Connect with us

Horror Mania

Scappa – Get out, la recensione dell’horror acclamato in America

Published

on

A comparire sul grande schermo è il nome della Blumhouse, la casa di produzione a cui si devono alcuni degli horror più iconici di questa decade, ma a vedere Scappa – Get out non si può non pensare ad una “house” diversa, quella grindhouse che negli anni ’70 era il simbolo del cinema di serie b. Il primo lungometraggio da regista del comico statunitense Jordan Peele (noto per i lavori in coppia con Keegan-Michael Key) sembra provenire proprio da quella blaxploitation da cui nacquero fenomeni come Blacula.

“Ma loro lo sanno che sono nero?”. Dalla domanda che Chris (Daniel Kaluuya) pone alla sua compagna Rose (Allison Williams), che ha deciso di presentarlo ai genitori nella loro villa di campagna, prende il via questo gioiello di tensione. Scappa – Get out comincia con la trovata più pigra che si possa immaginare, la scena di un incidente causato da un cervo, per diventare dopo poco una strana creatura che gioca nel campo del grottesco e della satira sociale. Jordan Peele viene dal mondo della commedia, quella americana del non sense e dello humor demenziale, e ciò spiega la sadica e feroce ironia che permea ogni linea di dialogo.

Scena dal film Scappa – Get Out

L’ipocrita borghesia americana

La forza di Scappa – Get out è quella di fare leva sugli stereotipi più beceri (anche questi retaggio di un certo di tipo di cinema), come quelli sulle presunte doti sessuali degli uomini di colore, per mettere in scena in maniera esagerata e caricaturale il razzismo che quotidianamente emerge dalle battute velenose e dalle considerazioni inopportune che ci capita di ascoltare per strada. Ma a tutte queste osservazioni non richieste e spesso volgari Chris replica con un educato sorriso, perché abituato alla discriminazione di una società non così diversa da quel covo di matti in cui è precipitato.

Il regista statunitense riesce a coniugare la critica più aspra nei confronti della borghesia americana falsamente ipocrita, quella che “vorrebbe rivoltare per la terza volta Obama” ma che cede alla convenienza personale, con le classiche atmosfere da b-movie. Peele non cerca di smussare gli spigoli o di edulcorare la narrazione, e segue con tenacia una chiara idea di cinema di genere.

Una versione thriller-horror di Indovina chi viene a Cena

Lo scorso anno ad indagare su ciò che si nasconde nelle pieghe delle convenzioni sociali era stato Karyn Kusama con il suo The Invitation, in cui una banale serata tra amici si trasformava in qualcosa di più misterioso. Ma pare anche di rivedere una scena presa di peso da It Follows di Robert Mitchell, quando il giardiniere Walter comincia a correre verso lo spaventato Chris durante il suo “allenamento” notturno. Persino le trovate visive di Under the skin sono riprese in questo lavoro ancorato ad un passato che è stato di Gordon e Yuzna ma sempre attento al presente del genere.

Questo moderno Indovina chi viene a cena ? è un horror che non ha paura di sporcarsi le mani, pur mantenendo quella lucida sagacia propria di chi proviene dalla commedia americana fuori dai binari delle produzioni canoniche. Scappa – Get out è una di quelle preziose mosche bianche che ci ricordano di tanto in tanto che il cinema di genere si può ancora fare, anche in territori che non sono quelli del citazionismo esasperato e dei grandi franchise commerciali.

Giornalista cinematografico. Fondatore del blog Stranger Than Cinema e conduttore di “HOBO - A wandering podcast about cinema”.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cinema

Scream | il quinto capitolo della saga trova l’idea giusta per rivitalizzare il franchise

Published

on

Scream | il quinto capitolo della saga trova l’idea giusta per rivitalizzare il franchise
3.5 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Da sempre, uno degli elementi fondamentali della saga di Scream (e del suo successo), alla pari della maschera di Ghostface e della ricorrente ambientazione cittadina, è il dialogo che i film hanno con la storia del loro genere di riferimento e con i capitoli precedenti del franchise. È infatti già dal primo sequel del 1997 che fu introdotta Stab (all’epoca Squartati): una serie di film nel film ispirati dagli eventi narrati nello Scream originale. Uno stratagemma narrativo (in parte ripreso nel nuovo Matrix: Resurrections, in cui Keanu Reeves è uno sviluppatore di videogiochi tratti da ciò che è stato raccontato nei tre film precedenti) che nel corso degli anni è servito per commentare la saga stessa dall’interno e riflettere con ironia sulle più recenti tendenze dell’industria cinematografica americana.

Quello che accadeva alla saga Stab (che esiste solo nella finzione cinematografica) era quello che accadeva alla saga di Scream. È su questo concetto che si basa anche questo quinto capitolo, che arriva a dieci anni di distanza dall’ultimo e che più di tutti gli altri vuole parlare di fandom, di come le saghe cinematografiche siano oggi ostaggio dei propri fan, che pretendono di imporre le proprie scelte a produzioni sempre più dipendenti dal feedback immediato degli appassionati.

Scream | il quinto capitolo prende in giro il fandom

Scream (che riprende il titolo originale, senza numero) è un film che si rivolge ad una generazione di spettatori ormai già abituata ad un contesto cinematografico in cui gli horror fatti in serie (prima la stragrande maggioranza) sono sempre più minoritari. Sono spettatori che guardano i film della A24, che apprezzano “l’horror sofisticato” di Hereditary o Babadook, e che Scream, esponente del vecchio mondo degli slasher e dei coltelli insanguinati, deve necessariamente cercare di coinvolgere. I personaggi del film sono consapevoli di come i fan oggi, attraverso proteste online e tentativi di boicottaggio, possano obbligare le produzioni a seguire le loro idee, stabilendo quali storie debbano essere raccontate, quali tra i vecchi personaggi debbano tornare nei nuovi episodi, e rivendicando sempre una sostanziale continuità con la saga che hanno amato e che considerano inviolabile.

E ne sono consapevoli anche Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett, i due registi di questo quinto capitolo, approdati alla saga dopo aver diretto l’ottimo Ready or Not, e gli sceneggiatori James Vanderbilt e Guy Busick, che in passato hanno lavorato, a vario titolo, a remake di cult intoccabili (Total Recall e RoboCop) e a sequel impossibili (Independence Day – Rigenerazione), cimentandosi con il fandom più accanito, quello dei cinecomics, con i due sfortunati film di The Amazing Spider-Man. Il curriculum perfetto per lavorare a Scream con cognizione di causa.

E infatti la forza di questo nuovo capitolo sta nell’aver capito che la nostalgia che gli appassionati cercano non è tanto nella trama raccontata, ma nei luoghi, negli oggetti, nei volti dei protagonisti. Questo Scream ha insomma capito molto bene che la nostalgia al cinema funziona attraverso deja-vu ed evocazioni.

Un horror di ottima fattura

A differenza del precedentemente citato Matrix: Resurrections, che ha cercato in ogni modo di ribadire la propria inutilità di sequel proponendo coscientemente la stanca reiterazione di idee passate (una delle operazioni più punk e sovversive degli ultimi anni), questo nuovo Scream è un film che vuole divertire lo spettatore e non cerca di allontanarlo.

L’abilità tecnica dei suoi due registi è sfruttata quindi per mettere paura e creare scene di tensione che funzionino. Come sempre, mentre i personaggi discutono e riflettono su come si possa realizzare un film horror, lo spettatore vede la conseguenza pratica di quelle teorie applicate al cinema, ascolta le regole che vengono elencate dai personaggi e poi ne può immediatamente giudicare la bontà nel momento in cui queste vengono seguite alla lettera dal film che sta guardando. È grazie a questa attenzione al “meccanismo” che una sceneggiatura non proprio impeccabile, in cui i personaggi fanno scelte e prendono decisioni non sempre ragionevoli, riesce a coinvolgere il pubblico in un’operazione nostalgia che non risulta mai troppo forzata.

Continue Reading

Cinema

Scream 5: il primo trailer ufficiale! | Ghostface è tornato!

Published

on

E’ uscito finalmente il primissimo trailer ufficiale di Scream 5 e qui sotto potete vederlo in versione originale o doppiato in italiano.

Scream 5: la sinossi ufficiale

Venticinque anni dopo la serie di efferati e crudeli omicidi che sconvolse la tranquilla cittadina di Woodsboro, un nuovo assassino con la maschera di Ghostface prende di mira un gruppo di adolescenti, facendo ripiombare la città nel terrore e riaffiorare le paure di un passato che sembrava ormai sepolto.

Neve Campbell (“Sidney Prescott”), Courteney Cox (“Gale Weathers”) e David Arquette (“Dewey Riley”) tornano a interpretare i loro ruoli iconici in Scream insieme a Melissa Barrera, Kyle Gallner, Mason Gooding, Mikey Madison, Dylan Minnette, Jenna Ortega, Jack Quaid, Marley Shelton, Jasmin Savoy Brown e Sonia Ammar.

Diretto da Matt Bettinelli-Olpin & Tyler Gillett, Scream 5 è distribuito in Italia da Eagle Pictures e arriverà al cinema nel 2022.

Qui sotto se siete curiosi anche la trailer reaction di MADROG CINEMA.

Continue Reading

Cinema

Venezia 78: Last Night in Soho, la recensione del film

Published

on

A Venezia 78 abbiamo avuto l’occasione di vedere in anteprima Last Night in Soho, il nuovo film di Edgar Wright con Anya Taylor Joy, Matt Smith e Thomasin McKenzie. Qui di seguito la video recensione di Lorenzo e Letizia in diretta dal festival.

Last Night In Soho (L’Ultima Notte a Soho) è un thriller psicologico con scene oniriche accompagnate in maniera travolgente e geniale da una colonna sonora vibrante e coinvolgente scelta con cura. Un’inattesa rivisitazione del lato oscuro della swinging London degli anni 60′.

Last Night in Soho uscirà nelle sale italiane il 4 novembre e segue le vicende di una giovane ragazza, appassionata di moda, che misteriosamente scopre il modo di trovarsi negli anni ’60, dove si imbatte nel proprio idolo, un’affascinante cantante che spera di sfondare. Ma Londra negli anni 60′ non è sempre come appare e le cose sembrano andare a rotoli con delle conseguenze.

Un incubo a occhi aperti che regala inquadrature ipnotiche e glamour. Dopo Baby Driver Wright si conferma un regista interessante e curioso che sa come catturare l’attenzione dello spettatore.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari