Connect with us
tenet recensione tenet recensione

Cinema

TENET | La “enoisnecer” NO SPOILER del film che fa ripartire il cinema

Published

on

“Non cercare di capire, sentilo”. La battuta del personaggio di Clemence Poesy suona come un consiglio prezioso per lo spettatore di Tenet, un film con un’architettura complessa che intrattiene, coinvolge, ma richiede anche un tempo per metabolizzare e comprendere ogni dettaglio.

Il lockdown causa Covid-19 dal punto di vista cinefilo si potrebbe riassumere con la frase: “Ma quando esce Tenet”? La data di uscita del nuovo film di Christopher Nolan è stata modificata più volte nel corso degli ultimi mesi e finalmente il 26 Agosto 2020 le sale italiane proveranno a ripartire proprio grazie a questo action ambizioso e spettacolare con Robert Pattinson, John David Washington e Michael Caine tra i protagonisti principali.

John David Washington è un agente di un’organizzazione internazionale sotto copertura che lotta per la sopravvivenza del mondo, armato di una sola parola: Tenet. “Una parola che aprirà delle porte giuste e delle porte sbagliate“. Impegnato in una missione di spionaggio internazionale oltre il tempo reale che tutti conosciamo, deve impedire che scoppi la Terza Guerra Mondiale e, come potete immaginare, non sarà affatto semplice.

tenet recensione

Leggi anche: Tutto quello che sappiamo su Tenet

Tenet è un film che racchiude la pura essenza nolaniana con la distorsione temporale che torna a guidare una sceneggiatura brillante, acuta e graffiante. Nolan ci ha, in un certo senso, abituati a non considerare il tempo secondo la normale legge di causa ed effetto con film come Inception e Interstellar. Con Tenet punta tutto sull'”inversione” che confonde, sorprende e tratteggia un’avventura che gioca con velocità e movimento. I personaggi si muovono tra passato, presente e futuro in un modo allo stesso tempo familiare e originale.

Il ritmo è in continua ascesa, soprattutto grazie a numerose scene di azione spettacolari e acrobatiche. Inseguimenti in auto invertiti, esplosioni e sparatorie invertite in cui pugni e proiettili sono imprevedibili, e un linguaggio invertito che potrebbe riportare alla mente Twin Peaks di David Lynch. John David Washington è un protagonista solido, ironico e rassicurante. Un eroe alla Mission Impossible che strizza anche un po’ l’occhio anche all’amato agente 007, ostentando una certa eleganza nel vestire e un portamento sicuro e provocatorio. Accanto a lui infatti Elizabeth Debicki sembra una perfetta Bond Girl, determinata e sensuale, ma anche fragile. Robert Pattinson fa la sua parte, mentre Kenneth Branagh nei panni del villain principale regala un’interpretazione vibrante, aggressiva e di impatto.

Leggi anche: Tenet, le impressioni della stampa internazionale

tenet4

Tenet è un viaggio vorticoso attraverso il tempo e lo spazio condito anche da una sottile ironia che aiuta ad alleggerire qua e là la complessità della sceneggiatura. Tuttavia servirebbe una laurea in fisica per cogliere ogni sfumatura e dettaglio di una trama intricata, ma guidata con stile e maestria da Nolan che conferma il coraggio di spingersi oltre i limiti, con un misto di consapevolezza e follia.

Il rischio di un senso di smarrimento e di un mal di testa al termine della visione c’è, ma a una prima visione si gode di Tenet come un film di azione con una energia dirompente dall’inizio alla fine. Anche la musica ha un ruolo fondamentale: pulsa e disorienta, alimentando l’eccitazione del pubblico che è coinvolto pienamente nella storia.

Le ricomposizioni e i movimenti all’indietro che popolano molte inquadrature prendono il posto delle architetture mobili di Inception, ma il risultato visivo è molto simile. Insomma la firma di Nolan non è affatto nascosta, ma Tenet ha un carisma nuovo e si può considerare una proposta innovativa che lascia il segno sul grande schermo. Menomale che, il regista per primo e poi la Warner Bros., hanno deciso di aspettare la sala, perchè in streaming sarebbe stata davvero un’occasione sprecata.

TENET | La “enoisnecer” NO SPOILER del film che fa ripartire il cinema
4 Punteggio
Regia
Sceneggiatura
Cast
Colonna Sonora

Sfoglia la gallery

Il cinema e la scrittura sono le compagne di viaggio di cui non posso fare a meno. Quando sono in sala, si spengono le luci e il proiettore inizia a girare, sono nella mia dimensione :)! Discepola dell' indimenticabile Nora Ephron, tra i miei registi preferiti posso menzionare Steven Spielberg, Tim Burton, Ferzan Ozpetek, Quentin Tarantino, Hitchcock e Robert Zemeckis. Oltre il cinema, l'altra mia droga? Le serie tv, lo ammetto!

Cinema

Festival di Cannes | Annette di Leos Carax aprirà la prossima edizione

Published

on

La prossima edizione del Festival di Cannes è ufficialmente ancora confermata per luglio (nonostante si rincorrano le voci di un possibile rinvio). Il direttore Thierry Fremaux continua quindi come se niente fosse la preparazione della 74esima edizione, che si aprirà con Annette di Leos Carax, attesissimo film con protagonisti Adam Driver e Marion Cotillard. Si tratta del primo film inglese del regista di culto, che nel 2012 sconvolse la platea del festival francese con il suo Holy Motors

Annette apre il Festival di Cannes

Il film di Carax, che sarà in concorso, era uno di quei titoli già pronti lo scorso anno che hanno deciso di aspettare il 2021 (l’anno scorso, infatti, il Festival di Cannes è stato cancellato). Sarà distribuito in contemporanea nelle sale cinematografiche francesi, che puntano proprio sulla passione dei loro spettatori per questo tipo di cinema d’autore per rilanciare la stagione. La selezione ufficiale di Cannes 2021 verrà annunciata a fine maggio. La giuria internazionale di questa edizione, la 74esima, sarà presieduta dal regista Spike Lee.

Annette è un “musical romantico” con canzoni originali composte dagli Sparks, la rock band alternativa fondata nel 1971 da Ron e Russell Mael, a cui recentemente Edgar Wright ha dedicato un documentario presentato al Sundance. Vi proponiamo qui sotto il trailer originale, con sottotitoli in francese.

Annette – il trailer

Continue Reading

Cinema

Bud Spencer Museum | un museo dedicato all’attore nel cuore di Berlino

Published

on

Un mito come l’attore Bud Spencer, all’anagrafe Carlo Pedersoli non morirà mai. Una frase apparentemente banale ma che dentro di sé contiene una grande verità. A giugno saranno 5 anni da quando l’attore napoletano, noto per i suoi film in coppia con l’amico fraterno Terence Hill ambientati nel vecchio West e non solo. Proprio per celebrare la sua carriera a Berlino aprirà i battenti il Bud Spencer Museum.

Cosa verrà mostrato nel museo dedicato a Bud Spencer?

La famiglia Pedersoli composta dai tre figli Giuseppe, Christiana e Diamante sono stati i primi fautori alla realizzazione di questo museo dedicato al grande attore di origini napoletane. Scomparso all’età di 86 anni nel 2016, grazie alla realizzazione di questo museo sarà possibile mostrare tutti quei cimeli e ricordi del passato che hanno contribuito a renderlo uno degli attori più seguiti e apprezzati in tutto il mondo. Tra i suoi fan più accaniti, l’attore americano Russel Crowe, come dichiarato dallo stesso in un’intervista durante la presentazione del film Nice Guy.

Cosa verrà mostrato in questa mostra unica nel suo genere? È stata una delle prime domande poste dai chi è cresciuto con i suoi film e continua a farlo ancora oggi. Negli esclusivi spazi del palazzo Römischer Hof sul centralissimo boulevard Unter den Linden, per un anno saranno esposti centinai di oggetti privati e di scena che hanno fatto parte del suo percorso artistico.

Leggi anche: Addio Bud Spencer, l’ ultima parola del gigante buono è stata “Grazie”

Leggi anche: The Nice Guys, il folle buddy movie con Russell Crowe e Ryan Gosling

L’omaggio della famiglia Pedersoli

La mostra di Berlino dedicata a Bud Spencer verrà realizzata dopo la prima esposizione avvenuta al Palazzo Reale di Napoli verso la fine del 2019. Iniziativa che venne accolta dai fan italiani e internazionali con grande entusiasmo. Oltre alla presenza di oggetti che susciteranno nello spettatore ricordi e sorrisi, ci saranno anche ospiti internazionali e spettacoli unici nel loro genere.

Tutte le informazioni per accedere alla mostra su Bud Spencer

Dal 27 giugno fino al 30 giugno 2022, circa 500 m² saranno riempiti da foto inedite, locandine dei film, costumi originali e oggetti di scena di oltre 50 film. Di seguito, le informazioni utili per poter visitare il Bud Spencer Museum – Piedone a Berlino situato in Römischer Hof, Unter den Linden 10, 10117 Berlin.

Aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 20, sarà possibile chiedere informazioni e acquistare i biglietti ai seguenti indirizzi: bulldozer@budspencer-museum.com ; www.budspencer-museum.com . Il costo del ticket per accedere alla mostra è di 12 euro per gli adulti; 10 euro per i ridotti e 8 euro per i bambini.

Continue Reading

Cinema

Profeti | al via le riprese del nuovo film diretto da Alessio Cremonini

Published

on

Dopo tre anni dall’uscita del film Sulla mia pelle con Alessandro Borghi il regista Alessio Cremonini è pronto a tornare dietro la macchina da presa. Dopo aver raccontato la tragica morte di Stefano Cucchi nella sua opera prima, il nuovo progetto cinematografico intitolato Profeti sarà incentrato su una storia inventata.

Le riprese del nuovo film di Alessio Cremonini

Circa una settimana fa, sono iniziate ufficialmente le riprese del film Profeti scritto dalla sceneggiatrice Monica Zapelli e diretto dal regista Alessio Cremonini. La fotografia e il montaggio sono stati affidati rispettivamente a Ramiro Civita e Marco Spoletini.

Ambientato in Puglia, le riprese terranno impegnate la troupe e gli attori per circa sei settimane. Il film è stato prodotto da Cinema Undici e Lucky Red con Rai Cinema, con il contributo dell’Apulia Film Commission e con il sostegno della Direzione Generale Cinema e audiovisivo. Senza dubbio, notizie come questa fanno ben sperare in una ripresa dell’industria cinematografica italiana.

Leggi anche: Venezia 75, Sulla mia Pelle: la storia di Cucchi in un film asciutto con personaggi senza volto

Leggi anche: Venezia 75: Sulla Mia Pelle, Alessandro Borghi: “La storia di Stefano Cucchi è una ferita ancora aperta”

La trama di Profeti

A differenza del precedente film, questa è una storia di finzione incentrata sul rapimento di
una giornalista nel Medio Oriente e sul suo periodo di detenzione. Il ruolo di protagonista è stato affidato alla bravissima Jasmine Trinca, attrice diretta dal regista nel film Sulla mia pelle, interpretando la sorella della vittima, Ilaria Cucchi. Insieme a lei, a condividere la scena ci saranno anche Isabella Nefar e Ziad Bakri.

Continue Reading
Advertisement

Facebook

Advertisement

Popolari