso la commozione, Minari le piccole soste le compie tutte. Lee Isaac Chung ha ben chiaro che il suo film esiste per commuovere e trova la sua chiave di lettura unicamente nella tenerezza.

Non ci sono armoniche e vibrati nella colonna sonora di Emile Mosseri, a dimostrazione che non è una storia di immigrati che si cerca di evocare, ma un racconto sull’infanzia costruito attraverso i ricordi che si hanno da adulti di quel periodo della propria esistenza. Il paesaggio sonoro Minari, in questo senso, è unico. I primi demo di piano e voce di Mosseri sono finiti nel film e ad essi sono stati aggiunti un sintetizzatore Korg degli anni ’80 e una chitarra acustica scordata. Combinando elementi organici con quelli sintetici, la musica crea un’instabilità che accompagna tutto il film e ne amplifica i momenti di conflitto. Le composizioni di Mosseri riescono a rivelare il vero senso del film anche quando questo, consapevolmente, cede all’industrializzazione cinematografica dei sentimenti.

Minari | il trailer del film

Nessuna recensione trovata! Inserire un identificatore per la recensione valido.

Continue Reading

CineComics

Justice League | la versione di Zack Snyder merita 4 ore del vostro tempo?

Published

on

Nella versione di Justice League del 2017 montata da Joss Whedon, la sequenza in cui Jason Momoa abbandona il villaggio in cui si era rifugiato per immergersi nelle profondità dell’oceano (quella che tutti hanno preso in giro per l’eccessiva somiglianza estetica con le pubblicità dei profumi) è accompagnata da Icky Thump dei White Stripes. Quella stessa scena, leggermente modificata, nella nuova versione estesa di Zack Snyder, è accompagnata da There is a Kingdom di Nick Cave: This day so sweet, it will never come again, so the world appears through this mist of tears.

Un cambiamento apparentemente insignificante che invece dice tutto. Joss Whedon aveva infilato nel film di Snyder non solo l’umorismo, ma soprattutto la gioia di essere supereroi, che è poi il tema principale di quasi tutta la produzione Marvel, che ruota proprio attorno all’eccitazione del potere e alla coolness di essere super. Nella visione di Zack Snyder non è mai bello né cool essere eroi. È una cosa faticosa, fondata sul sacrificio.

Justice League | la versione di Snyder

Il gioco di fare il paragone tra la Justice League (la versione passata al cinema) e la Snyder Cut è appassionante e ci sarà chi ci spenderà le ore, ma il punto è che i due film sono talmente diversi che si può godere di questa nuova versione allungata anche senza aver visto quella precedente. Sulle quattro ore totali di film, poco più di una sessantina di minuti sono effettivamente coincidenti con la versione del 2017: moltissimo è stato aggiunto e adesso tutta la trama ha (finalmente) un senso. Non solo quella che possiamo vedere oggi (su Sky Cinema) è esattamente la versione che aveva in mente Zack Snyder, ma è anche una versione senza compromessi, come testimonia la scelta del formato 4:3 (cioè non il solito formato orizzontale, ma quello quadrato del cinema classico).

I ricavi andranno tutti in beneficenza ad associazioni che contrastano il dilagante fenomeno del suicidio adolescenziale (e non a caso il film è dedicato ad Autmun, la figlia del regista che si è tolta la vita proprio durante la lavorazione della precedente versione).

Un film diverso

Snyder ha riempito il suo Justice League di tutta la roba che gli piaceva, esagerando, ma almeno lo ha fatto avendo bene in testa la storia che voleva raccontare e il modo per tenere sempre alta l’attenzione dello spettatore. Come tutti i film di supereroi con un cast così numeroso, anche questo soffre della necessità di dover dare spazio a tutti i personaggi, ma Snyder sa quando deve alzare il ritmo anche solo per cinque minuti e mettere in circolo dell’adrenalina per bilanciare un precedente (o successivo) momento poetico/riflessivo con colonna sonora eterea. In questo senso, Zack Snyder si riconferma il regista che già conoscevamo: uno senza il senso della misura e senza senso del ridicolo. Quindi, per farsi coinvolgere fino in fondo da Justice League, bisogna anche saper accettare qualche momento orgogliosamente kitsch (come la scena dolaniana con Song To The Siren dei This Mortal Coil in sottofondo, tutta colori freddi e slo-mo, in cui Flash si ferma a raccogliere una salsiccia che fluttua per aria). 

Prendersi il tempo che serve: i flashback

La nuova versione di Justice League non ci offre solo un breve accenno alle origini di Steppenwolf, magari recuperando alcuni momenti dell’antica battaglia che lo ha bandito e dopo la quale le “mother boxes” sono rimaste sulla Terra, ma ci porta indietro nel tempo, proprio nel bel mezzo di quella lotta, e senza alcuna fretta di tornare al presente. Questo tipo di viaggio nel passato accade più volte nel corso del film ed evidenzia una rinnovata enfasi sui flashback come mezzo per completare la storia e approfondire quelle motivazioni che erano state invece solamente abbozzate nella versione cinematografica. Ciò non sempre contribuisce a gettare una nuova luce sulle azioni dei protagonisti, ma è indispensabile a rendere credibile la vasta mitologia sulla quale si basano gli avvenimenti nel presente.

Questo emerge chiaramente nella sottotrama di Cyborg: il personaggio che aveva sicuramente ricevuto il trattamento peggiore nella precedente versione. Adesso i flashback dei suoi giorni di scuola come promessa del calcio, così come le sequenze che raccontano il legame con sua madre (e la relazione conflittuale con suo padre), rendono coerente il suo personale slancio eroico che culmina sul finale del film. Si tratta di un arco finalmente completo per un personaggio inizialmente relegato a cameo, che spiega non solo le sue tensioni emotive, ma che giustifica la sua presenza nella squadra della Justice League, rendendo evidente il motivo per cui Batman lo consideri una risorsa cruciale nella sua battaglia.

Una questione di sfumature

Il cambiamento immediatamente evidente nel combattimento finale tra la Justice League e Steppenwolf e il suo esercito di parademoni riguarda la color correction: ciò che prima si svolgeva durante il giorno, ora si svolge “con il favore delle tenebre”. La seconda riguarda il luogo: mentre prima il salvataggio dei civili innocenti catturati nelle vicinanze della base operativa di Steppenwolf era fondamentale per i protagonisti, nel rendering di Snyder la battaglia si svolge nel luogo di un precedente incidente nucleare, completamente privo di qualsiasi altra creatura senziente. Al di là di questo, la sequenza del lungo combattimento finale è forse una di quelle che meno sono state alterate rispetto al montaggio originale: nonostante ciò, proprio il cambio di tonalità e la differente location ce la rendono una scena completamente nuova. Accadono (più o meno) le stesse cose che abbiamo già visto, ma la nostra percezione delle stesse è totalmente differente.

Quello della Snyder Cut è un progetto totalmente assurdo e fuori dai canoni, che probabilmente esiste davvero solo perché il resto del cinema è fermo causa pandemia. Su quattro ore di girato ce ne sono almeno due che vanno senza dubbio tra le migliori cose mai girate da Snyder. Armatevi di coraggio e date una possibilità a questa versione: potrà non piacervi, ma difficilmente vi lascerà indifferenti.

Nessuna recensione trovata! Inserire un identificatore per la recensione valido.

Continue Reading

Recensioni

Yes Day | Su Netflix un eccezionale film per famiglie con Jennifer Garner

Published

on

Yes Day

Avete mai ventilato l’idea di organizzare uno Yes Day nella vostra vita?

Yes Day | La trama della nuova pellicola con Jennifer Garner

Nella nuova pellicola diretta da Miguel Arteta e disponibile su Netflix dal 12 marzo, Jennifer Garner ed Edgar Ramirez interpretano Allison e Carlos Torres. I due, finito il tempo in cui potevano vivere alla giornata e godersi ogni tipo di svago, sono ora alle prese con tre figli piuttosto vivaci.

Leggi anche: Oscar 2021 | tutte le nomination della 93esima edizione

Chiaro è che si trovano spesso costretti a dire NO, per evitare tragedie, ferimenti o quant’altro. Ma i ragazzi arrivano a percepire tuto ciò come una limitazione della loro libertà personale, e non lo tollerano più.

La responsabilità ricade però in gran parte sulla mamma, vista come una despota senza pietà. Ma sarà proprio lei a dare il via a una delle giornate più memorabili e divertenti di sempre.

Yes Day è tra i migliori film per famiglie in circolazione

Yes Day è evidentemente un prodotto per famiglie. Uno dei migliori in circolazione.

Dalla storia dei Torres si può prendere esempio, o semplicemente spunto, e rendersi conto nel frattempo delle difficoltà che caratterizzano i rapporti tra genitori e figli.

Ognuno ha i suoi tempi, ed è cosa risaputa quanto delicata sia l’adolescenza, piena com’è di stimoli, aspettative, necessità. Il personaggio di Jenna Ortega (Jane the Virgin) – che interpreta la maggiore dei tre, Katie – è quindi in qualche modo il catalizzatore delle vicende.

Julian Lernere e Jenna Ortega in una scena del film

Il suo legame con la mamma appare preferenziale, profondo e conflittuale. Il desiderio di libertà della ragazza si scontra inevitabilmente con l’atteggiamento protettivo dell’adulta. Eppure è un percorso naturale, comune, costellato di ostacoli, ma che deve essere affrontato, con cautela e intelligenza.

Eccezionali i contributi tra stile e scrittura

Le dinamiche familiari sono perciò al centro della pellicola, arricchita nella sua interezza da una serie di elementi e contributi stilistici a dir poco eccezionali.

Prima di tutto la tavolozza di colori a disposizione dei creatori immerge gli spettatori in un vero e proprio salto al Luna Park – simbolico e reale, narrativamente parlando. L’energia che ne viene fuori cattura, conquista, travolge. Sia i costumi che gli oggetti di scena rispecchiano questo spirito gioviale.

La famiglia Torres al completo

Similmente lavora la scrittura che ne costituisce lo scheletro portante, basata sull’omonimo romanzo per bambini, scritto da Amy Krouse Rosenthal e Tom Lichtenheld.

Reduce dall’esperienza con 2 gran figli di… (2017), lo sceneggiatore Justin Malen torna a parlare di fratelli, seppur in un differente contesto, e l’affiatamento tra i tre giovani protagonisti (oltre alla Ortega, ci sono Julian Lerner ed Everly Carganilla) lo aiuta a rendere la giusta familiarità.

Jennifer Garner sceglie bene i suoi progetti

Yes Day si eleva così rispetto alla media del genere, intrattenendo per i suoi 90 minuti nella maniera più genuina e brillante possibile.

Leggi anche: 10 attori televisivi che hanno sposato i loro co-protagonisti

Merito anche dell’apporto della Garner, presente anche in veste di produttrice. L’artista originaria di Houston ha un occhio particolare nello scegliere i progetti, e questo ne è uno dei migliori esempi.

La sua Allison è una mamma infaticabile, severa ma comprensiva, capace di lasciarsi coinvolgere pur restando vigile. Ed è molto divertente osservarla mentre fa le stesse acrobazie della sua Elektra.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari