Connect with us
serenity serenity

Cinema

Serenity, Matthew McConaughey tra oceano e inganni

Published

on

Lasciatosi alle spalle un passato burrascoso segnato dagli orrori della guerra in Iraq e da tragiche vicende famigliari, Baker Dill (un prestante Matthew McConaughey tutto mare e muscoli) vive nell’isola tropicale di Plymouth, al largo della Florida, e trascorre gran parte della sua esistenza a bordo dell’imbarcazione Serenity, ancorato al sogno (forse più ossessione) di catturare il tonno della sua vita, ribattezzato Justice. Ma le sue battute di pesca sembrano essere costantemente infruttuose, almeno da quel punto di vista, e così Baker sbarca a malapena il lunario portando a pesca turisti facoltosi e racimolando qualche banconota dalla sua matura e generosa amante Constance (Diane Lane). Dunque, una vita che scorre placida tra le albe trascorse in mare, gli acquisti al negozio di pesca locale, e i saltuari incontri amorosi. Ma se nulla sembra turbare una quiete proiettata nell’obiettivo di quel pesce da catturare, poi un giorno riappare dal nulla sull’isola l’ex moglie di Baker (Karen – Anne Hathaway) con una richiesta d’aiuto per sé e per il (loro) figlio a dir poco “azzardata”. Trascinato tra una marea e l’altra, tra un’onda e l’altra, tra passato e presente, realtà e finzione, a quel punto l’uomo dovrà fare chiarezza sulla propria esistenza e capire quali sono davvero gli obiettivi che può e deve raggiungere.

serenity film

Steven Knight (sceneggiatore di successo di titoli come La promessa dell’assassino, e già regista di Redemption e del notevolissimo thriller claustrofobico Locke) torna alla regia con la sua opera terza dal titolo Serenity, una sorta di noir sospeso tra la location di un’isola paradisiaca, gli orrori di un passato tutto da elaborare, e degli sviluppi narrativi  inscritti nell’idea di un machiavellico videogioco da portare a termine. Un’idea di commistione tutto sommato interessante che non trova però il suo giusto sviluppo, e che si arena ben presto nella eccessiva diversificazione di stili, generi, idee e registri che servono lo script (spesso confusionario e fuori fuoco) del film. All’interno di una location da favola e di una serie di ossessioni che animano tutti i protagonisti (il pesce da acciuffare, il gatto da trovare, il marito di cui disfarsi) Knight cerca infatti la chiave dell’inganno e la componente video ludica dell’opera, tralasciando però quasi del tutto la caratterizzazione dei suoi personaggi, che diventano ben presto macchiette con un’identificazione fortemente corporea (il muscoloso Baker, la sensuale Constance, la biondissima e fatale Karen, il tronfio marito di lei) e quasi per nulla psicologica.

sere

Nel tentativo, forse, di riprodurre una società priva della sua componente razionale e indirizzata dunque verso una serie di eventi privi del classico schema di causa effetto (e affini a una modalità quasi autistica comparabile a un videogioco), Knight realizza da un lato un film strano, etereo e inusuale, ma dall’altra anche un prodotto dalla fruibilità davvero scarsa, dove la congerie di elementi troppo vari e staccati tra loro non permette alcun processo di epatizzazione con la storia, e dove a conti fatti il peso specifico visivo del film è di gran lunga maggiore di quello dei contenuti. Lo sceneggiatore di successo Steven Knight (La promessa dell’assassino) porta al cinema la sua opera terza dal titolo Serenity. Un thriller dall’ambientazione tutta marina che trova e riproduce nell’immagine di un Matthew McConaughey molto fisico e prestante l’audacia, la perseveranza e la caratura di Un vecchio e il mare decisamente più giovane e sui generis. Ma è in quell’immagine quasi autoconclusiva che si genera e si chiude tutto l’appeal di un film che, visti l’idea e il cast a disposizione, poteva sicuramente puntare a essere qualcosa di concretamente più lucido e interessante, e che resta invece una mare magnum confuso di idee e suggestioni in bilico tra realtà e fantasia, inganno e proiezione.

In me la passione per il cinema non è stata fulminea, ma è cresciuta nel tempo, diventando però da un certo punto in poi una compagna di viaggio a dir poco irrinunciabile. Harry ti presento Sally e Quattro matrimoni e un funerale sono da sempre i miei due capisaldi in fatto di cinema (lato commedia), anche se poi – crescendo e “maturando” – mi sono avvicinata sempre di più e con più convinzione al cinema d’autore cosiddetto di “nicchia”, tanto che oggi scalpito letteralmente nell’attesa di vedere ai Festival (toglietemi tutto ma non il mio Cannes) un nuovo film francese, russo, rumeno, iraniano, turco… Lo so, non sono proprio gusti adatti ad ogni palato, ma con il tempo (diciamo pure vecchiaia) si impara anche ad amare il fatto di poter essere una voce fuori dal coro...

Cinema

The Batman | utilizzata la stesssa tecnologia per la serie The Mandalorian

Published

on

robert pattinson the batman newscinema compressed

La Warner Bros. attualmente è occupata in Inghilterra per le riprese del film The Batman. Fin qui nulla di sconvolgente, visto che il set è stato bloccato ultimamente a causa della positività al coronavirus proprio del protagonista, Robert Pattinson. La notizia che invece sta attirando attenzione, riguarda un aspetto tecnico. A quanto pare, il regista sta utilizzando delle tecniche di produzione virtuale per alcune scene selezionate del film sull’ Uomo Pipistrello.

Rob Bredow, chief creative officer di Industrial Light & Magic, ha rivelato questa chicca, lunedì durante una sessione in primo piano degli effetti visivi e delle animazioni di Virtual VIEW di quest’anno.

In cosa consiste questa tecnologia?

La produzione virtuale – un termine generalmente utilizzato per descrivere le tecniche che consentono la produzione di effetti visivi in ​​tempo reale – è cresciuta costantemente in popolarità, in particolare con gli usi di Jon Favreau in film come Il Re Leone e serie come The Mandalorian .

Per la prima stagione di The Mandalorian , ILM ha lavorato con Favreau per configurare il suo sistema utilizzando un LED wall pilotato dal motore di gioco in tempo reale Unreal. All’inizio di quest’anno, la società VFX ha lanciato “StageCraft”, un’unità di produzione virtuale costruita attorno alla tecnica mandaloriana .

Bredow ha rifiutato di lavorare nei dettagli su The Batman , dicendo solo che il team di progettazione della produzione aveva dei set pratici precostruiti nel Regno Unito e un LED wall costruito attorno a questi set, per consentire l’uso della produzione virtuale in quelle scene specifiche. Ha aggiunto che questo significava che il team ILM avrebbe potuto continuare a collaborare con Batman DP Greig Fraser , che ha recentemente vinto un Emmy per The Mandalorian e ha anche girato Rogue One: A Star Wars Story .

Leggi anche: The Batman | cosa abbiamo scoperto dopo aver visto il primo trailer?

batman newscinema

Leggi anche: The Batman | Il primo teaser trailer con Robert Pattinson

The Batman come The Mandalorian

Il set LED StageCraft di ILM ai Manhattan Beach Studios è stato nuovamente utilizzato per la seconda stagione di The Mandalorian , che debutterà il 30 ottobre su Disney +. Lo stesso Bredow ha riferito che l’uso delle tecniche di produzione virtuale è stato più complesso per la prossima stagione, rispetto alla prima.

Come riportato in precedenza, una fase di produzione virtuale di StageCraft sarà disponibile anche presso i Fox Studios Australia, dove verrà utilizzata durante la produzione di Thor: Love and Thunder diretto da Taika Waititi della Marvel . Waititi aveva già utilizzato la produzione virtuale nella direzione dell’episodio finale della prima stagione di The Mandalorian .

ILM fornisce inoltre configurazioni di produzione virtuale “pop-up”, come ha fatto di recente per il film di fantascienza Netflix, The Midnight Sky , diretto e interpretato da George Clooney, “per creare un luogo che sarebbe molto difficile da raggiungere”, secondo Bredow. Un altro volume StageCraft è in fase di assemblaggio presso i Pinewood Studios di Londra, che dovrebbe aprire il prossimo febbraio.

Durante la sessione, Bredow ha suggerito che “il Santo Graal è che l’intero flusso di lavoro può andare in tempo reale, con meno tempo di attesa per l’elaborazione dei computer”. Ha aggiunto che aziende come ILM ed Epic Games (produttore dell’Unreal Engine) stanno facendo “grandi investimenti” in tale sviluppo. La conferenza virtuale VIEW durerà fino a venerdì.

The Batman del regista Matt Reeves e interpretato da Robert Pattinson uscirà nelle sale cinematografiche di tutto il mondo il 4 marzo 2022.

Continue Reading

Cinema

Jeff Bridges annuncia sui social: “Ho un tumore”

Published

on

201019 jeff bridges 2018 ac 844p 29af0fda59b39f2d34d4f19036805691 2

Il leggendario attore statunitense Jeff Bridges, oggi settantenne, ha affidato a Twitter un annuncio che ha lasciato sgomenti milioni di fan. 

L’annuncio di Jeff Bridges 

“Ho un linfoma”. Così Jeff Bridges ha dato la notizia della malattia con un tweet, in cui ha scritto che, anche se la malattia è grave, si sente fortunato “ad avere una grande squadra di medici” ad assisterlo e che la prognosi di guarigione è buona. L’attacco del tweet fa riferimento ad una celebre frase di “the Dude”, ovvero il Drugo del film Il grande Lebowski, interpretato da Bridges nel 1998 e considerato uno dei suoi personaggi più riusciti. L’attore, che ha vinto il premio Oscar nel 2010 per la sua interpretazione nel film Crazy Heart, ha detto che sta iniziando le cure e che terrà aggiornati i suoi fan sulle sue condizioni di salute.

Stile inconfondibile

In un secondo tweet Bridges ha poi detto di sentirsi “profondamente grato per l’amore e il sostegno” della sua famiglia e dei suoi amici. Ha ringraziato tutti per le loro preghiere e ha approfittato per invitare i suoi follower statunitensi ad andare a votare alle prossime elezioni presidenziali del 3 novembre, condividendo anche il link attraverso il quale registrarsi per poter votare.

Continue Reading

Cinema

Static Shock | Michael B. Jordan produrrà il film alla DC & WB

Published

on

jordan michael b newscinema compressed

Dopo aver inizialmente annunciato il progetto durante l’evento DC Fandome nel mese di agosto, DC e Warner Bros hanno deciso di unire le loro forze per il film Static Shock puntando sul candidato agli Emmy Michael B. Jordan come produttore. Come riportato da The Hollywood Reporter, ormai l’accordo sembra essersi perfezionato con una bella firma di Jordan sul contratto.

Le dichiarazioni di Michael B. Jordan

“ Sono orgoglioso di essere parte della costruzione di un nuovo universo incentrato sui supereroi neri; la nostra comunità lo merita ” , ha detto Michael B. Jordan in una dichiarazione. “Outlier Society si impegna a dare vita a diversi contenuti di fumetti su tutte le piattaforme e siamo entusiasti di collaborare con Reggie e Warner Bros in questo primo passo.”

Jordan, che produrrà tramite il suo banner Outlier Society con sede alla Warner Bros, si unisce al candidato agli Emmy, agli Oscar e ai Golden Globe Reginald Hudlin nel progetto, che in precedenza aveva annunciato il suo sviluppo in studio ad agosto. Jordan’s Outlier sarà il principale responsabile creativo del film, con il grande fan dei fumetti Jordan che avrà l’opportunità di aiutare a sviluppare un franchise potenzialmente multipiattaforma attorno al supereroe DC Comics preferito.

Leggi anche: Senza rimorso, il teaser trailer con Michael B. Jordan

michaelb compressed compressed

Leggi anche: Michael B. Jordan e Denzel Washington nel film “Journal for Jordan”

Le origini di Static Shock

Static, alter ego Virgil Hawkins, ha fatto il suo debutto nell’omonimo fumetto omonimo nel 1993 dall’ormai defunto Milestone Comics, un editore fondato da scrittori e artisti neri che cercarono di creare uno spazio più inclusivo. In seguito ha trovato una celebrità più grande attraverso la serie animata Static Shock su Kids ‘WB, in cui è stato doppiato da Phil LaMarr e ha seguito la storia dell’adolescente protagonista che si trasforma in un supereroe dopo essere stato esposto a uno strano gas e ha ottenuto poteri elettromagnetici. Solo nel 2008 è riuscito a entrare dalla porta principale della DC Comics.

Oltre ad annunciare lo sviluppo del film all’evento, Hudlin ha rivelato al DC FanDome che l’editore di fumetti avrebbe rilanciato Milestone con lui ora partner dell’etichetta e al centro di tutto e che sta sviluppando un nuovo Static Shock digital fumetto che debutterà nel febbraio 2021, così come una graphic novel di Hudlin con disegni di Kyle Baker, anche se non è stata fissata una data di uscita per questo.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari