Connect with us

Serie tv

The Walking Dead, 7 cose che la serie dovrebbe smettere di fare

Published

on

Tra amore o odio The Walking Dead, la serie AMC, è diventata uno degli spettacoli più visti in televisione, e non mostra segni di cedimento in termini di share. Sulla base dei fumetti di Robert Kirkman, The Walking Dead ha avuto i suoi alti e bassi, e come ogni show televisivo che dura per più di due stagioni, ha bisogno di una nuova e fresca direzione ogni tanto per mantenere il pubblico sveglio e non annoiato. Ma il web ha certamente espresso qualche preoccupazione per alcuni aspetti che riguardano le ultime stagioni di questo show. Di seguito diamo un’occhiata ad alcune cose che la serie dovrebbe smettere di fare. Attenzione ad ipotetici spoiler andando avanti nella lettura.

Smettere di dimenticarsi degli zombie

The Walking Dead è una miscela geniale di survival horror e dramma umano. Nelle ultime stagioni è diventata una tendenza sfortunata incentrare interi episodi sulle relazioni del gruppo e le annesse lotte interne. In breve camminano e parlano molto, e ogni tanto appare uno zombie. Quando dli stato chiesto di dirigere alcuni episodi di TWD, il maestro George Romero si rifiutò dicendo che per lui lo show è una “soap opera con uno zombie di tanto in tanto.E non ha tutti i tori. La prima stagione ci ha regalato alcuni momenti memorabili di estrema tensione. Da allora è stato raro vedere una scena uguale a quella in cui Rick e Glenn stavano soffocando nel fegato, arrancando attraverso l’orda dei non morti.

stop-introducing-new-groups-of-murderers

Smettere di introdurre nuovi gruppi di assassini

Quando lo show concentra tutto il suo tempo su Rick e gli altri che combattono via via un gruppo di zombie o un gruppo di umani subdoli, si tende a dimenticare che questa è una serie costruita sui non morti. Ora l’esplorazione dei mali del genere umano è sicuramente un argomento che dovrebbe essere coperto in un mondo come questo. Hanno utilizzato questo taglio per quattro stagioni. Se non è il Governatore è Woodbury poi Joe e la sua banda. Se non è Joe e la sua banda allora è Gareth e la gente di Terminus. E’ come se lo spettacolo si sia dimenticato di tornare ad utilizzare la formula che lo ha reso grande. Gli zombie sono diventati un sottotrama per così tanto tempo che anche questa enorme mandria della sesta stagione si avverte come molto meno pericolosa rispetto a quella della stagione tre o quattro.

stop-failing-to-deliver-on-big-promises

Smettere di fare grandi promesse non mantenute

Non è sempre facile mantenere la parola, ma The Walking Dead è davvero una specialista in questo, riguardo alcune grandi promesse. Nei primi episodi Morgan gioca un ruolo cruciale nella sopravvivenza di Rick. Quando lui e Rick dovevano andare ognuno per la propria strada, lasciarono il poliziotto disorientato con la radio in mano e la promessa di tornare un giorno. Morgan è tornato due volte da allora e per nessuno dei due è stata davvero un’ occasione così importante. Lo stesso errore si ritrova nell’arco della  storia di Terminus. Gli eroi trascorrono un’intera stagione alla ricerca di questo luogo magico chiamato Terminus. Quando finalmente lo raggiungono, ci sono un po’ di problemi, e quindi chi vive è morto dopo due o tre episodi. E Terminus non c’è più. La costruzione di Terminus è enorme, e Gareth sembra che stia per diventare un personaggio molto importante per la storia. Poi … niente. Una fuga poco brillante, alcuni ragazzi vengono uccisi in una chiesa, ed è tutto finito.

stop-killing-veteran-characters

Smettere di uccidere i personaggi veterani della serie

Gli ultimi anni sono stati difficili per gli appassionati della popolare serie televisiva. Gli episodi hanno sviluppato questa abitudine, cioè di uccidere qualsiasi personaggio in qualsiasi momento. Tutte le scommesse si sono spente e nessuno è al sicuro. Quando questa tendenza è iniziata è stata interessante per non dire altro. Ma negli anni successivi il pubblico si è abituato ad aspettare qualcosa. Il risultato è stato che la gente non è riuscita ad apprezzare ed avvicinarsi ai personaggi per paura che potessero morire. Altri spettatori semplicemente voltano completamente le spalle a questa serie una volta che i loro personaggi preferiti sono stati decapitati. Uccidere nuovi personaggi o uccidere personaggi secondari, o anche sconosciuti! Il pubblico ci mette il cuore e l’ anima  a guardare questi sopravvissuti, e spera di continuare a vedere il proprio personaggio preferito. Non è giusto derubarli di questa emozione, soprattutto per i personaggi che sono sopravvissuti così a lungo.

stop-letting-the-annoying-characters-live

Smettere di lasciar fare i personaggi fastidiosi

Ogni spettacolo ha bisogno di queste persone, è vero. Non si può amare tutti, e alcuni personaggi sono stati creati per ottenere alcune reazioni di proposito. Ma la maggior parte dei fan non sono stati grandi sostenitori di Andrea, e lei è stata giustamente uccisa. Gli altri personaggi odiati hanno vagato molto più a lungo di quanto avrebbero dovuto. Il web è impegnato con il sangue di Carl ormai da anni. Varie band hanno anche scritto canzoni su quanto vogliono vedere questo ragazzino mangiato. E dopo un intero episodio in cui Carl ha mangiato budino al cioccolato, ha perso una scarpa, e ha urlato inconsapevolmente al padre affermando di essere ormai un adulto che ha bisogno di andare via, proprio quando pensavamo che non ci potesse essere qualcuno di più fastidioso di lui, arriva Sasha. Tutto quello che fa è un lamento continuo, si lamenta, e piange per com’è difficile la vita, poichè ha perso il fratello e il suo ragazzo per un paio di giorni. 

Smettere di insultare l’intelligenza del pubblico

Ci sono stati parecchi momenti degni di note negative per molte stagioni dello show. In entrambi i casi gli autori avevano bisogno di una via d’uscita da una situazione, o forse i loro piani erano migliori sulla carta. In entrambi i casi non si può pretendere che la serie creda che un intero gruppo sia sopravvissuto in piedi in un bosco nel bel mezzo di una giornata luminosa e soleggiata senza vedere o sentire uno zombie uscire da dietro un albero. Ecco legittimamente come un personaggio muore. Questi zombie non sono ninja. Voglio dire, alcuni di loro forse erano in vita, ma nella morte queste creature tra gemiti e sibili fanno un sacco di rumore. Quindi è davvero difficile credere che nessuno abbia visto quelle cose venire. E non dimentichiamo l’enorme elicottero in fiamme che si è schiantato contro il tetto del negozio, senza distruggere il locale. Beh, fino al momento in cui un gruppo di sopravvissuti improbabili passeggiano all’interno. 

stop-trying-to-stay-true-to-the-comic

Smettere di cercare di rimanere fedele al fumetto

Quando viene fatto l’adattamento di un programma televisivo da qualsiasi altra sorgente, è difficile accontentare tutti. In questo caso, i fan dei fumetti amano vedere i personaggi e le scene provenienti direttamente dalla fonte originale, ma a volte è importante ricordare che la serie tv deve essere diversa. Non importa il fatto che rovini il valore shock quando le cose sembrano un po’ troppo simili al materiale di origine. Ma alcuni aspetti del fumetto semplicemente non sono ideali per la televisione. E’ importante inserire alcuni cenni alla serie di fumetti, quando è necessario, pur mantenendo l’attenzione di far sì che lo spettacolo rimanga il più originale e fedele a se stesso.

Fonte: Looper

Il mio amore più grande?! Il cinema. Passione che ho voluto approfondire all’università, conseguendo la laurea magistrale in Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale a Salerno. I miei registi preferiti: Stanley Kubrick, Quentin Tarantino e Mario Monicelli. I film di Ferzan Ozpetek e le serie tv turche sono il mio punto debole.

News

Hawkeye | al via le riprese a New York della serie per Disney +

Published

on

hawkeye newscinema compressed

Anche se non abbiamo ancora una conferma ufficiale su chi interpreterà Kate Bishop, sembra che i Marvel Studios si stiano già preparando per iniziare le riprese della prossima serie MCU Hawkeye di Disney + . Nella foto dell’avviso “No Parking” condivisa da Chris Welch di Verge, che potete vedere a metà articolo, come potete notare è stato scritto il titolo provvisorio della serie guidata da Jeremy Renner,Anchor Point”, rivelando che la produzione è prevista per mercoledì 2 dicembre nel centro di Brooklyn.

La nuova serie di Hawkeye

La serie Hawkeye vedrà Jeremy Renner riprendere il ruolo di Clint Barton, con la storia anche per introdurre la sua protetta Kate Bishop, anche se per lei al momento manca l’ufficialità. Secondo quanto riferito, Hailee Steinfeld è in trattative per il ruolo. Certi sono i nomi delle registe, Amber Finlayson e Katie Ellwood, alias Bert e Bertie, meglio conosciute per il loro lavoro su Troop Zero e Rhys Thomas ( Staten Island Summer ).

Nel mese di giugno, una voce insistente vedrebbe un drammatico avvenimento ai danni di Clint. A causa di una freccia sonica scagliata contro il suo nemico Crossfire, Occhio di Falco potrebbe perdere l’udito. Chissà se dopo tutti questi mesi, gli sceneggiatori decideranno di proseguire verso questa possibilità. Hawkeye dovrebbe debuttare nell’autunno 2021 su Disney +.

Leggi anche: Avengers: Age of Ultron, Jeremy Renner parla di Occhio di Falco

Leggi anche: Le 10 migliori improvvisazioni Marvel

La storia di Occhio di Falco

Nei fumetti, Bishop diventa Occhio di Falco dopo Clint Barton, ed è anche un membro dei Giovani Vendicatori (Young Avengers). La Disney non ha ancora confermato se hanno in programma di dare a Bishop il suo show spin-off o di farla apparire nell’MCU in futuro, ma certamente c’è più di una possibilità nel vederla coinvolta nel progetto.

Il titolo provvisorio del progetto “Anchor Point” è in realtà un omaggio al primo volume della serie di fumetti preferita dai fan di Kelly Thompson che è stato pubblicato nel 2017. Intitolato come Vol.1: Anchor Points , è stata la prima serie a fumetti solista di Kate Bishop dopo essere apparso nei numeri di Young Avengers . Tuttavia, non è ancora noto se la trama dei suddetti fumetti si collegherebbe o meno alla trama della serie.

Continue Reading

Netflix

Anya Taylor-Joy | le insicurezze sulla sua bellezza nonostante il successo

Published

on

la regina degli scacchi2 newscinema compressed

Senza offendere nessuno, ma se c’è qualcuno che più di altre sta ottenendo un successo grandioso, questa è l’attrice Anya Taylor-Joy con la sua serie La regina degli scacchi disponibile sulla piattaforma Netflix. Eppure, nonostante stia raccogliendo elogi da parte di pubblico e critica, la dolce protagonista in una recente intervista ha dichiarato alcune cose sul suo aspetto fisico che non le permettono di godersi totalmente questo momento.

Le dichiarazioni di Anya Taylor-Joy

Come anticipato poco fa, Anya Taylor-Joy ha parlato a cuore aperto in merito al suo aspetto esteriore che le complica l’esistenza da anni. A quanto pare, la sua figura senza dubbio particolare e affascinante, per lei è motivo di dubbi, di incognite. In altre parole, non si trova bella e per tanto, ecco cosa ha dichiarato: “Non mi sono mai vista bella e credo che mai mi vedrò così. Non credo di essere abbastanza bella da recitare nei film. Sembra patetico e il mio ragazzo mi ha già avvisato che la gente potrebbe pensare che sono una stron*a a dire certe cose, ma credo di avere un aspetto strano.

Poi ha aggiunto: “Non mi piace andare al cinema a vedere i miei film, li guardo prima. La cosa bella di farlo da sola è che non sono costretta a guardarmi la faccia sul grande schermo.”

Leggi anche: La Regina degli Scacchi | la precoce consacrazione di Anya Taylor-Joy

la regina degli scacchi newscinema compressed

Leggi anche: Emma. | La recensione del film con Anya Taylor-Joy

Le difficoltà legate al film Emma

Riprendendo sempre delle dichiarazioni rilasciate dalla stessa, l’argomento ‘insicurezze’ si è ampliato ancora di più, quando è stato citato il film Emma. Vi consigliamo di leggere anche la recensione del film disponibile in digitale da qualche mese. “Ho avuto davvero un attacco di panico con Emma perché ho pensato: “Sono la prima Emma brutta e non posso farlo” perché la prima battuta che dice nel film è: “Sono bellissima, intelligente e ricca”.

Sicuramente questa sentirsi inferiore – almeno nell’aspetto fisico – rispetto ad altre colleghe è stato causato anche da alcuni episodi di bullismo, dei quali è stata protagonista da giovanissima. Fortunatamente per lei, grazie all’arrivo provvidenziale di Sarah Doukas, fondatrice dell’agenzia di moda Storm Model Management, la sua vita è cambiata radicalmente.

Prima di congedarsi, Anya Taylor-Joy ha dichiarato di apprezzare chi invece la reputa bella, nonostante la sua idea: “Mi sono costretta nella vita ad accettare i complimenti. Se qualcuno mi dice che oggi sono bella, gli dico grazie.”

Continue Reading

News

Shameless 11 | il trailer dell’ultima stagione della serie tv cult

Published

on

shameless 11 newscinema compressed

Showtime ha rilasciato il trailer ufficiale per l’imminente undicesima e ultima stagione della loro lunga serie drammatica Shameless , con protagonista la famiglia Gallagher mentre cercano di affrontare le sfide portate dalla pandemia in corso e mentre cercano di affrontare anche i propri problemi personali. In attesa di vedere il primo episodio in procinto di tornare domenica 6 dicembre, vi lasciamo il trailer in alto.

Cosa accadrà nella nuova stagione di Shameless?

La stagione 11 vede la famiglia Gallagher e il South Side a un bivio, con i cambiamenti causati dalla pandemia COVID, dalla gentrificazione e dall’invecchiamento per riconciliarsi. Mentre Frank (William H. Macy) affronta la propria mortalità e i legami familiari nei suoi anni del crepuscolo indotti da alcol e droghe, Lip (Jeremy Allen White) lotta con la prospettiva di diventare il nuovo patriarca della famiglia.

Gli sposi Ian (Cameron Monaghan) e Mickey (Noel Fisher) stanno cercando di capire le regole e le responsabilità di una relazione impegnata mentre Deb (Emma Kenney) abbraccia la sua individualità e maternità single. Nel frattempo, Carl (Ethan Cutkosky) trova un’improbabile nuova carriera nelle forze dell’ordine e Kevin (Steve Howey) e V (Shanola Hampton) lottano per decidere se vale la pena combattere per una vita difficile nel South Side.

Leggi anche: Shameless, Emmy Rossum chiede un aumento per fare l’ottava stagione

shameless 112 newscinema compressed

Leggi anche: Margaret Qualley reclutata da Netflix per una serie dramedy

Il cast della serie

Shameless è interpretato dal candidato all’Oscar e vincitore del premio Emmy e SAG William H. Macy, Jeremy Allen White, Ethan Cutkosky, Shanola Hampton, Steve Howey, Emma Kenney, Cameron Monaghan, Christian Isaiah, Noel Fisher e Kate Miner.

Creato da Paul Abbott, la serie è prodotta da Bonanza Productions in associazione con John Wells Productions e Warner Bros.Television. Sviluppata per la televisione americana da John Wells, la serie è prodotta da Wells, Nancy M. Pimental e Joe Lawson.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari