Connettiti a NewsCinema!

Horror Mania

Scappa – Get out, la recensione dell’horror acclamato in America

Pubblicato

:

A comparire sul grande schermo è il nome della Blumhouse, la casa di produzione a cui si devono alcuni degli horror più iconici di questa decade, ma a vedere Scappa – Get out non si può non pensare ad una “house” diversa, quella grindhouse che negli anni ’70 era il simbolo del cinema di serie b. Il primo lungometraggio da regista del comico statunitense Jordan Peele (noto per i lavori in coppia con Keegan-Michael Key) sembra provenire proprio da quella blaxploitation da cui nacquero fenomeni come Blacula.

“Ma loro lo sanno che sono nero?”. Dalla domanda che Chris (Daniel Kaluuya) pone alla sua compagna Rose (Allison Williams), che ha deciso di presentarlo ai genitori nella loro villa di campagna, prende il via questo gioiello di tensione. Scappa – Get out comincia con la trovata più pigra che si possa immaginare, la scena di un incidente causato da un cervo, per diventare dopo poco una strana creatura che gioca nel campo del grottesco e della satira sociale. Jordan Peele viene dal mondo della commedia, quella americana del non sense e dello humor demenziale, e ciò spiega la sadica e feroce ironia che permea ogni linea di dialogo.

Scena dal film Scappa – Get Out

L’ipocrita borghesia americana

La forza di Scappa – Get out è quella di fare leva sugli stereotipi più beceri (anche questi retaggio di un certo di tipo di cinema), come quelli sulle presunte doti sessuali degli uomini di colore, per mettere in scena in maniera esagerata e caricaturale il razzismo che quotidianamente emerge dalle battute velenose e dalle considerazioni inopportune che ci capita di ascoltare per strada. Ma a tutte queste osservazioni non richieste e spesso volgari Chris replica con un educato sorriso, perché abituato alla discriminazione di una società non così diversa da quel covo di matti in cui è precipitato.

Il regista statunitense riesce a coniugare la critica più aspra nei confronti della borghesia americana falsamente ipocrita, quella che “vorrebbe rivoltare per la terza volta Obama” ma che cede alla convenienza personale, con le classiche atmosfere da b-movie. Peele non cerca di smussare gli spigoli o di edulcorare la narrazione, e segue con tenacia una chiara idea di cinema di genere.

Una versione thriller-horror di Indovina chi viene a Cena

Lo scorso anno ad indagare su ciò che si nasconde nelle pieghe delle convenzioni sociali era stato Karyn Kusama con il suo The Invitation, in cui una banale serata tra amici si trasformava in qualcosa di più misterioso. Ma pare anche di rivedere una scena presa di peso da It Follows di Robert Mitchell, quando il giardiniere Walter comincia a correre verso lo spaventato Chris durante il suo “allenamento” notturno. Persino le trovate visive di Under the skin sono riprese in questo lavoro ancorato ad un passato che è stato di Gordon e Yuzna ma sempre attento al presente del genere.

Questo moderno Indovina chi viene a cena ? è un horror che non ha paura di sporcarsi le mani, pur mantenendo quella lucida sagacia propria di chi proviene dalla commedia americana fuori dai binari delle produzioni canoniche. Scappa – Get out è una di quelle preziose mosche bianche che ci ricordano di tanto in tanto che il cinema di genere si può ancora fare, anche in territori che non sono quelli del citazionismo esasperato e dei grandi franchise commerciali.

Studente presso la facoltà di Medicina e chirurgia dell'Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Autore di diversi articoli pubblicati su mensili locali quali Bisceglie in Diretta e Il Biscegliese e siti d’informazione online locali e non. Ha collaborato con siti di informazione videoludica, come GameBack, GamesArmy e gamempire.it. Attualmente è redattore di Bisceglie24 e gestisce il blog cinematografico Strangerthancinema.it.

Continua a leggere
Clicca per commentare

Lascia qui il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Cam, la recensione dell’horror Netflix sulle cam-girls

Pubblicato

:

Cam film

Cam, il nuovo horror targato Netflix e diretto da Daniel Goldhaber, comincia con una sequenza che da sola riesce a spiegare il senso del film e a costruire un personaggio, quello della giovane cam-girl Lola, con pochissimi gesti. Il finto suicidio che apre il film, infatti, ci conduce in un mondo di apparenze, in cui è necessario simulare (e dissimulare) per arrivare in cima alla classifica delle ragazze più “brave” nel proprio lavoro. E il fatto che Lola arrivi ad inscenare un suicidio pur di compiacere i propri “followers” ci fa capire fin dall’inizio la dedizione che lei ripone nella propria attività.

Una dedizione per raggiungere la perfezione ed il successo in ciò che si fa che non è così diversa da quella che altri professionisti devono dimostrare di possedere per eccellere nel loro campo. È tutta qui la vera intuizione del film: usare il proprio setting in chiave metacinematografica, per cui la relazione che vi è fra gli show erotici della cam-girl e i seguaci che li guardano è la stessa che c’è fra il film e i suoi spettatori. L’eccitazione nell’aspettare qualcosa, la goduria nel vederlo arrivare.

Cam: il mondo delle cam-girls

Il fatto che il film sia poi scritto da Isa Mazzei, una ex cam-girl, lo rende ancora più accurato nella descrizione che fa delle relazioni fra queste ragazze, che sembrano essere amiche solo superficialmente, perché invece disposte ad usare i mezzi più squallidi per guadagnare qualche posizione su di loro nella classifica. Se quindi Cam indugia su aspetti marginali a quelli orrorifici, arrivando persino a criticare l’indifferenza delle forze dell’ordine rispetto ai crimini che vengono commessi su internet, non luogo in cui non sembrano valere le leggi di quello reale, il film non è altrettanto efficace nell’approfondire la sua stessa mitologia. L’indagine su chi (o cosa) si nasconde dietro la misteriosa sosia della protagonista sarà derubricata frettolosamente, senza prendersi il gusto di dettagliare quello che invece dovrebbe essere l’elemento centrale del film. 

Questo horror che parla di relazioni online, di problemi che riguardano la propria dimensione virtuale, diventa paradossalmente efficace quando l’orrore si fa carnale, cioè quando la protagonista è fisicamente in pericolo. E noi, da bravi guardoni (spettatori), nella febbrile attesa di scoprire cosa succederà. 

Cam: odio ed eccitazione

Ciò che riesce meglio al film è la descrizione di un personaggio che da star diviene spettatore: Lola, ad un certo punto, sembrerà quasi sviluppare un senso di forte eccitazione nei confronti della sua sosia, arrivando a spendere token per scoprire fino a dove è disposta a spingersi in live (proprio come con lei facevano i suoi fan).

Alla fine Cam, come tutti i prodotti Blumhouse, che sono perfettamente confezionati per essere accattivanti anche quando non eccellono in inventiva o qualità tecnica, riesce in quello che forse era il suo vero scopo (parlare del furto di identità su internet e della poca attenzione che viene riservata ad una denuncia di chi è stato vittima di abuso online) senza prendere la strada più facile, ovvero quella di impartire a chi guarda una lezione morale sull’opportunità o meno di svolgere un determinato tipo di lavoro. Ciò che succede a Lola potrebbe succedere a chiunque: non si tratta di una punizione per la dissolutezza della ragazza (il finale è chiarificatore in questo senso) ma di un problema (quello della sicurezza) che appartiene alla piattaforma che si sta utilizzando, indipendentemente dai motivi per i quali lo si sta facendo. 

Review 0
3.5 Punteggio
Pro
Gusto metacinematografico, analisi non banale del mondo virtuale
Contro
Mitologia poco approfondita, non tutto il cast è all'altezza
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Continua a leggere

Backstage e Curiosità

Suspiria, un nuovo video mostra gli effetti speciali più scioccanti

Pubblicato

:

make up Suspiria

Suspiria di Luca Guadagnino è ricco di effetti di trucco memorabili (spesso macabri). Amazon ha rilasciato una nuova featurette dedicata all’esplorazione delle tecniche utilizzate nel film per creare un make-up con effetti speciali dall’aspetto autentico.

Nel video qui sopra l’artista di protesi Mark Coulier mostra alcuni dei momenti più divertenti e curiosi del make-up di Suspiria. In particolare esplora una delle scene più orribili del film, quando Elena Fokina, la ballerina Olga Ivanova, ha il corpo attorcigliato come un pretzel, lacerandosi la pelle e spezzandosi le ossa. Per creare questo momento Coulier e il suo team hanno creato una protesi che sembra una mascella rotta, una protesi al torace con ossa sporgenti appena sotto la pelle, e un intero braccio protesico che gira intorno al collo dell’attrice (il suo vero il braccio è coperto da una custodia verde). Lo stesso è stato fatto con una delle sue gambe.

Il resto del video si concentra sui molti sanguinosi effetti in cui vari personaggi incontrano destini spiacevoli. Oltre a tutto questo, Coulier parla degli effetti del trucco usati per trasformare Tilda Swinton nell’antica strega che si vede alla fine del film. Non si fa menzione del trucco usato per creare uno degli altri tre personaggi che Swinton interpreta, come il Dr. Josef Klemperer.  Suspiria edizione limitataCome regalo di Natale vi consigliamo questo.

 

Continua a leggere

Cinema

Brightburn, il trailer del Superman horror di James Gunn

Pubblicato

:

brightburn

Per molti mesi abbiamo sentito parlare del casting di un nuovo film horror di James Gunn ancora senza titolo, prodotto da Sony Pictures e Screen Gems. Ora lo studio ha rivelato il primo trailer del film ufficialmente intitolato BrightBurn. Se un bambino di un altro mondo si fosse schiantato sulla Terra, ma invece di diventare un eroe per l’umanità, avesse dimostrato di essere qualcosa di molto più sinistro? Con Brightburn, il filmmaker visionario di Guardians of the Galaxy e Slither presenta una sorprendente e sovversiva interpretazione di un genere radicalmente nuovo: il supereroe horror.

BrightBurn è diretto da David Yarovesky (The Hive) e scritto da Mark Gunn e Brian Gunn. Elizabeth Banks è al fianco di David Denman, Jackson A. Dunn (Shameless), Matt Jones e Meredith Hagner (Younger, Set it Up). James Gunn produce, con i produttori esecutivi Mark Gunn, Brian Gunn, Dan Clifton, Simon Hatt e Nic Crawley. All’inizio di quest’anno, The H Collective ha stipulato un accordo con la Sony Pictures Worldwide Acquisitions (SPWA) per distribuire e commercializzare film a livello globale. “Siamo orgogliosi di presentare questo trailer prima ai fan! È ancora più emozionante perchè celebriamo anche il primo anniversario di The H Collective“, ha dichiarato il CEO di The H Collective, Nic Crawley.

The H Collective, lanciato a ottobre 2017, è una società globale di finanza, produzione, marketing e distribuzione cinematografica che produce e finanzia una gamma diversificata di film di alta qualità tra cui horror, action comedy e franchise IP. La H Collective ha recentemente acquisito la franchigia xXx con One Race Films di Vin Diesel e è in pre-produzione nella quarta puntata del franchise.

Continua a leggere
Pubblicità

Facebook

Recensioni

Nuvola dei Tag

Film in uscita

Dicembre, 2018

20Dic00:00Il ritorno di Mary PoppinsTitolo originale: Mary Poppins Returns

20Dic00:00Cold War

20Dic00:00Ben is Back

20Dic00:00Bumblebee

20Dic00:00The Old Man & the Gun

20Dic00:007 uomini a molloTitolo originale: Le Grand Bain

20Dic00:00Amici come prima

Film in uscita Mese Prossimo

Gennaio

Nessun Film

Pubblicità

Popolari

X