Connect with us

Non categorizzato

I 15 film più attesi del 2017

Published

on

Se il 2015 è stato da tempo preannunciato come anno da record per il cinema – in linea con lo spropositato quantitativo di sequel o storie nuove, inedite e promettenti, in uscita nelle sale, da quanto emerso durante il CinemaCon di Las Vegas, l’anno 2017 promette ancora meglio! Anche se è stato arduo selezionare quali grandi titoli citarvi, ne abbiamo scelti quindici che vi presentiamo in ordine cronologico.

Cinquanta sfumature di nero

1) Lasciamo a Cinquanta Sfumature di Nero il compito di aprire le danze, il sequel del romanzo a tinte sado-erotiche nato dalla penna di E. L. James, Cinquanta Sfumature di Grigio, pare verrà confezionato e consegnato agli impazienti milioni di appassionati della trilogia di best seller della scrittrice britannica, proprio nel 2017. Seppure la regista del primo film, Sam Taylor-Johnson, e la sceneggiatrice Kelly Marcel, non torneranno per il secondo capitolo, ad occuparsi della sceneggiatura di Cinquanta Sfumature di Nero sarà Niall Leonard, marito della James, la quale avrà così modo di supervisionare e avere l’ultima parola sulla stesura dello script. È arrivato il momento di sciogliere il nodo della cravatta, sbendarci e prepararci ad indossare una lasciva maschera veneziana, attraverso cui spiare le 50 sfumature di nero pronte ad insidiarsi nella vita dei due amanti, Christian Grey ed Anastasia Steele.

The Lego Movie 2

2) The LEGO Movie (Phil Lord e Chris Miller, 2014) ha introdotto la versione a mattoncini assemblati di Batman, a cui Will Arnett ha prestato voce e personalità. Il giocattolo animato con le fattezze dell’affascinante eroe mascherato ha letteralmente rubato lo show a tutti gli altri personaggi, tanto che il prossimo film promette di fare un esplicito omaggio a tutti i ritratti di Batman, inscenati fino ad oggi. Il testimone della regia viene consegnato a Chris McKay per il nuovo film LEGO. Pertanto, il 2017 si preannuncia permeato anche da una vena di ilarità e animazione che non fan mai male.

wolverine

3) Sarà anche l’anno dell’addio (personalmente molto sofferto) di Hugh Jackman al personaggio di Logan alias. Wolverine. Il terzo ed ultimo capitolo della saga di spin-off interamente dedicata all’artigliato mutante, vede al timone lo stesso regista di Wolverine – L’immortale, James Mangold. Inoltre, sembra che anche Patrick Stewart – interprete del dottor Charles Xavier, si unirà al cast.  In definitiva, per Jackman è arrivato il momento di appendere gli artigli al chiodo, ed è difficile non essere eccitati all’idea di assistere al modo in cui l’attore vorrà congedarsi da quello che rimarrà per sempre il suo alter ego filmico per antonomasia.

Kong Skull Island

4) Kong: Skull Island sarà il reboot di King Kong, la cui storia potrebbe apparire buffa ed obsoleta, riproponendola al giorno d’oggi, in questa epoca. Quando la Legendary Pictures ha ottenuto i diritti sull’epico personaggio, ci è parso chiaro che tutto sarebbe andato per il verso giusto – e che l’anziano e spesso deriso mostro classico, avrebbe potuto trasformarsi in una minaccia moderna, ottenendo piena credibilità. Quindi: prendiamo un feroce e gigantesco gorilla, collochiamolo in una misteriosa isola selvaggia, includiamo una grotta a forma di teschio, aggiungiamo poi, che Michael Keaton, J.K. Simmons e Tom Hiddleston faranno parte del cast – ed ecco creato un gustosissimo cocktail sulle origini di un mostro classico del cinema. Questo scatenerà in Godzilla la voglia di un faccia a faccia con il suo compagno di giochi?

5

5) Dai mostri alle favole, sembra che assisteremo (nuovamente) alla riproposizione sul grande schermo del classico Disney La Bella e la Bestia. Adattamento di una delle più celebri fiabe di tutti i tempi, di cui è già stata fatta di recente una versione live action, diretta dal francese Christophe Gans nel 2014 con Vincent Cassel nei panni della bestia. Per questa nuova versione cinematografica, il regista Bill Condon seguirà le orme di Kenneth Brannagh in Cinderella, e ci farà rivivere una pagina della nostra infanzia. Dan Stevens farà innamorare Emma Watson, nei volteggi confezionati in un elegantissimo abito dorato, tra le mura di un castello incantato, con la gentilezza e l’accortezza propri di un animo regale. Faranno parte del cast anche Luke Evans, Josh Gad, Emma Thompson, Kevin Kline e Ian McKellen – un firmamento di stelle, insomma, che vanno a sommarsi alla magia di una fiaba che ha segnato l’infanzia dei bambini di ieri, e conquisterà senza ombra di dubbio, quelli di oggi.

fast and furious 8

6) Torna anche Fast & Furious, per l’ottava volta che, in realtà, non sembrava dovesse esistere, dopo l’addio dato a Paul Walker ed al suo personaggio, in Fast & Furious 7, che aveva tutta l’aria di volersi configurare come gran finale della serie. Invece, Fast & Furious 8 si farà, e lo conferma lo stesso Vin Diesel. Seppure ancora non sappiamo esattamente quali personaggi della crew rivedremo, iniziamo a scaldare i motori e prepariamoci a quello che sarà – a detta di Diesel, “Il film migliore mai visto prima”.

9

7) Assisteremo anche al grande ritorno dei bizzarri e spassosi Guardiani della Galassia. James Gunn ci anticipa che questo sequel si configurerà come padre (letteralmente) di tutti i conflitti – sarà tutta “una questione di padri”. Con il ritorno dell’eccentrica ciurma al completo, già sappiamo che vedremo i nostri amati protagonisti pasticcioni cacciarsi in un numero sproporzionato di disastri – almeno, quanto è sproporzionato l’ego di Star Lord. C’è un interessante punto interrogativo che continua ad aleggiare attorno alle loro avventure: potrebbe il loro operato galattico, avere delle ripercussioni sugli Avengers, laggiù – sulla Terra?

star wars 8

8) Tornerà anche Star Wars in un ottavo episodio. J.J. Abrams, alla regia per l’imminente VII parte della saga, Star Wars – Il risveglio della forza, passerà il testimone a Rian Johnson (regista di Looper), che prenderà posto sulla sedia del regista, per la gioia di tutti gli affezionati alle guerre stellari. Il regista dovrà mettere da parte la sua sensibilità, e lasciarsi avvolgere dall’atmosfera cupa e incerta che aleggia attorno alla saga. A questo punto, non resta che augurare una lunga vita al fenomeno di fandom ideato da George Lucas.

Toy story 4

9) Anno di grandi conferme, sospirati sequel ed attesi(ssimi) ritorni. Un altro ritorno degno di nota è quello di Toy Story, il film d’animazione rivelazione degli anni Novanta, vero e proprio inno al mondo dei giocattoli. Se da una parte Toy Story 3 aveva posto un commovente fiocco conclusivo sulla saga di Andy, dall’altra ci aveva presentato un nuovo personaggio, la bimba Bonnie, che aveva ricevuto in dono il cowboy di pezza, migliore amico d’infanzia di Andy – Woody, il giocattolo spaziale Buzz Lightyear e tutti gli altri giocattoli che appartenevano al ragazzo. A seguito di tutti i cortometraggi, e gli speciali prodotti in questi due anni sulla saga, si è finalmente riusciti a mettere insieme del materiale necessario per la progettazione di Toy Story 4. Pronti a togliere la polvere da quel vecchio modellino di Buzz Lightyear che tenete su una mensola della camera, nascosto dietro ai pupazzi di vostro figlio?

Wonder Woman film

10) Dopo tanti supereroi, ecco che finalmente farà capolino un’eroina a cui armatura, forza ed epicità non mancheranno. La Warner Bros. sta pianificando l’uscita di Wonder Woman, per l’estate 2017. L’attrice Gal Gadot sta lavorando sodo per poter dar forma alla celebre eroina amazzoniana, e ce la introdurrà già in Batman v. Superman: Dawn Of Justice, rubando la scena a due capisaldi del fumetto, entrati ormai a pieno titolo nel mondo del cinema e nell’immaginario collettivo. Lo standalone che le verrà dedicato farà, inoltre, da catalizzatore per un altro importantissimo film firmato dalla DC Comics, che uscirà due mesi più tardi …

10

11) Umani da una parte, Scimmie dall’altra. Stiamo evidentemente parlando di un sequel (ancora senza titolo) de Il Pianeta delle Scimmie. Dopo L’alba del Pianeta delle Scimmie ed il recentissimo Apes Revolution – Il Pianeta delle Scimmie, la Fox ha deciso di protrarre il franchise con un ulteriore sequel previsto, appunto, per l’estate del 2017. E quest’ultima versione dell’ascesa di Caesar ha tutta l’aria di essere la promessa della messa in atto di un golpe atto a conquistare il dominio del mondo intero, più sfumato ed allo stesso tempo brutale dei precedenti.

cap

12) Un nuovo Spider-Man bussa alle porte di questo anno ricco di pathos. Nell’attesa di scoprire chi sarà il prossimo attore adatto a vestire i panni (e la tutina da supereroe) di Peter Parker, i fans più accaniti sono già in trepidazione all’idea che l’Uomo Ragno farà il suo ingresso nell’Universo Cinematografico Marvel. Tutto ciò che sappiamo su uno dei protagonisti comics più amati di sempre, è che avrà un’età da liceale e apparirà, per la prima volta, in Captain America: Civil War. Un’unica preghiera – che questo nuovo Spider-Man sia Amazing come ci aspettiamo.

12

13) Pacific Rim 2: abbiamo capito che il numero due sarà il vero trend di questo 2017. I megarobot, Jaeger e i Kaiju sono pronti a mettere nuovamente sottosopra la città. Guillermo Del Toro è il regista e produttore del sequel dedicato ai colossali mostri giapponesi, che è stato richiesto a gran voce dai fan, a cui seguirà anche un terzo capitolo. Sarà Pacific Rim 2 il film evento dell’anno 2017?

Pacific Rim 2

14)Ragnarok significa essenzialmente la fine di tutto”. Thor: Ragnarok, vedrà un Dio del Tuono particolarmente furioso, una volta scoperto che suo fratello adottivo, quel furfante di Loki, ha preso il sopravvento sulla loro patria. Finalmente il personaggio di Chris Hemsworth potrà brillare di luce propria, in una pellicola dalla trama avvincente, che non ha nulla a che vedere con la debolezza sintattica (e di pathos) dei suoi film standalone precedenti.

thor

15) Last but not least, probabilmente uno dei film più attesi dell’anno, e finalmente un debutto: sto parlando del cinecomic della Justice League Parte 1. Il fiore all’occhiello di questo 2017, la versione più oscura, grintosa ed eccitante dello squadrone di supereroi DC, di sempre. Dopo la bruciante delusione dataci dalla cancellazione del film di George Miller, a poche settimane dall’inizio delle riprese nel 2008, è arrivato finalmente il tanto sospirato momento di vedere i nostri beniamini combattere, fianco a fianco. Preparatevi ad affollare le sale e a lasciarvi condurre in un nuovo (super)universo, di cui finalmente Zack Snyder ci fornirà le chiavi d’ingresso.

Justice League film

Il cinema è la mia più grande passione, e spogliare ogni film per arrivare all’essenza di ogni dettaglio che genera più o meno consciamente un’emozione, mi entusiasma. Dalla maraviglia dei suoi albori, agli stupefacenti effetti speciali di oggi, il cinema è una macchina che fabbrica sogni su misura per ogni spettatore ed ogni epoca. Perciò, ogni settimana entro in sala e mi faccio raccontare una favola: indosso il pigiama a righe del bambino ebreo, mi lascio invadere dalle ossessioni del filantropo miliardario con un passato misterioso, corro al fianco della ragazza che sorride davanti alle telecamere, indossa abiti di fuoco ed un paio di occhi tristi che non sanno fingere. Questa sono io, con un libro su Tim Burton e Johnny Depp che voglio pubblicare, un fiume di parole scritte ed emozioni sparse, e tanti progetti da realizzare.

Advertisement
1 Comment

1 Comment

  1. Pingback: Alice in Movieland

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non categorizzato

Crypto Bros: storia del big fail per l’acquisto dei diritti di Dune di Jodorowski

Published

on

Sta facendo notizia il colossale fail di un gruppo di crypto bros, il quale avrebbe sborsato la bellezza di 2,66 milioni di dollari per il Dune di Jodorowski. Proprio così, ed è abbastanza inutile cercare in rete o sulle piattaforme di streaming perché la trasposizione filmica di Dune, romanzo cult di Frank Herbert non è stata realizzata dal poliedrico artista cileno. Alejandro Jodorowski fu infatti il primo regista e sceneggiatore che ebbe l’intuizione geniale di portare sul grande schermo l’opera mondo di Frank Herbert.

Nonostante la prima edizione del romanzo di fantascienza sia arrivata in Italia solo nel 1973, dopo la sua pubblicazione nel 1965 fece parlare di sé e non poco, visti i premi e il numero di seguaci che attirò dopo la sua pubblicazione. Non a caso questo romanzo ha venduto nel tempo oltre 12 milioni di copie, cifra che lo rende il libro di SCI-FI in assoluto più acquistato di sempre. È inutile dire come questo romanzo abbia ispirato opere di assoluto valore commerciale e artistica, prima tra tutte la saga di Star Wars ideata dal produttore e regista di Hollywood George Lucas. 

Tuttavia bisogna riconoscere che l’intuizione e il fiuto per l’idea di Jodorowski fu in netto anticipo rispetto ai tempi. Ci fu proprio durante la metà degli anni settanta del secolo scorso il tentativo di realizzare questa prima versione cinematografica, con il regista sudamericano che chiamò a raccolta un gruppo di professionisti di grande livello, tra cui figuravano i Pink Floyd per la colonna sonora, Orson Welles, Salvator Dalì e Mick Jagger. Nonostante l’opera non verrà poi portata a compimento, esiste un famigerato libro di Dune di Jodorowski, sulla possibile realizzazione del kolossal fantascientifico. Oggi naturalmente si torna a parlare di Dune, dato che è da poco uscita la seconda versione cinematografica realizzata dal regista canadese Denis Villeneuve, il quale pur non convincendo del tutto la critica, ha avuto dalla sua il pubblico che ne ha determinato il successo ai botteghini. Prima però c’era stato il tentativo riuscito da parte di David Lynch, il quale però non ebbe la stessa fortuna del giovane collega canadese. 

Il Dune prodotto da Le Laurentiis è infatti uno dei clamorosi flop di metà anni ottanta, compresso probabilmente da opere meno ambiziose, ma più riuscite come lo stesso Il ritorno dello Jedi, terzo capitolo di Star Wars di Lucas. Tornando però al big fail di crypto boys, l’acquisto del libro Dune di Jodorowski, per la cifra record di 2,66 milioni di dollari. Partendo dal presupposto che il volume con appunti, scene e storyboard realizzato da Alejandro Jodorowski è abbastanza introvabile, dato che ne esistono circa 10-15 copie, il valore di mercato si aggira sui 30-35 mila euro. Motivo per cui c’è stato un grande fraintendimento, visto che i promotori di Spice DAO (questo il nome dei crypto boys) lo ha pagato cento volte il suo reale valore, con la convinzione di detenere i diritti di Dune, in termini filmici. 

Dopo l’acquisto infatti Spice DAO ha pubblicato un post su Twitter dove con entusiasmo viene descritto un piano che riguarda la pubblicazione del testo, la produzione di una serie animata ispirata al libro e il sostegno a eventuali progetti collaterali. Come ben sappiamo tutto questo è stato commentato come una grande figuraccia da parte della società, visto che proprio in questo momento è facile trovare in libreria e sui portali di streaming la versione originale di Dune, realizzata da Denis Villeneuve. Non solo, da Dune sono stati tratti anche diversi giochi, uno da tavolo e molti di genere action e avventura. Il settore del gioco online in questi ultimi anni gode di un successo clamoroso, come si può vedere attraverso la realtà casino.netbet.it per il contesto del gambling online. 

Continue Reading

Non categorizzato

Linkem & GF 2021

Published

on

In occasione della nuova partnership con il Grande Fratello VIP 2021, Linkem ha lanciato un concorso a premi dal 27 settembre 2021 al 15 dicembre 2021. Si chiama “Vinci il GF VIP con Linkem” ed è aperto a clienti e non.

Per partecipare, gli utenti dovranno completare la procedura di registrazione sull’apposita landing page al seguente link, compilando i campi indicati e se saranno i fortunati vincitori dell’estrazione finale potranno vincere:

·      n. 1 TV 4k 82” UHD

·      n. 5 tablet Galaxy Tab S7+5g

·      n. 12 Box brandizzate Linkem e GF VIP contenenti: una t-shirt, una tazza e un quaderno

Altre iniziative Linkem + GF Vip 2021

Mercoledì 27 ottobre Linkem ha fatto atterrare nella casa del GF Vip un drone con un messaggio misterioso per uno dei concorrenti, senza però conoscere né il mittente né il destinatario di questo messaggio e lasciando così i concorrenti nella curiosità più totale. Abbiamo scoperto i protagonisti del misterioso messaggio solo durante la live del venerdì successivo in prime time, quando la figlioccia di Jo Squillo, Michelle Masullo, è entrata nella casa a sorpresa regalando forti emozioni al pubblico e alla cantante milanese. Guardate la clip sul sito: https://www.linkem.com/gf-vip.

In puntata abbiamo potuto assistere alle spettacolari riprese dall’alto effettuate dal drone, trasmesse sul tablet del pilota con definizione Ultra HD. Linkem è un’azienda leader nel settore della costruzione e gestione di reti wireless a banda ultra-larga da oltre dieci anni e incoraggia lo sviluppo di servizi innovativi 5G in tutto il Paese. I clienti possono contare su una rete veloce ed efficiente, sia per strumenti di lavoro sia per le varie soluzioni di intrattenimento online.

Come le reti FWA, le reti 5G sono basate su tecnologie miste fibra – radio per abilitare in modalità wireless connessioni ad altissima velocità e con bassissima latenza in grado di supportare lo sviluppo dell’Internet of Things (IoT), ovvero la connessione in rete di migliaia di oggetti intelligenti.

Linkem ha già attivato in centinaia di comuni la sua nuova e velocissima rete 5G. Con l’offerta dedicata 5G Maxi Promo 20 Anni l’utente può fruire di una connessione internet ultraveloce fino a 1 Gigabit senza linea fissa e senza limiti di traffico a soli 19,90€ al mese per i primi 6 mesi anziché 26,90€ al mese. E con l’opzione voce Parla&Naviga può usufruire di chiamate illimitate da casa verso mobili e fissi nazionali con tecnologia VoIP senza nessun costo aggiuntivo.


<img src="https://upstory.it/img/upstory_sponsored_light.png"
    width="151" height="18" style="width: 151px; height: 18px;">
Continue Reading

Non categorizzato

Venezia 78: Il Paradiso del Pavone, una famiglia sconnessa

Published

on

Il Paradiso del Pavone nasce da una collaborazione Italia-Germania ed è stato presentato al 78° Festival di Venezia nella sezione Orizzonti. Diretto da Laura Bispuri e scritto dalla stessa in collaborazione con Silvana Tamma.

Il Paradiso del Pavone: la sinossi

Un giorno d’inverno Nena riunisce la propria famiglia allargata per festeggiare il compleanno tutti insieme, compreso il pavone di Alma, l’unica bimba del gruppo, figlia di Adelina e Vito.

Rinchiusi in questa casa, saranno da una parte complici dall’altra spettatori, di una sequela di altarini che verranno a galla e di dinamiche talvolta scomode, che li porteranno sul finale a una resa dei conti necessaria alla pace interiore. 

Il Paradiso del Pavone: parenti serpenti

Decentrato da quello che vorrebbe provare ad essere, questo film è scandito da un tempismo non totalmente errato, ma piuttosto confusionario a livello di scrittura. Tra intrecci improbabili, personaggi che appaiono e nessuno si chiede perché rimangano senza motivazione e dialoghi talvolta poco sensati, si struttura una narrazione indecisa e spesso anticlimatica.

Poco intrigante anche a livello interpretativo, con una Alba Rohrwacher sottotono e personaggi sconnessi, il film vive di scene disegnate su atteggiamenti deliranti figli di caratteri che contrastano perfino col loro stessi.

Ad un certo punto pare di essere spettatori di un gruppo di deliri che vengono snocciolati senza collante narrativo. Interessante è la raffigurazione della figura femminile che viene rappresentata attraverso molteplici e differenti personalità.

Lo stesso si può affermare per il ruolo di madre, anche qui proposto tramite diversi modi di agire, sensibilità e comportamenti. La femminilità è potente e manifestata con fluidità, delineando un quadro chiaro di ciò che le scelte comportano giuste o sbagliate, nel bene o nel male.

La famiglia dovrebbe di certo essere un punto saldo del racconto, attorno al quale costruire una ramificazione di conseguenze imbastite di problematiche e riflessioni sociali.

Questo almeno è quello che ci si aspetta, ma purtroppo viene trasposto in maniera così superficiale e provvisoria che non rimane impressa. Moralismi, discussioni, questioni economiche, incomprensioni e tensioni di coppia, questi alcuni degli elementi che fuoriescono da una pellicola che possiede ben poco amore ed emotività.

E’ un peccato quando si ha del potenziale e lo si sfrutta in maniera ostile, allontanando anziché catturare.

Riesce bene nel seminare citazioni e frasi da cioccolatino, che però stridono con ciò che nel concreto viene messo in scena. Sequenze interminabili ed inutili sul finale, mirerebbero a creare complicità ed empatizzare, finendo invece per annoiare e diluire anche quel poco di contenuto che possiedono.

Continue Reading
Advertisement

Iscriviti al canale Youtube MADROG CINEMA

Facebook

Recensioni

Popolari